Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


Turno di serie A con doppio scivolone per Juve e Toro

Due sconfitte in fotocopia, osservando l'andamento della partita, che aprono altrettante crisi sul fronte calcistico torinese. Sabato da tregenda per Torino e Juventus, che devono cominciare a porsi seri interrogativi sull'andamento della loro stagione e trovare molto in fretta una soluzione ai problemi che altrimenti rischiano di compromettere in maniera irreparabile le rispettive annate.

Cambio di timoniere con rotta ancora lontana da trovare in casa granata. Non che Moreno Longo in pochi giorni potesse magicamente risollevare le sorti del Toro, ma neanche contro la Sampdoria, passata con pieno merito all'Olimpico Grande Torino, si sono visti segnali di risveglio. Ancora troppo timidi e frastornati Belotti e compagni, apparsi più preoccupati di svolgere senza sbavature il compitino tattico assegnato che di prendere il proprio destino per le corna e invertirlo, risalendo la china.

 

Maggiore determinazione rispetto alle più recenti, disastrose, gare solo nella fase iniziale dell'incontro, ma totale assenza di lucidità nell'impostazione della manovra e precisione nell'ultimo passaggio al momento di concretizzare la mole (poca) di gioco prodotto. In un primo tempo soporifero era ancora Sirigu (ormai non fa più notizia) a tenere a galla i granata iniziando la sua personale battaglia, persa a lungo andare, con lo scatenato Gaston Ramirez.

 

La ripresa sembrava iniziare sotto i migliori auspici grazie all'episodico vantaggio frutto della scaltrezza di Verdi, abile ad approfittare del liscio di Colley, ma ben presto ripiombava il buio. Subìta su punizione la pennellata mancina d'autore dell'uruguaiano blucerchiato, il Toro perdeva tutte le proprie labili certezze e si smarriva. La confusione difensiva sulla rete del vantaggio doriano timbrata ancora da Ramirez era emblematica, così come lo svarione sul lancio in profondità per Quagliarella che costringeva Izzo a commettere fallo da rigore vedendosi anche sventolare davanti al naso il cartellino rosso. L'impietosa trasformazione dal dischetto dell'ex ragazzo del Filadelfia metteva la parola fine ad un'altra serata da incubo del campionato torinista.

 

Per il giovane tecnico granata la parola d'ordine è prima di tutto ricostruire il morale dei giocatori, ricompattando il gruppo e rinsaldando le poche certezze rimaste. Per rialzare la testa sarà necessario tornare presto a fare punti, possibilmente fin dalla prossima improba trasferta in casa dell'altro malato illustre Milan, ancora sotto shock per l'esito del derby. Vendicare, sportivamente parlando, l'eliminazione in Coppa Italia sarebbe un toccasana da ricercare attraverso massima concentrazione, schieramento tattico concreto e lo spirito battagliero ormai sconosciuto nelle ultime esibizioni. Solo dopo aver rimesso in carreggiata la squadra ed aver allontanato lo spettro della zona retrocessione, Longo potrà dedicarsi ad esperimenti tattici nuovi con giovani ed inediti interpreti (Millico su tutti).

 

A forza di scherzare col fuoco l'indecifrabile Juventus ha finito per scottarsi e Verona (Fotografia: Eurosport) è diventata fatale anche per i bianconeri, raggiunti al comando dall'arrembate Inter e con la sempre più solida e spumeggiante Lazio ad incalzare staccata di una sola lunghezza. Nell'appassionante lotta a tre verso lo scudetto l'inerzia sembra essersi spostata dalla parte di nerazzurri e biancocelesti. A febbraio inoltrato la squadra di Sarri non ha ancora trovato la sua identità vittima di un "vorrei ma non posso". I dettami tattici del tecnico toscano non sono stati recepiti, i continui cambi di modulo (specie in avanti) non danno certezze, la scarsa capacità di lettura delle partite dell'allenatore, la "pancia piena", una certa supponenza di troppi giocatori (molti dei quali non sempre all'altezza del palcoscenico su cui recitano) e le frizioni sempre più palesi col timoniere stanno facendo il resto.

