Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


Giornata nera per le torinesi di A: Juve e Toro ko

Bianconeri spazzati dal tornado Napoli, granata sorpresi in casa dallo Spezia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il tornado Napoli spazza via come un fuscello una Juventus che incassa una batosta epocale, vede squagliarsi come neve al sole tutte le certezze da poco ritrovate e deve prendere definitivamente coscienza delle proprie lacune, soprattutto di personalità, e della sua inferiorità nei confronti della capolista. Il Torino compie in dieci un'impresa memorabile eliminando il Milan dalla Coppa Italia, poi ripiomba nella mediocrità, per nulla aurea, del campionato e scivola in casa di fronte al determinato e concreto Spezia, completando un turno da dimenticare in fretta per le rappresentanti del calcio sotto la Mole.

 

Chiamata a dimostrare il proprio valore e le proprie ambizioni nello scontro al vertice che poteva dare una svolta alla stagione, la Vecchia Signora mostrava impietosamente le sue rughe e l'inconsistenza davanti ad un avversario dal gioco spettacolare, affamato di successo, caricato a mille e sempre più convinto dei propri mezzi, che in un solo colpo ha cancellato i fantasmi del proprio passato e superato l'esame di maturità.

 

Bianconeri molli e privi di convinzione fin dalle battute iniziali, con il reparto arretrato dove il solo Szczesny, pur non impeccabile, ha evitato un tracollo peggiore, mentre i tremebondi Danio, Bremer e Alex Sandro hanno mandato in scena una sagra degli errori degna, con rispetto parlando, del campionato di Terza Categoria. Fuori giri, travolti dal dinamismo dei dirimpettai e a torto chiamati anche a compiti di contenimento che non sono nelle loro corde Chiesa e Kostic sulle corsie esterne, mentre nel settore nevralgico McKennie, Locatelli e Rabiot venivano surlassati dal ritmo e dal palleggio di Lobotka, Zielinski e Anguissa. Qualche luce arrivava solo dai lampi offensivi di Di Maria, cui non faceva però il paio la prestazione di Milik (per lui l'attenuante del mancato apporto dei compagni, sempre troppo bassi).

 

Archiviata mezz'ora di monologo partenopeo dai ritmi forsennati, sfociato nella rete del vantaggio di Osimhen (complice la passività della retroguardia juventina) e intervallato dall'incrocio dei pali centrato dal Fideo, Allegri assestava la squadra disponendola con un più equilibrato 4-4-2 e la Juve sembrava riuscire a reagire. Nel momento migliore degli ospiti lo svarione con gentile regalo per il raddoppio di Kvaratskhelia, poi il guizzo d'orgoglio del gol di Di Maria seguito dalla reattività di Meret sull'involontario tentativo di autorete di Rrahmani erano gli ultimi segnali della presenza juventina in campo.

 

Nella ripresa la squadra di Allegri spariva incomprensibilmente dalla scena in un corollario di episodi che sfioravano il grottesco: dal cambio di Locatelli chiamato poi rinviato (davvero l'ha fermato Doveri?) prima del calcio d'angolo che ha fruttato a quella di Spalletti il 3-1 con cui si sono di fatto chiusi i giochi, alla "bambola" difensiva sotto la pressione degli indemoniati azzurri che ha aperto la strada alla doppietta del centravanti nigeriano, sino all'incapacità di arginare ogni folata offensiva dei napoletani e alla deviazione di Alex Sandro sull'ultima stoccata di Elmas.

 

Il risultato assumeva per i bianconeri la dimensione della batosta storica: era dal maggio 1993 a Pescara (per ironia della sorte con Allegri presente in campo e a segno tra i biancazzurri, mentre la formazione di Trapattoni era quasi in "gita turistica" ancora ebbra di gioia per la conquista della Coppa UEFA avvenuta pochi giorni prima) che la Juve non incassava una sconfitta di tali proporzioni, concludendo nel modo peggiore e più amaro possibile la lunga e vittoriosa presidenza di Andrea Agnelli. Sull'altro fronte una serata da cineteca da mettere negli annali, che ha riportato alla menoria l'umiliante 5-1 rifilato ai rivali nella Supercoppa italiana del 1990 e confermato, se mai ce non fosse stato ancora bisogno, la caratura e la raggiunta maturità della principale candidata allo scudetto.

 

Leccatasi le ferite, la Juve sarà chiamata ad un'immediata reazione nel confronto di Coppa Italia di giovedì contro il Monza, prima di ricevere domenica sera un'Atalanta in netta ripresa.

Torino dagli altari alla povere nel giro di quattro giorni. Il Vecchio Cuore Granata pulsava forte nel mercoledì di Coppa Italia e, nonostante l'inferiorità numerica per l'espulsione di Djidji, la squadra di Juric reggeva il confronto con il Milan e scottava il Diavolo con una fiammata in contropiede di Adopo al tramonto dei supplementari.

