Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


Juve e Toro si congedano mestamente dalla serie A 2019-2020

Le due torinesi salutano il campionato in tono minore, con la Juventus che rimedia un'altra figuraccia rovinando la festa scudetto tra le mura amiche, mentre il Torino fa il minimo sindacale per tornare almeno imbattuto da Bologna e proiettarsi senza indugi verso la prossima stagione dopo essere stato una delle maggiori delusioni di questo torneo.

 

Nel campionato più surreale della storia del calcio italiano, durato qusi un anno solare causa Covid, si è vista la peggiore Juventus del recente passato. Paradossale se si tiene conto che i bianconeri si sono cuciti sulla maglia il nono scudetto consecutivo, ma vero, con la concorrenza che si può mangiare le mani per la grossa occasione sprecata e meditare sul divario che ancora la separa dalla Vecchia Signora nonostante i tangibili passi avanti compiuti.

 

Chiamato per portare gioco e spettacolo oltre ai risultati, Sarri non è riuscito nell'intento, anche a causa di un mercato piovutogli sulla testa dall'alto e della presenza di troppi giocatori inadatti a sviluppare i suoi dettami tattici e poco inclini, nonostante l'accettazione di facciata, a calarsi mentalmente nel tanto atteso cambiamento. A salvarlo le giocate individuali dei suoi fuoriclasse (Ronaldo e Dybala su tutti assieme alle parate di Szczesny) e una rosa più ampia e di maggiore qualità rispetto alle rivali, che ha fatto la differenza soprattutto nelle prime partite dopo il lockdown. Per il resto difesa da ricostruire, soprattutto sugli esterni, con De Ligt sola nota lieta, così come il centrocampo, privo del passo e del fosforo necessari a condurre le danze, specie in campo internazionale. Coperta corta in attacco, dove manca un vero e proprio centravanti (Higuain impiegato part time con problemi di coesistenza con i compagni di reparto e quasi sicuro partente), mentre Douglas Costa e Bernardeschi hanno deluso rivelandosi inaffidabili.

 

A lasciare interdetti è stato poi il progressivo venire meno della "fame" di vittorie e della mentalità da grande squadra. Troppe volte i bianconeri hanno sbagliato l'approccio alla gara oppure staccato la spina pensando di avere già vinto la partita. A testimoniarlo le 9 rimonte subite con 21 punti gettati al vento da situazioni di vantaggio, le 7 sconfitte incassate (eguagliando il "primato negativo" per quanto riguarda le Juventus scudettate stabilito dalla squadra di Lippi nel 1994-'95) e i "soli" 83 punti con una misera lunghezza di vantaggio sulla seconda classificata (peggior riscontro nei trionfi della presidenza di Andrea Agnelli).

 

Come nella passata stagione, per la Juventus la vittoria è diventata una chimera dopo avere conquistato matematicamente lo scudetto (altro indice della mancanza di personalità e di orgoglio da grande squadra), con l'aggravante quest'anno della stecca finale casalinga che ha fatto cadere dopo oltre due anni il record di imbattibilità in campionato dell'Allianz Stadium, consentendo alla Roma di espugnarlo per la prima volta.

 

Poco da commentare sulla partita contro i giallorossi. Gara dal tenore quasi amichevole fra due squadre che non avevano più nulla da chiedere al torneo, in cui i bianconeri sono rimasti in campo cinque minuti fino al vantaggio di Higuain, lasciando poi spazio alla voglia dei romanisti di ben figurare e di conquistare la platonica imperesa. Orrori in serie della Vecchia Signora, dall'errato e molle piazzamento difensivo sul pareggio di Kalinic all'ingenuità di Danilo in occasione del rigore di Perotti, a centrocampo e difesa presi di infilata dalla sgroppata di Zaniolo che ha propiziato la rete che ha chiuso la partita. Troppo poco sull'altro fronte il palo colpito da Ramsey, mentre i capitolini si sono imposti anche nella sfida fra i giovani talenti lanciati in campo. A stridere con la figuraccia fatta sul terreno di gioco la successiva gioia, seppur contenuta, della cerimonia di premiazione.

 

Venerdì altra chiave di volta della stagione con il ritorno degli ottavi di finale di Champions League contro il Lione. I presupposti di partenza per la rimonta non sono confortanti e in caso di fiasco potrebbero aprirsi scenari fino a qualche settimana fa impensabili.

