Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI CALCIO FEMMINILE    

Edizione provinciale di Torino


Poche note liete per Juve e Toro in attesa del derby della Mole

 

Juventus prigioniera delle proprie carenze di personalità e concentrazione che stanno ormai diventando una cronica, pericolosa costante, Torino che evita un altro k.o. in rimonta, muove la classifica, ma resta sempre in zona retrocessione. Poche le note liete per le due paladine del calcio all'ombra della Mole nel turno di campionato che le ha traghettate verso il derby.

 

Per i bianconeri il campanello d'allarme era già suonato nella partita di Champions League contro il modesto Ferencvaros. Approccio superficiale alla gara, poco nerbo, manovra lenta e involuta, distrazioni in difesa. A salvarli il "solito" Cristiano Ronaldo e una giocata estemporanea in pieno recupero finalizzata in rete da Morata con la complicità del portiere ungherese, che ha regalato una vittoria a quel punto insperata e la relativa qualificazione anticipata agli ottavi di finale.

 

A Benevento i difetti sono tornati a palesarsi in maniera impietosa, mettendo in evidenza, se mai ce ne fosse stato ancora bisogno, l'attuale momento di disorientamento che sembra vivere il club della Continassa, il cui organico, allestito seguendo criteri opinabili, non risponde alle aspettative della vigilia.

 

Innanzi tutto le scelte strategiche. Con la qualificazione al turno successivo conquistata ed il primo posto nel girone quasi impossibile da raggiungere, serebbe stata la Champions League la competizione più adatta far rifiatare i giocatori affaticati, concentrandosi invece sul campionato in cui convogliare i talenti e le energie migliori per cercare di risalire la china in classifica entro Natale. Mister Pirlo ha invece scelto l'azzardo calcolato, "concedendo" Ronaldo (neppure portato in panchina) alle non trascendentali Streghe sannite, che Madama avrebbe dovuto comunque sconfiggere senza troppi problemi con il resto della sua ampia rosa.

 

Qui si innesta la seconda parte del ragionamento, riguardante l'effettiva caratura, temperamentale e tecnica, della Juventus. Con la vecchia guardia ormai sul viale del tramonto, probabilmente non più in grado di spronare e trascinare i compagni, le nuove leve sono apparse finora acerbe, incapaci di interpretare le diverse fasi di un incontro e prive di quella fame di vittoria che da sempre deve contraddistinguere chi veste la maglia bianconera.

 

Tecnicamente ineccepibile, ma troppo compassato, ostinato nella ricerca della manovra avvolgente e senza un vero facitore di gioco il centrocampo, spesso sovrastato dai campani nella conquista delle seconde palle ed in cui ruotando gli interpreti non si notano variazioni significative nell'efficacia della manovra. Gli unici pericoli per i giallorossi sono arrivati dalle rare verticalizzazioni juventine, che hanno avuto Chiesa come principale protagonista.

 

L'attacco manca di cinismo nel concretizzare le occasioni e nel chiudere le partite (clamorosi gli errori di Dybala e Ramsey nella prima frazione, Morata e ancora Dybala nella ripresa), mentre tutto sembra ruotare attorno a Ronaldo, con il resto dei bianconeri all'apparenza incapaci di uscire dalla dipendenza dal portoghese. L'unico a cercare di reggere la baracca è stato Morata, tradito però dopo il fischio finale dai nervi (costante negativa, questa, con la sua precedente esperienza bianconera) che gli faranno saltare il derby di sabato.

 

Ultimo, ma non meno importante, tasto dolente della Vecchia Signora, l'ennesima rete subita allo scadere del recupero di una frazione di gioco, indice di superficialità e scarsa attitudine dell'intera compagine a mantenere alta la concentrazione sino al triplice fischio, difetti che continuano a costare punti pesanti in classifica.

 

Pirlo, verso il quale i tifosi bianconeri stanno usando molta più pazienza rispetto al predecessore Sarri, è chiamato prima possibile a dare la scossa alla squadra per farla uscire dal tunnel. Il tempo degli esperimenti è necessariamente finito. Fin dal prossimo impegno di coppa con la Dynamo Kiev e dal derby, la Juve deve invertire la rotta all'insegna della concretezza e della determinazione indipendentemente dal modulo tattico impiegato, per non trasformare il resto della stagione in un lungo, scialbo, periodo di transizione.