 

Le energie spese, assieme alle assenze, presentavano il conto nella domenica di campionato contro il coriaceo Spezia. Nella circostanza il tecnico croata imperniava la difesa su Djidji, Schuurs (poi rilevato nella ripresa da Rodriguez) e Buongiorno, mentre sulle fasce laterali doveva giocoforza schierare Singo e Vojvoda. Opachi a centrocampo Lukic e Ricci, sosì come i trequartisti Vlasic, Miranchuk e il terminale offensivo Sanabria.

 

Da tali premesse scaturiva una frazione iniziale in cui era il Toro a condurre le danze senza però il ritmo e l'incisività necessari, non riuscendo a fare breccia nell'accorto schieramento tattico della concentrata squadra di Gotti. Le manovre aggiranti per linee orizzontali risultavano troppo lente e senza esito i lunghi lanci dalle retrovie a saltare il folto centrocampo ligure, così come gli sporadici tentativi di imbucata in verticale.

 

Lo Spezia, sempre ficcante quando si affacciava in avanti, ringraziava Djidji per l'ennesima "frittata" combinata in area (questa volta fallo di mano su conclusione di Reca) e dopo aver sbloccato il risultato con il conseguente rigore di Nzola prendeva coraggio uscendo dal guscio, mentre i granata accusavano il colpo e solo prima dell'intervallo riuscivano, senza costrutto, a riportarsi in attacco.

 

Partenza arrembante del Toro (in cui Linetty aveva rilevato l'infortunato Lukic) nella ripresa, poi la gara si faceva frenetica, con errori di misura su ambo i fronti e squadre allungate. Padroni di casa sempre poco lucidi, mentre i liguri gestivano al meglio il vantaggio pungendo di rimessa con il tridente offensivo Nzola-Agudelo-Gyasi (clamorosa la traversa centrata da quest'ultimo) e le sgroppate di Holm.

 

Nel convulso finale i cambi ruolo per ruolo effettuati da Juric non davano la scossa e il forcing torinista si spegneva mestamente contro la retroguardia spezzina e le parate di Dragowski. Messa alle spalle una giornata opaca e storta, il Toro dovrà cercare di tornare a fare punti sabato sera in casa della Fiorentina.

 

Nella fotografia tratta dal sito ufficiale del Torino FC: l'attaccante granata Sanabria fronteggiato dal difensore spezzino Nikolaou

 

 

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 16/01/2023
 

Altri articoli dalla provincia...



Serie A: alla Juve il derby d'Italia, Toro travolto dal ciclone Napoli

Il ciclone Napoli travolge un Toro che, oltre alla generosità, poco altro ha potuto mettere in campo per cercare di contrastare la spettacolare corazzata partenopea. La Juve, finalmente concreta e convincente, si aggiudica con merito un derby d'Italia al solito carico di veleni e prosegue nella sua risalita preparandosi ad un finale di stagione da cuori forti. Anche l'ultimo tur...leggi
21/03/2023

Serie A: la Juve regola la Samp, il Toro sbanca Lecce

Un Toro concreto, cinico e dalla forte personalità impiega tre minuti per mettere in ghiaccio la vittoria di Lecce, poi controlla con lucidità una gara divenuta sempre più spigolosa e torna dal Salento con tre punti preziosi e una ritrovata continuità di prestazione. Una Juve schizofrenica fa, disfa e va sulle montagne russe contro il fanalino di coda Sampdoria, gene...leggi
13/03/2023

Serie A: il Toro torna alla vittoria con il Bologna, Juve ko a Roma

La Juventus cade nella trappola tattica tesa da Mourinho, sbatte contro tre pali e torna a casa dalla trasferta romana a mani vuote, con la spiacevole sensazione di aver sprecato un'occasione. Il Torino si mette alle spalle la delusione del derby, fornisce una prova all'insegna della solidità e della concretezza, regola di misura un Bologna molto temuto alla vigilia e ritrova la vittoria...leggi
07/03/2023

Derby della Mole: la Juve regola il Toro nella ripresa

Un derby fiammeggiante, uno dei più intensi, combattuti ed emozionanti degli ultimi anni, va in rimonta alla Juve mai doma, capace di rimontare per due volte lo svantaggio e di fare emergere alla distanza le sue qualità superiori. Il Torino per tre quarti di gara tiene testa ai rivali, gioca alla pari facendo per lunghi tratti la partita, ma cala fatalmente nel finale qua...leggi
01/03/2023

Serie A: la Juve scavalca in classifica il Toro in attesa del derby

  Prestazioni speculari (solo un tempo all'altezza) e diametralmente opposte nell'esito finale per le due rappresentanti del calcio sotto la Mole in un ventitreesimo turno di campionato dal sapore agrodolce. La Juventus, pur faticando oltre misura, passa a La Spezia compiendo un altro passo della sua irta scalata verso le posizioni che contano, mentre il Torino prima si illude, poi...leggi
21/02/2023

