Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


La Juve conquista il 9° scudetto consecutivo, il Toro è salvo

 

La Juventus soffre ma alla fine riesce a tagliare il traguardo dello storico nono scudetto consecutivo chiudendo i conti con due giornate d'anticipo nel campionato più surreale mai vissuto dal calcio italiano, mentre il Torino conquista senza infamia e senza lode il punto necessario alla matematica salvezza e manda in archivio una stagione con troppe ombre e poche luci, che apre ora interrogativi sul mercato e su un possibile passaggio di proprietà. Domenica di festa, quindi, per le due torinesi di serie A.

 

I bianconeri sono arrivati alla meta come un maratoneta stremato, ma sono riusciti a ribadire il loro dominio all'interno dei patri confini, favorito da un organico di ampiezza e qualità superiori ad una concorrenza apparsa ancora lontana dal poter colmare il divario che la separa dai campioni d'Italia.

La stagione della Juventus ha avuto aspetti paradossali. Cambiato il timoniere per coniugare lo spettacolo con i risultati, quasi mai la Vecchia Signora è riuscita ad applicare nel concreto la filosofia di gioco di Sarri, vuoi per gli interpreti non ideali per i dettami tattici del mister, vuoi per una ritrosia, forse inconscia, nel cambiare mentalità da parte dei giocatori.

 

A tenere a galla Madama è stato l'impressionante potenziale offensivo, che al netto di qualche fastidioso eccesso di sufficienza senza cui la strada sarebbe risultata meno impervia, ha comunque permesso di veleggiare, basandosi però più sugli spunti e le giocate di classe individuali (su tutti Ronaldo e Dybala stratosferici), che sulla finalizzazione di una manovra articolata e dall'identità riconoscibile.

 

A lasciare interdetti le falle mostrate dalla fase difensiva (mai perforata come quest'anno la retroguardia bianconera), un centrocampo spesso in difficoltà nel fare filtro e sovente privo di ritmo e incisività nell'impostazione, e soprattutto la mantalità non più granitica come nel recente passato. Inspiegabili, da parte di calciatorii esperti e dotati di indiscutibile personalità, i cali di concentrazione e le amnesie palesate durante la stessa gara e l'incapacità di gestire situazioni di vantaggio, specie in trasferta, che hanno portato a perdere 18 punti a causa di rimonte subite, a testimonianza di quanto ripetersi nelle vittorie e trovare sempre nuove motivazioni siano una delle cose più difficili nello sport.

 

Nonostante tutto ciò, la Juventus ha chiuso la fase pre lockdown in testa con un punto di vantaggio sulla Lazio e alla ripresa della stagione, pur al termine di un percorso da montagne russe, ha non solo tenuto a bada la concorrenza, ma addirittura allungato, archiviando la pratica scudetto con largo anticipo. Fondamentali in questi frangenti il carattere nelle difficoltà, l'ampiezza e il livello della rosa e la compattezza dell'ambiente nel perseguire l'obiettivo, mentre le rivali hanno accusato oltremodo i postumi del lungo stop e la ripresa a ritmi frenetici, non riuscendo a trovare continuità (fotografia Virgilio Sport).

 

La partita con la Sampdoria è stata lo specchio della stagione. Primo tempo di sofferenza di fronte ad un avversario compatto, con difficoltà a trovere sbocchi e creare occasioni e qualche spazio di troppo concesso agli avversari. Vantaggio in extremis grazie all'intuizione di Pjanic e alla stoccata di Ronaldo, quindi denti stretti nella ripresa per ovviare agli infortuni e alla condizione poco brillante, colpo decisivo di Bernardeschi ed eccessiva prodigalità finale (leggi occasioni falliti da Ronaldo e Higuain, salvataggio sulla linea su Bonucci e rigore del portoghese stampato sulla traversa che potrebbe costargli caro nella lotta con Immobile per il titolo di capocannoniere) prima dell'epilogo festoso.

 

La Juventus dell'era Sarri rimane comunque un cantiere aperto e, salvata la stagione con almeno un titolo riposto in bacheca, può valere la pena proseguire nella strada intrapresa, dato che tecnico e giocatori hanno fornito, specie negli ultimi mesi, segnali di convergenza, ammesso che la dirigenza fornisca all'allenatore giocatori di qualità adatti alla sua filosofia di gioco. Per il futuro, a partire dall'ennesimo assalto alla Champions che comincerà il 7 agosto con il tentativo di rimonta sul Lione, bisognerà assolutamente trovare solidità difensiva, concentrazione massima e spietatezza realizzativa, specie in campo internazionale. Antipasti da gustare in tutto relax, gli ultimi due impegni di campionato contro Cagliari e Roma.

