Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI CALCIO FEMMINILE    

Edizione provinciale di Torino


Turno negativo per le squadre torinesi di serie A

Torino con encefalogramma quasi piatto dopo il sussulto iniziale e Juventus da passo del gambero salvata dal solito esperto di make up Cristiano Ronaldo che ne maschera le rughe senza risolverne i problemi, in una seconda giornata di campionato che ha fruttato la miseria di un punto al calcio sotto la Mole.

 

Spumeggiante l'avvio dei granata contro l'Atalanta, in cui gli uomini di Giampaolo tenevano bene il campo, sorprendevano con ficcanti verticalizzazioni l'ardita difesa "uno contro uno" degli orobici (forse il loro solo punto debole), centravano la traversa con Zaza e si portavano meritatamente in vantaggio grazie al solito, encomiabile capitan Belotti (nella foto di www.torinofc.it).

 

L'illusione durava però poco. I nerazzurri non si scomponevano, comiciavano a macinare gioco e spettacolo e per il Toro era notte fonda. I lampi di Gomez e Muriel mettevano il dito nella piaga della titubante fase difensiva granata, nella quale colpivano in negativo gli spaesati esordienti Vojvoda e Murru, travolti dai cicloni Gosens e Hateboer. Nel settore nevralgico, in cui servirebbe come il pane un regista, i torinisti venivano surclassati sul piano del ritmo, perdevano tutti i confronti diretti, non riuscivano a contenere ed evidenziavano un'ormai cronica incapacità di creare gioco, mentre i cambi di fronte dei bergamaschi facevano il resto mandando in tilt tutta la truppa di Giampaolo.

 

Il guizzo da centravanti vero di Belotti, unica luce nel buio, riapriva la contesa, ma dopo l'intervallo si vedeva una sola squadra in campo. De Roon chiudeva i conti, poi partiva lo show della banda di Gasperini fatto di pressing, velocità, inserimenti e giocate di prima, con momenti di calcio totale che riportavano alla mente l'Arancia Meccanica olandese.

 

Sull'altro fronte un Toro davvero deludente e troppo brutto per essere quello che dovrà battersi per il resto della stagione, si arrendeva per manifesta inferiorità, palesemente sfiduciato davanti all'enorme superiorità avversaria. A completare una giornata da dimenticare il disastroso terreno dell'Olimpico Grande Torino, dal fondo troppo soffice che frenava la palla, con le zolle si alzavano ad ogni accelerazione o contrasto mettendo a rischio l'incolumità dei giocatori.

 

Dopo due partite i granata sono ancora al palo in classifica, attanagliati dalle irrisolte carenze della scorsa stagione: caratura media che definire non eccelsa sarebbe un eufemismo, enormi difficoltà nell'impostazione della manovra e nel fronteggiare quella avversaria, assenza in ambo le fasi degli esterni, attaccanti cercati solo con lanci lunghi e personalità che si manifesta a sprazzi (non basta reggere un tempo).

 

L'applicazione del verbo tattico predicato da Giampaolo è ancora di là da venire e il lavoro di costruzione si prospetta lungo. Per rimettersi al più presto in carreggiata servirebbero qualche innesto di qualità nell'ultima settimana di mercato e cominciare a fare punti prima possibile, magari già sabato in casa del Grifone cui il Napoli ha impietosamente tarpato le ali. Altrimenti il treno della classifica potrebbe andare via lasciando a piedi i granata e costringendoli ad una lunga, affannosa rincorsa.

 

A Roma passo indietro di una Juve cui solo il risultato finale ed il carattere mostrato possono strappare un mezzo sorriso. Al primo test di spessore del campionato dopo la passeggiata sull'evanescente Sampdoria, i bianconeri sono apparsi in netto regresso, pigri, specialmente nel centrocampo, sempre in ritardo sulla pressione avversaria, costantemente costretti a rincorrere e in difficoltà nelle chiusure.

