Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


La Juve regola la Spal, il Toro sulle montagne russe a Parma

 

Juventus quasi a regime che scalda i motori in vista delle prime prove della verità stagionali, Torino coraggioso, distratto e sfortunato che ruzzola a terra dopo le montagne russe di Parma. Indicazioni contrastanti per le due torinesi dopo una sesta giornata di campionato dal sapore dolceamaro.

Sabato dai due volti quello della Juventus contro la Spal (nella foto di lospallino.com). Prima parte di gara soporifera, dai ritmi bassi, condizionati dal caldo di un pomeriggio ancora estivo e dall'atteggiamento di un avversario eccessivamente timoroso, che chiudeva tutti i varchi facendo leva su un prudente 3-5-2 studiato per contenere il più possibile i rivali ed affidarsi a estemporanee ripartenze offensive. Dal canto loro i bianconeri faticavano a ingranare le marce alte e a tratti davano l'impressione di voler giocare al gatto col topo senza forzare più di tanto manovre spesso accademiche, fiduciosi che presto o tardi il gol sarebbe arrivato. Nell'epilogo della prima frazione la squadra di Sarri cominciava a carburare, saliva di velocità aumentando i giri del motore e raccoglieva in extremis i frutti della propria superiorità con un altro gioiello di Pjanic, che superava la strenua resistenza di Berisha (alla fine il migliore in campo con almeno cinque parate decisive a far risultare “accettabile” il passivo dei ferraresi).

Dopo l'intervallo la Juve gettava la maschera e mostrava il suo volto più bello, complice anche la sfiducia che bloccava la squadra di Semplici, incapace di reagire nonostante i cambi di stampo più offensivo. La difesa, finalmente sicura, permetteva a Buffon di trascorrere un pomeriggio da spettatore non pagante, con la nota lieta di De Ligt, in costante crescendo e supportato dall'applicazione e dalla determinazione agonistica necessarie. Apprezzabile anche la prova dei terzini “inventati” Cuadrado e Matuidi, puntuali in chiusura come in fase di spinta, mentre in cabina di regia un sontuoso Pjanic, metronomo tutto fosforo e tecnica, orchestrava un fraseggio fluido e rapido che sfociava in improvvise verticalizzazioni (il verbo di Sarri comincia a fare proseliti) impreziosite dagli strappi in progressione di Dybala e dagli inserimenti di Ramsey (sempre efficace tra le linee) e Khedira. Opaco e spesso avulso dalla manovra, il solo Rabiot. In attacco Ronaldo, partendo sovente dalla sua preferita posizione defilata, ingaggiava un'egoistica battaglia con Berisha fino a vincerla ad una dozzina di minuti dal termine con il colpo di testa che mandava in archivio la pratica e permetteva ai bianconeri di proiettarsi verso un'altra settimana ad alta intensità.

Da martedì Bonucci e compagni saranno chiamati ad affrontare due prove della verità, cominciando dalla gara di Champions League con il Bayer Leverkusen, da vincere ad ogni costo per evitare spiacevoli intoppi nella corsa qualificazione, e chiudendo con in Derby d'Italia di domenica sera a San Siro contro l'Inter, in cui cercare di riaffermare la supremazia tricolore o quanto meno di non uscire a mani vuote dal campo, poiché un divario di cinque punti nei confronti della “Juve bis” traslata da Conte in nerazzurro potrebbe già diventare pesante da recuperare.

Partita pazza a Parma nel posticipo del lunedì sera, da cui il Toro esce con un pugno di mosche in mano. Granata distratti in difesa e subito sotto, infilati dalla combinazione in contropiede (specialità della casa fra i ducali) iniziata da Gervinho e finalizzata da Kulusevski. Pronta reazione ed immediato pareggio grazie all'inzuccata di Ansaldi che sorprende il frastornato Gagliolo, quindi buona personalità della squadra di Mazzarri, che tiene bene il campo sfruttando al meglio un duttile 3-4-1-2 ed imperversa sulle fasce laterali. Alla mezz'ora la chiave di volta della gara: ingenuità di Bremer, già ammonito, che oppone il gomito alto alla conclusione dell'ispirato Kulusevski e, dopo l'intervento del VAR, lascia i compagni in dieci con il pallone sul dischetto per la trasformazione del possibile nuovo vantaggio emiliano affidata a Gervinho.