 

Doppio impegno ligure per il Torino, che sorride in Coppa Italia a spese della Virtus Entella mettendo in evidenza l'insolita coppia d'attacco Zaza-Bonazzoli, ma mastica amaro con la Sampdoria in campionato. Contro i blucerchiati Giampaolo, ancora sostituito in panchina da Conti, optava per una difesa a tre affidandosi sugli esterni al sempre più sorprendente Singo ed al collaudato Ansaldi, mentre il solito centrocampo di quantità e poca fantasia cercava di imbeccare Belotti e Zaza sul fronte offensivo.

 

L'avvio prudente dei genovesi favoriva i granata, i quali, dopo aver fatto le prove generali (gol annullato per fuorigioco al capitano), passavano meritatamente in vantaggio col proprio centravanti (nella foto tratta dal sito ufficiale del Torino F.C.) che finalizzava una giocata d'astuzia e potenza di Singo .

 

Fino al riposo il Toro manteneva con buona personalità il controllo dell'iniziativa, ma in apertura di ripresa accusava l'ormai consueto quanto inspiegabile black out, venendo travolto dal veemente ritorno degli ospiti, rivoltati come un calzino e rigenerati dai quattro nuovi ingressi in campo, con gli esperti Candreva e Quagliarella in veste di mattatori.

 

Ad un passo dall'ennesimo baratro, Belotti si caricava ancora una volta sulle spalle i compagni (quante analogie con l'"ingrato" compito svolto da Ronaldo sull'altra sponda del Po) e suonava la carica assieme al neo entrato Verdi, più volitivo del solito. La deviazione di testa di Meité su angolo del trequartista restituiva il sorriso ai torinisti, che nell'ultimo quarto d'ora risfoderavano il carattere alla ricerca di una vittoria che avrebbe avuto il valore dell'oro, ma le parate di Audero e l'attento assetto difensivo doriano rendevano vani gli sforzi, lasciando il bicchiere solo mezzo pieno e la classifica sempre precaria.

 

Sabato all'ora dell'aperitivo andrà in scena un derby che potrà dire molto sulle ambizioni delle due squadre. Da verificare se i compagni di squadra potranno aggiungere qualcosa in più allo stato di grazia di Ronaldo e Belotti, se la Juventus sarà in grado di scrollarsi di dosso le incertezze dell'ultimo periodo e condurre in porto una partita senza cali di tensione, o se il Torino, facendo leva su carattere e concentrazione, riuscirà a non crollare di fronte ai primi ostacoli e ad uscire dal campo con qualche punto in tasca.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 01/12/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



Importante vittoria del Toro a Cagliari, Juve sul velluto col Crotone

Il Torino guarisce finalmente dalla pareggite, centra la prima agognata vittoria della gestione Nicola e strappa con maturità nello scontro salvezza di Cagliari tre punti pesanti come un macigno che lo fanno allungare sulla zona calda. La Juventus stenta a carburare, poi si mette al collo le perle del solito Cristiano Ronaldo e a gioco lungo salt...leggi
23/02/2021

Il Toro colleziona pareggi, la Juve cade a Napoli

Torino sempre più abbonato ai pareggi che non riesce a trovare lo spunto per risolvere a proprio favore le partite e spiccare il salto che lo faccia uscire dalla zona calda. Juventus di nuovo sconcertante che domina senza incisività e viene punita da un episodio perdendo una grossa occasione per avvicinarsi alla vetta e dov...leggi
14/02/2021

La Juve vince la sfida con la Roma, rimonta di altri tempi per il Toro

  Il Vecchio Cuore Granata prima mette a repentaglio le coronarie dei suoi tifosi, poi torna a pulsare forte e dà vita a una rimonta d'altri tempi che rimarrà in qualche modo storica. La Juve camaleontica ingabbia la Roma e prosegue nel migliore dei modi il suo ciclo di ferro, completando un sabato di campionato dal seg...leggi
08/02/2021

Ancora un pari per il Toro, la Juve sbanca Marassi

  Un Toro ingabbiato nei propri limiti spreca un'altra occasione e rimane ancorato in zona retrocessione, mentre una Juve dai due volti regola la Sampdoria e si prepara al meglio per il ciclo di fuoco che molto probabilmente farà chiarezza su ambizioni e obiettivi stagionali bianconeri. Anche dopo la prima di ritorno, in un tu...leggi
02/02/2021

La Juventus regola all'inglese il Bologna, orgoglio Toro a Benevento

Il Toro ritrova almeno l'anima e dopo tempo immemore un allenatore "sanguigno" che sa trasmettere ai giocatori la carica e l'attaccamento alla maglia, conquista in rimonta con orgoglio e carattere un punto che ha un peso specifico enorme per il morale, seppur non modifichi una posizione di classifica sempre deficitaria, e compie il primo...leggi
25/01/2021

