Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


Toro, a Napoli arriva il 6° ko di fila. Rinviato il derby d'Italia

 

Due minuti di fuoco, poi il Torino scivola senza dare segni di reazione verso l'ennesima sconfitta quasi annunciata di una stagione che sta assumendo i connotati dell'incubo, mentre la Juventus, dopo la sconcertante prestazione di Lione, viene bloccata tra mille polemiche dai rinvii anti Coronavirus decisi dalla Lega Serie A. Calcio torinese a singhiozzo a parti invertite in un weekend pallonaro di ordinaria follia. Unici a scendere in campo, questa volta, i granata, che a Napoli hanno collezionato la loro sesta sconfitta consecutiva, la settima tenendo conto anche dell'eliminazione in Coppa Italia (foto www.torinofc.it).

L'avvio lasciava finalmente presagire una reazione caratteriale, ma dopo la fiammata iniziale la squadra di Longo tornava progressivamente ad essere vittima della propria fragilità mentale, subendo passivamente il crescendo degli azzurri di Gattuso, che prendevano in mano il controllo delle operazioni disponendo a loro piacimento di un avversario dagli ormai risaputi limiti di personalità. Il Toro versione "sparring partner" tamponava come poteva con i tre centrali difensivi e veniva tenuto a galla sin quasi al termine dal solito immenso Sirigu. Troppo timido invece il centrocampo, in costante difficoltà di fronte al dinamismo ed agli inserimenti dei dirimpettai partenopei, così come gli esterni De Silvestri e Ansaldi, in affanno nelle chiusure e quasi mai in grado di incidere in fase di spinta. L'atteggiamento estremamente prudente non dava frutti, anche perché di rado recuperata palla i granata riuscivano a ripartire e a fornire palloni giocabili alla coppia d'attacco Belotti-Zaza, mal assortita ed apparsa completamente avulsa dalla gara.

L'incornata di Manolas a metà del primo tempo (nell'occasione difesa torinista ferma in versione "belle statuine") era la logica conseguenza di un copione quasi scontato, dopodiché il Napoli continuava a dominare senza neanche doversi dannare troppo per il resto della gara, graziando in più circostanze gli avversari sino a chiudere i conti nel finale con la rete di Di Lorenzo, che concretizzava un'azione da "marchio di fabbrica" napoletano (Insigne che si accentra da sinistra in prossimità del vertice dell'area e cambia fronte per l'inserimento vincente del compagno sul secondo palo).

In questo quadro il Torino continuava a risultare non pervenuto, così come apparivano tardivi i cambi operati da Longo, che solo con la squadra in doppio svantaggio inseriva Verdi ed Edera. Proprio da una combinazione tra questi due ispirata da Belotti giungeva in pieno recupero l'inutile gol della bandiera, cui i granata non riuscivano a far seguire un'ultima impennata d'orgoglio per cercare di riacciuffare il pari, forse perché ormai da tempo svuotati di energie fisiche e, soprattutto, mentali. La situazione di classifica si fa sempre più critica e l'imperativo diventa ora, calendario pazzo permettendo, quello di fare quadrato recuperando solidità mentale e un minimo di fiducia nei propri mezzi per allontanare prima possibile, e definitivamente, lo spettro della zona retrocessione.

Se il Torino piange, la Juventus ha ben poco da ridere. Con l'inopinata sconfitta di Lione ha toccato uno dei punti più bassi della stagione, palesando, se mai ce ne fosse stato bisogno, la spaccatura fra tecnico e squadra, che viaggiano su binari paralleli e privi di comunicazione fra loro. Nella fase decisiva della stagione non basteranno più le prodezze dei singoli che finora hanno tenuto in gioco i bianconeri. Per evitare un fiasco clamoroso servirà ritrovare unità di intenti (non solo a parole), un minimo di gioco (qualunque esso sia), solidità difensiva e ritmo oggi lontani, non solo dagli standard europei, ma anche da quelli delle squadre più in forma della Penisola.

