Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


La Juve supera la Lazio e si avvicina allo Scudetto, Toro ko a Firenze

 

Un Toro troppo presto appagato e rilassato oltre misura torna vittima dei propri limiti e lascia campo libero alla Fiorentina non riuscendo a eguagliare i grandi del passato. La Juve ritrova la personalità per interpretare e gestire gli scontri decisivi, poi finisce di nuovo per specchiarsi in versione Narciso, ma alla fine riesce a regolare la Lazio e vede sempre più vicino il traguardo del nono scudetto consecutivo. Ancora un turno dai due volti per le squadre torinesi in un campionato che si sta avvicinando a passi veloci verso la sua conclusione, con valori e gerarchie sempre più definite.

Rinfrancato dal fondamentale successo in chiave salvezza contro il Genoa, il Torino ha sbagliato l'approccio alla gara del "Franchi", venendo preso d'infilata da una Viola più pimpante che mai. Granata non pervenuti nei primi quarantacinque minuti di gioco, con inizio da incubo in cui la Fiorentina sfruttava subito per vie centrali le amnesie della difesa avversaria, sbloccando il risultato con la puntata di Kouame deviata da Lyanco alle spalle di Sirigu.

La squadra di Longo, troppo passiva e lenta nelle ripartenze, si mostrava incapace di reagire e fino all'intervallo si assisteva ad un monologo di quella di Iachini, che prendeva possesso della metà campo avversaria mantenendo costantemente l'iniziativa senza correre rischi. Nella ripresa i torinisti avevano almeno un moto d'orgoglio e, grazie anche ai cambi in chiave offensiva effettuati dal loro tecnico, alzavano il baricentro alla ricerca del pari. L'occasione migliore capitava al solito capitan Belotti, ma il suo colpo di testa si infrangeva sulla traversa impedendogli di eguagliare Franco Ossola nella striscia di otto gare consecutive con gol.

La leggerezza nell'impostazione a centrocampo e lo sbilanciamento costavano ad un quarto d'ora dal termine il contropiede con cui Cutrone chiudeva i conti ponendo il sigillo su una sconfitta quasi annunciata dei granata, che ancora una volta hanno palesato scarsa personalità e maturità, non riuscendo a dare continuità ai risultati. L'ultimo Toro a passare a Firenze è stato quello ormai leggendario dello scudetto del '76. Basta questo dato statistico per chiarire come il glorioso passato e l'opaco presente siano distanti anni luce, con il bagliore in fondo al tunnel difficile da scorgere e pesanti incognite sul prossimo mercato. Intanto, i granata dovranno cercare riscatto mercoledì sera nell'impegno casalingo contro l'ostico Hellas Verona.

Attesa da un nuovo, forse decisivo, snodo cruciale della stagione, la Juventus è riuscita a ritrovare il carattere e, almeno sino alle concitate battute finali, la serenità per incanalare sui propri binari il confronto con la Lazio. Gara tutt'altro che agevole quella contro la pur rimaneggiata compagine di Simone Inzaghi. Esasperato tatticismo nel primo tempo, dove allo schieramento giocoforza coperto dei biancocelesti faceva riscontro lo sterile dominio territoriale dei bianconeri, il cui possesso palla era privo del ritmo e dell'incisività necessari a fare breccia nel muro avversario. Unici spunti di rilievo la girata di testa di Alex Sandro su azione d'angolo che si spegnava sul palo e la sgroppata del ritrovato Rabiot, mentre l'eccesso di sufficienza di Bentancur in fase di transizione e l'apatia di Bonucci in chiusura (difetti ormai cronici della stagione juventina), rischiavano di combinare la frittata prima dell'intervallo, ma il montante salvava la Vecchia Signora dalla fucilata di Immobile.

