Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

La Lombardia è in crisi, Baretti si dimetta

a cura di Massimiliano Giacomini

 

Baretti deve dimettersi. Inutile girarci intorno, se il mondo del calcio italiano deve poter guardare con ottimismo al futuro non può più tollerare situazioni di nepotismo così accentuate come quelle che si vivono al Comitato Regionale Lombardia. Il presidente di Comitato in imbarazzo per un grave accadimento che ha coinvolto due dipendenti, di cui vi ho parlato nelle settimane scorse, è proprio lui: Giuseppe Baretti. E a venire alle mani sono state la nuora del numero uno del calcio lombardo, moglie di Lorenzo Baretti, e Luisa Rossetti, con quest'ultima che ha ricevuto dall'ospedale di Legnano ben sette giorni di prognosi. Il problema sarebbe nato per un pacco non ritirato da un corriere. Per quanti si fossero messo all'ascolto solo ora devono sapere che oltre al presidente Giuseppe Baretti, in via Pitteri, sono dipendenti, e quindi regolarmente a busta paga della Lnd, anche il figlio e la nuora. Per questo Baretti deve dimmetersi, perché è intollerabile che abbia sistemato figlio e nuora all'interno del Comitato. Con che serenità sta guidando il Comitato Lombardo l'attuale presidente? Sta pensando alle società? La risposta è semplice: no! Altrimenti non si spiegherebbe il silenzio di fronte all'aumento delle iscrizioni e dei tesseramenti? Giuseppe Baretti ha sistemato l'intera famiglia come un "Aristarco Scannabue" qualunque, ma non c'è da stupirsi in un Comitato che sta diventando sempre più una questione di famiglia visto che il nuovo responsabile delle omologazioni dei campi, il cavalier Farina (come ama farsi chiamare), è in stretta parentela con il vice presidente Grassini. Com'è possibile poi che l'unico deferimento arrivato per il caso Torneo delle Regioni sia stato recapitato al solo Belloli e non a Baretti anche solo per omessa denuncia? Baretti deve dimettersi. E se non bastassero un figlio e la nuora assunti come custodi e che vivono all'interno della sede, che dovrebbe essere la casa delle società ma in realtà è casa Baretti, ci sono altri accadimenti che dovete conoscere e visto che si avvicina Natale e il Comitato, da sempre, è pronto a comprare i pacchi natalizi, vi spiegheremo perché Baretti cambierà sicuramente fornitore in un racconto di… loschi e patetici accadimenti che hanno visto il Comitato vittima di se stesso e di un presidente che, per dare lavoro e casa alla famiglia, è estremamente decisionista ma che poi non riesce a salvaguardare gli investimenti del Comitato. Stay tuned. Nelle prossime settimane ci sarà da divertirsi anche con modelli 108 modificati e l'imperdibile storia dei pacchi natalizi.

Print Friendly and PDF
  Scritto da redazione_piemonte il 04/10/2015
Tempo esecuzione pagina: 0,04227 secondi