Turno da dimenticare per la Juve e per il Toro che esonera Giampaolo

  Quello appena andato in archivio è stato uno dei weekend più neri della storia recente del calcio sotto la Mole, che ha per una volta unito due squadre con problemi dai tratti comuni. Dapprima un Toro sconcertante, privo di nerbo e di identità, fornisce una delle prestazioni più impalpabili della stagione e non riesce a piegare uno Spezia ridotto in di...leggi
18/01/2021

La Juve regola il Sassuolo, il Toro si inchina alla capolista Milan

Torino che fa il passo del gambero e si scioglie davanti al ritrovato fuoco del Diavolo capolista, Juventus che porta a casa il risultato e poco altro di positivo dalla spinosa gara col Sassuolo. Molte ombre intervallate da rare luci per le due paladine del calcio subalpino, in un turno di campionato in cui hanno riproposto in maniera pr...leggi
12/01/2021

La Juve sbanca San Siro, per il Toro un risultato positivo col Verona

  La befana calcistica ha regalato dolci e sorrisi in quantità alle due rappresentanti del pallone sotto la Mole, con il Torino che blocca con merito il temuto Verona portandosi fuori dalla zona retrocessione e la Juventus che sfodera una prestazione all'altezza della propria caratura, interrompe l'imbattibilità della capolista Milan e torna in lizza con forza nella c...leggi
07/01/2021

Il 2021 per Juve e Toro inizia con delle vittorie convincenti

Toro finalmente accorto, concreto e privo di fronzoli che conquista un successo di capitale importanza, specie in prospettiva futura. Juve dai due volti che svolge, pur tra luci e ombre, al meglio il proprio "compitino", si rimette in carreggiata e si proietta verso i confronti diretti che diranno una parola forse definitiva sugli obiett...leggi
04/01/2021

Turno da incubo per la Juve, il Toro sfiora l'impresa a Napoli

Martedì da incubo per la Juventus, che perde sei punti in un colpo solo, abdica forse definitivamente dopo nove anni di dominio incontrastato in Italia e al termine del turno prenatalizio si ritrova anche fuori dalla zona Champions, toccando il punto più basso del suo recente passato. Ancora amarezza per il Torino, che sfio...leggi
24/12/2020

Turno di serie A con sorrisi bianconeri ed ombre granata

La Juventus si riscatta e ritrova la rotta con una prestazione finalmente degna della sua caratura, mentre il Torino muove la classifica ma subisce l'ennesima rimonta e getta al vento la possibilità di cominciare a dare una sterzata alla sua stagione. Sorrisi in bianconero e ombre granata nel penultimo turno di serie A prima della sosta di fine a...leggi
20/12/2020

Turno infrasettimanale da dimenticare per Juventus e Torino

La Juve per una volta viene tradita dagli attaccanti e getta al vento un'altra occasione per avvicinarsi alla capolista Milan, mentre il Toro incappa in una sconfitta quasi annunciata e sprofonda sempre di più vestendo la maglia nera della classifica assieme al Crotone. Da dimenticare più in fretta possibile il turno infras...leggi
18/12/2020

Il Toro frana anche con l'Udinese, la Juve passa in casa del Genoa

  Torino ormai allo psicodramma, ancora sconfitto al termine di una partita dall'andamento schizofrenico e sempre più risucchiato dalle sabbie mobili della zona retrocessione. Juventus scintillante e matura in coppa che mostra segnali di continuità anche in campionato, pur senza convincere appieno. È proseguita anche nell'ultimo turno di Serie A, seguendo un co...leggi
14/12/2020

Derby della Mole: il Toro accarezza l'impresa ma a spuntarla è la Juve

Il Torino sfiora la partita perfetta, accarezza a lungo il sogno, poi si risveglia bruscamente come quasi sempre gli è accaduto da un quarto di secolo a questa parte. La Juventus è inguardabile per almeno 70 minuti ma riesce a scuotersi, replica un copione andato spesso in scena negli ultimi anni e tenendo fede al motto dei propri tifosi r...leggi
06/12/2020

La Juve convince, il Toro si smarrisce a San Siro dopo un'ora di gioco

  Segnali convincenti da parte di una Juventus che comincia ad ingranare, mentre la grande illusione del Torino svanisce dopo un'ora di gioco quasi perfetta, facendolo ripiombare nella triste realtà di questo travagliato avvio di stagione. Ancora un turno di campionato dai due volti per le rappresentanti del calcio sotto la Mole. Ad aprire l...leggi
23/11/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,04410 secondi