Solo gli episodi potevano sbloccare un confronto dal simile canovaccio tattico, come puntualmente avveniva ad inizio ripresa, quando la capolista faceva ancora una volta ricorso ai guizzi dei suoi campioni. Nel giro di tre minuti Ronaldo risultava prima implacabile dal dischetto (nella foto di Ansa.it), poi finalizzava il contropiede iniziato con lo scippo di Dybala ai danni del "tenero" Luiz Felipe, che dopo aver avviato il trionfo laziale all'andata rischia ora per curiosi giochi del destino di trasformarsi nel killer degli sfumati sogni di gloria biancocelesti.

A differenza del recente passato, la squadra di Sarri, favorita anche dall'evidente calo di energie degli avversari, sembrava controllare agevolmente e con maggiore attenzione la situazione, ma commetteva di nuovo l'errore di non archiviare la pratica (troppo poco determinati il portoghese e il talento argentino sotto porta). Il pericolo era in agguato e l'inspiegabile indecisione di Bonucci sul lanciato Immobile consentiva al centravanti biancoceleste di riaprire l'incontro dagli undici metri riagguantando Ronaldo in vetta alla classifica dei cannonieri.

Nel finale gli juventini tornavano a vedere le streghe perdendo d'un colpo sicurezze che dovrebbero essere consolidate. Solo la splendida parata di Szczesny che toglieva dal "sette" la punizione di Milinkovic-Savic evitava un'altra beffa, regalando forse lo scudetto ai bianconeri.

Nelle restanti quattro partite, a cominciare da giovedì sera a Udine, la Juventus dovrà farsi più bonipertiana che mai ("Vincere è l'unica cosa che conta"): incamerare prima possibile senza badare all'estetica i quattro punti che la separano dal titolo e concentrarsi sulla Champions League, dove però con i cali di tensione e le amnesie mostrate nelle ultime uscite rischia di fare poca strada.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 21/07/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



La Juve regola il Sassuolo, il Toro si inchina alla capolista Milan

Torino che fa il passo del gambero e si scioglie davanti al ritrovato fuoco del Diavolo capolista, Juventus che porta a casa il risultato e poco altro di positivo dalla spinosa gara col Sassuolo. Molte ombre intervallate da rare luci per le due paladine del calcio subalpino, in un turno di campionato in cui hanno riproposto in maniera pr...leggi
12/01/2021

La Juve sbanca San Siro, per il Toro un risultato positivo col Verona

  La befana calcistica ha regalato dolci e sorrisi in quantità alle due rappresentanti del pallone sotto la Mole, con il Torino che blocca con merito il temuto Verona portandosi fuori dalla zona retrocessione e la Juventus che sfodera una prestazione all'altezza della propria caratura, interrompe l'imbattibilità della capolista Milan e torna in lizza con forza nella c...leggi
07/01/2021

Il 2021 per Juve e Toro inizia con delle vittorie convincenti

Toro finalmente accorto, concreto e privo di fronzoli che conquista un successo di capitale importanza, specie in prospettiva futura. Juve dai due volti che svolge, pur tra luci e ombre, al meglio il proprio "compitino", si rimette in carreggiata e si proietta verso i confronti diretti che diranno una parola forse definitiva sugli obiett...leggi
04/01/2021

Turno da incubo per la Juve, il Toro sfiora l'impresa a Napoli

Martedì da incubo per la Juventus, che perde sei punti in un colpo solo, abdica forse definitivamente dopo nove anni di dominio incontrastato in Italia e al termine del turno prenatalizio si ritrova anche fuori dalla zona Champions, toccando il punto più basso del suo recente passato. Ancora amarezza per il Torino, che sfio...leggi
24/12/2020

Turno di serie A con sorrisi bianconeri ed ombre granata

La Juventus si riscatta e ritrova la rotta con una prestazione finalmente degna della sua caratura, mentre il Torino muove la classifica ma subisce l'ennesima rimonta e getta al vento la possibilità di cominciare a dare una sterzata alla sua stagione. Sorrisi in bianconero e ombre granata nel penultimo turno di serie A prima della sosta di fine a...leggi
20/12/2020

