Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI CALCIO FEMMINILE    

Edizione provinciale di Torino


Eccellenza: il Vanchiglia spiega le ragioni della mancata ripartenza

 

Non ci sarà il Vanchiglia alla ripartenza dell'Eccellenza. La società torinese spiega le motivazioni di tale scelta con un lungo comunicato ufficiale che pubblichiamo integralmente:

«La ripresa del campionato di Eccellenza (in realtà si tratterà di una competizione ex novo, che annullerà i risultati sportivi già ottenuti nei mesi di settembre ed ottobre) è stata presentata dal Comitato Regionale Piemonte Valle d’Aosta come una opportunità e non un obbligo.

L’opportunità implica una scelta libera e consapevole. Ma opportunità, a ben vedere, dovrebbe anche essere caratteristica di ciò che è o che appare favorevole o quantomeno conveniente. Una semantica che si scontra con un contesto generale drammatico (dovuto alla situazione pandemica in progressivo ed inesorabile peggioramento) e con uno scenario indecifrabile (un salto nel buio) che prefigura solo rischi, incertezze, criticità, sotto molteplici punti di vista. Il Vanchiglia ha scelto di non ripartire. E sono diversi i motivi che ci hanno spinto a prendere questa decisione. Con una doverosa premessa: alle Società che hanno deciso di ripartire va il nostro rispetto e facciamo loro i nostri migliori auguri per il torneo a cui parteciperanno.

Iniziamo dall’analisi dell’aspetto sanitario: siamo nel bel mezzo di una pandemia, con tutto quello che sta accadendo, tra possibili nuovi lockdown e nuove varianti del virus, con contagi, malati e morti in aumento, non ci è sembrato opportuno esporre i nostri tesserati ed i loro affetti, a rischi di contagio o ad essere loro stessi veicolo di contagio. Il protocollo da rispettare in caso di ripartenza, è quello proposto per la serie D, di cui noi, ad oggi, non conosciamo gli aspetti maggiormente sensibili, procedurali e organizzativi, se non che è stato predisposto per realtà professionistiche e semiprofessionistiche: test antigienici 48/72 ore prima della gara a tutto il gruppo squadra (compreso lo staff) e l’esigenza dello stesso gruppo squadra di vivere in una sorta di bolla sociale. Citiamo letteralmente estratti del protocollo: “il divieto di attività sociali che comportino la presenza contemporanea di più componenti il gruppo squadra; (…) interdizione di ogni attività sociale al di fuori del gruppo squadra effettuata senza rispetto delle precauzioni generali suddette (lavoro, scuola, familiari non conviventi, conoscenti ecc.), che rappresenti un concreto pericolo di contagio da parte dei singoli componenti il gruppo squadra (ad esempio, cene tra atleti o con amici, feste, conferenze, riunioni di qualsiasi tipo, etc.)”

Il secondo aspetto è prettamente sportivo: la partecipazione al nuovo torneo è su base volontaria e non ci saranno retrocessioni. In sostanza: sia che non si partecipi, sia che si arrivi secondi, sia che si arrivi ultimi, è la stessa cosa. E questo è un fattore demotivante non eludibile, che rischia di compromettere il senso stesso di una competizione che in realtà non lo è. Se non per chi ha ambizioni di promozione in Serie D. Tra l’altro, il campionato dovrebbe ripartire l’11 aprile, ma ad oggi – dopo circa 5 mesi di attività – non c’è ancora il riconoscimento dell’interesse nazionale da parte del CONI, pertanto non è ancora possibile svolgere allenamenti in forma collettiva.

Senza dubbio, c’è poi da affrontare l’aspetto economico. E non ci riferiamo alla sola dimensione delle società di calcio, ma di qualunque altra impresa o attività. Riteniamo inopportuno in questo momento andare a disperdere risorse economiche, con il rischio che questo possa avere ripercussioni sulla prossima stagione calcistica. Ricordiamo che, quando parliamo di Vanchiglia, non parliamo solo di una squadra che milita in Eccellenza, ma di una società a cui appartengono 408 tesserati (cui sono da aggiungere 97 tra allenatori, istruttori, preparatori atletici, preparatori dei portieri, dirigenti, addetti ai campi, volontari), dalla scuola calcio al settore giovanile fino alla prima squadra, settori che vogliamo tutelare il più possibile, e rispettare.

Nel mese di gennaio 2021 c’eravamo detti disposti a riprendere il campionato di Eccellenza, ma a condizione che tutte le altre categorie (settore giovanile ed attività di base) sarebbero ripartite, perché la vera emergenza ed il vero interesse nazionale riguarda proprio i giovani, il loro bisogno di socializzare, il loro desiderio di fare sport. Ecco perché, a distanza di due mesi, non essendoci ancora nessuno spiraglio per la ripartenza dei più giovani, abbiamo scelto di non ripartire neanche con l’Eccellenza.

Infine, non possiamo sottovalutare la dimensione etica. Giocare mettendo a rischio la salute dei nostri tesserati e delle loro famiglie, nonché di tutti coloro che operano a vario titolo e volontariamente per la nostra società, ostacolerebbe le emozioni e la naturalezza del semplice ritornare in campo: il calcio è uno sport genuino, è divertimento e passione. E tornare in campo a queste condizioni è molto più difficile di quanto si creda. Per quanto la nostra decisione è stata difficile, ma allo stesso condivisa da tutti, e riteniamo sia l’unica possibile, figlia del buon senso, oltre che della coerenza.