Sirigu, ancora una volta in grande spolvero, lo ipnotizza, il Toro, seppur in inferiorità numerica, si ricompatta (due linee da quattro con Verdi a staccarsi per supportare Belotti in fase offensiva) e dieci minuti più tardi il VAR manda i granata dagli undici metri con il Gallo che non sbaglia per un clamoroso sorpasso. Il peccato di distrazione è però di nuovo dietro l'angolo ed in pieno recupero gioca il secondo brutto scherzo della serata agli ospiti, con Cornelius che, sfruttando ancora una verticalizzazione, riequilibra il risultato.

La ripresa è di pura sofferenza. A gioco lungo l'uomo in meno si fa sentire, il Parma prende campo con manovre avvolgenti, mentre il Torino fa il possibile per contenere con ordine. Sirigu lo tiene in vita in un paio di circostanze, la traversa respinge il colpo di testa di Hernani e sull'altro fronte Izzo viene stregato da Sepe. Quando i granata cominciano a vedere il miraggio di un punto prezioso al Tardini, la zampata del neo entrato Inglese castiga il rinvio non riuscito di Izzo su cross di Gervinho e il sogno sfuma nel crescente nervosismo finale che porta alle espulsioni dalla panchina di Frustalupi e Mazzarri.

Prossima tappa l'impegno casalingo contro il ritrovato Napoli di Ancelotti, quando non saranno più ammesse distrazioni e passaggi a vuoto e si dovrà fare leva sul proverbiale Cuore Toro per riprendere il cammino in classifica.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 30/09/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



La Juve va ko contro la Lazio, il Toro regola la Fiorentina

  Una Juventus in versione gigante dai piedi di argilla crolla sotto il peso sempre più opprimente delle proprie lacune e vede avanzare all'orizzonte nuvoloni neri piuttosto preoccupanti, mentre il Torino dei piccoli passi riesce finalmente a trovare continuità di risultati e rendimento riportandosi in una posizione di ...leggi
09/12/2019

La Juve bloccata in casa dal Sassuolo, boccata d'ossigeno per il Toro

La Juve vede esplodere in una domenica uggiosa tutti i suoi recenti problemi e perde la testa della classifica a favore di un'Inter arrembante e concreta, mentre il Toro ritrova, solo per il risultato, il sorriso e torna dalla trasferta di Genova con tre punti che ridanno ossigeno all'ambiente, senza però dissiparne le ombre. Tanto tuon&...leggi
02/12/2019

La Juve sbanca Bergamo, Toro in crisi d'identità

  La Juve continua a ballare da sola in vetta alla classifica al ritmo di un tango argentino in HD che continua a risolverle, assieme all'interpretazione arbitrale del regolamento, problemi ormai diventati strutturali; Toro da profondo rosso, impaurito, privo di personalità e relegato sempre più all'anonimato, “ma...leggi
25/11/2019

Il Torino risorge a Brescia, la Juventus supera a fatica il Milan

Il Toro rialza la cresta trascinato dal “gallo” Belotti (fotografia: www.torinofc.it), la Juve mantiene la vetta della classifica con la “solita” vittoria di misura che scaccia anche i “mal di pancia” di un indisponente Cristiano Ronaldo. Le due torinesi fanno il pieno e vanno alla sosta per le nazionali rinfrancate e in linea di galleggiame...leggi
11/11/2019

La Juve vince il derby ma dal Toro arrivano segnali di risveglio

  Un Sirigu in forma strepitosa tiene a galla sino al termine il Toro, ma una Juve concentrata e “sul pezzo” piazza la zampata vincente facendo valere con cinismo la maggiore caratura e fa suo un derby spigoloso, “sporco”, ma allo stesso tempo vibrante e dalle immancabili polemiche secondo tradizione (fotografia: sito uff...leggi
04/11/2019


