Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Calcio a 5


<< precedente   successiva >>   

Conte mette Kantè nel motore del Chelsea

Nel calcio non c’è una verità assoluta. Spesso certi drastici giudizi della prima ora sulle squadre e sui giocatori vengono totalmente modificati con il passare del tempo. Ad esempio, in passato c’era la convinzione che un giocatore con una struttura esile non avesse grandi possibilità di sfondare ad alti livelli. I criteri selettivi si basavano principalmente sulla fisicità. Per i nanerottoli era difficile farsi largo in campionati come quello inglese dove il calcio atletico e la stazza dei calciatori erano predominanti. Recentemente il Chelsea di Antonio Conte ha acquistato dal Leicester per 36 milioni di euro N’Golo Kantè, ritenuto uno dei più forti centrocampisti della Premier League. Kantè è alto 169 cm ed &egra...leggi
05/08/2016, Tiziano Crudeli, Calcio a 5

Alla conquista della Premier League

Nel calcio moderno si è accentuata la prevalenza al difensivismo. L’Europeo ci ha insegnato che nazionali come Albania, Islanda, Romania, Irlanda, Galles e Polonia ma anche l’Italia e il Portogallo, quando si è infortunato Ronaldo, hanno optato per una scelta tattica molto accorta. Squadre compatte e grande forza fisica. Non ci sono sono più i registi alla Pirlo, mancano i centravanti di caratura internazionale che comunque sono lasciati isolati in avanti senza adeguati rifornimenti. Equilibrio e prevalenze delle difese. Con molti giocatori dietro la linea della palla che costringevano gli avversari ad attaccare in spazi super­affollati. Proprio il Portogallo, neo campione d’Europa, è una testimonianza concreta di quanto sia stato important...leggi
29/07/2016, Tiziano Crudeli, Calcio a 5

Campioni si nasce, Bonucci si diventa

Pep Guardiola, nuovo allenatore del Manchester City, ha offerto una cifra importante (60 milioni di euro) alla Juventus per acquistare Leonardo Bonucci, 29 anni, 190 cm per 86 kg, 198 partite con i bianconeri e 12 reti segnate, al quale è stato garantito un ingaggio di 8 milioni di euro netti per cinque anni. Verrebbe così battuto il primato di 49,5 milioni pagato nel 2014 dal Psg al Chelsea per il difensore David Luiz. L’Europeo insegna. Vince il Portogallo privo di Cristiano Ronaldo infortunatosi all’inizio del match clou, dimostrando che chi si difende è più attrezzato di chi attacca. Ranieri, Simeone, Conte, Sampaoli in America e Santos in Europa, sono prevalsi con le loro squadre chiudendosi e aspettando le avversarie pe...leggi
20/07/2016, Tiziano Crudeli, Calcio a 5

Credere alla favole? Non nel calcio

La favola è un racconto di fantasia. Nel mondo del calcio non ci sono favole, ma storie che hanno comportato sudore, fatica e tanti sacrifici. Solo con questi presupposti si può uscire dall’anonimato e addirittura vincere per la prima volta un titolo importante come la Premier League.Il Leicester City di Claudio Ranieri è la dimostrazione di come un allenatore di 64 anni sia riuscito a costruire un gruppo coeso, solido e compatto con giocatori che non godevano certo di grande credito prima dell’inizio del campionato (infatti erano i favoriti per la retrocessione, e Ranieri veniva indicato come uno dei primi a rischio esonero) ma che hanno dato l’anima e applicato alla lettera i suoi dettami correndo a perdifiato per tutta la stagione, col risultato di...leggi
16/07/2016, Tiziano Crudeli, Calcio a 5

Leo e Cristiano: così uguali, così diversi

Ronaldo e Messi: due fenomeni, uno diverso dall’altro anche per il loro modo di essere e di apparire. Cristiano ha un fisico scultoreo, è bello, elegante, statuario, sembra un divo del cinema, è viziato, coccolato e borioso. Leo Messi non ha nulla della classica primadonna, è un nanerottolo minuto e gracile, apparentemente fragile, un ragazzo semplice senza grilli per la testa. Madre natura, forse, per legge di compensazione lo ha dotato di un talento innato che lo ha fatto salire tra i grandi campioni del presente e del passato. Di Cristiano Ronaldo hanno scritto: «Il personaggio si sovrappone al campione. Paga i modi da divo viziato e l’immagine altezzosa». E’ sfrontato e arrogante. Mentre passeggiava sulle rive del Senna con ...leggi
12/07/2016, Tiziano Crudeli, Calcio a 5

