Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


Segnali di ripresa del Toro. La Juve bloccata in casa dal Verona

 

Torino che si ferma con molto amaro in bocca ad un passo dalla resurrezione e Juventus che sente suonare più di un campanello d'allarme con la crisi ormai alle porte. Continua il campionato con il freno a mano tirato delle due paladine del calcio sotto la Mole.

Ad aprire le danze nell'anticipo del venerdì sera i granata di Giampaolo, che in casa del Sassuolo hanno mostrato confortanti segnali di ripresa sfiorando addirittura il colpaccio che avrebbe fatto incamerare una boccata d'ossigeno puro per la classifica ed il morale.

Abbandonata la rigidità tattica palesata nei precedenti impegni, il tecnico torinista ha optato per uno schieramento più accorto, con difesa a quattro composta da Vojvoda, Bremer, Lyanco e Rodriguez, ben coperta dalla mediana nella quale Meité, Rincon e Linetty, in mancanza di fosforo e fantasia nell'impostazione, gettavano almeno in campo determinazione e dinamismo, di cui giovavano anche Lukic, positivo nel ruolo di trequartista, e il duo Belotti-Verdi sul fronte offensivo.

Nella nebbia erano i granata a fare la partita sorprendendo e mettendo a tratti anche in crisi gli emiliani fino alla meritata rete del vantaggio di Linetty, contenendo allo stesso tempo senza eccessivi patemi il giro palla dei neroverdi (fotografia: www.torinofc.it).

Note dolenti, a cavallo dei due tempi, l'eccessiva prodigalità in fase conclusiva, che aveva soprattutto in Verdi il protagonista in negativo, ed i soliti scricchiolii in difesa, puntualmente castigati dal tacco di Djuricic. Incassato il pareggio, la squadra di Giampaolo riusciva finalmente a non smarrirsi, con il suo tecnico che riequilibrava l'assetto passando ad una difesa a cinque grazie all'inserimento di Nkoulou per Verdi.

Lo schieramento più coperto consentiva di difendere il prezioso risultato e per una sera il Toro sembrava ritrovare lo smarrito tremendismo, facendo pendere l'ago della bilancia dalla sua parte nel giro di due minuti grazie all'ostinata caparbietà del proprio capitano ed al pronto recupero del pallone (decisive in questo caso la pressione sui portatori di palla e la chiusura delle linee di passaggio avversarie) che consentiva a Lukic di trafiggere per la terza volta Consigli.

Il destino dei cuori granata è però legato alla sofferenza e quando la prima gioia stagionale sembrava materializzarsi, l'eurogol di Chiriches e la dormita della difesa sull'azione del definitivo pareggio di Caputo facevano svanire il sogno nello spazio di un battito di ciglia.

Smaltita la delusione e nonostante una classifica sempre impietosa, con i granata ancorati all'ultimo posto assieme al Crotone, la truppa di Giampaolo dovrà fare tesoro dell'esperienza e ripartire, nel primo impegno di Coppa Italia di mercoledì contro il Lecce e soprattutto nel successivo test di domenica contro la Lazio, dalla personalità e dalla determinazione mostrate. Urgono però maggiore concentrazione in difesa e concretezza offensiva.

Crisi alle porte per la Juve, giunta al terzo pareggio consecutivo e al momento sorprendentemente fuori dalla zona Champions. Pur con le attenuanti delle assenze, la squadra di Pirlo continua a ripetere gli stessi errori dall'inizio della stagione, penalizzata anche da un un assetto tattico e da scelte del tecnico per nulla convincenti. Contro il giovane e garibaldino Verona di Juric per la terza volta i bianconeri sono adati in svantaggio regalando un'ora di gioco agli avversari e reagendo solo dopo avere preso uno schiaffo, più di nervi e grazie ai soliti spunti individuali che con l'organizzazione di gioco, della quale all'orizzonte non si vede nemmeno l'ombra.

