Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


La Juve vince il derby ma dal Toro arrivano segnali di risveglio

 

Un Sirigu in forma strepitosa tiene a galla sino al termine il Toro, ma una Juve concentrata e “sul pezzo” piazza la zampata vincente facendo valere con cinismo la maggiore caratura e fa suo un derby spigoloso, “sporco”, ma allo stesso tempo vibrante e dalle immancabili polemiche secondo tradizione (fotografia: sito ufficiale Torino F.C.).

Nella stracittadina i granata hanno mostrato di avere ritrovato il carattere, sfoderando una partenza nel segno del “tremendismo” di arpiniana memoria, che ha per una buona mezz'ora sorpreso e messo in crisi i bianconeri. Ritmo incalzante, pressing, determinazione su ogni pallone e attenta chiusura degli spazi con ricerca delle ripartenze le armi della squadra di Mazzarri, che ha irretito il gioco degli uomini di Sarri, il cui approccio alla gara, soprattutto conoscendo la prevedibile partenza a razzo che avrebbero proposto gli avversari, non ha convinto ed è apparso ancora una volta presuntuoso.

Pecca fatale ai torinisti, al di là dell'episodio incriminato in area juventina (madre di tutte le polemiche) di cui si tratterà in seguito, l'ormai cronica impalpabilità offensiva, con il solo encomiabile capitan Belotti a reggere il peso dell'attacco, svariando anche sulle fasce dove a turno creava grattacapi agli “improvvisati” esterni Cuadrado e De Sciglio. Non pervenuti Verdi prima, Zaza poi e l'imberbe Millico nel finale; evaporati alla distanza Aina e Ansaldi; centrocampo di sostanza, ma di fosforo e creatività scarsi. Troppo poco un tiro dalla distanza di Rincon, l'enorme occasione divorata da Meité e l'orgogliosa serpentina di Ansaldi sventata d'istinto da un provvidenziale Szczesny, per sperare di uscire indenni dal campo.

Passato lo spavento e serrate le fila (reparto arretrato finalmente solido), la Juve, pur lontana dalle sue serate migliori, riprendeva a carburare nonostante un centrocampo farraginoso e poco illuminato ed un attacco in cui gli spunti di Dybala non erano sufficienti a compensare il mancato apporto di un sempre opaco Bernardeschi e di un evanescente Ronaldo, tra i peggiori in campo. In soccorso di Madama venivano però i suoi campioni, che a gioco lungo facevano la differenza. Prima dell'intervallo Sirigu doveva superarsi su Dybala, Bonucci e De Ligt, che faceva le prove generali del gol; nella ripresa il portoghese faceva suonare un altro campanello d'allarme in casa granata e l'ingresso di Higuain (al momento l'elemento imprescindibile del settore avanzato bianconero) dava la scossa esaltando prima il portiere avversario nell'azione più bella della partita, poi servendo all'olandesino l'assist per il colpo decisivo.

Fiaccato nel morale dalla rete incassata, al Toro non rimaneva che l'orgoglio per cercare di riequilibrare la situazione negli ultimi venti minuti, ma il muro della ritrovata convinzione bianconera nei propri mezzi era invalicabile e Sirigu doveva fare gli straordinari su Ramsey per non rendere ancora più amara la sconfitta. Analizzata la gara, riavvolgiamo il nastro e torniamo per alcune doverose considerazioni sul mani in area juventina di De Ligt dopo dieci minuti, che se sanzionato avrebbe forse cambiato il corso degli eventi. Inutile stare a disquisire se fosse o meno calcio di rigore: le due tifoserie resteranno sempre ferme sulla proprie opposte posizioni, si può solo prendere atto (malgrado o di buon grado, a seconda che si indossino occhiali a tinte granata o bianconere) della decisione presa sul campo dall'arbitro e avallata dal VAR.

Quello che lascia interdetti è come i quattro episodi analoghi capitati allo “sfortunato” difensore juventino nel giro di un mese siano stati valutati in due occasioni in una maniera (rigore contro Inter e Lecce) e in altre due in modo opposto (nessuna sanzione contro Bologna e Torino), indice di una casistica regolamentare troppo articolata e complessa, non univoca, che lascia ancora ampi margini di interpretazione al direttore di gara e ai suoi assistenti video, col rischio di scontentare tutti accendendo animi e polemiche che spesso sfociano in stucchevoli accuse al “sistema” e al differente “peso politico” dei vari club.

