Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


Turno negativo per le squadre torinesi di serie A

Torino con encefalogramma quasi piatto dopo il sussulto iniziale e Juventus da passo del gambero salvata dal solito esperto di make up Cristiano Ronaldo che ne maschera le rughe senza risolverne i problemi, in una seconda giornata di campionato che ha fruttato la miseria di un punto al calcio sotto la Mole.

 

Spumeggiante l'avvio dei granata contro l'Atalanta, in cui gli uomini di Giampaolo tenevano bene il campo, sorprendevano con ficcanti verticalizzazioni l'ardita difesa "uno contro uno" degli orobici (forse il loro solo punto debole), centravano la traversa con Zaza e si portavano meritatamente in vantaggio grazie al solito, encomiabile capitan Belotti (nella foto di www.torinofc.it).

 

L'illusione durava però poco. I nerazzurri non si scomponevano, comiciavano a macinare gioco e spettacolo e per il Toro era notte fonda. I lampi di Gomez e Muriel mettevano il dito nella piaga della titubante fase difensiva granata, nella quale colpivano in negativo gli spaesati esordienti Vojvoda e Murru, travolti dai cicloni Gosens e Hateboer. Nel settore nevralgico, in cui servirebbe come il pane un regista, i torinisti venivano surclassati sul piano del ritmo, perdevano tutti i confronti diretti, non riuscivano a contenere ed evidenziavano un'ormai cronica incapacità di creare gioco, mentre i cambi di fronte dei bergamaschi facevano il resto mandando in tilt tutta la truppa di Giampaolo.

 

Il guizzo da centravanti vero di Belotti, unica luce nel buio, riapriva la contesa, ma dopo l'intervallo si vedeva una sola squadra in campo. De Roon chiudeva i conti, poi partiva lo show della banda di Gasperini fatto di pressing, velocità, inserimenti e giocate di prima, con momenti di calcio totale che riportavano alla mente l'Arancia Meccanica olandese.

 

Sull'altro fronte un Toro davvero deludente e troppo brutto per essere quello che dovrà battersi per il resto della stagione, si arrendeva per manifesta inferiorità, palesemente sfiduciato davanti all'enorme superiorità avversaria. A completare una giornata da dimenticare il disastroso terreno dell'Olimpico Grande Torino, dal fondo troppo soffice che frenava la palla, con le zolle si alzavano ad ogni accelerazione o contrasto mettendo a rischio l'incolumità dei giocatori.

 

Dopo due partite i granata sono ancora al palo in classifica, attanagliati dalle irrisolte carenze della scorsa stagione: caratura media che definire non eccelsa sarebbe un eufemismo, enormi difficoltà nell'impostazione della manovra e nel fronteggiare quella avversaria, assenza in ambo le fasi degli esterni, attaccanti cercati solo con lanci lunghi e personalità che si manifesta a sprazzi (non basta reggere un tempo).

 

L'applicazione del verbo tattico predicato da Giampaolo è ancora di là da venire e il lavoro di costruzione si prospetta lungo. Per rimettersi al più presto in carreggiata servirebbero qualche innesto di qualità nell'ultima settimana di mercato e cominciare a fare punti prima possibile, magari già sabato in casa del Grifone cui il Napoli ha impietosamente tarpato le ali. Altrimenti il treno della classifica potrebbe andare via lasciando a piedi i granata e costringendoli ad una lunga, affannosa rincorsa.

 

A Roma passo indietro di una Juve cui solo il risultato finale ed il carattere mostrato possono strappare un mezzo sorriso. Al primo test di spessore del campionato dopo la passeggiata sull'evanescente Sampdoria, i bianconeri sono apparsi in netto regresso, pigri, specialmente nel centrocampo, sempre in ritardo sulla pressione avversaria, costantemente costretti a rincorrere e in difficoltà nelle chiusure.