La pochezza della Dynamo Kiev aveva probabilmente illuso. Sono bastati il dinamismo e l'azzardo di giocare a uomo a tutto campo degli scaligeri per bloccare gli juventini. Se una difesa che continua a perdere pezzi per infortuni ha tutto sommato retto al netto di qualche fatale sbavatura, il centrocampo è stato ancora una volta disastroso. Troppo compassati Arthur e Rabiot, inesistente Bernardeschi, impalpabile e di incerta collocazione Ramsey, con il risultato di una lenta manovra avvolgente priva di verticalizzazioni eccenzion fatta per gli episodi che hanno pertato Cuadrado a demolire la traversa (ma era più facile centrare la porta) e Morata a compiere una prodezza negata per la seconda gara di fila da un VAR "millimetrico". Estemporanee anche le avanzate di Bonucci in stile Scirea per cercare di sopperire alle carenze in impostazione dei compagni.

Da salvare solo l'ultima mezz'ora dopo la stilettata dell'ex Primavera Favilli (azione innescata da una palla persa in orizzontale a centrocampo da Bernardeschi). Qui diventavano protagonisti Kulusevski, talento puro al momento imprescindibile, Dybala, in crescita nonostante una condizione ancora precaria e fermato solamente dalla traversa, e Morata per l'abnegazione. Le parate di Silvestri e un pizzico di sfortuna hanno fatto il resto, ma la Signora "in rosa" è apparsa di nuovo, inevitabilmente, Ronaldo-dipendente.

Il tempo comincia a stringere e il terreno perduto potrebbe diventare difficile da recuperare. Pirlo è ora chiamato a mostrare le proprie qualità di stratega trovando, anche una volta che avrà a disposizione tutti gli effettivi, lo schieramento tattico e il modulo di gioco ideale per sopperire alla scarsa qualità dei centrocampisti ed esaltare un parco offensivo invece di prim'ordine. La controprova nella passerella di Champions di mercoledì contro il Barcellona e soprattutto domenica prossima in casa dello Spezia, dove non sarà più concesso lasciare punti per strada.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 26/10/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



La Juve convince, il Toro si smarrisce a San Siro dopo un'ora di gioco

  Segnali convincenti da parte di una Juventus che comincia ad ingranare, mentre la grande illusione del Torino svanisce dopo un'ora di gioco quasi perfetta, facendolo ripiombare nella triste realtà di questo travagliato avvio di stagione. Ancora un turno di campionato dai due volti per le rappresentanti del calcio sotto la Mole. Ad aprire l...leggi
23/11/2020

Juve e Toro non vanno oltre il pari nell'ultimo turno di A

    Juventus fra comode illusioni di coppa e bruciante ritorno alla realtà del campionato, Torino convalescente che sorbisce un brodino ma ha davanti a sé una cura ricostituente ancora molto lunga. Per le due rappresentanti del calcio subalpino l'enigmatico avvio di stagione non si risolve nemmeno in vista della seconda sosta per lasciare spazio alle Nazi...leggi
09/11/2020


Un weekend da dimenticare per le squadre torinesi di serie A

La giovane Signora non è ancora pronta per ballare in società e prendersi la ribalta che da blasone le compete, mentre il Toro, ingabbiato in uno sconcertante "vorrei ma non posso", è sempre più vittima dei suoi limiti e dei suoi errori continuando a vestire la maglia nera in una situazione che comincia a farsi preoccupante. La ripresa del campionato...leggi
18/10/2020

Serie A: Juventus e Torino bloccate dal Covid-19

  Il Covid-19 sgambetta le due torinesi costringendole loro malgrado a fare da spettatrici alla terza giornata di campionato, mentre all'orizzonte si profila una grossa incognita sulle modalità di ripresa e sul prosieguo della serie A al ritorno dalla sosta per le nazionali.   Il calcio italiano scivola verso il cao...leggi
05/10/2020

