Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


Ancora delusioni per le squadre torinesi in serie A

Il Toro non va oltre al pari casalingo con la Salernitana, la Juve ko sul campo del Sassuolo

Un Toro dai due volti sbaglia l'approccio alla partita, è costretto ad inseguire, poi cambia passo, agguanta la Salernitana e sfiora il successo, ma deve ancora una volta rimandare l'appuntamento con la vittoria. Una Juve abulica e priva di nerbo, apparsa svuotata mentalmente e fisicamente dopo le fatiche e le emozioni di Europa League, mette in scena una recita censurabile in casa del Sassuolo in una delle sue peggiori prestazioni stagionali e inizia nel peggiore dei modi i dieci giorni decisivi dentro e fuori dal campo per la sua annata e il suo futuro.

Il campionato di serie A continua ad essere avaro di soddisfazioni per le paladine del calcio all'ombra della Mole. Primi a scendere in campo in un pomeriggio tipicamente primaverile i granata, che in un "derby dei colori gemelli" erano chiamati a rialzare la testa contro la Salernitana di Paulo Sousa. Speculari gli schieramenti tattici, con la linea difensiva torinista composta da Djidji, Buongiorno e Rodriguez che inizialmente faticava a prendere le misure a Dia, Piatek e Candreva, mentre sulle fasce laterali Singo e Vojvoda impattavano il confronto con Bradaric e Kastanos. Juric affidava le chiavi del centrocampo alla freschezza di Ilic e Ricci (poi infortunatosi e rilevato da un più offensivo Vlasic) che duellavano alla pari con Vilhena e Nicolussi Caviglia. Le note più liete per i torinisti arrivavano dal reparto avanzato, autore di una prestazione in crescendo, in cui gli ispiratissimi Radonjic e Miranchuk creavano scompiglio nella retroguardia avversaria imbeccando il mobile e determinato Sanabria, rivelatosi ancora una volta decisivo.

L'avvio era però da dimenticare, con il Toro, distratto e poco reattivo, che perdeva palla centrocampo e veniva infilato dall'articolata manovra in verticale con continui inserimenti a rimorchio che portava alla conclusione vincente dal limite di Vilhena. Passato un altro brutto spavento con il palo centrato dal tiro-cross di Candreva, il Toro si scuoteva a cominciava a reagire alzando ritmi e baricentro, illuminato dalle accelerazioni di Radonjic.

Solo la traversa, che respingeva la deviazione autolesionistica di Gyomber, negava ai granata di casa il pareggio prima dell'intervallo, ma a coronamento di un buon avvio di seconda frazione la squadra di Juric lo otteneva meritatamente grazie alla stilettata del suo centravanti paraguaiano su imbucata di Miranchuk. Ristabilita la parità le due squadre sembravano accontentarsi di un punto che serviva ad entrambe quantomento per muovere la classifica. Quando lo scatenato Radonjic da un lato e Kastanos dall'altro tentavano di spezzare lo sterile equilibrio, erano la parate di Ochoa e la chiusura di Rodriguez a congelare il risultato.

Per il Toro un altro piccolo passo che non lo fa però uscire dal limbo di metà classifica, con la sgradevole sensazione di essere protagonista dell'ennesima stagione incompiuta. Prossimo appuntamento, sabato all'ora dell'aperitivo, l'ardua trasferta sul campo della pimpante Lazio.

Enigma Juventus sempre più profondo. Dopo averla sfangata tra determinazione e un pizzico di fortuna sul palcoscenico europeo di fronte allo Sporting Lisbona, i bianconeri, vestendo di nuovo l'inutile quanto improbabile divisa dai colori psichedelici in omaggio al marketing, scendevano quasi in gita turistica a Reggio Emilia, fornendo una prestazione da teatro dell'assurdo degna di un beckettiano "Aspettando Godot", dove il nulla l'ha fatta da padrone.

Lenta, priva di idee, poco reattiva nei contrasti, eccessivamente imprecisa e dedita agli infruttuosi lanci lunghi quando non riusciva a trovare sbocchi, la squadra di Allegri, schierata con un 3-5-2 che si trasformava in 4-4-2 in fase di ripiegamento, faceva il gioco del Sassuolo, attento in copertura e pronto a punzecchiare di rimessa.