Turno infrasettimanale da dimenticare per Juventus e Torino

La Juve per una volta viene tradita dagli attaccanti e getta al vento un'altra occasione per avvicinarsi alla capolista Milan, mentre il Toro incappa in una sconfitta quasi annunciata e sprofonda sempre di più vestendo la maglia nera della classifica assieme al Crotone. Da dimenticare più in fretta possibile il turno infras...leggi
18/12/2020

Il Toro frana anche con l'Udinese, la Juve passa in casa del Genoa

  Torino ormai allo psicodramma, ancora sconfitto al termine di una partita dall'andamento schizofrenico e sempre più risucchiato dalle sabbie mobili della zona retrocessione. Juventus scintillante e matura in coppa che mostra segnali di continuità anche in campionato, pur senza convincere appieno. È proseguita anche nell'ultimo turno di Serie A, seguendo un co...leggi
14/12/2020

Derby della Mole: il Toro accarezza l'impresa ma a spuntarla è la Juve

Il Torino sfiora la partita perfetta, accarezza a lungo il sogno, poi si risveglia bruscamente come quasi sempre gli è accaduto da un quarto di secolo a questa parte. La Juventus è inguardabile per almeno 70 minuti ma riesce a scuotersi, replica un copione andato spesso in scena negli ultimi anni e tenendo fede al motto dei propri tifosi r...leggi
06/12/2020

Poche note liete per Juve e Toro in attesa del derby della Mole

  Juventus prigioniera delle proprie carenze di personalità e concentrazione che stanno ormai diventando una cronica, pericolosa costante, Torino che evita un altro k.o. in rimonta, muove la classifica, ma resta sempre in zona retrocessione. Poche le note liete per le due pa...leggi
01/12/2020

La Juve convince, il Toro si smarrisce a San Siro dopo un'ora di gioco

  Segnali convincenti da parte di una Juventus che comincia ad ingranare, mentre la grande illusione del Torino svanisce dopo un'ora di gioco quasi perfetta, facendolo ripiombare nella triste realtà di questo travagliato avvio di stagione. Ancora un turno di campionato dai due volti per le rappresentanti del calcio sotto la Mole. Ad aprire l...leggi
23/11/2020

Juve e Toro non vanno oltre il pari nell'ultimo turno di A

    Juventus fra comode illusioni di coppa e bruciante ritorno alla realtà del campionato, Torino convalescente che sorbisce un brodino ma ha davanti a sé una cura ricostituente ancora molto lunga. Per le due rappresentanti del calcio subalpino l'enigmatico avvio di stagione non si risolve nemmeno in vista della seconda sosta per lasciare spazio alle Nazi...leggi
09/11/2020


Segnali di ripresa del Toro. La Juve bloccata in casa dal Verona

  Torino che si ferma con molto amaro in bocca ad un passo dalla resurrezione e Juventus che sente suonare più di un campanello d'allarme con la crisi ormai alle porte. Continua il campionato con il freno a mano tirato delle due paladine del calcio sotto la Mole....leggi
26/10/2020

Un weekend da dimenticare per le squadre torinesi di serie A

La giovane Signora non è ancora pronta per ballare in società e prendersi la ribalta che da blasone le compete, mentre il Toro, ingabbiato in uno sconcertante "vorrei ma non posso", è sempre più vittima dei suoi limiti e dei suoi errori continuando a vestire la maglia nera in una situazione che comincia a farsi preoccupante. La ripresa del campionato...leggi
18/10/2020

Serie A: Juventus e Torino bloccate dal Covid-19

  Il Covid-19 sgambetta le due torinesi costringendole loro malgrado a fare da spettatrici alla terza giornata di campionato, mentre all'orizzonte si profila una grossa incognita sulle modalità di ripresa e sul prosieguo della serie A al ritorno dalla sosta per le nazionali.   Il calcio italiano scivola verso il cao...leggi
05/10/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 1,68368 secondi