Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


La Juve regola la Spal, il Toro sulle montagne russe a Parma

 

Juventus quasi a regime che scalda i motori in vista delle prime prove della verità stagionali, Torino coraggioso, distratto e sfortunato che ruzzola a terra dopo le montagne russe di Parma. Indicazioni contrastanti per le due torinesi dopo una sesta giornata di campionato dal sapore dolceamaro.

Sabato dai due volti quello della Juventus contro la Spal (nella foto di lospallino.com). Prima parte di gara soporifera, dai ritmi bassi, condizionati dal caldo di un pomeriggio ancora estivo e dall'atteggiamento di un avversario eccessivamente timoroso, che chiudeva tutti i varchi facendo leva su un prudente 3-5-2 studiato per contenere il più possibile i rivali ed affidarsi a estemporanee ripartenze offensive. Dal canto loro i bianconeri faticavano a ingranare le marce alte e a tratti davano l'impressione di voler giocare al gatto col topo senza forzare più di tanto manovre spesso accademiche, fiduciosi che presto o tardi il gol sarebbe arrivato. Nell'epilogo della prima frazione la squadra di Sarri cominciava a carburare, saliva di velocità aumentando i giri del motore e raccoglieva in extremis i frutti della propria superiorità con un altro gioiello di Pjanic, che superava la strenua resistenza di Berisha (alla fine il migliore in campo con almeno cinque parate decisive a far risultare “accettabile” il passivo dei ferraresi).

Dopo l'intervallo la Juve gettava la maschera e mostrava il suo volto più bello, complice anche la sfiducia che bloccava la squadra di Semplici, incapace di reagire nonostante i cambi di stampo più offensivo. La difesa, finalmente sicura, permetteva a Buffon di trascorrere un pomeriggio da spettatore non pagante, con la nota lieta di De Ligt, in costante crescendo e supportato dall'applicazione e dalla determinazione agonistica necessarie. Apprezzabile anche la prova dei terzini “inventati” Cuadrado e Matuidi, puntuali in chiusura come in fase di spinta, mentre in cabina di regia un sontuoso Pjanic, metronomo tutto fosforo e tecnica, orchestrava un fraseggio fluido e rapido che sfociava in improvvise verticalizzazioni (il verbo di Sarri comincia a fare proseliti) impreziosite dagli strappi in progressione di Dybala e dagli inserimenti di Ramsey (sempre efficace tra le linee) e Khedira. Opaco e spesso avulso dalla manovra, il solo Rabiot. In attacco Ronaldo, partendo sovente dalla sua preferita posizione defilata, ingaggiava un'egoistica battaglia con Berisha fino a vincerla ad una dozzina di minuti dal termine con il colpo di testa che mandava in archivio la pratica e permetteva ai bianconeri di proiettarsi verso un'altra settimana ad alta intensità.

Da martedì Bonucci e compagni saranno chiamati ad affrontare due prove della verità, cominciando dalla gara di Champions League con il Bayer Leverkusen, da vincere ad ogni costo per evitare spiacevoli intoppi nella corsa qualificazione, e chiudendo con in Derby d'Italia di domenica sera a San Siro contro l'Inter, in cui cercare di riaffermare la supremazia tricolore o quanto meno di non uscire a mani vuote dal campo, poiché un divario di cinque punti nei confronti della “Juve bis” traslata da Conte in nerazzurro potrebbe già diventare pesante da recuperare.

Partita pazza a Parma nel posticipo del lunedì sera, da cui il Toro esce con un pugno di mosche in mano. Granata distratti in difesa e subito sotto, infilati dalla combinazione in contropiede (specialità della casa fra i ducali) iniziata da Gervinho e finalizzata da Kulusevski. Pronta reazione ed immediato pareggio grazie all'inzuccata di Ansaldi che sorprende il frastornato Gagliolo, quindi buona personalità della squadra di Mazzarri, che tiene bene il campo sfruttando al meglio un duttile 3-4-1-2 ed imperversa sulle fasce laterali. Alla mezz'ora la chiave di volta della gara: ingenuità di Bremer, già ammonito, che oppone il gomito alto alla conclusione dell'ispirato Kulusevski e, dopo l'intervento del VAR, lascia i compagni in dieci con il pallone sul dischetto per la trasformazione del possibile nuovo vantaggio emiliano affidata a Gervinho.

