Serie D: pareggiano Chieri e Bra con botta e risposta tra Lazzaro e D’Iglio

diglio-borgaro-chieri

CHIERI – Termina 1-1 il derby del “De Paoli” tra il Chieri ed il Bra, uno dei match di cartello della quinta giornata di ritorno del girone A della serie D. La squadra di Manzo, nonostante l’inferiorità numerica, ha ancora una volta dimostrato carattere riuscendo a recuperare il risultato e avendo nel finale anche le occasioni per poter addirittura conquistare i tre punti. Privo dello squalificato Gasbarroni, il Bra ha invece disputato una prova scolastica non riuscendo a costruire grosse opportunità da rete fatta eccezione per la zampata di Lazzaro del provvisorio vantaggio. Proprio l’esperto attaccante è stato uno dei tanti ex della partita, da Tettamanti, a Montante, a Brancato fino ad arrivare all’intero staff tecnico del Bra zeppo di ex giocatori azzurri come il tecnico Fabrizio Daidola, il vice Marco Moretti ed il preparatore dei portieri Giovanni Dal Seno. Il punto ha permesso ai chieresi di centrare il nono risultato utile consecutivo (6 vittorie e 3 pareggi) e ai braidesi di dare continuità alla vittoria ottenuta la settimana scorsa contro il Borgosesia. 4-3-3 è stato il modulo disegnato dai due tecnici che hanno schierato le rispettive squadre a specchio.

 

La prima occasione la costruiva dopo 5’ il Chieri con il colpo di testa di Tettamanti sull’angolo di D’Iglio che veniva respinta da Tuzza sulla linea di porta. All’11’, sempre da corner, Beltrame imbeccava libero in area Lazzaro che con un preciso colpo di testa non lasciava scampo a Benini. Seguiva quindi una lunga fase di stanca della partita giocata prevalentemente a metà campo. Il tecnico del Chieri Manzo si trovava costretto a ridisegnare la formazione dopo gli infortuni occorsi a Tettamanti e Piraccini che intorno alla mezz’ora venivano sostituiti rispettivamente da Merkaj e Campagna con Foglia che si spostava nell’inedito ruolo di centravanti. In pieno recupero con un’ottima scelta di tempo Benini usciva fuori area per anticipare Montante lanciato verso la porta da Lazzaro.

 

Nella ripresa gli azzurri tornavano in campo con maggior determinazione ed al 14’ si rendevano pericolosi con Di Lernia, la cui conclusione veniva allontanata dalla respinta di Besuzzo. Al 29’, invece, Njie fermava fallosamente Montante e veniva espulso per doppia ammonizione. Paradossalmente in dieci uomini il Chieri raddoppiava le energie trovando il pari al 33’ con una punizione magistrale di capitan D’Iglio (in azione in maglia rossa in un’immagine di repertorio di Felice Scimone) che non lasciava scampo a Bonofiglio. Al 37’ era invece Campagna a sciupare una ghiotta occasione in contropiede mentre al 43’ il portiere giallorosso ipnotizzava in uscita Gasparri lanciato verso la porta da Di Lernia.

 

Chieri-Bra 1-1 (0-1)

CHIERI: Benini 6 Venturello 5,5 (11’ s.t. Pavan 5,5) Pautassi 6 (42’ s.t. Vernero s.v.) Di Lernia 6 Ciappellano 6 Njie 5,5 Gasparri 5,5 D’Iglio 7,5 (46’ s.t. Kouakou s.v.) Piraccini 5,5 (30’ p.t. Campagna 6) Tettamanti 6 (28’ p.t. Merkaj 5,5) Foglia 5,5. 12 Finamore 13 De Simone 17 Vergnano 20 Sarao. All. Vincenzo Manzo.

BRA: Bonofiglio 6; Besuzzo 6,5 (27’ s.t. Gili Borghet s.v.) Rossi 6 Barale 6 (24’ s.t. Casassa Mont s.v.) Brancato 6; Tuzza 6,5 Dolce 7 Salamon 5,5 (15’ s.t. Mulatero 5,5); Beltrame 6  Lazzaro 7 (19’ s.t. Spadafora 5,5) Montante 6. 22 Pellissero 2 Cavallera 7 Morra 15 Occelli 18 Tesio. All. Fabrizio Daidola.

TERNA ARBITRALE: Sfira di Pordenone (Tortolo di Basso Friuli e Dellasanta di Trieste ) 6,5.

RETI: 11’ p.t. Lazzaro, 33’ s.t. D’Iglio.

NOTE: pomeriggio soleggiato con temperatura sui 12°. Terreno di gioco in buone condizioni. Spettatori: 200 circa tra cui Michele Del Vecchio, ex allenatore tra le altre di Bra e Atletico Santena. Presenti nel settore ospiti una ventina di ultras del Bra. Espulso: al 29’ s.t. Njie per doppia ammonizione. Ammoniti: al 3’ s.t. Njie e Lazzaro per reciproche scorrettezze, al 29’ s.t. Njie per gioco falloso. Partita di 96’ (47’+49’). Angoli: 7-4 (5-1).

 

Corrado Cagliero

321 Visite totali 2 Visite del giorno