Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


Serie A: pari della Juve a Bologna, il Toro ko di misura

Un Torino gagliardo tiene testa all'Atalanta ma paga cari gli episodi e vede sfuggire via la Dea nel finale rimanendo a bocca asciutta. La Juventus, sempre più indecifrabile, dà qualche segnale di risveglio ma sconta tutti i suoi limiti attuali e torna da Bologna con una pareggio che ha le sembianze dell'occasione sprecata, chiudendo alla meno peggio una settimana nera. Poche le soddisfazioni per le rappresentanti del calcio sotto la Mole anche dopo la 32ª giornata di serie A.

Nell'anticipo del sabato sera i granata affrontavano a viso aperto la squadra di Gasperini con atteggiamento tattico speculare e non disdegnando di mettere la contesa sul piano dei duelli individuali. Da tali premesse scaturiva un incontro intenso sul piano fisico quanto bloccato sotto il profilo tattico, specie nella prima frazione, piuttosto avara di occasioni da rete.

Se il reparto arretrato torinista con Djidji, Schuurs e Buongiorno, quest'ultimo efficace anche in fase propositiva, riusciva a contenere le sgroppate del temuto Hojlund supportato da Koopmeiners e Pasalic, al pari di Ilic e Linetty nel settore nevralgico di fronte a De Roon ed Ederson, la compagine di Juric pagava dazio sulle corsie esterne, in particolare a destra, dove Lazaro andava in costante difficoltà contro lo spumeggiante Zappacosta, mentre Rodriguez aveva il suo da fare ad arginare le incursioni di Maehle. Sulla trequarti non convinceva Karamoh, preferito a Vlasic per rimpiazzare l'infortunato Radonjic e sostituito dal fantasista croato ad inizio ripresa. Miranchuk dal canto su cercava di svariare per imbeccare Sanabria, che al ruolo di terminale offensivo alternava ripiegamenti utili a cucire il gioco e a favorire gli inserimenti offensivi dei compagni.

Il Toro scontava però la sua sterilità offensiva e le difficoltà nel confezionare l'ultimo passaggio per mettere i propri giocatori davanti a Sportiello e così era la galoppata dell'ex di turno Zappacosta, imprendibile per Lazaro, a rompere l'equilibrio al tramonto del primo tempo complice l'errato piazzamento di Milinkovic-Savic.

L'ingresso di Vlasic dava più imprevedibilità ed incisività alle iniziative granata in apertura di ripresa, mentre i restanti cambi "ruolo per ruolo" servivano a Juric per mettere energie fresche in campo, senza però riuscire a portare l'inerzia del confronto sul versante granata. Era invece Gasperini a pescare il jolly con le sostituzioni, esaltando le ficcanti verticalizzazioni di rimessa nerazzurre grazie agli innesti di Boga e Zapata, che si riveleranno decisivi.

Ad un quarto d'ora dal termine, come un lampo, il pareggio granata scaturito dalla rapacità da bomber vero di Sanabria, abile a ribadire in rete la fiondata di Miranchuk respinta da Sportiello. Riequilibrato il risultato la squadra di Juric gestiva senza particolari affanni la situazione, ma quando un punto prezioso sembrava ormai in tasca doveva arrendersi al terzo lampo della serata, ovvero la strepitosa dimostrazione di potenza e determinazione con cui Zapata inventava il gol che regalava il successo agli orobici.

Smaltita la delusione per la sconfitta, ma sempre più consapevoli dei propri mezzi data la qualità della prestazione offerta, i granata si ritufferanno nel clima campionato già mercoledì, quando affronteranno a Marassi il fanalino di coda Sampdoria nell'ultimo turno infrasettimanale della stagione.

Dopo essersi consegnata all'Inter con un inspiegabile atteggiamento remissivo nella semifinale di ritorno di Coppa Italia, la Juventus viveva a Bologna un'altra serata sulle montagne russe, facendo intravedere qualche segnale di ripresa ma evidenziando allo stesso tempo i limiti, soprattutto caratteriali, che ne hanno condizionato tutta la stagione.

