Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


La Juve vince il derby ma dal Toro arrivano segnali di risveglio

 

Un Sirigu in forma strepitosa tiene a galla sino al termine il Toro, ma una Juve concentrata e “sul pezzo” piazza la zampata vincente facendo valere con cinismo la maggiore caratura e fa suo un derby spigoloso, “sporco”, ma allo stesso tempo vibrante e dalle immancabili polemiche secondo tradizione (fotografia: sito ufficiale Torino F.C.).

Nella stracittadina i granata hanno mostrato di avere ritrovato il carattere, sfoderando una partenza nel segno del “tremendismo” di arpiniana memoria, che ha per una buona mezz'ora sorpreso e messo in crisi i bianconeri. Ritmo incalzante, pressing, determinazione su ogni pallone e attenta chiusura degli spazi con ricerca delle ripartenze le armi della squadra di Mazzarri, che ha irretito il gioco degli uomini di Sarri, il cui approccio alla gara, soprattutto conoscendo la prevedibile partenza a razzo che avrebbero proposto gli avversari, non ha convinto ed è apparso ancora una volta presuntuoso.

Pecca fatale ai torinisti, al di là dell'episodio incriminato in area juventina (madre di tutte le polemiche) di cui si tratterà in seguito, l'ormai cronica impalpabilità offensiva, con il solo encomiabile capitan Belotti a reggere il peso dell'attacco, svariando anche sulle fasce dove a turno creava grattacapi agli “improvvisati” esterni Cuadrado e De Sciglio. Non pervenuti Verdi prima, Zaza poi e l'imberbe Millico nel finale; evaporati alla distanza Aina e Ansaldi; centrocampo di sostanza, ma di fosforo e creatività scarsi. Troppo poco un tiro dalla distanza di Rincon, l'enorme occasione divorata da Meité e l'orgogliosa serpentina di Ansaldi sventata d'istinto da un provvidenziale Szczesny, per sperare di uscire indenni dal campo.

Passato lo spavento e serrate le fila (reparto arretrato finalmente solido), la Juve, pur lontana dalle sue serate migliori, riprendeva a carburare nonostante un centrocampo farraginoso e poco illuminato ed un attacco in cui gli spunti di Dybala non erano sufficienti a compensare il mancato apporto di un sempre opaco Bernardeschi e di un evanescente Ronaldo, tra i peggiori in campo. In soccorso di Madama venivano però i suoi campioni, che a gioco lungo facevano la differenza. Prima dell'intervallo Sirigu doveva superarsi su Dybala, Bonucci e De Ligt, che faceva le prove generali del gol; nella ripresa il portoghese faceva suonare un altro campanello d'allarme in casa granata e l'ingresso di Higuain (al momento l'elemento imprescindibile del settore avanzato bianconero) dava la scossa esaltando prima il portiere avversario nell'azione più bella della partita, poi servendo all'olandesino l'assist per il colpo decisivo.

Fiaccato nel morale dalla rete incassata, al Toro non rimaneva che l'orgoglio per cercare di riequilibrare la situazione negli ultimi venti minuti, ma il muro della ritrovata convinzione bianconera nei propri mezzi era invalicabile e Sirigu doveva fare gli straordinari su Ramsey per non rendere ancora più amara la sconfitta. Analizzata la gara, riavvolgiamo il nastro e torniamo per alcune doverose considerazioni sul mani in area juventina di De Ligt dopo dieci minuti, che se sanzionato avrebbe forse cambiato il corso degli eventi. Inutile stare a disquisire se fosse o meno calcio di rigore: le due tifoserie resteranno sempre ferme sulla proprie opposte posizioni, si può solo prendere atto (malgrado o di buon grado, a seconda che si indossino occhiali a tinte granata o bianconere) della decisione presa sul campo dall'arbitro e avallata dal VAR.

Quello che lascia interdetti è come i quattro episodi analoghi capitati allo “sfortunato” difensore juventino nel giro di un mese siano stati valutati in due occasioni in una maniera (rigore contro Inter e Lecce) e in altre due in modo opposto (nessuna sanzione contro Bologna e Torino), indice di una casistica regolamentare troppo articolata e complessa, non univoca, che lascia ancora ampi margini di interpretazione al direttore di gara e ai suoi assistenti video, col rischio di scontentare tutti accendendo animi e polemiche che spesso sfociano in stucchevoli accuse al “sistema” e al differente “peso politico” dei vari club.

A tal proposito urge un chiarimento fra i vertici arbitrali e le altre componenti del calcio per una ridefinizione più lineare del protocollo VAR, pur tenendo conto che l'unico organismo deputato a modificare le regole del calcio è l'International Board. Ridefinizione, si badi bene, non drastica semplificazione con introduzione della regola per cui qualsiasi tocco di mani di un difensore nella propria area causerebbe il rigore, così come accade già ora con l'annullamento di ogni rete viziata da un fallo di mani, volontario o involontario che sia. In tal caso le partite diventerebbero un luna park con svariati tiri dagli undici metri e punteggi tennistici. In mancanza di sviluppi del regolamento non resterebbe altro che accettare che dietro ad ogni decisione dell'arbitro ci sta sempre un uomo, sia esso col fischietto in campo o davanti al video del VAR, con la propria soggettiva interpretazione dei fatti e del regolamento e la possibilità di commettere, non in maniera fraudolenta, degli errori.