A tal proposito urge un chiarimento fra i vertici arbitrali e le altre componenti del calcio per una ridefinizione più lineare del protocollo VAR, pur tenendo conto che l'unico organismo deputato a modificare le regole del calcio è l'International Board. Ridefinizione, si badi bene, non drastica semplificazione con introduzione della regola per cui qualsiasi tocco di mani di un difensore nella propria area causerebbe il rigore, così come accade già ora con l'annullamento di ogni rete viziata da un fallo di mani, volontario o involontario che sia. In tal caso le partite diventerebbero un luna park con svariati tiri dagli undici metri e punteggi tennistici. In mancanza di sviluppi del regolamento non resterebbe altro che accettare che dietro ad ogni decisione dell'arbitro ci sta sempre un uomo, sia esso col fischietto in campo o davanti al video del VAR, con la propria soggettiva interpretazione dei fatti e del regolamento e la possibilità di commettere, non in maniera fraudolenta, degli errori.

Chiosa finale per il futuro prossimo delle due squadre torinesi. La Juve, conservata un'altra volta a fatica la vetta della classifica, dovrà concentrarsi sul rendere sempre più granitica la retroguardia e sul mettere a frutto il suo enorme potenziale offensivo, di modo da azzannare e chiudere le partite non lasciandole aperte fino ai minuti di recupero. Il Toro, dal canto suo, dovrà ripartire dalla bella prestazione caratteriale mostrata contro i “cugini”, non continuare ad attaccarsi agli episodi per giustificare i passi falsi e lavorare sodo per essere più incisivo e concreto in zona gol, con l'obiettivo di tornare presto a fare punti e risalire posizioni in classifica.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 04/11/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



La Juventus batte l'Inter nel derby d'Italia giocato a porte chiuse

Nella giornata più surreale del calcio italiano, che va avanti a porte chiuse nonostante gran parte del Paese si fermi per l'emergenza Coronavirus, la Juventus torna agli antichi splendori, spazza via per la seconda volta in stagione l'Inter ribadendo il divario di caratura ancora presente tra le due squadre e si riprende la testa della classifica. Una vera e propria lez...leggi
09/03/2020

Toro, a Napoli arriva il 6° ko di fila. Rinviato il derby d'Italia

  Due minuti di fuoco, poi il Torino scivola senza dare segni di reazione verso l'ennesima sconfitta quasi annunciata di una stagione che sta assumendo i connotati dell'incubo, mentre la Juventus, dopo la sconcertante prestazione di Lione, viene bloccata tra mille polemiche dai rinvii anti Coronavirus decisi dalla Lega Serie A. Calcio torinese a singhiozzo a parti invertite in un w...leggi
02/03/2020

Alla Juve il testacoda con la Spal, il Toro bloccato dal Coronavirus

La Juventus esegue, non senza le ormai consuete difficoltà di troppo, il proprio compitino in casa del fanalino di coda Spal preparandosi per l'impegno di Champions League a Lione, mentre il Torino è costretto, a tre ore dal fischio d'inizio, a mettersi in pausa forzata per rispettare le misure di contenimento della diffusione del Coronavirus. Turno di campionato dimezzat...leggi
24/02/2020

La Juve supera il Brescia, ko di misura per il Toro in casa del Milan

La Juventus si rimette in carreggiata e ritorna a guardare tutti dall'alto approfittando del successo laziale in rimonta sui nerazzurri, mentre il Torino incassa una sconfitta (la quinta di fila) "onorevole" e quasi annunciata sul campo del Milan, proseguendo nel suo declino all'appare...leggi
17/02/2020

Turno di serie A con doppio scivolone per Juve e Toro

Due sconfitte in fotocopia, osservando l'andamento della partita, che aprono altrettante crisi sul fronte calcistico torinese. Sabato da tregenda per Torino e Juventus, che devono cominciare a porsi seri interrogativi sull'andamento della loro stagione e trovare molto in fretta una soluzione ai problemi che altrimenti rischiano di compromettere in maniera irreparabile le rispettive ann...leggi
10/02/2020