 

Anche il Torino può sorridere e sciogliere la tensione dopo avere centrato il suo obiettivo minimo stagionale. A Ferrara, data la precedente, rocambolesca sconfitta del Lecce a Bologna, bastava un punto e un punto è stato. Come troppo spesso accaduto in un'annata iniziata di slancio, poi proseguita con un calo vertiginoso e raddrizzata fra mille difficoltà dopo il cambio di panchina, il bicchiere è mezzo vuoto.

 

Di fronte alla già retrocessa Spal, mister Longo ha proposto uno schieramento molto offensivo con Berenguer esterno di centrocampo a destra e Verdi, particolarmente ispirato, a supportare Belotti e Zaza in attacco. Il primo tempo aveva i tratti del monologo color granata, ma nonostante la lunga pressione il Toro mancava di ritmo nel giro palla ed incisività e non riusciva a passare.

 

La squadra di Longo era più determinata in avvio di ripresa. Verdi dapprima si vedeva negare dal palo la gioia del gol, quindi la gustava con uno splendido sinistro a giro sul palo lontano, sua specialità della casa. Partita in discesa, ma fra i torinisti affioravano di nuovo i difetti che ne hanno condizionato la stagione. Zaza si faceva ipnotizzare dall'esordiente Thiam, quindi Verdi e Berenguer non concretizzavano e a dieci minuti dal termine arrivava la beffa, con la palla persa ingenuamente a centrocampo da Meite e la verticalizzazione di Dabo per D'Alessandro che prendeva d'infilata la difesa avversaria trafiggendo Sirigu.

 

I restanti minuti erano utili solo per il conto alla rovescia verso il traguardo salvezza tagliato con il minimo sforzo. Roma in casa e Bologna in trasferta le tappe conclusive di un'annata tribolata da chiudere almeno dignitosamente, poi spazio agli scenari futuri. Mercoledì dovrebbe uscire allo scoperto una cordata capeggiata da un imprenditore torinese intenzionata a rilevare la proprietà del club da Urbano Cairo, possibile primo passo di un nuovo assetto societario con inevitabili ricadute sul mercato e la costruzione del prossimo Toro. 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 27/07/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



Segnali di ripresa del Toro. La Juve bloccata in casa dal Verona

  Torino che si ferma con molto amaro in bocca ad un passo dalla resurrezione e Juventus che sente suonare più di un campanello d'allarme con la crisi ormai alle porte. Continua il campionato con il freno a mano tirato delle due paladine del calcio sotto la Mole....leggi
26/10/2020

Un weekend da dimenticare per le squadre torinesi di serie A

La giovane Signora non è ancora pronta per ballare in società e prendersi la ribalta che da blasone le compete, mentre il Toro, ingabbiato in uno sconcertante "vorrei ma non posso", è sempre più vittima dei suoi limiti e dei suoi errori continuando a vestire la maglia nera in una situazione che comincia a farsi preoccupante. La ripresa del campionato...leggi
18/10/2020

Serie A: Juventus e Torino bloccate dal Covid-19

  Il Covid-19 sgambetta le due torinesi costringendole loro malgrado a fare da spettatrici alla terza giornata di campionato, mentre all'orizzonte si profila una grossa incognita sulle modalità di ripresa e sul prosieguo della serie A al ritorno dalla sosta per le nazionali.   Il calcio italiano scivola verso il cao...leggi
05/10/2020

Turno negativo per le squadre torinesi di serie A

Torino con encefalogramma quasi piatto dopo il sussulto iniziale e Juventus da passo del gambero salvata dal solito esperto di make up Cristiano Ronaldo che ne maschera le rughe senza risolverne i problemi, in una seconda giornata di campionato che ha fruttato la miseria di un punto al calcio sotto la Mole.   Spumeggiante l'avvio dei granata contro l'Atalanta, in c...leggi
28/09/2020


Juve e Toro si congedano mestamente dalla serie A 2019-2020

Le due torinesi salutano il campionato in tono minore, con la Juventus che rimedia un'altra figuraccia rovinando la festa scudetto tra le mura amiche, mentre il Torino fa il minimo sindacale per tornare almeno imbattuto da Bologna e proiettarsi senza indugi verso la prossima stagione dopo essere stato una delle maggiori delusioni di questo torneo. ...leggi
03/08/2020

