Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Champions, nel 75% dei casi chi vince all'esordio si qualifica

Iniziare bene per completare l'opera

La Champions League è cominciata da due giornate e i primi verdetti sono stati già emessi. Forse un’esagerazione, ma solo apparentemente: uno studio bwin sulla fase a gironi rivela piuttosto chiaramente come chi vince la prima partita abbia una possibilità enorme di qualificarsi, superiore al 70%. Se analizziamo il primo turno scopriamo che questa è una notizia positiva, ma solo per la metà dei casi.

Juventus e Inter sono le uniche capaci di vincere il match all’esordio. La Juve ha espugnato il Mestalla di Valencia nonostante il rosso a Cristiano Ronaldo, con una doppietta di rigore del bosniaco Pjanic. Ancor più clamorosa quella dell’Inter, allo scadere, nella vittoriosa rimonta contro il Tottenham. Le altre due hanno invece deluso, soprattutto il Napoli incapace di vincere a Belgrado contro la Stella Rossa. Un pari che potrebbe costare caro in un girone di fuoco, che vede dentro anche Psg e Liverpool.

Per la Roma invece si conosceva le insidie dell’esordio, al Bernabeu, contro il Real Madrid. Meno preventivabile la netta sconfitta, salvata in parte dalla vittoria seguente dei giallorossi che ora vivranno col Cska un vero e proprio spareggio. Se il 75% circa delle squadre vincenti all’esordio poi ottengono la qualificazione agli ottavi di finale, il 73% perdente al debutto non riesce a ottenere il pass alla fase ad eliminazione diretta.

Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Il 90% delle squadre che invece perdono le prime due partite non vanno avanti, tranne casi eccezionali. Una di queste l’Inter di Mancini, 2006/07, che passò agli ottavi nonostante gli zero punti nelle prime due uscite. Ancora una volta i nerazzurri entrano nel libro delle statistiche come squadra vincitrice della Champions senza aver vinto il girone eliminatorio: un caso accaduto solo in altre sei circostante nella storia della competizione europea.

Questa Champions sembra essere senza padroni, con una Juventus che punta chiaramente alla massima affermazione grazie all’arrivo di Cristiano Ronaldo. Un successo che manca da 23 lunghi anni, da quella notte di Roma terminata ai calci di rigore contro la generazione di fenomeni dell’Ajax. Da quel momento una serie troppo lunga di finali perdute, due negli ultimi quattro anni, contro le spagnole storiche.

Proprio Real e Barça sembrano essere le più in difficoltà, alle prese con un ricambio generazionale e dei cicli che per motivi differenti stanno finendo. Solo il City di Guardiola sembra poter essere all’altezza delle grandi aspettative, col tecnico spagnolo desideroso di dimostrare quanto possa essere vincente in Europa anche lontano dagli alieni del Barça. Da quel momento, nemmeno una finale, fra gli anni al Bayern ed il primo a Manchester. Il Real invece dopo tre Champions di fila è reduce dalla disastrosa sconfitta casalinga con il Levante, un Perez furioso e l’ingombrante ombra di Conte in agguato, non appena si libererà dal contenzioso con il Chelsea.

Nella speranza che, come l’anno scorso, arrivi l’exploit di una delle nostre squadre dopo la splendida e inattesa semifinale della Roma contro il Liverpool.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da redazione_piemonte il 25/10/2018
Tempo esecuzione pagina: 1,99635 secondi