 

Se da una lato Szczesny e i difensori hanno retto, con Danilo di nuovo convincente nel doppio compito di contenimento e spinta (vedi l'assist per il definitivo pareggio di Ronaldo), l'assetto nel settore nevralgico ha questa volta lasciato a desiderare. Disastroso Rabiot, impreciso e fuori giri McKennie, mal adattati sulle corsie esterne Cuadrado e Kulusevski, alla vana ricerca della posizione fra i reparti Ramsey. In attacco dove si stagliava (in senso letterale, come dimostra lo stacco in occasione del 2-2) il solito monumentale Ronaldo, non si poteva chiedere altro che la generosità al rientrante Morata.

 

Da queste premesse scaturiva molta forma e poca sostanza nell'impostazione del gioco, con difficoltà di andare al tiro (tre sole conclusioni nell'arco della gara, rigore compreso, tutte del portoghese) che si pensavano superate, mentre gli sbandamenti difensivi dovuti a mancanza di collegamento fra i reparti e il calo di tensione una volta riequilibrato il risultato, riportavano alla mente gli inspiegabili brividi della parentesi sarriana.

 

La Juventus resta comunque una squadra di rango e di fronte ai giallorossi, che si possono mangiare le mani per le occasioni fallite da Dzeko, imprendibile come regista offensivo quanto prodigo in fase conclusiva, è uscita indenne dall'Olimpico proprio aggrappandosi alle virtù dei grandi: ovvero i colpi da fuoriclasse del suo campione lusitano e un indomito carattere. Rimasti in dieci per l' espulsione dell'ingenuo Rabiot, gli uomini di Pirlo si sono ricompattati riuscendo a riequilibrare la gara, mentre i loro avversari sono stati vittime del "braccino" del tennista. Pur soffrendo, i bianconeri hanno contenuto i romanisti senza rischiare, chiudendo addirittura avanti nel finale.

 

Troppo poco però per guardare con serenità alla prima sfida al vertice di domenica prossima contro il pimpante Napoli, dove servirà ritrovare passo, determinazione, lucidità e velocità.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 28/09/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



Importante vittoria del Toro a Cagliari, Juve sul velluto col Crotone

Il Torino guarisce finalmente dalla pareggite, centra la prima agognata vittoria della gestione Nicola e strappa con maturità nello scontro salvezza di Cagliari tre punti pesanti come un macigno che lo fanno allungare sulla zona calda. La Juventus stenta a carburare, poi si mette al collo le perle del solito Cristiano Ronaldo e a gioco lungo salt...leggi
23/02/2021

Il Toro colleziona pareggi, la Juve cade a Napoli

Torino sempre più abbonato ai pareggi che non riesce a trovare lo spunto per risolvere a proprio favore le partite e spiccare il salto che lo faccia uscire dalla zona calda. Juventus di nuovo sconcertante che domina senza incisività e viene punita da un episodio perdendo una grossa occasione per avvicinarsi alla vetta e dov...leggi
14/02/2021

La Juve vince la sfida con la Roma, rimonta di altri tempi per il Toro

  Il Vecchio Cuore Granata prima mette a repentaglio le coronarie dei suoi tifosi, poi torna a pulsare forte e dà vita a una rimonta d'altri tempi che rimarrà in qualche modo storica. La Juve camaleontica ingabbia la Roma e prosegue nel migliore dei modi il suo ciclo di ferro, completando un sabato di campionato dal seg...leggi
08/02/2021

Ancora un pari per il Toro, la Juve sbanca Marassi

  Un Toro ingabbiato nei propri limiti spreca un'altra occasione e rimane ancorato in zona retrocessione, mentre una Juve dai due volti regola la Sampdoria e si prepara al meglio per il ciclo di fuoco che molto probabilmente farà chiarezza su ambizioni e obiettivi stagionali bianconeri. Anche dopo la prima di ritorno, in un tu...leggi
02/02/2021

La Juventus regola all'inglese il Bologna, orgoglio Toro a Benevento

Il Toro ritrova almeno l'anima e dopo tempo immemore un allenatore "sanguigno" che sa trasmettere ai giocatori la carica e l'attaccamento alla maglia, conquista in rimonta con orgoglio e carattere un punto che ha un peso specifico enorme per il morale, seppur non modifichi una posizione di classifica sempre deficitaria, e compie il primo...leggi
25/01/2021

