Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


Terza giornata di campionato deludente per Juve e Toro

 

Il Toro torna con piedi per terra. Juve, nebbia fitta. Terza giornata di campionato all'insegna dell'amarezza per le due squadre della Mole, dove sembra essersi spenta la luce, con la corsa in vetta che subisce una brusca frenata e lascia l'Inter sola a guardare tutti dall'alto.

Iniziamo dal rocambolesco posticipo del lunedì, che ha visto i granata inciampare a sorpresa tra le mura amiche di fronte al Lecce, insidiosa matricola cui lo zero in classifica prima del fischio d'avvio non rendeva merito al gioco finora espresso. Partenza troppo compassata quella della squadra di Mazzarri, i cui ritmi non elevati uniti al poco incisivo movimento del reparto offensivo favorivano l'opera di contenimento e rilancio dei pugliesi, che alla prima occasione utile castigavano con Farias la retroguardia torinista, apparsa, non solo nella circostanza del primo svantaggio, meno reattiva a concentrata di altre occasioni.

Sfuriata da cuore granata ad inizio ripresa sino al rigore del pareggio di Belotti, poi il Toro, in palese calo atletico, non riusciva più a ritrovare le energie fisiche e la lucidità mentale per fare sua la gara (anonimo l'esordio di Verdi) ed anzi subiva il gioco razionale e ficcante della sempre propositiva squadra di Liverani, che sfociava nella rete del nuovo sorpasso siglata da Mancosu (ingresso determinante assieme a quello di Babacar ed alle giocate del fantasista Falco) e in un finale di gara in assoluto controllo, dove i giallorossi sfioravano anche il terzo centro.

Sorretti dai nervi più che dalla testa gli ultimi assalti granata, sino al “giallo” in pieno recupero, quando l'arbitro Giua, nonostante un lunghissimo e titubante consulto con il VAR, non se la sentiva di indicare un'altra volta il dischetto per un placcaggio su Belotti sembrato molto più netto di quello subito da Zaza che aveva portato alla concessione del primo rigore, mettendo la parola fine alla partita. Archiviato il passo falso, la squadra di Mazzarri dovrà cercare di riprendere il cammino già dalla prossima delicata trasferta in casa della Sampdoria.

Capitolo Juventus. Terza partita consecutiva, su altrettante giornate di campionato disputate, in cui l'unica cosa buona è stato il risultato. Bianconeri irriconoscibili sia per l'anacronistica divisa da trasferta indossata, sia per la disarmante pochezza espressa in campo nella gara che dopo 560 giorni li ha visti perdere la vetta della classifica.

Di fronte ad una Fiorentina dinamica, determinata, generosa e animata dal consueto spirito di rivalsa, ma “spuntata”, impalpabile e colpevolmente imprecisa in fase conclusiva, i bianconeri hanno messo in scena il nulla; se avessero trovato sulla loro strada un avversario più fortunato e cinico saremmo ora a celebrare una clamorosa quanto meritata vittoria viola.

Difesa superficiale e imprecisa, a partire dagli svarioni di Szczesny, passando per le insicurezze di De Ligt solo in parte tamponate da Bonucci e il posizionamento spesso errato di Danilo e Alex Sandro, presi sovente in mezzo dagli avversari; centrocampo privo di idee e sovrastato sul ritmo da quello fiorentino (a quanto pare i giocatori di casa non hanno risentito, con buona pace di Sarri, degli oltre trenta gradi avvertiti sul rettangolo del “Franchi”); attacco assente e svogliato che ha vanificato, a differenza di quanto accaduto nel recente passato, anche le poche opportunità da rete avute.

Se su questo telaio di partenza già poco edificante si innestano i due nuovi infortuni muscolari occorsi a Douglas Costa e Pjanic, la condizione fisica ancora carente in quasi tutti gli effettivi e un'identità enigmatica e tutta da costruire (non è più la Juve “brutta e risultatista” di Allegri, ma neanche quella auspicata propositiva e “prestazionista” di Sarri), appare chiaro come l'insipido brodino sorbito a Firenze sia un punto guadagnato.

Il compito che attende il tecnico toscano a partire dalla trasferta di Champions di mercoledì si preannuncia arduo: la rosa, complici anche opinabili scelte di mercato, comincia a rivelarsi corta specie in alcuni reparti (forse questo potrebbe evitare al mister qualche spinoso dubbio nelle scelte), mentre gli scontenti da tenere a freno e gestire sembrano aumentare giorno dopo giorno. L'imperativo è ora quello di serrare le fila, perseguire una chiara linea tecnico-tattica e fare assimilare alla squadra il proprio “credo” calcistico in tempi possibilmente non biblici, nella speranza di non aver già dilapidato troppi punti (in Italia e in Europa) al momento di entrare in forma.

 

 

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 16/09/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



Turno negativo per le squadre torinesi di serie A

Torino con encefalogramma quasi piatto dopo il sussulto iniziale e Juventus da passo del gambero salvata dal solito esperto di make up Cristiano Ronaldo che ne maschera le rughe senza risolverne i problemi, in una seconda giornata di campionato che ha fruttato la miseria di un punto al calcio sotto la Mole.   Spumeggiante l'avvio dei granata contro l'Atalanta, in c...leggi
28/09/2020


Juve e Toro si congedano mestamente dalla serie A 2019-2020

Le due torinesi salutano il campionato in tono minore, con la Juventus che rimedia un'altra figuraccia rovinando la festa scudetto tra le mura amiche, mentre il Torino fa il minimo sindacale per tornare almeno imbattuto da Bologna e proiettarsi senza indugi verso la prossima stagione dopo essere stato una delle maggiori delusioni di questo torneo. ...leggi
03/08/2020