La Juve convince contro la Fiorentina, il Toro naufraga a Lecce

  La Juventus si rimette in marcia con una delle più convincenti prestazioni stagionali fra miglioramenti tattici e furiose quanto inutili polemiche avversarie, mentre un Torino in caduta libera tocca il fondo del baratro nell'ennesima domenica dai due volti per il calcio sotto la Mole. Pranzo corroborante in casa bianconera. Dopo la pessima figura di Napoli la squad...leggi
03/02/2020

Un turno disastroso per Juventus e Torino

Squadre torinesi inguardabili ed imbarazzanti (per usare un eufemismo) nella giornata di campionato più nera dall'avvio della stagione. Non esistono altri termini per descrivere l'umiliante 0-7 subìto dal Torino nel confronto casalingo con l'Atalanta e l'apatia condita di presunzione che ha accompagnato la sconcertante pres...leggi
27/01/2020

La Juve vince nel ricordo di Anastasi, Toro ribaltato dal Sassuolo

Dopo lo spumeggiante intermezzo di Coppa Italia contro l'Udinese la Juventus piega soffrendo più del dovuto un indomito Parma, approfitta del mezzo passo falso dell'Inter a Lecce (anche per Conte vale il detto "nessuno è profeta in patria") e dà vita al primo vero tentativo di fuga al comando del campionato, mentre i...leggi
20/01/2020

Juve campione d'inverno, Toro in scia alla zona Europa League

Domenica di sofferenza a lieto fine per Juventus e Torino, al termine della quale i bianconeri stringono in solitaria lo scettro di campioni d'inverno, mentre i granata tornano in piena zona Europa League. Per il calcio sotto la Mole non poteva chiudersi meglio il girone andata, con le squadre di Sarri e Mazzarri che doppiano la boa di metà stagione rilanciate a pieno titolo ver...leggi
13/01/2020


Supercoppa amara per la Juve, il Toro scivola in casa

  Dai gol siderali di Dybala e, soprattutto, Ronaldo che hanno permesso ai bianconeri di chiudere l'anno in vetta alla classifica, al weekend nero che ha portato un'abbondante fornitura di carbone, rimpianti e riflessioni sotto l'albero delle due torinesi per un Natale calcistico d...leggi
23/12/2019

La Juve ritrova la vetta, il Toro perde una grossa occasione a Verona

Un Toro shock fa restare il pranzo sullo stomaco ai suoi sempre più sconcertati tifosi, mentre la Juve, finalmente bella ed efficace, limita la pennichella domenicale al finale di partita dopo aver fatto un sol boccone dell'Udinese e assapora un corroborante digestivo serale offerto dalla distilleria viola che le consente di agganciare l'Inter al...leggi
16/12/2019

La Juve va ko contro la Lazio, il Toro regola la Fiorentina

  Una Juventus in versione gigante dai piedi di argilla crolla sotto il peso sempre più opprimente delle proprie lacune e vede avanzare all'orizzonte nuvoloni neri piuttosto preoccupanti, mentre il Torino dei piccoli passi riesce finalmente a trovare continuità di risultati e rendimento riportandosi in una posizione di ...leggi
09/12/2019

La Juve bloccata in casa dal Sassuolo, boccata d'ossigeno per il Toro

La Juve vede esplodere in una domenica uggiosa tutti i suoi recenti problemi e perde la testa della classifica a favore di un'Inter arrembante e concreta, mentre il Toro ritrova, solo per il risultato, il sorriso e torna dalla trasferta di Genova con tre punti che ridanno ossigeno all'ambiente, senza però dissiparne le ombre. Tanto tuon&...leggi
02/12/2019

La Juve sbanca Bergamo, Toro in crisi d'identità

  La Juve continua a ballare da sola in vetta alla classifica al ritmo di un tango argentino in HD che continua a risolverle, assieme all'interpretazione arbitrale del regolamento, problemi ormai diventati strutturali; Toro da profondo rosso, impaurito, privo di personalità e relegato sempre più all'anonimato, “ma...leggi
25/11/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,06958 secondi