 

Se da una lato Szczesny e i difensori hanno retto, con Danilo di nuovo convincente nel doppio compito di contenimento e spinta (vedi l'assist per il definitivo pareggio di Ronaldo), l'assetto nel settore nevralgico ha questa volta lasciato a desiderare. Disastroso Rabiot, impreciso e fuori giri McKennie, mal adattati sulle corsie esterne Cuadrado e Kulusevski, alla vana ricerca della posizione fra i reparti Ramsey. In attacco dove si stagliava (in senso letterale, come dimostra lo stacco in occasione del 2-2) il solito monumentale Ronaldo, non si poteva chiedere altro che la generosità al rientrante Morata.

 

Da queste premesse scaturiva molta forma e poca sostanza nell'impostazione del gioco, con difficoltà di andare al tiro (tre sole conclusioni nell'arco della gara, rigore compreso, tutte del portoghese) che si pensavano superate, mentre gli sbandamenti difensivi dovuti a mancanza di collegamento fra i reparti e il calo di tensione una volta riequilibrato il risultato, riportavano alla mente gli inspiegabili brividi della parentesi sarriana.

 

La Juventus resta comunque una squadra di rango e di fronte ai giallorossi, che si possono mangiare le mani per le occasioni fallite da Dzeko, imprendibile come regista offensivo quanto prodigo in fase conclusiva, è uscita indenne dall'Olimpico proprio aggrappandosi alle virtù dei grandi: ovvero i colpi da fuoriclasse del suo campione lusitano e un indomito carattere. Rimasti in dieci per l' espulsione dell'ingenuo Rabiot, gli uomini di Pirlo si sono ricompattati riuscendo a riequilibrare la gara, mentre i loro avversari sono stati vittime del "braccino" del tennista. Pur soffrendo, i bianconeri hanno contenuto i romanisti senza rischiare, chiudendo addirittura avanti nel finale.

 

Troppo poco però per guardare con serenità alla prima sfida al vertice di domenica prossima contro il pimpante Napoli, dove servirà ritrovare passo, determinazione, lucidità e velocità.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 28/09/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



La Juve convince, il Toro si smarrisce a San Siro dopo un'ora di gioco

  Segnali convincenti da parte di una Juventus che comincia ad ingranare, mentre la grande illusione del Torino svanisce dopo un'ora di gioco quasi perfetta, facendolo ripiombare nella triste realtà di questo travagliato avvio di stagione. Ancora un turno di campionato dai due volti per le rappresentanti del calcio sotto la Mole. Ad aprire l...leggi
23/11/2020

Juve e Toro non vanno oltre il pari nell'ultimo turno di A

    Juventus fra comode illusioni di coppa e bruciante ritorno alla realtà del campionato, Torino convalescente che sorbisce un brodino ma ha davanti a sé una cura ricostituente ancora molto lunga. Per le due rappresentanti del calcio subalpino l'enigmatico avvio di stagione non si risolve nemmeno in vista della seconda sosta per lasciare spazio alle Nazi...leggi
09/11/2020


Segnali di ripresa del Toro. La Juve bloccata in casa dal Verona

  Torino che si ferma con molto amaro in bocca ad un passo dalla resurrezione e Juventus che sente suonare più di un campanello d'allarme con la crisi ormai alle porte. Continua il campionato con il freno a mano tirato delle due paladine del calcio sotto la Mole....leggi
26/10/2020

Un weekend da dimenticare per le squadre torinesi di serie A

La giovane Signora non è ancora pronta per ballare in società e prendersi la ribalta che da blasone le compete, mentre il Toro, ingabbiato in uno sconcertante "vorrei ma non posso", è sempre più vittima dei suoi limiti e dei suoi errori continuando a vestire la maglia nera in una situazione che comincia a farsi preoccupante. La ripresa del campionato...leggi
18/10/2020