Serie A: turno di campionato in altalena per Juventus e Torino

  Tornano ad andare in altalena le due rappresentanti del calcio sotto la Mole. Il Torino tiene testa per un tempo al Milan, ma quando comincia a frullargli in testa l'idea di poter gelare la Scala del calcio con un altro acuto dopo quello fatto sentire in Coppa Italia, il sontuoso...leggi
14/02/2023

Serie A: Juventus e Torino tornano ad assaporare la vittoria

Un turno di campionato chilometrico, spalmato fino al martedì, riporta il sorriso in coppia alle rappresentanti del calcio sotto la Mole al termine di un curioso incrocio fra i colori granata e bianconeri. Il Torino regola di misura l'Udinese, mentre la Juventus torna ad assaporare i tre punti e la vittoria in trasferta sbancando in scioltezza Salerno. Archiviata la delu...leggi
08/02/2023

Serie A: inizia in salita il girone di ritorno per Juventus e Torino

Il girone di ritorno si apre all'insegna della sofferenza per le due rappresentanti del calcio sotto la Mole. Un Toro dai due volti corregge il tiro in corsa, raddrizza con una reazione di cuore e d'orgoglio una partita che sembrava ormai segnata e nel finale sfiora addirittura il secondo colpaccio consecutivo in terra toscana, tornando da Empoli con un punto utile per la classifica ch...leggi
30/01/2023

Il Toro sbanca Firenze, spettacolare pari della Juve contro l'Atalanta

Chiusura del girone d'andata da cuori forti all'insegna della reazione d'orgoglio e della resilienza per le paladine del calcio sotto la Mole. Il Torino si getta alle spalle l'opaca prova contro lo Spezia e a coronamento di una prestazione convincente sfata il tabù Firenze tornando a vincere al "Franchi" dopo 47 anni, punto di partenza per una seconda parte della stagione in cui...leggi
24/01/2023

Serie A: la Juve supera anche l'Udinese, pari del Toro a Salerno

  Una Juventus di puro "allegrismo" trova ancora una volta la zampata decisiva nel finale, conquista l'ottava vittoria consecutiva senza subire reti al termine dell'ennesima partita di sofferenza preceduta dallo struggente ricordo di Gianluca Vialli e prosegue la sua corsa nei quartieri alti della graduatoria. Il Torino resta di nuovo incompiuto e si mangia le mani per non aver sap...leggi
08/01/2023

Serie A: Toro bloccato in casa dal Verona, la Juve passa a Cremona

  Il Toro si incarta con il fanalino di coda Verona e spreca una grossa occasione per ripartire di slancio. La Juve brutta, sporca, cattiva e più cinica che mai sfrutta in extremis un colpo di biliardo di Milik, lascia la volitiva e sfortunata Cremonese con un pugno di mosche in mano e prosegue la sua striscia vincente continua...leggi
06/01/2023

Serie A: tris della Juve alla Lazio, il Toro sfiora l'impresa a Roma

  Il Torino sfiora l'impresa a Roma e torna dall'Olimpico con un punto che fa comunque classifica e morale. La migliore Juventus della stagione impartisce una lezione di tattica e di personalità alla Lazio, prosegue nella sua risalita e si insedia al terzo posto. Pende dal lato delle torinesi l'ago della bilancia nel doppio incrocio con le squadre capitoline che ha chiuso la...leggi
15/11/2022

Serie A: vittorie per Torino e Juventus nel turno infrasettimanale

Un Toro solido e concreto archivia il passo falso di Bologna, pur non incantando regola all'inglese con un gol per tempo la fragile Sampdoria e si rimette in marcia. Massimo risultato con il minimo sforzo per la Juve, che subisce durante tutta la gara l'intensità e l'intraprendenza dell'indomito fanalino di coda Verona, ma fa quad...leggi
11/11/2022

Serie A: la Juve castiga l'Inter, il Toro fa il passo del gambero

  Torino che fa il passo del gambero, ricade in difetti antichi, si fa rimontare a Bologna e interrompe la striscia di risultati positivi. Juventus finalmente umile e concreta che sfata il tabù degli scontri diretti dopo il ritorno in panchina di Allegri e grazie ad una ripresa in crescendo castiga l'Inter riportandosi nelle posizioni di classifica che contano. Rappresentant...leggi
07/11/2022

Serie A: ancora un bottino pieno per le squadre torinesi

  Nicolò Fagioli si traveste da maghetto e regala alla Juve tre punti in coda ad una gara sofferta ma disputata in crescendo, dove i giovani hanno portato quella ventata di freschezza e spregiudicatezza troppo spesso mancate in questo inizio di stagione. Il Toro ritrova una prestazione da Vecchio Cuore Granata, fa vedere le streghe al Diavolo e confeziona al Milan uno scherz...leggi
31/10/2022


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,03061 secondi