Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


Serie A: torinesi ko nel doppio confronto contro le romane

Le romane fanno la voce grossa, ribadiscono il loro ritrovato ruolo capitale e per le paladine del calcio sotto la Mole il sabato di campionato prepasquale diventa di passione. Toro e Juve escono a bocca asciutta dal confronto incrociato con Roma e Lazio e devono frenare la rincorsa ai rispettivi obiettivi stagionali.

Tratto comune ai due confronti la partenza in salita della gara, che granata e bianconeri non sono riusciti a riportare sui binari voluti. Primi a scendere in campo all'ora dell'aperitivo i granata, che mister Juric imperniava in difesa sul trio Gravillon-Schuurs-Buongiorno, affidando le corsie esterne ai collaudati Singo e Rodriguez, mentre le chiavi del centrocampo erano consegnate alla "linea verde" di Ricci e Gineitis, con il giovane lituano che nell'occasione pagava spesso dazio all'inesperienza. Note positive dai trequartisti, con un Radonjic ispirato supportato da Miranchuk che cercavano di innescare il terminale offensivo Sanabria.

Le intenzioni tattiche del tecnico croato venivano però mandate subito a gambe all'aria dal tentativo di parata di Schuurs sulla conclusione di Zalewski, che regalava il rigore decisivo a Dybala e induceva a pensare che l'aria di Torino porti i difensori olandesi a interpretare il calcio in maniera pallavolistica (vedi i precedenti bianconeri di De Ligt).

L'incontro si incanalava così sui binari preferiti da Mourinho, con i giallorossi sornioni ad amministrare il vantaggio punzecchiando di rimessa e lasciando il controllo delle operazioni agli avversari, i quali si trovavano costretti ad impostare dal basso faticando a trovare varchi e a rendersi pericolosi, ricorrendo anche a infruttuosi lanci lunghi.

Archiviata una prima frazione monocorde e priva di altre grosse emozioni, in apertura di ripresa il Toro costruiva la sua occasione migliore, ma il balzo felino di Rui Patricio negava il pareggio al colpo di testa di Miranchuk imbeccato dal cross di Rodriguez.

Col passare dei minuti l'incontro si inaspriva, viveva spesso sui duelli individuali, ma il tema tattico non cambiava. Nonostante il triplice innesto di Djidji, Pellegri e Vlasic per Ricci, Sanabria e Gravillon i granata non riuscivano a spostare dalla loro parte l'inerzia del confronto ed allo stesso modo erano infruttuosi i successivi ingressi di Lazaro e Karamoh.

La Roma aveva buon gioco a contenere fino al termine tenendo in allarme la difesa avversaria con le ripartenze, mentre il Toro pagava la propria sterilità offensiva e vedeva le proprie iniziative arenarsi ai sedici metri giallorossi.

Archiviata una Pasqua per nulla dolce, i granata cercheranno di ritrovare la via del successo, che manca ormai da un mese, nel nuovo confronto casalingo di domenica pomeriggio contro la Salernitana.

Nello scontro di cartello di fatto tra la seconda e la terza forza del campionato, tenendo conto dei punti conquistati sul campo dai bianconeri, che chiudeva la giornata, la Juve steccava ancora una volta lontano dalle mura amiche contro una delle rivali nella corsa all'Europa. Troppo molle l'approccio alla partita dei bianconeri, che soffrivano l'intensità, l'aggressività e la qualità del palleggio laziali, sempre più a loro agio nell'interpretare il verbo calcistico di Sarri.

La squadra di Allegri (influenzato e sostituito in panchina da Landucci), chiudeva sì i varchi con il collaudato 3-5-1-1, ma non riusciva quasi mai a riproporsi in avanti. Imbrigliato l'opaco Immobile da Bremer, Gatti e Alex Sandro (vero anello debole della catena) faticavano oltre modo a chiudere sulle incursioni di Zaccagni e Felipe Anderson, mal supportati dai ripiegamenti spesso fuori tempo degli esterni Cuadrado e Kostic.