Sirigu, ancora una volta in grande spolvero, lo ipnotizza, il Toro, seppur in inferiorità numerica, si ricompatta (due linee da quattro con Verdi a staccarsi per supportare Belotti in fase offensiva) e dieci minuti più tardi il VAR manda i granata dagli undici metri con il Gallo che non sbaglia per un clamoroso sorpasso. Il peccato di distrazione è però di nuovo dietro l'angolo ed in pieno recupero gioca il secondo brutto scherzo della serata agli ospiti, con Cornelius che, sfruttando ancora una verticalizzazione, riequilibra il risultato.

La ripresa è di pura sofferenza. A gioco lungo l'uomo in meno si fa sentire, il Parma prende campo con manovre avvolgenti, mentre il Torino fa il possibile per contenere con ordine. Sirigu lo tiene in vita in un paio di circostanze, la traversa respinge il colpo di testa di Hernani e sull'altro fronte Izzo viene stregato da Sepe. Quando i granata cominciano a vedere il miraggio di un punto prezioso al Tardini, la zampata del neo entrato Inglese castiga il rinvio non riuscito di Izzo su cross di Gervinho e il sogno sfuma nel crescente nervosismo finale che porta alle espulsioni dalla panchina di Frustalupi e Mazzarri.

Prossima tappa l'impegno casalingo contro il ritrovato Napoli di Ancelotti, quando non saranno più ammesse distrazioni e passaggi a vuoto e si dovrà fare leva sul proverbiale Cuore Toro per riprendere il cammino in classifica.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 30/09/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



La Juventus passa nel derby della Mole e allunga in vetta

Gli occhi, come si sa, sono lo specchio dell'anima. E guardando, grazie alle puntuali scelte della regìa televisiva, le espressioni di bianconeri e granata prima, durante e dopo l'inconsueto derby di sabato scorso, il 200° in serie A e il primo disputato a porte chiuse, si trovano molte chiavi di lettu...leggi
06/07/2020

La Juve passa in casa del Genoa, il Toro ko di misura con la Lazio

Al Toro non bastano solo orgoglio e determinazione di fronte alla granitica Lazio, che anche aiutata dalla fortuna lascia i granata con un pugno di mosche in mano. La Vecchia Signora indossa uno sfavillante abito da sera, danza accompagnata dai suoi ballerini fuoriclasse, archivia con meno problemi del previsto la pratica Genoa replicando ai biancocelesti e mantiene immutate le distanze dai riv...leggi
01/07/2020

La Juve dilaga nella ripresa col Lecce, Toro ko a Cagliari

Una Juventus dai due volti fa ancora leva sulle qualità dei propri assi e dilaga nella ripresa contro un Lecce autolesionista tenendo a debita distanza le inseguitrici, mentre il Torino dalla personalità indecifrabile ed incostante affonda a Cagliari restando per ora tranquillo solo grazie ai risultati negativi delle concorrenti alla salvezza....leggi
29/06/2020

Ripresa di serie A favorevole a Torino e Juventus

Il Toro ritrova concretezza, sbaglia qualcosa di troppo, rischia, stringe i denti soffrendo e alla fine di due intense giornate sfiora il bottino pieno incamerando boccate d'ossigeno puro, vitali per la sua classifica. La Juve torna in carreggiata anche grazie ai guizzi dei suoi campioni che finalmente prendono l'iniziativa in fase conclusiva, archivia la pratica Bologna senza eccessivi patemi ...leggi
24/06/2020

La Juventus batte l'Inter nel derby d'Italia giocato a porte chiuse

Nella giornata più surreale del calcio italiano, che va avanti a porte chiuse nonostante gran parte del Paese si fermi per l'emergenza Coronavirus, la Juventus torna agli antichi splendori, spazza via per la seconda volta in stagione l'Inter ribadendo il divario di caratura ancora presente tra le due squadre e si riprende la testa della classifica. Una vera e propria lez...leggi
09/03/2020

