Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


Serie A: tris della Juve alla Lazio, il Toro sfiora l'impresa a Roma

 

Il Torino sfiora l'impresa a Roma e torna dall'Olimpico con un punto che fa comunque classifica e morale. La migliore Juventus della stagione impartisce una lezione di tattica e di personalità alla Lazio, prosegue nella sua risalita e si insedia al terzo posto. Pende dal lato delle torinesi l'ago della bilancia nel doppio incrocio con le squadre capitoline che ha chiuso la prima fase del campionato per lasciare spazio al Mondiale in Qatar.

Ad aprire le danze nel pomeriggio i granata, che rendevano visita ai giallorossi di Mourinho. In un contesto tattico caratterizzato da schieramenti speculari, mister Juric proponeva davanti a Milinkovic-Savic una difesa a tre imperniata su Djidji, Zima e Buongiorno, mentre sulle corsie esterne agivano Lazaro e Vojvoda, con quest'ultimo, in difficoltà, rilevato dopo mezz'ora da Singo. Convincente la prova nel settore nevralgico di Ricci e Linetty, premiato anche dalla rete del vantaggio torinista. Sul fronte offensivo il dinamismo dei trequartisti Miranchuk e Vlasic, unito alla presenza fisica del recuperato Sanabria, cercava di creare qualche grattacapo alla retroguardia di casa.

Era il Toro a mostrarsi più propositivo nella prima frazione, grazie alla solita pressione alta (favorita anche dall'incedere compassato dei romanisti) che sfociava però solo in velleitarie conclusioni dalla distanza. Sull'altro fronte i giallorossi crescevano nei minuti finali, senza però l'intensità e la lucidità necessarie a creare pericoli dalle parti di Milinkovic-Savic. L'emozione più grossa era rappresentata dal fallo di mani in area di Ricci sanzionato con il rigore poi negato dopo la revisione dell'arbitro con il VAR (il pallone era rimbalzato in precedenza su un'altra parte del corpo del giocatore granata).

In un avvio di ripresa più frizzante era il Toro ad incornare dopo dieci minuti grazie all'incursione di Linetty, che su assist di Singo staccava di testa in mezzo alle belle statuine della difesa romanista e portava in vantaggio i granata.

Rinfrancata dal gol, la squadra di Juric manteneva il controllo delle operazioni e si rendeva ancora pericolosa con Sanabria e Vlasic. Il canovaccio tattico cambiava nell'ultimo quarto di gara, quando una Roma fino a quel momento impalpabile traeva nuovo vigore dagli innnesti di Dybala e del grande ex Belotti, schiacciando progressivamente gli ospiti nella loro metà campo. Milinkovic-Savic dava però sicurezza ai compagni di reparto e il Torino sembra riuscire a contenere con personalità la pressione avversaria.

Quando il colpaccio si profilava all'orizzonte, arrivava la beffa in un recupero vietato ai deboli di cuore. L'ingenuo Djidji contrastava fallosamente in area Dybala, Belotti si incaricava del tiro dal dischetto alla ricerca del gol del gol dell'ex, ma il palo gli ricacciava in gola l'urlo di gioia. Pochi minuti dopo il Toro riceveva un altro regalo dalla dea bendata, che faceva stampare sulla traversa la pennellata del fantasista argentino. La fortuna granata terminava in quell'istante, poiché il pallone giungeva a Matic, il cui tiro dal limite filtrava in una selva di gambe evitando la sconfitta alla Roma.

Il Torino chiudeva così la prima parte del campionato con un buon pareggio esterno venato però dal consueto filo di rammarico e una solida posizione di centro classifica con più punti rispetto alla stagione precedente, da migliorare a partire dal primo impegno dell'anno nuovo contro il Verona.

La recita di chiusura era affidata alla Juve, che indossava l'abito da sera e forniva di fronte alla Lazio la sua miglior prestazione stagionale, fatta di pragmatismo, cinismo, crescente personalità, fiducia nei propri mezzi e, per lunghi tratti della gara, anche di bel gioco.

Mister Allegri non si schiodava dall'efficacia del 3-5-2 rilanciando Gatti (in crescendo la sua prova dopo qualche titubanza iniziale) nella linea difensiva assieme al polivalente Danilo e all'imperioso Bremer. Polmoni, gamba e precisione sulle fasce per gli ispirati Kostic e Cuadrado, mentre in mezzo al campo Fagioli, Locatelli e Rabiot convincevano per qualità e quantità. Ben assortita la coppia offensiva Kean-Milik, che impallinava gli aquilotti biancocelesti esaltando la raggiunta maturità del prodotto del vivaio juventino e l'esperta praticità della sua spalla polacca.