Nella circostanza Allegri optava per un più propositivo 4-3-3 "duttile", con Cuadrado, Gatti, Danilo ed Alex Sandro sulla linea difensiva; Fagioli, Locatelli e Rabiot a centrocampo; Chiesa, Milik e Kostic in avanti, trasformato spesso in 3-5-2 in fase di ripiegamento con il posizionamento come "quinti" sugli esterni di Cuadrado e Kostic.

L'avvio era tuttavia in salita a causa del rigore del vantaggio rossoblu decretato dal VAR a distanza (monitor di campo non funzionante) per il contatto fra Danilo ed Orsolini e viziato in partenza dell'azione da una spinta dell'esterno felsineo ad Alex Sandro.

A differenza delle precedenti uscite, la Juve reagiva con carattere e riusciva finalmente a dare efficacia alla sua manovra grazie alle verticalizzazioni che premiavano gli inserimenti delle mezze ali, favoriti dal movimento ad "allargare" degli attaccanti esterni.

I bianconeri peccavano però di eccessiva titubanza e scarsa "cattiveria" agonistica in fase conclusiva e permettevano ad uno Skorupski in serata di grazia di esaltarsi su Fagioli e di neutralizzare con irrisoria facilità il rigore (di nuovo concesso da remoto dal VAR) calciato in maniera grottesca da Milik, mentre sull'altro fronte Barrow risultava una vera e propria spina nel fianco della non impeccabile retroguardia juventina.

Dopo l'intervallo la Vecchia Signora pativa ancora la vitalità della squadra di Thiago Motta, poi Allegri, con la mossa della disperazione, gettava in campo la "linea verde" e soprattutto l'innesto di Iling-Junior dava la scossa cambiando volto alla prestazione dei bianconeri. Le incursioni sulla sinistra del talento inglese fruttavano la rete del meritato pareggio di Milik (nella foto di Eurosport, la sua esultanza dopo il gol), facevano correre un brivido a Skorupski e confezionavano il traversone sui cui sviluppi Soulé (rivedibile il suo apporto) calciava incredibilmente in curva nel finale.

L'atteggiamento più spregiudicato di Madama lasciava però spazio alle ficcanti ripartenze dei petroniani, ma per sua fortuna la ripresa si trasformava su ambo i fronti in una saga degli errori, con Posch, Zirkzee ed Aebischer che graziavano Szczesny, provvidenziale nel recupero su Cambiaso.

Il triplice fischio consentiva alla Juve di interrompere la serie di sconfitte consecutive, lasciandole al contempo l'amaro in bocca per non essere tornata alla vittoria in una gara alla portata che le avrebbe consentito di scavalcare la Lazio insediandosi sulla piazza d'onore in classifica. Fondamentale per proseguire la corsa alla Champions League, in attesa di nuove eventuali penalizzazioni da parte della giustizia sportiva, fare bottino pieno nella partita casalinga di mercoledì contro il Lecce.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 01/05/2023
 

Altri articoli dalla provincia...



Serie A: ultima di campionato agrodolce per le squadre torinesi

Il Torino fa quasi da sparring partner all'Inter ormai proiettata alla finale di Champions League, tiene testa ai rivali ma paga una distrazione difensiva e la scarsa incisività in fase realizzativa (complici le parate dei portieri avversari), chiudendo la stagione con una sconfitta che gli impedisce di agganciare l'ottavo posto, ...leggi
05/06/2023


Serie A: pari del Toro contro la Fiorentina, crollo Juve ad Empoli

Un Torino di piccolo cabotaggio intasca un punto contro la Fiorentina e si avvia verso un tranquillo finale di campionato privo però di stimoli e obiettivi particolari. La Juventus incappa in una settimana che definire nera sarebbe un eufemismo e crolla ad Empoli sotto il peso degli eventi. Le rappresentanti del calcio sotto la Mole zoppicano nel confronto incrociato con le tosc...leggi
23/05/2023

Serie A: Toro da record in trasferta, la Juve regola la Cremonese

                    Il Torino conferma la sua recente vocazione di squadra da trasferta cogliendo a Verona la sua quarta vittoria nelle ultime cinque esibizioni lontano dalle mura amiche al termine di una gara dominata ed in cui ha raccolto addirittura meno di quanto...leggi
15/05/2023


