Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Tutti gli articoli scritti da: Giancarlo Padovan


<< precedente   successiva >>   

Bene nelle coppe, ma è vera gloria?

Dopo l’impresa del Napoli in Germania e il successo della Juve sul Monaco, sento squillare le trombe dell’ottimismo interessato intorno ad una presunta risurrezione del calcio italiano. A fare da grancassa al fenomeno, più che i giornali sportivi, è la tv specializzata nel tifo per il prodotto interno, come se la qualità del gioco e il raffronto con campionati più visti e celebrati del nostro fosse l’invenzione di qualche marziano. Per me siamo di fronte ad un’impostura che la realtà si incaricherebbe di contrabbandare per buona. Mettiamo, per esempio, che la settimana prossima, come tutti auspichiamo, Juve, Napoli e Fiorentina guadagnino un posto nelle quattro migliori squadre delle rispettive competizioni europee. Sarebbe il sint...leggi

22/04/2015, Giancarlo Padovan, Femminile
Nome: Giancarlo
Cognome: Padovan
Data di nascita:
Mail:
Telefono:
Residenza:
Professione:
Curriculum:

Champions, Juventus vai avanti!

Gli ultimi avvenimenti, compresa la sconfitta della Juventus a Parma, mi hanno reso più prudente a proposito del pronostico della prossima giornata di Champions League. E anche se continuo ad essere ottimista circa il passaggio del turno dei bianconeri, ho rivisto il mio giudizio sul Monaco. Ribadito che era il miglior avversario possibile per la Juventus, non credo affatto che tutto sia così facile come anche a me sembrava al momento del sorteggio. Il Monaco è la terza forza del campionato francese e negli ottavi ha eliminato l'Arsenal, seconda del campionato inglese. Fuori casa il Monaco è andato a vincere per 3-1, resistendo poi al ritorno degli uomini di Arsen Wenger che nel principato si sono imposti per 2-0. Questo per quanto riguarda i risultati ottenuti...leggi

14/04/2015, Giancarlo Padovan, Femminile

Manciniani, ma dove siete finiti?

Da qualche mese ho perso le tracce dei cosiddetti manciniani. Mi riferisco a quella composita tribù,  costituita da sinceri ammiratori del presunto allenatore di Jesi, che aveva accolto le mie opinioni sul suo ritorno all’Inter stracciandosi le vesti, come si fa per un bestemmiatore in chiesa. Alcuni di essi, non contenti di contestarmi, erano arrivati all’insulto, mentre qualche buontempone (un avvocato, se non sbaglio) aveva scritto a “Sprint e Sport” dicendo che se criticavo Mancini così aspramente e continuamente, era forse perché mi aveva soffiato la fidanzata. Ora tutti sanno che Mancini è un putto così bello e apprezzato dal pubblico femminile da non aver bisogno delle fidanzate altrui, tantomeno delle mie. Purtroppo, q...leggi

09/04/2015, Giancarlo Padovan, Femminile

Conte, un addio ormai scontato

Ci sono già decine di buone ragioni per attaccare il (prossimo ex) c.t. Antonio Conte che non si capisce perché tanti tifosi bianconeri se la prendano con lui addebitandogli anche l’infortunio di Claudio Marchisio. Il centrocampista della Juve si è fatto male da solo, durante esercizi di messa in movimento, quindi particolarmente blandi. Al di là dell’entità del danno, di cui non ho ancora capito nulla, come molti sportivi e colleghi, non è giusto prendersela con Conte semplicemente perché Conte non c’entra. Come non sarebbe c’entrato Allegri se l’incidente fosse avvenuto a Vinovo. Ora, pazienza per i tifosi, che ragionano con le viscere. Ma un uomo adulto ed equilibrato, designato per incarichi di responsabilit...leggi

31/03/2015, Giancarlo Padovan, Femminile

Juventus: Monaco squadra per pochi vip

Evidentemente avevo torto a ritenere il Borussia Dortmund più forte della Juve in una partita secca. Nonostante la gara unica non dica mai la verità (o, forse, proprio per questo), pensavo che i tedeschi avessero più forza nelle gambe (il loro campionato ha una pausa sensibilmente più lunga della nostra) e una maggiore determinazione frutto della carestia in Bundesliga. Al contrario ritenevo la Juve in fase calante sia dal punto di vista fisico (lo diceva il campionato) che nervoso (storicamente ha sempre sofferto la Champions). Tuttavia la partita non è stata diversa da come me la immaginavo. La Juve ha cominciato senza Barzagli e Pirlo. Ma con il primo al posto dell'infortunato Pogba, Allegri ha sterzato verso il 3-5-2 e la saldezza difensiva è ...leggi