La Juve cade a Cagliari, un rimaneggiato Toro cede con onore alla Roma

  Lo scudetto appena conquistato non cancella i difetti e le lacune della Juventus, che non onora l'ennesimo titolo di campione d'Italia e a Cagliari va incontro ad una figuraccia francamente evitabile che non si addice ad una squadra di rango, mentre il Torino ha ormai staccato la spina e di fronte alla Roma stabilisce il record negativo di sconfitte a testimonianza di una stagion...leggi
30/07/2020

La Juve conquista il 9° scudetto consecutivo, il Toro è salvo

  La Juventus soffre ma alla fine riesce a tagliare il traguardo dello storico nono scudetto consecutivo chiudendo i conti con due giornate d'anticipo nel campionato più surreale mai vissuto dal calcio italiano, mentre il Torino conquista senza infamia e senza lode il punto necessario alla matematica salvezza e manda in archivio una stagione ...leggi
27/07/2020

Prezioso pari del Toro col Verona, la Juve cade a Udine

  Un Toro prima timido poi più aggressivo e convincente blocca il brillante Verona e fa un altro passo verso la tranquillità, mentre la Juve crolla clamorosamente ad Udine, manca il primo match point scudetto e lascia irrisolti gli interrogativi sulla propria personalità.   ...leggi
24/07/2020

La Juve supera la Lazio e si avvicina allo Scudetto, Toro ko a Firenze

  Un Toro troppo presto appagato e rilassato oltre misura torna vittima dei propri limiti e lascia campo libero alla Fiorentina non riuscendo a eguagliare i grandi del passato. La Juve ritrova la personalità per interpretare e gestire gli scontri decisivi, poi finisce di nuovo per specchiarsi in versione Narciso, ma alla fine riesce a regolare la Lazio e vede sempre pi&ugrav...leggi
21/07/2020

Pari pirotecnico della Juve col Sassuolo, il Toro ipoteca la salvezza

Juve sulle montagne russe in capo a una partita schizofrenica al termine della quale riesce ancora una volta a rimanere a galla avvicinandosi allo scudetto, Toro finalmente compatto, determinato e concreto, che sfodera una delle sue migliori prestazioni stagionali e manda in archivio il discorso salvezza.   ...leggi
17/07/2020

Per la Juve con l'Atalanta il pari è di rigore, Toro ko con l'Inter

Doppia salvezza dagli undici metri per la Juventus, mentre svanisce dopo l'intervallo l'illusione di un Torino tradito ancora una volta dalle proprie distrazioni ed ingenuità, in un turno di campionato al termine del quale le rappresentanti del calcio sotto la Mole devono sforzarsi di vedere il bicchiere mezzo pieno. ...leggi
14/07/2020

Black out Juve col Milan, il Toro ribalta il Brescia

All'8' del secondo tempo di Milan-Juventus il campionato era finito. Poi i bianconeri hanno scollegato la testa incassando una devastante rimonta che rimarrà negli annali e riapre, soprattutto per quanrto riguarda gli aspetti psicologici, la corsa scudetto. Il Torino dal canto suo ha dapprima rischiato di affondare contro il disperato Brescia, poi, trasci...leggi
10/07/2020

La Juventus passa nel derby della Mole e allunga in vetta

Gli occhi, come si sa, sono lo specchio dell'anima. E guardando, grazie alle puntuali scelte della regìa televisiva, le espressioni di bianconeri e granata prima, durante e dopo l'inconsueto derby di sabato scorso, il 200° in serie A e il primo disputato a porte chiuse, si trovano molte chiavi di lettu...leggi
06/07/2020

La Juve passa in casa del Genoa, il Toro ko di misura con la Lazio

Al Toro non bastano solo orgoglio e determinazione di fronte alla granitica Lazio, che anche aiutata dalla fortuna lascia i granata con un pugno di mosche in mano. La Vecchia Signora indossa uno sfavillante abito da sera, danza accompagnata dai suoi ballerini fuoriclasse, archivia con meno problemi del previsto la pratica Genoa replicando ai biancocelesti e mantiene immutate le distanze dai riv...leggi
01/07/2020

La Juve dilaga nella ripresa col Lecce, Toro ko a Cagliari

Una Juventus dai due volti fa ancora leva sulle qualità dei propri assi e dilaga nella ripresa contro un Lecce autolesionista tenendo a debita distanza le inseguitrici, mentre il Torino dalla personalità indecifrabile ed incostante affonda a Cagliari restando per ora tranquillo solo grazie ai risultati negativi delle concorrenti alla salvezza....leggi
29/06/2020

Ripresa di serie A favorevole a Torino e Juventus

Il Toro ritrova concretezza, sbaglia qualcosa di troppo, rischia, stringe i denti soffrendo e alla fine di due intense giornate sfiora il bottino pieno incamerando boccate d'ossigeno puro, vitali per la sua classifica. La Juve torna in carreggiata anche grazie ai guizzi dei suoi campioni che finalmente prendono l'iniziativa in fase conclusiva, archivia la pratica Bologna senza eccessivi patemi ...leggi
24/06/2020

La Juventus batte l'Inter nel derby d'Italia giocato a porte chiuse

Nella giornata più surreale del calcio italiano, che va avanti a porte chiuse nonostante gran parte del Paese si fermi per l'emergenza Coronavirus, la Juventus torna agli antichi splendori, spazza via per la seconda volta in stagione l'Inter ribadendo il divario di caratura ancora presente tra le due squadre e si riprende la testa della classifica. Una vera e propria lez...leggi
09/03/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,04636 secondi