Il caos calendario, con una gestione dei provvedimenti dettati dall'emergenza coronavirus che definire ondivaga e pressapochista sarebbe un eufemismo, ha poi fatto piovere sul bagnato. Si è passati dall'originaria decisione di far disputare il derby d'Italia a porte chiuse a quella presa poco più di ventiquattrore prima del fischio d'inizio di rinviarlo al 13 maggio assieme alle altre partite nella stessa situazione. Il calcio professionistico è un'azienda e nella circostanza hanno prevalso gli interessi economici ed i rapporti di forza all'interno della Lega sulla regolarità sportiva del campionato.

Creato il precedente, ora non si potranno più programmare partite a porte chiuse (vedi il caso di Sampdoria-Verona), con il conseguente rischio di accumulare un numero di rinvii molto difficile, se non addirittura impossibile da gestire. Sarebbe stato meglio, come accaduto in serie B, giocare con il pubblico dove possibile e senza negli altri casi. Posticipare di due mesi e mezzo gli incontri saltati collocandoli a ridosso della fine del campionato, con situazioni e motivazioni probabilmente del tutto differenti da quelle attuali, rischia davvero di minare la regolarità della competizione. Mercoledì, poco prima che si disputi, ma solo per gli spettatori residenti in Piemonte o non provenienti dalle aree a maggior rischio coronavirus, la semifinale di ritorno di Coppa Italia fra Juventus e Milan, è in programma un'assemblea di Lega che si preannuncia infuocata. Ipotizzare lo scenario sul prosieguo del campionato che da questa ne scaturirà richiede francamente doti di preveggenza. Il massimo pallone italico non può fare altro che vivere alla giornata, pronto ad assistere ad altri colpi di scena.

 

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 02/03/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



Segnali di ripresa del Toro. La Juve bloccata in casa dal Verona

  Torino che si ferma con molto amaro in bocca ad un passo dalla resurrezione e Juventus che sente suonare più di un campanello d'allarme con la crisi ormai alle porte. Continua il campionato con il freno a mano tirato delle due paladine del calcio sotto la Mole....leggi
26/10/2020

Un weekend da dimenticare per le squadre torinesi di serie A

La giovane Signora non è ancora pronta per ballare in società e prendersi la ribalta che da blasone le compete, mentre il Toro, ingabbiato in uno sconcertante "vorrei ma non posso", è sempre più vittima dei suoi limiti e dei suoi errori continuando a vestire la maglia nera in una situazione che comincia a farsi preoccupante. La ripresa del campionato...leggi
18/10/2020

Serie A: Juventus e Torino bloccate dal Covid-19

  Il Covid-19 sgambetta le due torinesi costringendole loro malgrado a fare da spettatrici alla terza giornata di campionato, mentre all'orizzonte si profila una grossa incognita sulle modalità di ripresa e sul prosieguo della serie A al ritorno dalla sosta per le nazionali.   Il calcio italiano scivola verso il cao...leggi
05/10/2020

Turno negativo per le squadre torinesi di serie A

Torino con encefalogramma quasi piatto dopo il sussulto iniziale e Juventus da passo del gambero salvata dal solito esperto di make up Cristiano Ronaldo che ne maschera le rughe senza risolverne i problemi, in una seconda giornata di campionato che ha fruttato la miseria di un punto al calcio sotto la Mole.   Spumeggiante l'avvio dei granata contro l'Atalanta, in c...leggi
28/09/2020


Juve e Toro si congedano mestamente dalla serie A 2019-2020

Le due torinesi salutano il campionato in tono minore, con la Juventus che rimedia un'altra figuraccia rovinando la festa scudetto tra le mura amiche, mentre il Torino fa il minimo sindacale per tornare almeno imbattuto da Bologna e proiettarsi senza indugi verso la prossima stagione dopo essere stato una delle maggiori delusioni di questo torneo. ...leggi
03/08/2020