Siamo i primi che non vedono l’ora di tornare in campo per emozionarci ancora, ma vogliamo farlo come siamo abituati a farlo.

Forse le cose stanno cambiando, forse dovremmo adattare le nostre abitudini ai tempi ed alle necessità. Forse dovremmo ripensare anche il nostro stesso modo di concepire il nostro amato sport.

Ma una cosa non è in forse: siamo dilettanti, orgogliosamente dilettanti. Viviamo di passione e sacrificio. Viviamo per il calcio e non di calcio. Per tutto questo abbiamo deciso di non cogliere questa opportunità, perché non ci siamo dimenticati a quale mondo apparteniamo. Siamo dilettanti e tali vogliamo restare».




 

Print Friendly and PDF
  Scritto da redazione_piemonte il 18/03/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



Il Chieri crolla a Castellanza: sempre vivo l'incubo play-out

  CASTELLANZA – Tracollo del Chieri per 5-1 sul campo della Castellanzese nel turno infrasettimanale di serie D. Troppa è la differenza di valori in campo con i padroni di casa che chiudono la contesa realizzando quattro gol nei primi 19' di gioco. Ad abbattersi come un uragano sul Chieri è st...leggi
14/04/2021

Il Chieri torna alla vittoria: 2-0 alla Folgore Caratese

  CHIERI – Ultime notizie: porte chiuse, ma torna a circolare l’aria che giova. Il Chieri getta la mascherina? Mannò, getta la maschera. La Folgore Caratese viene infatti folgorata per 2-0 sulla via del “De Paoli” da una squadra che sa darsi finalmen...leggi
11/04/2021

Calciomercato Eccellenza: colpi in attacco per Asti e Pro Eureka

L'Eccellenza è pronta a ripartire nel weekend e le squadre si muovono attivamente sul mercato. L'Asti tessera l'esperto attaccante Alberto Favale. Classe 1990 con trascorsi tra serie D ed Eccellenza. In serie D ha giocato a Ciampino, in Eccellenza con Airaschese, Cheraschese, Chisola, Saluzzo e Denso per poi scendere in Promozione d...leggi
09/04/2021


Eccellenza: risoluzione consensuale tra la Cbs e mister Telesca

  Si dividono le strade tra il tecnico Salvatore Telesca e la Cbs. “La decisione è stata presa di comune accordo con il mister – si legge nel comunicato ufficiale diramato dal club torinese - e anzitempo rispetto al termine naturale della stagione sportiva 2020/2021 poiché, nonostante la possibile ripresa del ...leggi
14/03/2021


Serie D: tra Chieri e Caronnese vince la noia

CHIERI – Soporifero pareggio a reti bianche tra il Chieri e la Caronnese. Lo 0-0 finale è la giusta sintesi di una gara avara di emozioni. Risultato che permette agli ospiti di agganciare l'Imperia a quota 39 punti ed ai padroni di casa di compiere un altro passo in avanti verso una tranquilla salvezza. Il Chieri, schierato con il 3-5-2 che di...leggi
07/03/2021

Serie D: Bra e Castellanzese a -4 dalla capolista Gozzano

  Torna a farsi interessante la corsa al vertice nel girone A di serie D. La capolista Gozzano, infatti, è stata fermata sul pari sul difficile campo della Sanremese. Ai novaresi allenati da mister Antonio Soda, tecnico dei liguri tra il 2003 ed il 2005, non sono bastate le reti di Piraccini e di Sylla per p...leggi
28/02/2021


Serie C femminile: il Torino Women vola in solitaria al 2° posto

    La quinta vittoria di fila permette al Torino Women di volare in solitaria al secondo posto del girone A del campionato di serie C femminile. Le granata allenate da mister Petruzzelli vincono per 1-2 a Gallarate, in provincia di Varese, sul difficile campo delle Azalee. E' la dop...leggi
21/02/2021

Chieri, dalla Pro Vercelli arriva il centrocampista Sangiorgi

  Rinforzo nella zona nevralgica per il Chieri. Dalla Pro Vercelli approda in azzurro fino al termine della stagione Alessandro Sangiorgi, centrocampista classe 1999. Cresciuto nel club vercellese, il giocatore ha all'attivo anche 24 presenze in serie C, tutte totalizzate nel campionato 2018...leggi
20/02/2021


Serie D: il Chieri si rinforza in difesa con Pezziardi del Borgosesia

  E' ufficiale il passaggio del difensore classe 2000 Francesco Pezziardi dal Borgosesia al Chieri. Giocatore duttile, che può occupare sia il ruolo di centrale che di terzino, Pezziardi inizia a giocare nel Giaveno per poi passare al Lascaris ed al Collegno Paradiso. All'età di 14 anni approda quindi al settore giovanile della Juventus con cui gioca ...leggi
18/02/2021


Serie D: parità tra Chieri e Pont Donnaz Hone Arnad Evancon

  CHIERI – Un Chieri afflitto da “pareggite” acuta impatta 1-1 con il Pont Donnaz Hone Arnad Evancon. Per la squadra di Didu, al quarto 1-1 consecutivo, si tratta dell'11° pareggio conquistato in 20 giornate di campionato. Il punto, invece, permette alla squadra ospite di rimanere in terza posizione pur essendo stata agganciata in...leggi
14/02/2021


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,04926 secondi