Difficile spiegare altrimenti un rendimento altalenante, specie lontano dallo Stadium, con giustificazioni preventive della vigilia di Sarri in conferenza stampa. In linea teorica il gruppo dovrebbe seguire il "sarrismo", ma una volta passati in vantaggio i bianconeri, invece di continuare ad azzannare la partita per chiuderla, lasciano strada il "risultatismo", ancora profondamente radicato nel dna dello zoccolo duro, senza però avere più la solidità difensiva (eccessive le reti incassate di testa con l'avversario che colpisce libero dentro l'area piccola, oltre agli errori di posizionamento e in chiusura), la mentalità, la concentrazione e il cinismo per gestire la situazione, come se avere sbloccato il risultato e vestire la maglia bianconera fossero condizioni sufficienti per non venire ripresi dagli avversari.

Inevitabile conseguenza le troppe reti e rimonte subìte, i rigori fischiati a sfavore per interventi fuori tempo o "pallavolistici" in area, le energie e le occasioni da rete dilapidate. Imbarazzante anche il passo tenuto e la svagatezza mostrata dai centrocampisti, sempre più spesso battuti sul ritmo dagli avversari, ultimi in ordine di tempo gli "assatanati" dell'Hellas, che in occasione del pareggio del rapace Borini hanno messo alla berlina la dabbenaggine di Bentancur e Pjanic. Le prodezze dei singoli, su tutti un Cristiano Ronaldo in stato di grazia che anche a Verona si è letteralmente inventato un gol, sembrano non bastare più a togliere le castagne dal fuoco e il momento cruciale della stagione è ormai alle porte.

Nulla è ancora perduto, ma per non ritrovarsi a maggio con un pugno di mosche in mano è necessario riacquisire in fretta il carattere, la mentalità vincente (a partire dall'allenatore) e il pragmatismo tipici della Vecchia Signora. Forse, per quest'anno, il bel gioco e lo spettacolo possono ancora attendere.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 10/02/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



La Juve supera il Brescia, ko di misura per il Toro in casa del Milan

La Juventus si rimette in carreggiata e ritorna a guardare tutti dall'alto approfittando del successo laziale in rimonta sui nerazzurri, mentre il Torino incassa una sconfitta (la quinta di fila) "onorevole" e quasi annunciata sul campo del Milan, proseguendo nel suo declino all'appare...leggi
17/02/2020

La Juve convince contro la Fiorentina, il Toro naufraga a Lecce

  La Juventus si rimette in marcia con una delle più convincenti prestazioni stagionali fra miglioramenti tattici e furiose quanto inutili polemiche avversarie, mentre un Torino in caduta libera tocca il fondo del baratro nell'ennesima domenica dai due volti per il calcio sotto la Mole. Pranzo corroborante in casa bianconera. Dopo la pessima figura di Napoli la squad...leggi
03/02/2020

Un turno disastroso per Juventus e Torino

Squadre torinesi inguardabili ed imbarazzanti (per usare un eufemismo) nella giornata di campionato più nera dall'avvio della stagione. Non esistono altri termini per descrivere l'umiliante 0-7 subìto dal Torino nel confronto casalingo con l'Atalanta e l'apatia condita di presunzione che ha accompagnato la sconcertante pres...leggi
27/01/2020

La Juve vince nel ricordo di Anastasi, Toro ribaltato dal Sassuolo

Dopo lo spumeggiante intermezzo di Coppa Italia contro l'Udinese la Juventus piega soffrendo più del dovuto un indomito Parma, approfitta del mezzo passo falso dell'Inter a Lecce (anche per Conte vale il detto "nessuno è profeta in patria") e dà vita al primo vero tentativo di fuga al comando del campionato, mentre i...leggi
20/01/2020