Vittorie per Juve e Toro nel turno infrasettimanale di serie A

                    La Juventus prima sprinta, poi ondeggia e soffre più del dovuto, ma alla fine piega il mai domo Lecce e centra l'obiettivo di tornare alla vittoria. Il Torino passeggia sui resti della Sampdoria, svolge al meglio il proprio compito senza da...leggi
05/05/2023


Ancora delusioni per le squadre torinesi in serie A

Un Toro dai due volti sbaglia l'approccio alla partita, è costretto ad inseguire, poi cambia passo, agguanta la Salernitana e sfiora il successo, ma deve ancora una volta rimandare l'appuntamento con la vittoria. Una Juve abulica e priva di nerbo, apparsa svuotata mentalmente e fisicamente dopo le fatiche e le emozioni di Europa League, mette in scena una recita censurabile in c...leggi
17/04/2023

Serie A: torinesi ko nel doppio confronto contro le romane

Le romane fanno la voce grossa, ribadiscono il loro ritrovato ruolo capitale e per le paladine del calcio sotto la Mole il sabato di campionato prepasquale diventa di passione. Toro e Juve escono a bocca asciutta dal confronto incrociato con Roma e Lazio e devono frenare la rincorsa ai rispettivi obiettivi stagionali. ...leggi
11/04/2023

Serie A: la Juve regola il Verona, pari del Toro in casa del Sassuolo

  La Juventus regola a fatica il Verona e compie un altro deciso passo nella sua risalita in classifica, vedendo apparire all'orizzonte addirittura la zona Champions League. Il Torino si rimette in marcia e torna dalla trasferta in casa del Sassuolo con un punto raccogliendo forse meno di quanto seminato. Va in archivio all'insegna del moderato ottimismo la 28ª giornata di cam...leggi
04/04/2023

Serie A: alla Juve il derby d'Italia, Toro travolto dal ciclone Napoli

Il ciclone Napoli travolge un Toro che, oltre alla generosità, poco altro ha potuto mettere in campo per cercare di contrastare la spettacolare corazzata partenopea. La Juve, finalmente concreta e convincente, si aggiudica con merito un derby d'Italia al solito carico di veleni e prosegue nella sua risalita preparandosi ad un finale di stagione da cuori forti. Anche l'ultimo tur...leggi
21/03/2023

Serie A: la Juve regola la Samp, il Toro sbanca Lecce

Un Toro concreto, cinico e dalla forte personalità impiega tre minuti per mettere in ghiaccio la vittoria di Lecce, poi controlla con lucidità una gara divenuta sempre più spigolosa e torna dal Salento con tre punti preziosi e una ritrovata continuità di prestazione. Una Juve schizofrenica fa, disfa e va sulle montagne russe contro il fanalino di coda Sampdoria, gene...leggi
13/03/2023

Serie A: il Toro torna alla vittoria con il Bologna, Juve ko a Roma

La Juventus cade nella trappola tattica tesa da Mourinho, sbatte contro tre pali e torna a casa dalla trasferta romana a mani vuote, con la spiacevole sensazione di aver sprecato un'occasione. Il Torino si mette alle spalle la delusione del derby, fornisce una prova all'insegna della solidità e della concretezza, regola di misura un Bologna molto temuto alla vigilia e ritrova la vittoria...leggi
07/03/2023

Derby della Mole: la Juve regola il Toro nella ripresa

Un derby fiammeggiante, uno dei più intensi, combattuti ed emozionanti degli ultimi anni, va in rimonta alla Juve mai doma, capace di rimontare per due volte lo svantaggio e di fare emergere alla distanza le sue qualità superiori. Il Torino per tre quarti di gara tiene testa ai rivali, gioca alla pari facendo per lunghi tratti la partita, ma cala fatalmente nel finale qua...leggi
01/03/2023

Serie A: la Juve scavalca in classifica il Toro in attesa del derby

  Prestazioni speculari (solo un tempo all'altezza) e diametralmente opposte nell'esito finale per le due rappresentanti del calcio sotto la Mole in un ventitreesimo turno di campionato dal sapore agrodolce. La Juventus, pur faticando oltre misura, passa a La Spezia compiendo un altro passo della sua irta scalata verso le posizioni che contano, mentre il Torino prima si illude, poi...leggi
21/02/2023


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,03949 secondi