Turno da dimenticare per la Juve e per il Toro che esonera Giampaolo

  Quello appena andato in archivio è stato uno dei weekend più neri della storia recente del calcio sotto la Mole, che ha per una volta unito due squadre con problemi dai tratti comuni. Dapprima un Toro sconcertante, privo di nerbo e di identità, fornisce una delle prestazioni più impalpabili della stagione e non riesce a piegare uno Spezia ridotto in di...leggi
18/01/2021

La Juve regola il Sassuolo, il Toro si inchina alla capolista Milan

Torino che fa il passo del gambero e si scioglie davanti al ritrovato fuoco del Diavolo capolista, Juventus che porta a casa il risultato e poco altro di positivo dalla spinosa gara col Sassuolo. Molte ombre intervallate da rare luci per le due paladine del calcio subalpino, in un turno di campionato in cui hanno riproposto in maniera pr...leggi
12/01/2021

La Juve sbanca San Siro, per il Toro un risultato positivo col Verona

  La befana calcistica ha regalato dolci e sorrisi in quantità alle due rappresentanti del pallone sotto la Mole, con il Torino che blocca con merito il temuto Verona portandosi fuori dalla zona retrocessione e la Juventus che sfodera una prestazione all'altezza della propria caratura, interrompe l'imbattibilità della capolista Milan e torna in lizza con forza nella c...leggi
07/01/2021

Il 2021 per Juve e Toro inizia con delle vittorie convincenti

Toro finalmente accorto, concreto e privo di fronzoli che conquista un successo di capitale importanza, specie in prospettiva futura. Juve dai due volti che svolge, pur tra luci e ombre, al meglio il proprio "compitino", si rimette in carreggiata e si proietta verso i confronti diretti che diranno una parola forse definitiva sugli obiett...leggi
04/01/2021

Turno da incubo per la Juve, il Toro sfiora l'impresa a Napoli

Martedì da incubo per la Juventus, che perde sei punti in un colpo solo, abdica forse definitivamente dopo nove anni di dominio incontrastato in Italia e al termine del turno prenatalizio si ritrova anche fuori dalla zona Champions, toccando il punto più basso del suo recente passato. Ancora amarezza per il Torino, che sfio...leggi
24/12/2020

Turno di serie A con sorrisi bianconeri ed ombre granata

La Juventus si riscatta e ritrova la rotta con una prestazione finalmente degna della sua caratura, mentre il Torino muove la classifica ma subisce l'ennesima rimonta e getta al vento la possibilità di cominciare a dare una sterzata alla sua stagione. Sorrisi in bianconero e ombre granata nel penultimo turno di serie A prima della sosta di fine a...leggi
20/12/2020

Turno infrasettimanale da dimenticare per Juventus e Torino

La Juve per una volta viene tradita dagli attaccanti e getta al vento un'altra occasione per avvicinarsi alla capolista Milan, mentre il Toro incappa in una sconfitta quasi annunciata e sprofonda sempre di più vestendo la maglia nera della classifica assieme al Crotone. Da dimenticare più in fretta possibile il turno infras...leggi
18/12/2020

Il Toro frana anche con l'Udinese, la Juve passa in casa del Genoa

  Torino ormai allo psicodramma, ancora sconfitto al termine di una partita dall'andamento schizofrenico e sempre più risucchiato dalle sabbie mobili della zona retrocessione. Juventus scintillante e matura in coppa che mostra segnali di continuità anche in campionato, pur senza convincere appieno. È proseguita anche nell'ultimo turno di Serie A, seguendo un co...leggi
14/12/2020

Derby della Mole: il Toro accarezza l'impresa ma a spuntarla è la Juve

Il Torino sfiora la partita perfetta, accarezza a lungo il sogno, poi si risveglia bruscamente come quasi sempre gli è accaduto da un quarto di secolo a questa parte. La Juventus è inguardabile per almeno 70 minuti ma riesce a scuotersi, replica un copione andato spesso in scena negli ultimi anni e tenendo fede al motto dei propri tifosi r...leggi
06/12/2020

Poche note liete per Juve e Toro in attesa del derby della Mole

  Juventus prigioniera delle proprie carenze di personalità e concentrazione che stanno ormai diventando una cronica, pericolosa costante, Torino che evita un altro k.o. in rimonta, muove la classifica, ma resta sempre in zona retrocessione. Poche le note liete per le due pa...leggi
01/12/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,04775 secondi