Turno negativo per le squadre torinesi di serie A

Torino con encefalogramma quasi piatto dopo il sussulto iniziale e Juventus da passo del gambero salvata dal solito esperto di make up Cristiano Ronaldo che ne maschera le rughe senza risolverne i problemi, in una seconda giornata di campionato che ha fruttato la miseria di un punto al calcio sotto la Mole.   Spumeggiante l'avvio dei granata contro l'Atalanta, in c...leggi
28/09/2020


Juve e Toro si congedano mestamente dalla serie A 2019-2020

Le due torinesi salutano il campionato in tono minore, con la Juventus che rimedia un'altra figuraccia rovinando la festa scudetto tra le mura amiche, mentre il Torino fa il minimo sindacale per tornare almeno imbattuto da Bologna e proiettarsi senza indugi verso la prossima stagione dopo essere stato una delle maggiori delusioni di questo torneo. ...leggi
03/08/2020

La Juve cade a Cagliari, un rimaneggiato Toro cede con onore alla Roma

  Lo scudetto appena conquistato non cancella i difetti e le lacune della Juventus, che non onora l'ennesimo titolo di campione d'Italia e a Cagliari va incontro ad una figuraccia francamente evitabile che non si addice ad una squadra di rango, mentre il Torino ha ormai staccato la spina e di fronte alla Roma stabilisce il record negativo di sconfitte a testimonianza di una stagion...leggi
30/07/2020

La Juve conquista il 9° scudetto consecutivo, il Toro è salvo

  La Juventus soffre ma alla fine riesce a tagliare il traguardo dello storico nono scudetto consecutivo chiudendo i conti con due giornate d'anticipo nel campionato più surreale mai vissuto dal calcio italiano, mentre il Torino conquista senza infamia e senza lode il punto necessario alla matematica salvezza e manda in archivio una stagione ...leggi
27/07/2020

Prezioso pari del Toro col Verona, la Juve cade a Udine

  Un Toro prima timido poi più aggressivo e convincente blocca il brillante Verona e fa un altro passo verso la tranquillità, mentre la Juve crolla clamorosamente ad Udine, manca il primo match point scudetto e lascia irrisolti gli interrogativi sulla propria personalità.   ...leggi
24/07/2020

La Juve supera la Lazio e si avvicina allo Scudetto, Toro ko a Firenze

  Un Toro troppo presto appagato e rilassato oltre misura torna vittima dei propri limiti e lascia campo libero alla Fiorentina non riuscendo a eguagliare i grandi del passato. La Juve ritrova la personalità per interpretare e gestire gli scontri decisivi, poi finisce di nuovo per specchiarsi in versione Narciso, ma alla fine riesce a regolare la Lazio e vede sempre pi&ugrav...leggi
21/07/2020

Pari pirotecnico della Juve col Sassuolo, il Toro ipoteca la salvezza

Juve sulle montagne russe in capo a una partita schizofrenica al termine della quale riesce ancora una volta a rimanere a galla avvicinandosi allo scudetto, Toro finalmente compatto, determinato e concreto, che sfodera una delle sue migliori prestazioni stagionali e manda in archivio il discorso salvezza.   ...leggi
17/07/2020

Per la Juve con l'Atalanta il pari è di rigore, Toro ko con l'Inter

Doppia salvezza dagli undici metri per la Juventus, mentre svanisce dopo l'intervallo l'illusione di un Torino tradito ancora una volta dalle proprie distrazioni ed ingenuità, in un turno di campionato al termine del quale le rappresentanti del calcio sotto la Mole devono sforzarsi di vedere il bicchiere mezzo pieno. ...leggi
14/07/2020

Black out Juve col Milan, il Toro ribalta il Brescia

All'8' del secondo tempo di Milan-Juventus il campionato era finito. Poi i bianconeri hanno scollegato la testa incassando una devastante rimonta che rimarrà negli annali e riapre, soprattutto per quanrto riguarda gli aspetti psicologici, la corsa scudetto. Il Torino dal canto suo ha dapprima rischiato di affondare contro il disperato Brescia, poi, trasci...leggi
10/07/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,05341 secondi