Nel settore nevralgico Rabiot (tra le poche note positive della serata), Locatelli e Fagioli pativano il dinamismo e la maggiore determinazione di Luis Alberto, Cataldi e Milinkovic-Savic. Risultato di tali premesse l'inutile girovagare alla ricerca della posizione di Di Maria e la penuria di palloni che giungevano ad un'ancora inconcludente Vlahovic.

La "guerra di trincea" di Madama veniva vanificata dal cambio di fronte che permetteva all'astuto centrocampista serbo, complice un evidente fallo su Alex Sandro non ravvisato né dall'arbitro, né dal VAR, di portare in vantaggio gli aquilotti. Di puri nervi la reazione rabbiosa della Juve, che portava Rabiot (decimo gol stagionale per lui) a riequilibrare il risultato prima dell'intervallo al termine di una sarabanda in mischia su azione d'angolo.

La Vecchia Signora aveva però il torto di iniziare la ripresa alla stessa maniera della prima frazione e la squadra di Sarri, matura e convinta dei propri mezzi, la puniva con un'azione da manuale che evidenziava impietosamente, al di là del geniale assist di tacco di Luis Alberto a smarcare Zaccagni, la scarsa reattività nelle chiusure e il posizionamento difensivo non impeccabile dei bianconeri.

Solo dopo l'ora di gioco, grazie all'ingresso in campo di Chiesa, Milik e Paredes ed al passaggio al 4-3-3, la Juve riusciva ad avanzare il baricentro ed allargare in velocità il gioco sulle fasce laterali mettendo in costante difficoltà i biancocelesti. La reazione juventina fruttava però solo una serie di angoli e qualche conclusione murata dai difensori avversari e le speranze di tornare da Roma indenni si spegnevano sulla girata al volo da centro area di Fagioli terminata alta.

Trangugiato il boccone amaro di una sconfitta evitabile, col grosso rimpianto di essere entrata troppo tardi e solo a sprazzi in partita, la Juve si ritufferà giovedì sera nell'Europa League ricevendo l'ostico Sporting Lisbona nell'andata dei quarti di finale, mentre domenica cercherà di riprendere la marcia in campionato andando a rendere visita all'altalenante Sassuolo ancora scottato dalla frittata combinata a Verona.

Nella fotografia di justcalcio.com: l'esultanza di Sergej Milinkovic Savic, autore del primo gol della Lazio nel confronto con la Juventus

 

 

 

 

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 11/04/2023
 

Altri articoli dalla provincia...



Serie A: ultima di campionato agrodolce per le squadre torinesi

Il Torino fa quasi da sparring partner all'Inter ormai proiettata alla finale di Champions League, tiene testa ai rivali ma paga una distrazione difensiva e la scarsa incisività in fase realizzativa (complici le parate dei portieri avversari), chiudendo la stagione con una sconfitta che gli impedisce di agganciare l'ottavo posto, ...leggi
05/06/2023


Serie A: pari del Toro contro la Fiorentina, crollo Juve ad Empoli

Un Torino di piccolo cabotaggio intasca un punto contro la Fiorentina e si avvia verso un tranquillo finale di campionato privo però di stimoli e obiettivi particolari. La Juventus incappa in una settimana che definire nera sarebbe un eufemismo e crolla ad Empoli sotto il peso degli eventi. Le rappresentanti del calcio sotto la Mole zoppicano nel confronto incrociato con le tosc...leggi
23/05/2023

Serie A: Toro da record in trasferta, la Juve regola la Cremonese

                    Il Torino conferma la sua recente vocazione di squadra da trasferta cogliendo a Verona la sua quarta vittoria nelle ultime cinque esibizioni lontano dalle mura amiche al termine di una gara dominata ed in cui ha raccolto addirittura meno di quanto...leggi
15/05/2023


Vittorie per Juve e Toro nel turno infrasettimanale di serie A

                    La Juventus prima sprinta, poi ondeggia e soffre più del dovuto, ma alla fine piega il mai domo Lecce e centra l'obiettivo di tornare alla vittoria. Il Torino passeggia sui resti della Sampdoria, svolge al meglio il proprio compito senza da...leggi
05/05/2023