Sotto il profilo tattico i bianconeri sorprendevano la squadra di Sarri partendo con pressing alto per inibirne le giocate con l'uscita in palleggio. I continui cambi di fronte alternati alle verticalizzazioni erano l'altra arma in più della Vecchia Signora, che dopo avere sfiorato la rete con Milik, Kean e Fagioli lasciava campo ai laziali chiudendo gli spazi e rendendo sterile il loro insistito possesso palla, che nella frazione iniziale produceva neppure un tiro nello specchio della porta difesa da Szczesny.

Al tramonto del primo tempo Madama giocava la carta del cinismo e della ripartenza: recupero palla di Rabiot su un indolente Milinkovic-Savic e lancio in profondità per Kean (nella fotografia di Eurosport la sua esultanza), il cui pallonetto d'autore mandava in estasi lo Stadium.

Il copione non cambiava in apertura di ripresa, quando la Juve batteva ancora il ferro caldo sull'asse del recupero palla seguito da ficcanti puntate in contropiede, come nell'azione del raddoppio di Kean dopo la non impeccabile respinta di Provedel sulla conclusione di Kostic.

A differenza del recente passato, la squadra di Allegri non arretrava il baricentro a difesa del doppio vantaggio, ma continuava a fare la partita alternando gestione della palla ad accelerazioni che creavano ancora brividi alla difesa biancoceleste. Positivi anche gli innesti del ritrovato e volitivo Chiesa e di Di Maria, mentre Sarri, nonostante il turbinio di sostituzioni, non riusciva a cambiare volto e marcia alla sua squadra. Da manuale l'azione che portava Milik a mettere la ciliegina sulla torta della brillante prestazione juventina, mentre solo nei minuti di recupero veniva concesso campo all'orgoglio della Lazio, con Szczesny insuperabile baluardo a blindare la sesta vittoria consecutiva senza subire reti.

La Juve andava così in vacanza con il sorpasso sui romani e il terzo posto in classifica (impensabile solo un paio di mesi fa), la consapevolezza di uno spirito di squadra ritrovato e la prospettiva, una volta recuperati gli infortunati, di potersi giocare nella seconda parte della stagione tutte le proprie carte almeno per la zona Champions League. Primo test di controprova il 4 gennaio in casa della Cremonese.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 15/11/2022
 

Altri articoli dalla provincia...



Serie A: vittorie per Torino e Juventus nel turno infrasettimanale

Un Toro solido e concreto archivia il passo falso di Bologna, pur non incantando regola all'inglese con un gol per tempo la fragile Sampdoria e si rimette in marcia. Massimo risultato con il minimo sforzo per la Juve, che subisce durante tutta la gara l'intensità e l'intraprendenza dell'indomito fanalino di coda Verona, ma fa quad...leggi
11/11/2022

Serie A: la Juve castiga l'Inter, il Toro fa il passo del gambero

  Torino che fa il passo del gambero, ricade in difetti antichi, si fa rimontare a Bologna e interrompe la striscia di risultati positivi. Juventus finalmente umile e concreta che sfata il tabù degli scontri diretti dopo il ritorno in panchina di Allegri e grazie ad una ripresa in crescendo castiga l'Inter riportandosi nelle posizioni di classifica che contano. Rappresentant...leggi
07/11/2022

Serie A: ancora un bottino pieno per le squadre torinesi

  Nicolò Fagioli si traveste da maghetto e regala alla Juve tre punti in coda ad una gara sofferta ma disputata in crescendo, dove i giovani hanno portato quella ventata di freschezza e spregiudicatezza troppo spesso mancate in questo inizio di stagione. Il Toro ritrova una prestazione da Vecchio Cuore Granata, fa vedere le streghe al Diavolo e confeziona al Milan uno scherz...leggi
31/10/2022

Serie A: 2° successo di fila per la Juve, il Toro sbanca Udine

  La Juventus dà continuità ai risultati, travolge l'Empoli senza eccessiva fatica e mette in mostra qualche progresso sul piano del gioco, della determinazione e della mentalità, proseguendo nel suo percorso di risalita. A Udine il Torino riassapora la vittori...leggi
25/10/2022

Serie A: la zampata di Vlahovic decide il derby della Mole

                      Un derby caratterizzato più dalla paura di perdere che dalla voglia di vincere va alla Juventus grazie ad una zampata di Vlahovic ad un quarto d'ora dalla fine, che fa sorbire un brodino ricostituente ai convalescenti biancon...leggi
17/10/2022