Due deludenti pareggi per Juventus e Torino

Juventus leziosa e sciupona che conserva il primato in classifica solo grazie alle contemporanee frenate degli avversari (vittime delle scorie di Champions League come i bianconeri) e Torino convalescente ancora autore di un'enigmatica gara dai due volti. Il turno di campionato prologo di un'intensa settimana che sfocerà nel derby della Mole ha regalato poche soddisfazioni sulle...leggi
28/10/2019

La Juve vince a fatica col Bologna, il Toro scivola a Udine

  Una Juve ancora incompiuta viene trascinata dalla vecchia guardia e mantiene la testa della classifica, mentre il Toro fornisce un'altra prestazione a due facce e cade a Udine in un turno di ripresa del campionato dopo la sosta per le nazionali caratterizzato da alti e bassi per le due squadre della Mole. ...leggi
21/10/2019

Alla Juve il derby d'Italia, il Toro ingabbia il Napoli

  La Juve di Sarri dà una lezione di gioco e di tattica all'Inter di Conte, si riprende la vetta della graduatoria e certifica che il divario tra sé e le rivali è ancora consistente. Il Toro ingabbia il Napoli, tiene testa ai più quotati rivali e strappa un punto meritato, suggellato da un finale in cresce...leggi
07/10/2019

Il Toro batte il Milan, la Juve ritrova il sereno a Brescia

  Resurrezione Toro e ampi squarci di sereno nel cielo della Juve. Ha riservato emozioni vietate ai deboli di cuore il turno infrasettimanale di campionato, al termine del quale i bianconeri restano nella scia dell'Inter capolista, mentre i granata salgono di nuovo nei quartieri al...leggi
26/09/2019

La Juve vince a fatica col Verona, Toro in affanno

Juve in versione Diogene ancora alla ricerca di se stessa, Toro bloccato e in regresso che fallisce un'altra prova di maturità. L'inizio d'autunno è grigio per il calcio sotto la Mole. Sul fronte bianconero, archiviata con discreto travaso di bile la scellerata serata di Madrid, in cui gli uomini di Sarri hanno gettato al vento a causa delle solite insicurezze difensive s...leggi
23/09/2019

Terza giornata di campionato deludente per Juve e Toro

  Il Toro torna con piedi per terra. Juve, nebbia fitta. Terza giornata di campionato all'insegna dell'amarezza per le due squadre della Mole, dove sembra essersi spenta la luce, con la corsa in vetta che subisce una brusca frenata e lascia l'Inter sola a guardare tutti dall'alto....leggi
16/09/2019

Botte ad Alpignano, fair play Vianney

  Vianney-Mirafiori, Allievi Fascia B, snodo cruciale per la qualificazione ai regionali. Il risultato è sul 2-2 quando a 5' dalla fine Meridda, del Vianney, fa partire un pallonetto beffardo che a prima vista fa urlare al gol. Quasi tutta la panchina del Vianney esulta e l'arbitro, Andrea Quaglia della sezione di Torino, indica il cerchio di centrocampo. Sarebbe stato il ...leggi
04/10/2015

Del tutto inadatti a goderci la Coppa

Evidentemente in Italia abbiamo un problema a organizzare, meglio valorizzare, una competizione come la Coppa Italia. Non importa quale sia la categoria: dalla Serie A alla Terza Categoria il minimo comune denominatore è l'incapacità di trovare la formula giusta per rendere avvincente un torneo invece vissuto (almeno fino alle semifinali) più come un impiccio che come una ...leggi
13/09/2015

Regole e giustizia, se il calcio è al contrario. Alpignano docet

Non lo scopriamo certo noi che le cose a volte vanno all'incontrario di come sarebbe normale aspettarsi. Il calcio, metafora per ogni occasione, anche alle nostre latitudini, offre conferme continue. L'ultima in ordine di tempo arriva dall'Eccellenza e precisamente da Alpignano. Come ogni anno, specie in questo periodo di inizio stagione, la segreteria della società biancoblù s...leggi
07/09/2015


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07742 secondi