Serie A: pari della Juve a Bologna, il Toro ko di misura

Un Torino gagliardo tiene testa all'Atalanta ma paga cari gli episodi e vede sfuggire via la Dea nel finale rimanendo a bocca asciutta. La Juventus, sempre più indecifrabile, dà qualche segnale di risveglio ma sconta tutti i suoi limiti attuali e torna da Bologna con una pareggio che ha le sembianze dell'occasione sprecata, chiudendo alla meno peggio una settimana nera. P...leggi
01/05/2023


Ancora delusioni per le squadre torinesi in serie A

Un Toro dai due volti sbaglia l'approccio alla partita, è costretto ad inseguire, poi cambia passo, agguanta la Salernitana e sfiora il successo, ma deve ancora una volta rimandare l'appuntamento con la vittoria. Una Juve abulica e priva di nerbo, apparsa svuotata mentalmente e fisicamente dopo le fatiche e le emozioni di Europa League, mette in scena una recita censurabile in c...leggi
17/04/2023

Serie A: la Juve regola il Verona, pari del Toro in casa del Sassuolo

  La Juventus regola a fatica il Verona e compie un altro deciso passo nella sua risalita in classifica, vedendo apparire all'orizzonte addirittura la zona Champions League. Il Torino si rimette in marcia e torna dalla trasferta in casa del Sassuolo con un punto raccogliendo forse meno di quanto seminato. Va in archivio all'insegna del moderato ottimismo la 28ª giornata di cam...leggi
04/04/2023

Serie A: alla Juve il derby d'Italia, Toro travolto dal ciclone Napoli

Il ciclone Napoli travolge un Toro che, oltre alla generosità, poco altro ha potuto mettere in campo per cercare di contrastare la spettacolare corazzata partenopea. La Juve, finalmente concreta e convincente, si aggiudica con merito un derby d'Italia al solito carico di veleni e prosegue nella sua risalita preparandosi ad un finale di stagione da cuori forti. Anche l'ultimo tur...leggi
21/03/2023

Serie A: la Juve regola la Samp, il Toro sbanca Lecce

Un Toro concreto, cinico e dalla forte personalità impiega tre minuti per mettere in ghiaccio la vittoria di Lecce, poi controlla con lucidità una gara divenuta sempre più spigolosa e torna dal Salento con tre punti preziosi e una ritrovata continuità di prestazione. Una Juve schizofrenica fa, disfa e va sulle montagne russe contro il fanalino di coda Sampdoria, gene...leggi
13/03/2023

Serie A: il Toro torna alla vittoria con il Bologna, Juve ko a Roma

La Juventus cade nella trappola tattica tesa da Mourinho, sbatte contro tre pali e torna a casa dalla trasferta romana a mani vuote, con la spiacevole sensazione di aver sprecato un'occasione. Il Torino si mette alle spalle la delusione del derby, fornisce una prova all'insegna della solidità e della concretezza, regola di misura un Bologna molto temuto alla vigilia e ritrova la vittoria...leggi
07/03/2023

Derby della Mole: la Juve regola il Toro nella ripresa

Un derby fiammeggiante, uno dei più intensi, combattuti ed emozionanti degli ultimi anni, va in rimonta alla Juve mai doma, capace di rimontare per due volte lo svantaggio e di fare emergere alla distanza le sue qualità superiori. Il Torino per tre quarti di gara tiene testa ai rivali, gioca alla pari facendo per lunghi tratti la partita, ma cala fatalmente nel finale qua...leggi
01/03/2023

Serie A: la Juve scavalca in classifica il Toro in attesa del derby

  Prestazioni speculari (solo un tempo all'altezza) e diametralmente opposte nell'esito finale per le due rappresentanti del calcio sotto la Mole in un ventitreesimo turno di campionato dal sapore agrodolce. La Juventus, pur faticando oltre misura, passa a La Spezia compiendo un altro passo della sua irta scalata verso le posizioni che contano, mentre il Torino prima si illude, poi...leggi
21/02/2023


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,04264 secondi