Il calcio femminile torna alla L.N.D. Sibilia: “Rispetto per la Lega Nazionale Dilettanti”

sibilia-presidente-l-n-d

ROMA “Siamo disponibili al confronto, ma la Lega Nazionale Dilettanti va rispettata”. Così è intervenuto il presidente Cosimo Sibilia (nella foto) sulla questione del calcio femminile, alla luce della decisione della Corte Federale d’Appello che ha annullato la precedente delibera del Commissario Straordinario Roberto Fabbricini, attraverso la quale la gestione dei campionati di A e B veniva trasferita alla FIGC con la costituzione di un’apposita Divisione.

E’ incontestabile l’impegno profuso dalla LND per il calcio femminile - ha affermato con forza Sibilia nella conferenza stampa trasmessa in streaming sul sito e sulla fanpage ufficiale della Lega Nazionale Dilettanti – sia in termini di risorse che di strutture messe a disposizione del movimento. Per questo non posso accettare delle posizioni pregiudiziali nei confronti della Lega da me presieduta. Mi auguro che possa esserci a breve una seria riflessione tra tutte le componenti, in particolare con l’Associazione Italiana Calciatori, per realizzare la migliore soluzione possibile, anche prendendo atto della volontà espressa dalle Società di essere gestite direttamente dalla FIGC. Ma ci tengo a ribadire il concetto: in questo processo la Lega Nazionale Dilettanti non sarà mortificata”. Sibilia ha poi affrontato il tema legato alla partenza dei campionati, rassicurando le Società.

La LND, attraverso il Dipartimento Calcio Femminile, è pronta ed operativa – ha spiegato Sibilia – Non ci sarà nessuna difficoltà nell’organizzare le competizioni e non ci sarà alcuna criticità nelle procedure di iscrizione e di tesseramento”.

108 Visite totali 3 Visite del giorno