Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


Moriva 52 anni fa Gigi Meroni, la Farfalla Granata

Cinquantadue anni fa moriva Gigi Meroni, la Farfalla Granata. Era il 15 ottobre del 1967, di domenica, dopo un vittorioso Torino–Sampdoria 4-2. Gigi venne travolto da un’auto, mentre attraversava corso Re Umberto a Torino. Era in compagnia dell’amico Fabrizio Poletti stava rientrando a casa ed era quasi sull’uscio. E’ passato più di mezzo secolo, ma l'amore e il ricordo per questo sfortunato campione è sempre vivo nei cuori degli sportivi granata, ma non solo. Meroni è stato forse uno degli ultimi veri artisti del calcio italiano. Se n’è andato troppo presto, a soli 24 anni. Lo piansero proprio tutti, compagni e avversari.

Nella sua breve ma fulminante carriera, ha regalato tanto, tantissimo agli amanti del calcio e molto altro ancora avrebbe potuto donare. Un talento raro, come un fiore che sboccia una sola volta da quanto è unico e meraviglioso. Sfuggiva ad ogni raffronto perché era semplicemente solo e soltanto lui. E Meroni non poteva essere assolutamente diverso da come era, proprio perché era…Meroni. Gigi ha rappresentato molto più di un giocatore di calcio. E’ stato la poesia nel calcio. E’ stato una boccata d’ossigeno e di aria pura, un vento di libertà per il calcio, ma non solo, e a modo suo quasi un precursore dei tempi e di una generazione, quella del ’68. Cinquantadue anni da quel giorno, oggi. Cinque più due che fa sette. Come il suo numero di maglia al Torino. Il “7” è il numero che rappresentava nel calcio di una volta il giocatore all’ala capace di corse a perdifiato sulla fascia, di dribbling funambolici, il genio e la sregolatezza, e quella classe cristallina che non puoi ingabbiare in alcun schema, proprio come una farfalla.

Luigi Meroni nasce a Como il 24 febbraio 1943. Calcisticamente cresce proprio nelle giovanili del Como e passa poi dai lariani al Genoa nel 1962. “U Meruni” così era chiamato in Curva Nord a Marassi, il tempio del tifo del vecchio “Zena”. Quando si sparse la notizia che sarebbe stato venduto al Toro, i tifosi del Genoa presero d’assalto la sede della società ligure. Gli stessi episodi si sarebbero verificati poi qualche anno dopo anche a Torino, quando si fecero insistenti le voci di un corteggiamento insistito dell’ Avvocato Agnelli per portarlo alla Juventus, ma il Fato stavolta si mise di mezzo per consegnarlo, purtroppo, all’eternità della Leggenda Granata. Orfeo Pianelli crede nel ragazzo e lo mette a disposizione dell’allora Mister, il grande “Paron” Nereo Rocco, a partire dalla stagione 1964-65. Nel Torino disputerà poco più di tre campionati di serie A e 122 partite (di cui 103 in campionato, 7 in Coppa Italia e 12 nelle competizioni europee) realizzando 25 gol (di cui 22 in campionato) ed un’infinità di assist e giocate di autentica cineteca calcistica.

Con i granata vincerà la Coppa Italia nel 1968. Non molto fortunata fu la sua esperienza con la Nazionale Italiana, con cui colleziona solo sei presenze e la famigerata spedizione “azzurro tenebra” ai mondiali inglesi del 1966. Meroni al Torino è amore a prima vista. “Calimero”, come fu anche ribattezzato dalla passionale tifoseria granata, è un attaccante estroso e imprevedibile dotato di una tecnica sopraffina che mette però a disposizione della squadra. Chi ne trae beneficio è soprattutto il centravanti (e amico fraterno) il franco-argentino Nestor Combin, soprannominato “la Foudre” (o la “Folgore”) che, grazie agli assist di Gigi, segna goal a raffica.

Memorabile la sua tripletta nel derby giocato la domenica successiva alla scomparsa di Gigi e vinto contro la Juventus per 4 a 0, con il quarto gol segnato da Carelli, lui l’erede designato suo malgrado, quel giorno con addosso proprio la maglia numero “7” di Gigi, vedi, alle volte però il destino. Meroni è l’autentico uomo-squadra perchè “spacca” le partite ed è capace di mettere a disposizione del collettivo tutto il suo infinito repertorio di colpi e fatto di veroniche, finte e controfinte, di velocità e di dribbling che però non restano mai fini a se stessi. Genio contro-corrente anticonformista ed estroso, ama la pittura e disegnarsi gli abiti. Il calciatore “beat” con la barba lunga e i capelloni, e con quei calzettoni sempre abbassati sulle caviglie e quegli atteggiamenti che in molti gli rimproveravano senza pensare e senza rendersi conto del personaggio unico e irripetibile che avevano davanti. Era forse un individualista perché voleva tenere sempre lui la palla tra i piedi ed anche per questo veniva preso di mira dai difensori avversari, lui al grido di “prova a prendermi!”, loro, i difensori, a provare a prenderlo e per questo quando lo prendevano Gigino le botte se le prendeva anche un po’ per i suoi compagni. Ma lui non si lamentava mai, mai una reazione, mai una sceneggiata in campo né una simulazione o un atteggiamento fuori dalle righe, lui subiva e si rialzava sorridendo perché era un buono e giocava al gioco più bello del mondo e tutti, avversari compresi, finivano per volergli bene.

 

E anche noi Caro Gigi.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Armando Masciari il 15/10/2019
 

Altri articoli dalla provincia...