La Juve cade a Cagliari, un rimaneggiato Toro cede con onore alla Roma

  Lo scudetto appena conquistato non cancella i difetti e le lacune della Juventus, che non onora l'ennesimo titolo di campione d'Italia e a Cagliari va incontro ad una figuraccia francamente evitabile che non si addice ad una squadra di rango, mentre il Torino ha ormai staccato la spina e di fronte alla Roma stabilisce il record negativo di sconfitte a testimonianza di una stagion...leggi
30/07/2020

La Juve conquista il 9° scudetto consecutivo, il Toro è salvo

  La Juventus soffre ma alla fine riesce a tagliare il traguardo dello storico nono scudetto consecutivo chiudendo i conti con due giornate d'anticipo nel campionato più surreale mai vissuto dal calcio italiano, mentre il Torino conquista senza infamia e senza lode il punto necessario alla matematica salvezza e manda in archivio una stagione ...leggi
27/07/2020

Prezioso pari del Toro col Verona, la Juve cade a Udine

  Un Toro prima timido poi più aggressivo e convincente blocca il brillante Verona e fa un altro passo verso la tranquillità, mentre la Juve crolla clamorosamente ad Udine, manca il primo match point scudetto e lascia irrisolti gli interrogativi sulla propria personalità.   ...leggi
24/07/2020

La Juve supera la Lazio e si avvicina allo Scudetto, Toro ko a Firenze

  Un Toro troppo presto appagato e rilassato oltre misura torna vittima dei propri limiti e lascia campo libero alla Fiorentina non riuscendo a eguagliare i grandi del passato. La Juve ritrova la personalità per interpretare e gestire gli scontri decisivi, poi finisce di nuovo per specchiarsi in versione Narciso, ma alla fine riesce a regolare la Lazio e vede sempre pi&ugrav...leggi
21/07/2020

Pari pirotecnico della Juve col Sassuolo, il Toro ipoteca la salvezza

Juve sulle montagne russe in capo a una partita schizofrenica al termine della quale riesce ancora una volta a rimanere a galla avvicinandosi allo scudetto, Toro finalmente compatto, determinato e concreto, che sfodera una delle sue migliori prestazioni stagionali e manda in archivio il discorso salvezza.   ...leggi
17/07/2020

Per la Juve con l'Atalanta il pari è di rigore, Toro ko con l'Inter

Doppia salvezza dagli undici metri per la Juventus, mentre svanisce dopo l'intervallo l'illusione di un Torino tradito ancora una volta dalle proprie distrazioni ed ingenuità, in un turno di campionato al termine del quale le rappresentanti del calcio sotto la Mole devono sforzarsi di vedere il bicchiere mezzo pieno. ...leggi
14/07/2020

Black out Juve col Milan, il Toro ribalta il Brescia

All'8' del secondo tempo di Milan-Juventus il campionato era finito. Poi i bianconeri hanno scollegato la testa incassando una devastante rimonta che rimarrà negli annali e riapre, soprattutto per quanrto riguarda gli aspetti psicologici, la corsa scudetto. Il Torino dal canto suo ha dapprima rischiato di affondare contro il disperato Brescia, poi, trasci...leggi
10/07/2020

La Juventus passa nel derby della Mole e allunga in vetta

Gli occhi, come si sa, sono lo specchio dell'anima. E guardando, grazie alle puntuali scelte della regìa televisiva, le espressioni di bianconeri e granata prima, durante e dopo l'inconsueto derby di sabato scorso, il 200° in serie A e il primo disputato a porte chiuse, si trovano molte chiavi di lettu...leggi
06/07/2020

La Juve passa in casa del Genoa, il Toro ko di misura con la Lazio

Al Toro non bastano solo orgoglio e determinazione di fronte alla granitica Lazio, che anche aiutata dalla fortuna lascia i granata con un pugno di mosche in mano. La Vecchia Signora indossa uno sfavillante abito da sera, danza accompagnata dai suoi ballerini fuoriclasse, archivia con meno problemi del previsto la pratica Genoa replicando ai biancocelesti e mantiene immutate le distanze dai riv...leggi
01/07/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,04475 secondi