Chiosa finale per il futuro prossimo delle due squadre torinesi. La Juve, conservata un'altra volta a fatica la vetta della classifica, dovrà concentrarsi sul rendere sempre più granitica la retroguardia e sul mettere a frutto il suo enorme potenziale offensivo, di modo da azzannare e chiudere le partite non lasciandole aperte fino ai minuti di recupero. Il Toro, dal canto suo, dovrà ripartire dalla bella prestazione caratteriale mostrata contro i “cugini”, non continuare ad attaccarsi agli episodi per giustificare i passi falsi e lavorare sodo per essere più incisivo e concreto in zona gol, con l'obiettivo di tornare presto a fare punti e risalire posizioni in classifica.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 04/11/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



Il Torino risorge a Brescia, la Juventus supera a fatica il Milan

Il Toro rialza la cresta trascinato dal “gallo” Belotti (fotografia: www.torinofc.it), la Juve mantiene la vetta della classifica con la “solita” vittoria di misura che scaccia anche i “mal di pancia” di un indisponente Cristiano Ronaldo. Le due torinesi fanno il pieno e vanno alla sosta per le nazionali rinfrancate e in linea di galleggiame...leggi
11/11/2019


Due deludenti pareggi per Juventus e Torino

Juventus leziosa e sciupona che conserva il primato in classifica solo grazie alle contemporanee frenate degli avversari (vittime delle scorie di Champions League come i bianconeri) e Torino convalescente ancora autore di un'enigmatica gara dai due volti. Il turno di campionato prologo di un'intensa settimana che sfocerà nel derby della Mole ha regalato poche soddisfazioni sulle...leggi
28/10/2019

La Juve vince a fatica col Bologna, il Toro scivola a Udine

  Una Juve ancora incompiuta viene trascinata dalla vecchia guardia e mantiene la testa della classifica, mentre il Toro fornisce un'altra prestazione a due facce e cade a Udine in un turno di ripresa del campionato dopo la sosta per le nazionali caratterizzato da alti e bassi per le due squadre della Mole. ...leggi
21/10/2019

Alla Juve il derby d'Italia, il Toro ingabbia il Napoli

  La Juve di Sarri dà una lezione di gioco e di tattica all'Inter di Conte, si riprende la vetta della graduatoria e certifica che il divario tra sé e le rivali è ancora consistente. Il Toro ingabbia il Napoli, tiene testa ai più quotati rivali e strappa un punto meritato, suggellato da un finale in cresce...leggi
07/10/2019

La Juve regola la Spal, il Toro sulle montagne russe a Parma

  Juventus quasi a regime che scalda i motori in vista delle prime prove della verità stagionali, Torino coraggioso, distratto e sfortunato che ruzzola a terra dopo le montagne russe di Parma. Indicazioni contrastanti per le due torinesi dopo una sesta giornata di campionato...leggi
30/09/2019

Il Toro batte il Milan, la Juve ritrova il sereno a Brescia

  Resurrezione Toro e ampi squarci di sereno nel cielo della Juve. Ha riservato emozioni vietate ai deboli di cuore il turno infrasettimanale di campionato, al termine del quale i bianconeri restano nella scia dell'Inter capolista, mentre i granata salgono di nuovo nei quartieri al...leggi
26/09/2019

La Juve vince a fatica col Verona, Toro in affanno

Juve in versione Diogene ancora alla ricerca di se stessa, Toro bloccato e in regresso che fallisce un'altra prova di maturità. L'inizio d'autunno è grigio per il calcio sotto la Mole. Sul fronte bianconero, archiviata con discreto travaso di bile la scellerata serata di Madrid, in cui gli uomini di Sarri hanno gettato al vento a causa delle solite insicurezze difensive s...leggi
23/09/2019

Terza giornata di campionato deludente per Juve e Toro

  Il Toro torna con piedi per terra. Juve, nebbia fitta. Terza giornata di campionato all'insegna dell'amarezza per le due squadre della Mole, dove sembra essersi spenta la luce, con la corsa in vetta che subisce una brusca frenata e lascia l'Inter sola a guardare tutti dall'alto....leggi
16/09/2019

Botte ad Alpignano, fair play Vianney

  Vianney-Mirafiori, Allievi Fascia B, snodo cruciale per la qualificazione ai regionali. Il risultato è sul 2-2 quando a 5' dalla fine Meridda, del Vianney, fa partire un pallonetto beffardo che a prima vista fa urlare al gol. Quasi tutta la panchina del Vianney esulta e l'arbitro, Andrea Quaglia della sezione di Torino, indica il cerchio di centrocampo. Sarebbe stato il ...leggi
04/10/2015

Del tutto inadatti a goderci la Coppa

Evidentemente in Italia abbiamo un problema a organizzare, meglio valorizzare, una competizione come la Coppa Italia. Non importa quale sia la categoria: dalla Serie A alla Terza Categoria il minimo comune denominatore è l'incapacità di trovare la formula giusta per rendere avvincente un torneo invece vissuto (almeno fino alle semifinali) più come un impiccio che come una ...leggi
13/09/2015

Regole e giustizia, se il calcio è al contrario. Alpignano docet

Non lo scopriamo certo noi che le cose a volte vanno all'incontrario di come sarebbe normale aspettarsi. Il calcio, metafora per ogni occasione, anche alle nostre latitudini, offre conferme continue. L'ultima in ordine di tempo arriva dall'Eccellenza e precisamente da Alpignano. Come ogni anno, specie in questo periodo di inizio stagione, la segreteria della società biancoblù s...leggi
07/09/2015


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,05239 secondi