Pari e patta a Bologna per il Torino, che almeno non ha chiuso a mani vuote uno dei peggiori campionati della sua storia recente. Partiti di slancio e con ben altre ambizioni dopo la positiva quanto sfortunata avventura nei preliminari di Europa League, i granata hanno tenuto inizialmente fede alle aspettative, poi i limiti di un organico forse sopravvalutato e che sfuggiva progressivamente di mano al proprio tecnico, incapace di dare alla squadra un gioco efficace nonostante la sagacia nella lettura delle partite, sono cominciati ad emergere provocando a cavallo dell'anno nuovo un filotto di risultati negativi che ha portato all'esonero dell'allenatore toscano.

 

Chiamato al capezzale del Toro, il "ragazzo del Filadelfia" Moreno Longo ha cercato di salvare il salvabile per traghettare la squadra verso la salvezza. Pur tra mille difficoltà, nella ripresa estiva post Covid i granata sono riusciti a centrare le fondamentali vittorie negli scontri diretti con Udinese, Brescia e Genoa, conquistando, seppur con poca gloria e grazie anche all'andamento al rallentatore delle concorrenti, l'obiettivo minimo della salvezza.

 

Simbolo di un'annata storta le 20 sconfitte subite e le 68 reti incassate. Da salvare lo straordinario rendimento di Sirigu (che potrebbe ancora fare un pensierino alla maglia azzurra), la certezza di Izzo e la crescita di Brener in una difesa distratta e dalle maglie troppo larghe, gli spunti sulle corsie esterne di Ansaldi e De Silvestri e l'encomiabile capitan Belotti, che si è sempre preso la squadra sulle spalle, non solo in fase realizzativa. Troppa quantità e poca qualità a centrocampo, discontinui i trequartisti Verdi e Berenguer, così come la spalla d'attacco Zaza.

 

Un tempo a testa a Bologna. Frazione d'avvio di marca rossoblu, in cui i felsinei sbloccavano meritatamente il risultato con Svanberg, complice l'incertezza dell'esordiente Rosati, ed i granata, troppo passivi nonostante lo schieramento con quattro giocatori d'impronta offensiva, che non riuscivano mai a rendersi pericolosi.

 

Ripresa di stampo torinista, in cui la squadra di Longo mostrava un piglio migliore e conquistava il pareggio con la perla al volo di Zaza su pregevole suggerimento di Verdi. Ultimo quarto di gara di pura accademia, in cui le due formazioni si accontentavano del punto e il Toro regalava al diciottenne Celesia la soddisfazione dell'esordio in serie A.

 

Adesso occorre voltare in fretta pagina in vista della nuova stagione che dovrebbe iniziare nella seconda metà di settembre. Marco Giampaolo in panchina con giocatori di maggiore qualità rispetto agli attuali e funzionali al suo progetto di gioco, potrebbero essere i punti da cui ripartire.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 03/08/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



La Juve convince, il Toro si smarrisce a San Siro dopo un'ora di gioco

  Segnali convincenti da parte di una Juventus che comincia ad ingranare, mentre la grande illusione del Torino svanisce dopo un'ora di gioco quasi perfetta, facendolo ripiombare nella triste realtà di questo travagliato avvio di stagione. Ancora un turno di campionato dai due volti per le rappresentanti del calcio sotto la Mole. Ad aprire l...leggi
23/11/2020

Juve e Toro non vanno oltre il pari nell'ultimo turno di A

    Juventus fra comode illusioni di coppa e bruciante ritorno alla realtà del campionato, Torino convalescente che sorbisce un brodino ma ha davanti a sé una cura ricostituente ancora molto lunga. Per le due rappresentanti del calcio subalpino l'enigmatico avvio di stagione non si risolve nemmeno in vista della seconda sosta per lasciare spazio alle Nazi...leggi
09/11/2020


Segnali di ripresa del Toro. La Juve bloccata in casa dal Verona

  Torino che si ferma con molto amaro in bocca ad un passo dalla resurrezione e Juventus che sente suonare più di un campanello d'allarme con la crisi ormai alle porte. Continua il campionato con il freno a mano tirato delle due paladine del calcio sotto la Mole....leggi
26/10/2020

