Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Il Torino si avvicina all'Europa dopo la netta vittoria col Milan

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La netta vittoria casalinga del Torino sul Milan permette ai granata di compiere un ulteriore e significativo passo avanti verso la conquista di un posto nelle competizioni europee.

Il 2-0 inflitto dagli uomini di Mazzarri ai rossoneri di Gattuso permette infatti ai granata di appaiare proprio i milanesi al 5° posto in classifica a quota 56 punti, a sole due lunghezze dalla Roma e quindi in piena lotta per la Champions ma soprattutto insieme all’Atalanta e con un punto in più rispetto alla Lazio, che sarà avversaria del Torino nell’ultima giornata. Ben cinque squadre racchiuse quindi in appena cinque punti che si contenderanno nelle ultime quattro giornate del campionato uno dei tre posti disponibili tra Champions e Europa League.

Un obiettivo alla portata del Torino alla luce di quanto visto nella partita contro il Milan, giocata con intensità e concentrazione da Moretti e soci, palesando una buona condizione atletica supportata da grinta e determinazione, caratteristiche indispensabili per sopperire qualche limite tecnico.

Infatti, se sulla classe di Belotti, Ansaldi e Sirigu, che sta dirigendo con maestria l’ottimo apparata difensivo dei granata nel quale svettano per qualità e costanza di rendimento Izzo e Nkoulu, non si discute, contro il Milan si è visto uno strepitoso Rincon, meno ruvido e più preciso negli interventi, che si è sobbarcato buona parte del lavoro a centrocampo non facendo rimpiangere l’assenza dello squalificato Baselli, aiutato da Meitè e Lukic sicuramente meno reattivi del compagno.

Belotti, praticamente unica punta vera data l’assenza per squalifica di Zaza, è tornato a spaziare in varie parti del campo, dalla difesa fino all’area, mandando spesso in crisi il suo diretto difensore. In questo modo però l’attaccante granata rischia di perdere lucidità e potenza in occasione delle rare occasioni da gol che capitano sui suoi piedi. Così non è stato però in occasione del rigore dell’1-0 concesso per fallo su Izzo, dimostrando di aver cambiato tecnica evitando di farsi intimidire da Donnarumma come era successo l’anno scorso.

Sulla fascia destra è tornato a risplendere De Silvestri con le sue puntate verso l’area che in un paio di occasioni con un pizzico di precisione in più avrebbero anche potuto regalargli la gloria del gol.

Discorso a parte per Berenguer, un autentico furetto, dotato di velocità e generosità uniche che purtroppo a volte vengono minimizzati da una tecnica meno sopraffina. In questa sfida lo spagnolo ha avuto però la grande bravura di riscattare un momento negativo sfruttando senza tentennamenti la ghiotta occasione dal gol che si è trovato sui piedi a metà del secondo tempo trafiggendo Donnarumma con un bolide dal limite dell’area poco sotto la traversa.

Il Milan ha cercato di ribattere alle offensive granata con un gioco macchinoso, lento e prevedibile, costretto spesso alle maniere rudi dai guizzi di Belotti e Ansaldi, quasi tutti puniti dall’arbitro Guida, reo di non aver osato ad estrarre il cartellino rosso per doppia ammonizione in occasione di netto fallo di Suso su una ripartenza dell’attaccante torinista e del fallo di Paquetà su Rincon lanciato a rete da per una brutta rimessa di Donnarumma.

Il match ha vissuto un momento particolarmente toccante nell’intervallo tra il primo e il secondo tempo, con l’intero stadio, gremito in ogni ordine di posto, illuminato dalla luce dei cellulari come tante piccole candeline per commemorare l’anniversario della scomparsa a Superga del Grande Torino mentre in campo si esibivano i Sensounico con il brano “Quel giorno di pioggia” (nella foto).

Ora mente e gambe al derby con la Juventus in programma venerdì sera all’Allianz Stadium, dove sarebbe di vitale importanza un risultato positivo per poi sfruttare i turni contro Sassuolo ed Empoli e quindi giocarsi tutte le chance di qualificazione nell’ultimo turno in casa contro la Lazio.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luciano Pavesio il 29/04/2019
Tempo esecuzione pagina: 0,08128 secondi