24/03/2015, Giancarlo Padovan, Femminile

Juve, verso Dortmund senza paura

In campionato no. Ma in una partita secca – la prossima – reputo il Borussia Dortmund superiore alla Juve. Ciò non significa che non pensi alla qualificazione dei bianconeri come ad un evento possibile.  Intanto perché hanno due risultati su tre a disposizione e poi perché, in una partita del genere, la solidità mi sembra più incidente della brillantezza. A Palermo la Juve non è stata certo entusiasmante. Ma ha rischiato pochissimo pur lasciando la palla anche all’avversario. Credo che molta sicurezza sia discesa dal rientro di Barzagli. Non c’è da indicarlo come salvatore della patria, visto che la Juve è andata benissimo anche senza di lui. Tuttavia, in campo europeo, ha esperienza, qualità, senso...leggi

17/03/2015, Giancarlo Padovan, Femminile

Ghirardi, esempio virtuoso

Il pezzo migliore della settimana l’ha scritto Andrea Tundo per “Il Fatto Quotidiano”.  Titolo: “Quando Tavecchio nel 2013 premiava Ghirardi come miglior dirigente”.  Lo ripropongo, almeno in parte,  con una duplice finalità. La prima: farlo conoscere ai lettori di “Sprint e Sport” , perché non tutti leggono “Il Fatto”. La seconda: segnalarlo all’ufficio stampa della Federcalcio che ha deciso di non mettere più in rassegna il quotidiano diretto da Marco Travaglio. Tommaso Ghirardi  fu premiato nella categoria “dirigente di società professionistica” nella settima edizione de “Le Ali della Vittoria”, premio istituito dall’allora presidente della Lega Dilet...leggi

10/03/2015, Giancarlo Padovan, Femminile

Uomo nero fa rima con razzismo

E’ bastato veramente poco ad Arrigo Sacchi (Troppi calciatori di colore nei settori giovanili) per farsi dare la patente di razzista. Non so se Sacchi lo sia (non credo per quanto e come lo conosco), ma sono sicuro che la sua frase non contenga nulla di offensivo o discriminatorio.  Altrimenti sarebbe razzistica anche la seguente: «Troppi stranieri nelle squadre italiane» con la quale, invece, si individua uno dei mali del nostro calcio. La dicono in tanti anche in Federazione dove presiede l’uomo che Uefa e Fifa hanno squalificato sei mesi per avere inventato la parabola di Optì Poba mangiatore di banane. Al contrario io non solo penso che Sacchi non sia razzista, ma pure che abbia denunciato un problema ineludibile: la tratta dei calciatori africani no...leggi

24/02/2015, Giancarlo Padovan, Femminile

Aspettiamo la squalifica di Lotito

C'è una serie di cose che dovrebbe accadere dopo le parole minatorie di Claudio Lotito al direttore generale dell'Ischia, Pino Iodice, nella famosa intervista pubblicata da Repubblica. La prima riguarda le dimissioni da Consigliere Federale dello stesso Lotito. La seconda è l'immediata apertura di un'inchiesta federale da parte del procuratore Stefano Palazzi. Sono quasi sicuro che Lotito non si dimetterà, mentre è scontato che Palazzi lo deferisca. Il punto sarà stabilire per quali reati sportivi e se al deferimento seguirà una condanna. I lettori di Sprint e Sport saranno sorpresi dalla mia cauta analisi ma devo confessare loro che il contenuto della telefonata di Lotito non solo non mi sorprende, ma mi ha convinto che quanto affermato dal pr...leggi

18/02/2015, Giancarlo Padovan, Femminile

Tavecchio scrittore, e la Figc paga

Non so se sia più sorprendente la notizia che Carlo Tavecchio è diventato scrittore o che ventimila copie del suo libro sono state acquistate dalla Federcalcio, di cui è presidente, per la cifra di 107 mila euro. Ci sarebbe molto da scrivere su una notizia del genere, ma non vorrei ammorbare i lettori con un’opinione trita: la mia. Io credo che tutti sappiano quel che penso del presidente federale, dei suoi metodi, della sua attività oratoria, senza che mi metta a recensire “Ti racconto il calcio”, l’ultima sua erculea fatica. Sono così convinto che essa nulla aggiungerebbe al pessimo giudizio che ho dell’uomo e del dirigente, da preferire di lasciar perdere. Sono, codesti, tempi assai grami e su di me incombono censori occhi...leggi

10/02/2015, Giancarlo Padovan, Femminile

<< precedente   successiva >>