Serie A: Juventus e Torino bloccate dal Covid-19

  Il Covid-19 sgambetta le due torinesi costringendole loro malgrado a fare da spettatrici alla terza giornata di campionato, mentre all'orizzonte si profila una grossa incognita sulle modalità di ripresa e sul prosieguo della serie A al ritorno dalla sosta per le nazionali.   Il calcio italiano scivola verso il cao...leggi
05/10/2020


Juve e Toro si congedano mestamente dalla serie A 2019-2020

Le due torinesi salutano il campionato in tono minore, con la Juventus che rimedia un'altra figuraccia rovinando la festa scudetto tra le mura amiche, mentre il Torino fa il minimo sindacale per tornare almeno imbattuto da Bologna e proiettarsi senza indugi verso la prossima stagione dopo essere stato una delle maggiori delusioni di questo torneo. ...leggi
03/08/2020

La Juve cade a Cagliari, un rimaneggiato Toro cede con onore alla Roma

  Lo scudetto appena conquistato non cancella i difetti e le lacune della Juventus, che non onora l'ennesimo titolo di campione d'Italia e a Cagliari va incontro ad una figuraccia francamente evitabile che non si addice ad una squadra di rango, mentre il Torino ha ormai staccato la spina e di fronte alla Roma stabilisce il record negativo di sconfitte a testimonianza di una stagion...leggi
30/07/2020

La Juve conquista il 9° scudetto consecutivo, il Toro è salvo

  La Juventus soffre ma alla fine riesce a tagliare il traguardo dello storico nono scudetto consecutivo chiudendo i conti con due giornate d'anticipo nel campionato più surreale mai vissuto dal calcio italiano, mentre il Torino conquista senza infamia e senza lode il punto necessario alla matematica salvezza e manda in archivio una stagione ...leggi
27/07/2020

Prezioso pari del Toro col Verona, la Juve cade a Udine

  Un Toro prima timido poi più aggressivo e convincente blocca il brillante Verona e fa un altro passo verso la tranquillità, mentre la Juve crolla clamorosamente ad Udine, manca il primo match point scudetto e lascia irrisolti gli interrogativi sulla propria personalità.   ...leggi
24/07/2020

La Juve supera la Lazio e si avvicina allo Scudetto, Toro ko a Firenze

  Un Toro troppo presto appagato e rilassato oltre misura torna vittima dei propri limiti e lascia campo libero alla Fiorentina non riuscendo a eguagliare i grandi del passato. La Juve ritrova la personalità per interpretare e gestire gli scontri decisivi, poi finisce di nuovo per specchiarsi in versione Narciso, ma alla fine riesce a regolare la Lazio e vede sempre pi&ugrav...leggi
21/07/2020

Pari pirotecnico della Juve col Sassuolo, il Toro ipoteca la salvezza

Juve sulle montagne russe in capo a una partita schizofrenica al termine della quale riesce ancora una volta a rimanere a galla avvicinandosi allo scudetto, Toro finalmente compatto, determinato e concreto, che sfodera una delle sue migliori prestazioni stagionali e manda in archivio il discorso salvezza.   ...leggi
17/07/2020

Per la Juve con l'Atalanta il pari è di rigore, Toro ko con l'Inter

Doppia salvezza dagli undici metri per la Juventus, mentre svanisce dopo l'intervallo l'illusione di un Torino tradito ancora una volta dalle proprie distrazioni ed ingenuità, in un turno di campionato al termine del quale le rappresentanti del calcio sotto la Mole devono sforzarsi di vedere il bicchiere mezzo pieno. ...leggi
14/07/2020

Black out Juve col Milan, il Toro ribalta il Brescia

All'8' del secondo tempo di Milan-Juventus il campionato era finito. Poi i bianconeri hanno scollegato la testa incassando una devastante rimonta che rimarrà negli annali e riapre, soprattutto per quanrto riguarda gli aspetti psicologici, la corsa scudetto. Il Torino dal canto suo ha dapprima rischiato di affondare contro il disperato Brescia, poi, trasci...leggi
10/07/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,04762 secondi