Ancora un weekend amaro per le formazioni torinesi di serie A

La Juventus parte bene poi, secondo un copione diventato ormai triste consuetudine, si scioglie come neve al sole alle prime difficoltà e incassa dal Milan una sconfitta più dura di quanto dica il punteggio finale. Anche il Torino tiene fede al canovaccio mostrato in quest'inizio di stagione: assalta l'Empoli, sfiora il gol in più o...leggi
10/10/2022

Serie A: la Juve regola il Bologna, il Toro cade a Napoli

Troppo Napoli per un Torino che, travolto nella prima frazione, non riesce a rialzarsi e incassa la terza sconfitta consecutiva, mentre la convalescente Juventus ritrova il successo e qualche nota positiva regolando senza patemi l'arrendevole Bologna. Rappresentanti del calcio sotto la Mole sempre in altalena anche dopo l'ottava giornata di campionato. Erano i granata ad aprire...leggi
03/10/2022

Turno di campionato horribilis per Torino e Juventus

Un Toro dalle pile scariche viene incartato e beffato all'ultimo respiro dal pratico Sassuolo, mentre la Juve in caduta libera colleziona una figuraccia storica a Monza portando in dono alla matricola brianzola l'omaggio di benvenuto della prima vittoria in serie A. Notte fonda per le due rappresentanti del calcio sotto la Mole dopo la s...leggi
19/09/2022

Beffe finali per Torino e Juventus nel 6° turno di serie A

Il Torino prima contiene, poi spaventa l'Inter salvata solo da uno strepitoso Handanovic, ma, come ormai malaugurata consuetudine contro le "grandi", finisce per cadere in vista del traguardo ed esce da San Siro con tanti, inutili applausi e il grosso rammarico di non avere ancora una volta messo punti in tasca. Una Juventus sempre più dai due volti vive un primo tempo da incubo ...leggi
13/09/2022

Serie A: il Toro supera il Lecce, la Juve bloccata sul pari a Firenze

Una Juventus sempre più enigmatica torna da Firenze con uno striminzito punticino e tanti, troppi punti interrogativi. Il Torino si rimette in marcia, regola di misura con buona personalità il tignoso Lecce e sorpassa di nuovo i "cugini" in classifica. Continua l'altalena delle due rappresentanti del calcio sotto la Mole anche dopo la quinta giornata di campionato. ...leggi
06/09/2022

Serie A: Juve all'inglese con lo Spezia, a Bergamo primo ko del Toro

La Juventus non brilla, soffre, ma almeno centra i tre punti contro lo Spezia e rientra nel gruppone di vertice. Il Torino non sfigura ma, vittima delle proprie ingnuità e della mancanza di concretezza, fallisce l'esame di maturità in casa dell'Atalanta, concedendo agli orobici il lusso di affiancare la Roma al comando della classifica. Rappresentanti del calcio sotto la ...leggi
02/09/2022

Serie A: il Toro assapora la vetta, frena ancora la Juve

E' il Torino a detenere a sorpresa la supremazia del calcio sotto la Mole dopo la terza giornata di campionato inserendosi con pieno merito nel gruppetto al vertice della classifica, mentre la Juventus inanella il secondo mezzo passo falso consecutivo proseguendo nel suo avvio di stagione all'insegna dei rimpianti. Sale sempre più alla ribalta il gruppo di Juric, concreto e dete...leggi
29/08/2022

Le torinesi vanno in bianco nel secondo turno di serie A

  Un Toro bello ma spuntato riesce comunque ad imbrigliare la temuta Lazio continuando a muovere la classifica. La Juve galleggia e nulla più nelle acque di fronte alla Lanterna e finisce per fare il passo del gambero in casa della Sampdoria. Vanno in bianco le due rappresentanti del calcio sotto la Mole in una seconda giornata di campionato con troppe ombre e rari sprazzi d...leggi
24/08/2022

Juve e Toro chiudono il campionato con due meste sconfitte

Il campionato delle due rappresentanti del calcio sotto la Mole va in archivio con un paio di pesanti (per quanto ininfluenti) sconfitte, ultimo indice, se ancora ci fosse stato bisogno di conferme, di una stagione mediocre caratterizzata da troppe ombre e qualche sporadico bagliore, soprattutto da parte granata. Anche nella recita conclusiva davanti al proprio pubblico, la squ...leggi
23/05/2022

Il Toro sbanca Verona, la Juve celebra gli addii di Chiellini e Dybala

Mister Juric conduce il Toro a fare il colpaccio dell'ex nell'amata Verona. La Juve, ormai svuotata e svagata, dapprima perde in maniera rocambolesca la finale di Coppa Italia al termine di una partita che ha rappresentato la sintesi di tutte le carenze e gli errori stagionali, quindi rovina la festa d'addio di Chiellini e Dybala facendosi rimo...leggi
17/05/2022


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,03438 secondi