Juve campione d'inverno, Toro in scia alla zona Europa League

Domenica di sofferenza a lieto fine per Juventus e Torino, al termine della quale i bianconeri stringono in solitaria lo scettro di campioni d'inverno, mentre i granata tornano in piena zona Europa League. Per il calcio sotto la Mole non poteva chiudersi meglio il girone andata, con le squadre di Sarri e Mazzarri che doppiano la boa di metà stagione rilanciate a pieno titolo ver...leggi
13/01/2020


Supercoppa amara per la Juve, il Toro scivola in casa

  Dai gol siderali di Dybala e, soprattutto, Ronaldo che hanno permesso ai bianconeri di chiudere l'anno in vetta alla classifica, al weekend nero che ha portato un'abbondante fornitura di carbone, rimpianti e riflessioni sotto l'albero delle due torinesi per un Natale calcistico d...leggi
23/12/2019

La Juve ritrova la vetta, il Toro perde una grossa occasione a Verona

Un Toro shock fa restare il pranzo sullo stomaco ai suoi sempre più sconcertati tifosi, mentre la Juve, finalmente bella ed efficace, limita la pennichella domenicale al finale di partita dopo aver fatto un sol boccone dell'Udinese e assapora un corroborante digestivo serale offerto dalla distilleria viola che le consente di agganciare l'Inter al...leggi
16/12/2019

La Juve va ko contro la Lazio, il Toro regola la Fiorentina

  Una Juventus in versione gigante dai piedi di argilla crolla sotto il peso sempre più opprimente delle proprie lacune e vede avanzare all'orizzonte nuvoloni neri piuttosto preoccupanti, mentre il Torino dei piccoli passi riesce finalmente a trovare continuità di risultati e rendimento riportandosi in una posizione di ...leggi
09/12/2019

La Juve bloccata in casa dal Sassuolo, boccata d'ossigeno per il Toro

La Juve vede esplodere in una domenica uggiosa tutti i suoi recenti problemi e perde la testa della classifica a favore di un'Inter arrembante e concreta, mentre il Toro ritrova, solo per il risultato, il sorriso e torna dalla trasferta di Genova con tre punti che ridanno ossigeno all'ambiente, senza però dissiparne le ombre. Tanto tuon&...leggi
02/12/2019

La Juve sbanca Bergamo, Toro in crisi d'identità

  La Juve continua a ballare da sola in vetta alla classifica al ritmo di un tango argentino in HD che continua a risolverle, assieme all'interpretazione arbitrale del regolamento, problemi ormai diventati strutturali; Toro da profondo rosso, impaurito, privo di personalità e relegato sempre più all'anonimato, “ma...leggi
25/11/2019

Il Torino risorge a Brescia, la Juventus supera a fatica il Milan

Il Toro rialza la cresta trascinato dal “gallo” Belotti (fotografia: www.torinofc.it), la Juve mantiene la vetta della classifica con la “solita” vittoria di misura che scaccia anche i “mal di pancia” di un indisponente Cristiano Ronaldo. Le due torinesi fanno il pieno e vanno alla sosta per le nazionali rinfrancate e in linea di galleggiame...leggi
11/11/2019

La Juve vince il derby ma dal Toro arrivano segnali di risveglio

  Un Sirigu in forma strepitosa tiene a galla sino al termine il Toro, ma una Juve concentrata e “sul pezzo” piazza la zampata vincente facendo valere con cinismo la maggiore caratura e fa suo un derby spigoloso, “sporco”, ma allo stesso tempo vibrante e dalle immancabili polemiche secondo tradizione (fotografia: sito uff...leggi
04/11/2019


Due deludenti pareggi per Juventus e Torino

Juventus leziosa e sciupona che conserva il primato in classifica solo grazie alle contemporanee frenate degli avversari (vittime delle scorie di Champions League come i bianconeri) e Torino convalescente ancora autore di un'enigmatica gara dai due volti. Il turno di campionato prologo di un'intensa settimana che sfocerà nel derby della Mole ha regalato poche soddisfazioni sulle...leggi
28/10/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,05899 secondi