Toro, a Napoli arriva il 6° ko di fila. Rinviato il derby d'Italia

  Due minuti di fuoco, poi il Torino scivola senza dare segni di reazione verso l'ennesima sconfitta quasi annunciata di una stagione che sta assumendo i connotati dell'incubo, mentre la Juventus, dopo la sconcertante prestazione di Lione, viene bloccata tra mille polemiche dai rinvii anti Coronavirus decisi dalla Lega Serie A. Calcio torinese a singhiozzo a parti invertite in un w...leggi
02/03/2020

Alla Juve il testacoda con la Spal, il Toro bloccato dal Coronavirus

La Juventus esegue, non senza le ormai consuete difficoltà di troppo, il proprio compitino in casa del fanalino di coda Spal preparandosi per l'impegno di Champions League a Lione, mentre il Torino è costretto, a tre ore dal fischio d'inizio, a mettersi in pausa forzata per rispettare le misure di contenimento della diffusione del Coronavirus. Turno di campionato dimezzat...leggi
24/02/2020

La Juve supera il Brescia, ko di misura per il Toro in casa del Milan

La Juventus si rimette in carreggiata e ritorna a guardare tutti dall'alto approfittando del successo laziale in rimonta sui nerazzurri, mentre il Torino incassa una sconfitta (la quinta di fila) "onorevole" e quasi annunciata sul campo del Milan, proseguendo nel suo declino all'appare...leggi
17/02/2020

Turno di serie A con doppio scivolone per Juve e Toro

Due sconfitte in fotocopia, osservando l'andamento della partita, che aprono altrettante crisi sul fronte calcistico torinese. Sabato da tregenda per Torino e Juventus, che devono cominciare a porsi seri interrogativi sull'andamento della loro stagione e trovare molto in fretta una soluzione ai problemi che altrimenti rischiano di compromettere in maniera irreparabile le rispettive ann...leggi
10/02/2020

La Juve convince contro la Fiorentina, il Toro naufraga a Lecce

  La Juventus si rimette in marcia con una delle più convincenti prestazioni stagionali fra miglioramenti tattici e furiose quanto inutili polemiche avversarie, mentre un Torino in caduta libera tocca il fondo del baratro nell'ennesima domenica dai due volti per il calcio sotto la Mole. Pranzo corroborante in casa bianconera. Dopo la pessima figura di Napoli la squad...leggi
03/02/2020

Un turno disastroso per Juventus e Torino

Squadre torinesi inguardabili ed imbarazzanti (per usare un eufemismo) nella giornata di campionato più nera dall'avvio della stagione. Non esistono altri termini per descrivere l'umiliante 0-7 subìto dal Torino nel confronto casalingo con l'Atalanta e l'apatia condita di presunzione che ha accompagnato la sconcertante pres...leggi
27/01/2020

La Juve vince nel ricordo di Anastasi, Toro ribaltato dal Sassuolo

Dopo lo spumeggiante intermezzo di Coppa Italia contro l'Udinese la Juventus piega soffrendo più del dovuto un indomito Parma, approfitta del mezzo passo falso dell'Inter a Lecce (anche per Conte vale il detto "nessuno è profeta in patria") e dà vita al primo vero tentativo di fuga al comando del campionato, mentre i...leggi
20/01/2020

Juve campione d'inverno, Toro in scia alla zona Europa League

Domenica di sofferenza a lieto fine per Juventus e Torino, al termine della quale i bianconeri stringono in solitaria lo scettro di campioni d'inverno, mentre i granata tornano in piena zona Europa League. Per il calcio sotto la Mole non poteva chiudersi meglio il girone andata, con le squadre di Sarri e Mazzarri che doppiano la boa di metà stagione rilanciate a pieno titolo ver...leggi
13/01/2020


Supercoppa amara per la Juve, il Toro scivola in casa

  Dai gol siderali di Dybala e, soprattutto, Ronaldo che hanno permesso ai bianconeri di chiudere l'anno in vetta alla classifica, al weekend nero che ha portato un'abbondante fornitura di carbone, rimpianti e riflessioni sotto l'albero delle due torinesi per un Natale calcistico d...leggi
23/12/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,04486 secondi