Lapadula, il Vardy di casa nostra

In Italia c’è un giocatore come Gianluca Lapadula, 26 anni, goleador delPescara con 30 reti in Serie Bche la prossima stagione potrebbe emulare la favola di Jamie Vardy che a 29 anni, dopo lunghi trascorsi nelle serie minori, nel Leicester è stato uno dei protagonisti della Premier. Il “Vardy di casa nostra” dopo tanto girovagare ha dimostrato di avere i requisiti per entrare anche nel novero dei bomber più prolifici del massimo campionato. Certo, la Serie A è più difficile ma come base di partenza il suo score è niente male. Gianluca Lapadula, 178 cm di altezza, è nato a Torino il 7 febbraio 1990 da padre pugliese e madre peruviana. E’ cresciuto in una famiglia di fiorai che ab...leggi
03/07/2016, Tiziano Crudeli, Calcio a 5

Tattica e mentalità, aspetti essenziali

Anche senza un organico di prima qualità si possono ottenere buoni risultati e compensare i limiti tecnici con un’organizzazione di gioco che deve poter contare su perfetti sincronismi, smarcamenti individuali e collettivi, velocità di esecuzione, ritmo, movimenti compatti. Così facendo crescono le convinzioni, la forza del gruppo e l’autostima dei giocatori. Per ottenere tutto ciò l’allenatore deve avere personalità, idee chiare, capacità di trasmettere motivazioni, lavorare sull’orgoglio, insomma deve dimostrare di essere anche un ottimo psicologo. Campioni si nasce, ma con ferrea volontà, spirito di sacrificio, umiltà e determinazione Giaccherini si diventa. Emanuele, 31 anni, 167 cm di altezza, &...leggi
25/06/2016, Tiziano Crudeli, Calcio a 5

Puntare sui giovani? Tra il dire e il fare...

Il calcio italiano è povero tecnicamente. C’è una crisi di sistema che non si riesce modificare. Qualcosa però potrebbe cambiare con le nuove disposizioni federali che prevedono una rosa di 25 giocatori di cui 4 quattro provenienti dal proprio settore giovanile e 4 dal vivaio italiano. Occorre però una mentalità diversa, visto che spesso si pensa all’immediato, a vincere le partite, invece il compito principale è plasmare i giovani. L’attività di base è formativa ma per emergere ci vogliono qualità fisiche, atletiche, tattiche. E poi servono carattere e forza di volontà. La Primavera offre i primi riscontri del lavoro svolto e del lento processo di maturazione prima di affacciarsi ai campionat...leggi
19/06/2016, Tiziano Crudeli, Calcio a 5

Marco Giampaolo, l'apostolo di Sarri

Il mondo del calcio è abitudinario e poco incline ai cambiamenti. Le innovazioni troppo azzardate e la paura di commettere errori sono un freno. Nel calcio non si può introdurre un’idea nuova e ottenere subito i risultati. E’ un processo che richiede una serie di sperimentazioni. Ci vuole tempo. Ogni tecnico ha una propria personalità, ma la virtù dell’allenatore leader è lavorare per ottenere risultati immediati pensando di trovare le soluzioni che preparano il domani. Molto dipende dalla professionalità del mister che per rendere più efficace il gioco deve valorizzare i giocatori anche a costo di cambiare i loro ruoli e utilizzarli in posizioni più congeniali. E’ comunque la qualità che fa la differenz...leggi
08/06/2016, Tiziano Crudeli, Calcio a 5

La parabola del super Sassuolo

Un utile insegnamento per il calcio italiano viene dal Sassuolo, che in sole tre stagioni è passato dalla Serie B ai preliminari di Europa League. Un percorso iniziato classificandosi diciassettesimo Per questi contenuti ti devi registrare gratuitamente oppure acquistare il giornale onlineSprint e Sport in edicola...leggi
05/06/2016, Tiziano Crudeli, Calcio a 5

<< precedente   successiva >>