La Juve cade a Cagliari, un rimaneggiato Toro cede con onore alla Roma

  Lo scudetto appena conquistato non cancella i difetti e le lacune della Juventus, che non onora l'ennesimo titolo di campione d'Italia e a Cagliari va incontro ad una figuraccia francamente evitabile che non si addice ad una squadra di rango, mentre il Torino ha ormai staccato la spina e di fronte alla Roma stabilisce il record negativo di sconfitte a testimonianza di una stagion...leggi
30/07/2020

Prezioso pari del Toro col Verona, la Juve cade a Udine

  Un Toro prima timido poi più aggressivo e convincente blocca il brillante Verona e fa un altro passo verso la tranquillità, mentre la Juve crolla clamorosamente ad Udine, manca il primo match point scudetto e lascia irrisolti gli interrogativi sulla propria personalità.   ...leggi
24/07/2020

La Juve supera la Lazio e si avvicina allo Scudetto, Toro ko a Firenze

  Un Toro troppo presto appagato e rilassato oltre misura torna vittima dei propri limiti e lascia campo libero alla Fiorentina non riuscendo a eguagliare i grandi del passato. La Juve ritrova la personalità per interpretare e gestire gli scontri decisivi, poi finisce di nuovo per specchiarsi in versione Narciso, ma alla fine riesce a regolare la Lazio e vede sempre pi&ugrav...leggi
21/07/2020

Pari pirotecnico della Juve col Sassuolo, il Toro ipoteca la salvezza

Juve sulle montagne russe in capo a una partita schizofrenica al termine della quale riesce ancora una volta a rimanere a galla avvicinandosi allo scudetto, Toro finalmente compatto, determinato e concreto, che sfodera una delle sue migliori prestazioni stagionali e manda in archivio il discorso salvezza.   ...leggi
17/07/2020

Per la Juve con l'Atalanta il pari è di rigore, Toro ko con l'Inter

Doppia salvezza dagli undici metri per la Juventus, mentre svanisce dopo l'intervallo l'illusione di un Torino tradito ancora una volta dalle proprie distrazioni ed ingenuità, in un turno di campionato al termine del quale le rappresentanti del calcio sotto la Mole devono sforzarsi di vedere il bicchiere mezzo pieno. ...leggi
14/07/2020

Black out Juve col Milan, il Toro ribalta il Brescia

All'8' del secondo tempo di Milan-Juventus il campionato era finito. Poi i bianconeri hanno scollegato la testa incassando una devastante rimonta che rimarrà negli annali e riapre, soprattutto per quanrto riguarda gli aspetti psicologici, la corsa scudetto. Il Torino dal canto suo ha dapprima rischiato di affondare contro il disperato Brescia, poi, trasci...leggi
10/07/2020

La Juventus passa nel derby della Mole e allunga in vetta

Gli occhi, come si sa, sono lo specchio dell'anima. E guardando, grazie alle puntuali scelte della regìa televisiva, le espressioni di bianconeri e granata prima, durante e dopo l'inconsueto derby di sabato scorso, il 200° in serie A e il primo disputato a porte chiuse, si trovano molte chiavi di lettu...leggi
06/07/2020

La Juve passa in casa del Genoa, il Toro ko di misura con la Lazio

Al Toro non bastano solo orgoglio e determinazione di fronte alla granitica Lazio, che anche aiutata dalla fortuna lascia i granata con un pugno di mosche in mano. La Vecchia Signora indossa uno sfavillante abito da sera, danza accompagnata dai suoi ballerini fuoriclasse, archivia con meno problemi del previsto la pratica Genoa replicando ai biancocelesti e mantiene immutate le distanze dai riv...leggi
01/07/2020

La Juve dilaga nella ripresa col Lecce, Toro ko a Cagliari

Una Juventus dai due volti fa ancora leva sulle qualità dei propri assi e dilaga nella ripresa contro un Lecce autolesionista tenendo a debita distanza le inseguitrici, mentre il Torino dalla personalità indecifrabile ed incostante affonda a Cagliari restando per ora tranquillo solo grazie ai risultati negativi delle concorrenti alla salvezza....leggi
29/06/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,05119 secondi