In una prima frazione soporifera l'unica nota positiva era lo sfrontato dinamismo dell'esordiente classe 2002 Barbieri, mentre nel settore nevralgico Paredes continuava ad essere un oggetto misterioso e la mal assortita coppia d'attacco Milik-Vlahovic risultava non pervenuta. Nessun tiro in porta su ambo i fronti, con gli unici sussulti dati dalle conclusioni a lato dei neroverdi Bajrami e Frattesi.

Dopo l'intervallo il canovaccio tattico non cambiava, poi la squadra di Dionisi, rinvigorita dall'ingresso di Defrel, provava a vincere metterndo alle corde una Vecchia Signora che mostrava tutte le sue rughe. Perin si superava in un paio di occasioni, il generoso Gatti prima salvava sulla linea poi deviava la sfera colpendo un clamoroso autopalo, quindi l'errore nel rinvio di Fagioli (il secondo, grave, in altrettante partite, con crisi di pianto e scenetta da libro Cuore in panchina dopo la sostituzione) consegnava al sinistro di Defrel il pallone del successo emiliano.

Allegri correva ai ripari quando i buoi erano già scappati dal recinto. Gli innesti di Cuadrado, Di Maria e Chiesa davano una sferzata nel ritmo e nell'incisività alla sonnacchiosa manovra bianconera, ma Consigli era prodigioso nell'alzare sopra la traversa il colpo di testa a botta sicura di Rabiot e la serpentina in area del Fideo non trovava la conclusione vincente. Anche la mossa della disperazione di gettare nella mischia il redivivo Pogba in un epilogo neppure troppo caldo sortiva gli effetti sperati e la Juve doveva così incassare a sorpresa la seconda sconfitta consecutiva, che pone nuovi interrogativi sulla capacità della squadra di giocarsi le proprie carte in un finale di stagione che si preannuncia convulso.

Per la Juve si sono aperti nel modo peggiore i dieci giorni che lasceranno un segno indelebile sul suo futuro. Mercoledì ci sarà l'atteso pronunciamento del Collegio di Garanzia del Coni sulla penalizzazione, giovedì il ritorno dei quarti di finale di Europa League a Lisbona, domenica sera la sfida di prestigio alla capolista Napoli e il 26 aprile il secondo atto della semifinale di Coppa Italia con l'Inter. Impossibile fare previsioni su come Madama uscirà dal frullatore.

Fotografia: sito ufficiale Torino FC

 

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 17/04/2023
 

Altri articoli dalla provincia...



Serie A: ultima di campionato agrodolce per le squadre torinesi

Il Torino fa quasi da sparring partner all'Inter ormai proiettata alla finale di Champions League, tiene testa ai rivali ma paga una distrazione difensiva e la scarsa incisività in fase realizzativa (complici le parate dei portieri avversari), chiudendo la stagione con una sconfitta che gli impedisce di agganciare l'ottavo posto, ...leggi
05/06/2023


Serie A: pari del Toro contro la Fiorentina, crollo Juve ad Empoli

Un Torino di piccolo cabotaggio intasca un punto contro la Fiorentina e si avvia verso un tranquillo finale di campionato privo però di stimoli e obiettivi particolari. La Juventus incappa in una settimana che definire nera sarebbe un eufemismo e crolla ad Empoli sotto il peso degli eventi. Le rappresentanti del calcio sotto la Mole zoppicano nel confronto incrociato con le tosc...leggi
23/05/2023

Serie A: Toro da record in trasferta, la Juve regola la Cremonese

                    Il Torino conferma la sua recente vocazione di squadra da trasferta cogliendo a Verona la sua quarta vittoria nelle ultime cinque esibizioni lontano dalle mura amiche al termine di una gara dominata ed in cui ha raccolto addirittura meno di quanto...leggi
15/05/2023


Vittorie per Juve e Toro nel turno infrasettimanale di serie A

                    La Juventus prima sprinta, poi ondeggia e soffre più del dovuto, ma alla fine piega il mai domo Lecce e centra l'obiettivo di tornare alla vittoria. Il Torino passeggia sui resti della Sampdoria, svolge al meglio il proprio compito senza da...leggi
05/05/2023