Focus sull'avversaria della Juve in Champions: scopriamo il Lione

La Champions League è il sogno ricorrente di qualsiasi tifoso bianconero e ormai, con il passare degli anni, è diventata una vera e propria ossessione. Con lo sbarco del fenomeno portoghese Cristiano Ronaldo a Torino, poi, l’asticella delle aspettative non ha fatto altro che continuare a salire e il fatto di non aver riportato ancora la Coppa a Torino certam...leggi
14/02/2020

Quali saranno le novità del Torino di Longo

In questo momento il periodo che sta vivendo il Torino non è certamente positive. Le sconfitte si sono fatte una più pesante dell’altra e anche il ko subito in casa contro la Sampdoria non sta certamente lasciando dormire sonni tranquilli ai tifosi granata. La società, però, e in particolar modo il suo presidente Cairo, ha scelto di ripartire d...leggi
14/02/2020

Moreno Longo è il nuovo allenatore del Torino

Il Torino riparte dal senso di appartenenza. Moreno Longo, “figlio del Filadelfia”, è il nuovo allenatore della prima squadra granata dopo l'esonero di Walter Mazzarri. Un cambio di guida tecnica dovuto ai tre pesanti rovesci in campionato ed alla beffarda eliminazione ai supplementari contro il Milan in Coppa Italia. L'...leggi
04/02/2020

Campionato Primavera: la gara Torino-Napoli si giocherà a Chieri

La gara del campionato Primavera Torino-Napoli si giocherà domenica alle 12 allo stadio “Piero De Paoli” di Chieri. Il Filadelfia è infatti occupato dalla prima squadra di Mazzarri che svolgerà la seduta di scarico dopo la gara di sabato sera contro l'Atalanta. Il tecnico granata Marco Sesia tornerà così a Chieri, dove ha allenato ...leggi
22/01/2020

Alla Marentinese la fase provinciale della Coppa Piemonte

FRAZIONE GARINO DI VINOVO – La Marentinese pareggia per 2-2 dopo i tempi supplementari in casa del Moncalieri e si aggiudica la fase provinciale di Torino della Coppa Piemonte di Seconda e Terza Categoria. I collinari, che all'andata si erano imposti per 2-1, staccano così il biglietto per la fase regionale della competizione. Sul sintetico di...leggi
23/11/2019

Claudio Marchisio annuncia l'addio al calcio giocato

  TORINO - Claudio Marchisio ha detto addio al calcio giocato. Questo pomeriggio nella pancia dell'Allianz Stadium, il calciatore ha annunciato il suo ritiro. Il centrocampista classe 1986 nativo di Torino ma di residenza ad Andezeno, ha svolto un'intera carriera alla Juventus con un'unica parentesi in prestito a...leggi
03/10/2019

A Torino un corso gratuito per arbitri

Gli arbitri rappresentano uno dei principali motori del calcio. Sono i direttori di gara, infatti, che rendono possibile ogni fine settimana lo svolgimento dei campionati dilettantistici e giovanili. La sezione A.I.A. “Luca Colosimo” di Torino propone un corso gratuito per arbitro di calcio rivolto agli atleti ed alle atlete tra i 15 ed i 35 anni. L'iscrizione è...leggi
28/09/2019

Addio a Gianni Forno, l'ultimo invincibile

«Cronometro e cardiofrequenzimetro sono i miei compagni di viaggio e la sveglia alle cinque del mattino è l’inizio della mia giornata». Con queste parole esattamente due anni fa, era il 31 marzo 2014, tu, vecchio Highlander, mi raccontavi dell’impresa, intrisa al sogno di arrivare a giocare in Terza categoria all’età di 57 a...leggi
20/07/2016

Grande rinforzo per Isaia, Taurisano è della Pro Eureka

Altro rinforzo per gli Allievi della Pro Eureka: Daniele Taurisano. L’attaccante ex Lucento ed Alessandria è ufficialmente un nuovo giocatore biancocerchiato. Prende forma dunque la squadra di Fabio Isaia che si candida per essere una delle protagoniste della prossima stagione....leggi
20/07/2016

Tutti i gironi del Grande Slam

Rivarolese, Giaveno Coazze, Pertusa, San Giacomo Chieri, Victoria Ivest, Barcanovasalus, Gassino San Raffaele, Collegno Paradiso, Città di Rivoli, Mathi Lanzese, Vianney, La Chivasso, Ciriè, Pro Collegno, Nichelino Hesperia. Saranno queste 15 delle 16 protagoniste della prossima edizione, la 13ª, del Grande Slam (Memorial Angelo Fanton) che si disputerà dal 3 al 18 set...leggi
16/07/2016


Scuola calcio Alpignano, Tartaglia il nome nuovo

E’ Giuseppe Tartaglia la grande novità della Scuola calcio dell’Alpignano targata 2016/2017. Il Responsabile della Scuola calcio, Claudio Tridello, ha comunicato i nomi degli allenatori per la prossima stagione, che sono per la maggior parte nel segno della continuità, vis...leggi
08/07/2016

Martedì 12 la presentazione del Grande Slam

Martedì 12 luglio alle 21.00 al Vianney si svolgerà il sorteggio in vista della 13esima edizione del torneo Grande Slam “Memorial Angelo Fanton”, che andrà in scena da sabato 3 a domenica 18 settembre, con finali di Settore Giovanile giovedì 15 settembre di cui due al La Chivasso e due al Pertusa....leggi
08/07/2016

Federico Coppitelli è il nuovo tecnico del Torino Primavera

Un grandissimo ‘colpo di mercato’: Federico Coppitelli infatti, ex tecnico della Primavera del Frosinone e soprattutto ex tecnico delle giovanili della Roma con cui ha vinto due scudetti consecutivi con Giovanissimi e Allievi nel 2014 e 2015 è il nuovo tecnico della Primavera del Torino.   Questo l’annuncio sul sito della società...leggi
03/07/2016


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07095 secondi