Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Pinerolo


Piscinese Riva: le prime parole di Caputo

Durante la conferenza della Piscinese Riva è stato presentato il nuovo tecnico della prima squadra che militerà in Promozione: Leonardo Caputo, classe ’69, dal Don Bosco Nichelino. Alcune importanti novità della prima squadra sono state elencate dal presidente Marano in entrata ed in uscita: lasciano la Piscinese Riva i giocatori Modenese, Citeroni, Tomatis e Valenti nella prima squadra e Signoretta come giovane; allo stesso tempo però entrano nella prima squadra Fabio Muratori, Dario Rizzolo, Walter Alessandrin e Andrea Mazzarello mentre come fuori quota ’95 ci sono degli accordi per Massimiliano Motta, Stefano Porporato, Mattia Puzzola e Gabriele Nardi.

Nel suo primo intervento da allenatore, Leonardo Caputo ha fatto subito intendere di essere una persona estremamente concreta: «Sarà il tappeto verde a dire se saremo o non in grado di farlo, e lo si farà con la serietà dal primo all’ultimo giorno con il rispetto delle persone», dimostrandosi un tecnico serio e deciso ma anche concreto e corretto nel suo passaggio: «Noi cercheremo di dire la nostra, ci sono anche altre squadre che si stanno attrezzando bene, ma a noi non ce ne frega niente, dobbiamo guardare noi stessi e puntare all’obbiettivo che ci viene richiesto», per poi aggiungere: «Dove si arriva significa che noi eravamo in grado di fare quello, ma fino lì tutti quanti dobbiamo dare qualcosina in più, se lo faremo la strada è già ben avviata e le cose verranno da sole», focalizzando così la sua filosofia incentrata sul duro lavoro che porta ai risultati se ben applicato ad una base di partenza collaudata. Le parole finali di Leonardo Caputo sono quelle che tutti vorrebbero sentire in questi casi: «Sono una persona di poche parole e mi piace parlare soprattutto con i fatti». Il Presidente Marano ha infine delineato gli obiettivi della sua gestione futura che dovranno essere rappresentati dal risparmio sui cartellini dettato dallo sfruttamento e quindi dalla valorizzazione del Settore Giovanile.

Print Friendly and PDF
  Scritto da redazione_piemonte il 25/07/2013
 

Altri articoli dalla provincia...



Scuola Calcio Pinerolo / Infernotto, Cardia sui 2003

L'inizio della nuova stagione calcistica si avvicina e i cambiamenti all'interno delle società non si fanno attendere. La Rivese ha quasi terminato le nomine dei tecnici di tutte le categorie della Scuola Calcio: Roberto Cafaratti allenerà il 2002, Sergio Carmone e Roberto Marchisano si occuperanno del 2004, mentre il 2005 sarà di Giovanni Setta e Simone Sciuto, inoltre l...leggi
24/07/2014

Scuola Calcio Pinerolo, le panchine di Airaschese e Luserna

Non si arrestano le novità in casa del Pinerolo; i nominativi dei tecnici sono tutti confermati: Francesco Passet si dedicherà al 2002, Giuseppe Quinto al 2003, Sergio Campa sarà con il 2004, Paolo Galbiata seguirà il 2005 ed infine Sergio Falco il 2006. Il responsabile tecnico che si occuperà di Settore Giovanile e di Scuola Calcio (quindi dagli Allievi fino ...leggi
16/07/2014

Provinciali Pinerolo / Cambi tecnici: Luserna, Meloni per Stevanella

La prima giornata della nuova fase del campionato allievi provinciali arriva in un momento difficile dal punto di vista metereologico per la zona di Pinerolo, sono tante le partite rinviate, ma oltre alle difficoltà climatiche tengono banco anche alcuni cambi di guida tecnica, infatti, due squadre si presentano con una novità in panchina. Cambiano allenatore il Luserna e la Piscin...leggi
26/11/2013



Pinerolo: dopo Piroli anche Campagnaro

Fabio Piroli non si è fatto tanti amici nelle ultime settimane. Dopo aver illuso il Chisola, ha lasciato a bocca asciutta anche il Gassino Sr di Mario Gatta. Tutto sembrava già fatto, poi il dietrofront. Sicuramente un buon rifugio deve a...leggi
25/07/2013


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,31191 secondi