Un weekend da dimenticare per le squadre torinesi di serie A

La giovane Signora non è ancora pronta per ballare in società e prendersi la ribalta che da blasone le compete, mentre il Toro, ingabbiato in uno sconcertante "vorrei ma non posso", è sempre più vittima dei suoi limiti e dei suoi errori continuando a vestire la maglia nera in una situazione che comincia a farsi preoccupante. La ripresa del campionato...leggi
18/10/2020

Serie A: Juventus e Torino bloccate dal Covid-19

  Il Covid-19 sgambetta le due torinesi costringendole loro malgrado a fare da spettatrici alla terza giornata di campionato, mentre all'orizzonte si profila una grossa incognita sulle modalità di ripresa e sul prosieguo della serie A al ritorno dalla sosta per le nazionali.   Il calcio italiano scivola verso il cao...leggi
05/10/2020

Turno negativo per le squadre torinesi di serie A

Torino con encefalogramma quasi piatto dopo il sussulto iniziale e Juventus da passo del gambero salvata dal solito esperto di make up Cristiano Ronaldo che ne maschera le rughe senza risolverne i problemi, in una seconda giornata di campionato che ha fruttato la miseria di un punto al calcio sotto la Mole.   Spumeggiante l'avvio dei granata contro l'Atalanta, in c...leggi
28/09/2020


La Juve cade a Cagliari, un rimaneggiato Toro cede con onore alla Roma

  Lo scudetto appena conquistato non cancella i difetti e le lacune della Juventus, che non onora l'ennesimo titolo di campione d'Italia e a Cagliari va incontro ad una figuraccia francamente evitabile che non si addice ad una squadra di rango, mentre il Torino ha ormai staccato la spina e di fronte alla Roma stabilisce il record negativo di sconfitte a testimonianza di una stagion...leggi
30/07/2020

La Juve conquista il 9° scudetto consecutivo, il Toro è salvo

  La Juventus soffre ma alla fine riesce a tagliare il traguardo dello storico nono scudetto consecutivo chiudendo i conti con due giornate d'anticipo nel campionato più surreale mai vissuto dal calcio italiano, mentre il Torino conquista senza infamia e senza lode il punto necessario alla matematica salvezza e manda in archivio una stagione ...leggi
27/07/2020

Prezioso pari del Toro col Verona, la Juve cade a Udine

  Un Toro prima timido poi più aggressivo e convincente blocca il brillante Verona e fa un altro passo verso la tranquillità, mentre la Juve crolla clamorosamente ad Udine, manca il primo match point scudetto e lascia irrisolti gli interrogativi sulla propria personalità.   ...leggi
24/07/2020

La Juve supera la Lazio e si avvicina allo Scudetto, Toro ko a Firenze

  Un Toro troppo presto appagato e rilassato oltre misura torna vittima dei propri limiti e lascia campo libero alla Fiorentina non riuscendo a eguagliare i grandi del passato. La Juve ritrova la personalità per interpretare e gestire gli scontri decisivi, poi finisce di nuovo per specchiarsi in versione Narciso, ma alla fine riesce a regolare la Lazio e vede sempre pi&ugrav...leggi
21/07/2020

Pari pirotecnico della Juve col Sassuolo, il Toro ipoteca la salvezza

Juve sulle montagne russe in capo a una partita schizofrenica al termine della quale riesce ancora una volta a rimanere a galla avvicinandosi allo scudetto, Toro finalmente compatto, determinato e concreto, che sfodera una delle sue migliori prestazioni stagionali e manda in archivio il discorso salvezza.   ...leggi
17/07/2020

Per la Juve con l'Atalanta il pari è di rigore, Toro ko con l'Inter

Doppia salvezza dagli undici metri per la Juventus, mentre svanisce dopo l'intervallo l'illusione di un Torino tradito ancora una volta dalle proprie distrazioni ed ingenuità, in un turno di campionato al termine del quale le rappresentanti del calcio sotto la Mole devono sforzarsi di vedere il bicchiere mezzo pieno. ...leggi
14/07/2020

Black out Juve col Milan, il Toro ribalta il Brescia

All'8' del secondo tempo di Milan-Juventus il campionato era finito. Poi i bianconeri hanno scollegato la testa incassando una devastante rimonta che rimarrà negli annali e riapre, soprattutto per quanrto riguarda gli aspetti psicologici, la corsa scudetto. Il Torino dal canto suo ha dapprima rischiato di affondare contro il disperato Brescia, poi, trasci...leggi
10/07/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,04987 secondi