Serie A: pari della Juve a Bologna, il Toro ko di misura

Un Torino gagliardo tiene testa all'Atalanta ma paga cari gli episodi e vede sfuggire via la Dea nel finale rimanendo a bocca asciutta. La Juventus, sempre più indecifrabile, dà qualche segnale di risveglio ma sconta tutti i suoi limiti attuali e torna da Bologna con una pareggio che ha le sembianze dell'occasione sprecata, chiudendo alla meno peggio una settimana nera. P...leggi
01/05/2023


Serie A: torinesi ko nel doppio confronto contro le romane

Le romane fanno la voce grossa, ribadiscono il loro ritrovato ruolo capitale e per le paladine del calcio sotto la Mole il sabato di campionato prepasquale diventa di passione. Toro e Juve escono a bocca asciutta dal confronto incrociato con Roma e Lazio e devono frenare la rincorsa ai rispettivi obiettivi stagionali. ...leggi
11/04/2023

Serie A: la Juve regola il Verona, pari del Toro in casa del Sassuolo

  La Juventus regola a fatica il Verona e compie un altro deciso passo nella sua risalita in classifica, vedendo apparire all'orizzonte addirittura la zona Champions League. Il Torino si rimette in marcia e torna dalla trasferta in casa del Sassuolo con un punto raccogliendo forse meno di quanto seminato. Va in archivio all'insegna del moderato ottimismo la 28ª giornata di cam...leggi
04/04/2023

Serie A: alla Juve il derby d'Italia, Toro travolto dal ciclone Napoli

Il ciclone Napoli travolge un Toro che, oltre alla generosità, poco altro ha potuto mettere in campo per cercare di contrastare la spettacolare corazzata partenopea. La Juve, finalmente concreta e convincente, si aggiudica con merito un derby d'Italia al solito carico di veleni e prosegue nella sua risalita preparandosi ad un finale di stagione da cuori forti. Anche l'ultimo tur...leggi
21/03/2023

Serie A: la Juve regola la Samp, il Toro sbanca Lecce

Un Toro concreto, cinico e dalla forte personalità impiega tre minuti per mettere in ghiaccio la vittoria di Lecce, poi controlla con lucidità una gara divenuta sempre più spigolosa e torna dal Salento con tre punti preziosi e una ritrovata continuità di prestazione. Una Juve schizofrenica fa, disfa e va sulle montagne russe contro il fanalino di coda Sampdoria, gene...leggi
13/03/2023

Serie A: il Toro torna alla vittoria con il Bologna, Juve ko a Roma

La Juventus cade nella trappola tattica tesa da Mourinho, sbatte contro tre pali e torna a casa dalla trasferta romana a mani vuote, con la spiacevole sensazione di aver sprecato un'occasione. Il Torino si mette alle spalle la delusione del derby, fornisce una prova all'insegna della solidità e della concretezza, regola di misura un Bologna molto temuto alla vigilia e ritrova la vittoria...leggi
07/03/2023

Derby della Mole: la Juve regola il Toro nella ripresa

Un derby fiammeggiante, uno dei più intensi, combattuti ed emozionanti degli ultimi anni, va in rimonta alla Juve mai doma, capace di rimontare per due volte lo svantaggio e di fare emergere alla distanza le sue qualità superiori. Il Torino per tre quarti di gara tiene testa ai rivali, gioca alla pari facendo per lunghi tratti la partita, ma cala fatalmente nel finale qua...leggi
01/03/2023

Serie A: la Juve scavalca in classifica il Toro in attesa del derby

  Prestazioni speculari (solo un tempo all'altezza) e diametralmente opposte nell'esito finale per le due rappresentanti del calcio sotto la Mole in un ventitreesimo turno di campionato dal sapore agrodolce. La Juventus, pur faticando oltre misura, passa a La Spezia compiendo un altro passo della sua irta scalata verso le posizioni che contano, mentre il Torino prima si illude, poi...leggi
21/02/2023


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,03907 secondi