Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI CALCIO FEMMINILE    

Edizione provinciale di Torino


Il Toro frana anche con l'Udinese, la Juve passa in casa del Genoa

 

Torino ormai allo psicodramma, ancora sconfitto al termine di una partita dall'andamento schizofrenico e sempre più risucchiato dalle sabbie mobili della zona retrocessione. Juventus scintillante e matura in coppa che mostra segnali di continuità anche in campionato, pur senza convincere appieno. È proseguita anche nell'ultimo turno di Serie A, seguendo un copione ormai consolidato, la travagliata prima parte di stagione delle rappresentanti calcistiche della Mole.

 

Sconcertante Torino in caduta libera. Contro un'Udinese concreta e dotata di maggiore qualità nei singoli, i granata hanno mostrato di non essersi ancora ripresi dallo shock del derby, gettando al vento un'altra gara dopo averla raddrizzata, indice questo di una rotta persa e al momento sempre più difficile da ritrovare.

 

Due i problemi principali della squadra di Giampaolo: l'eccessiva fragilità mentale del reparto difensivo, i cui interpreti finiscono sempre per accusare cali di tensione e commettere errori che vanificano prestazioni altrimenti sufficienti, e l'inconsistenza del centrocampo, inadeguato a produrre gioco per caratteristiche e mancanza di qualità dei suoi protagonisti, troppo spesso in difficoltà nei compiti di filtro e contenimento e preso d'infilata dalle ciniche verticalizzazioni avversarie.

 

Se a ciò si aggiungono gli esterni (nell'occasione Singo e Vojvoda) quasi dimenticati dai compagni nello sviluppo della manovra, appare chiaro come il reparto avanzato veda col binocolo palloni giocabili e debba affidarsi solo all'abnegazione di capitan Belotti (quasi commovente nello spronare i compagni sullo stile di Valentino Mazzola e Ferrini prima dell'avvio della ripresa e autore del suo 100° gol in maglia granata) e dei rari guizzi delle sue "spalle" (sabato scorso meglio Bonazzoli di un evanescente Zaza).

 

Queste premesse hanno prodotto il nulla granata nel primo tempo contro i friulani, puntualmente punito dalla palla persa in contrasto a trequarti campo da Meite e finalizzata in rete da Pussetto.

 

Troppo facile a metà ripresa l'anticipo e la progressione dalle retrovie con cui Bonifazi ha innescato il duetto Pereyra-De Paul per il raddoppio ospite. Già sprofondato nel baratro, il Vecchio Cuore granata ha avuto la forza, con due minuti di antico tremendismo, di sfruttare la presunzione e gli errori commessi da avversari che avevano già staccato la spina, rimettendosi in carreggiata grazie alla caparbietà di Belotti e Bonazzoli.

 

Morale alle stelle? Qualche minuto per rifiatare prima di sferrare l'assalto finale alla ricerca del successo? Manco per idea. Questa volta era il Toro a rilassarsi abbassando la guardia e venendo ancora preso incredibilmente d'infilata nel giro di sessanta secondi dai più tecnici e cinici bianconeri di Gotti, che sull'asse Pereyra-Nestorovski confezionavano la rete della rocambolesca vittoria.

 

La sfortuna, sotto forma di incrocio dei pali che negava il pareggio alla magistrale punizione di Rodriguez, era solo l'ultima, tipica tessera del negativo mosaico in chiave granata nell'ennesima serata da dimenticare. La panchina di Giampaolo, finora mai in grado di dare gioco e anima alla squadra al di là delle oggettive carenze dei singoli, è sempre più in bilico e il trittico di fuoco prenatalizio rischia di peggiorare ulteriormente la situazione.

 

La Juve mette il vestito da sera, sfodera al Camp Nou una prestazione coi fiocchi per quanto riguarda concentrazione, personalità e maturità, sottrae al Barcellona il primo posto nel girone di Champions (che ha fruttato un abbordabile Porto nel sorteggio degli ottavi di finale) e sembra trovare l'assetto tattico ideale.

 

In campionato, dando adito a qualche dubbio, Pirlo prosegue invece con gli esperimenti rimescolando le carte anche nel tentativo di recuperare nel morale Dybala e sul campo del remissivo Genoa vanno in scena per un'ora abbondante i fantasmi del recente passato bianconero. Lunga quanto sterile supremazia territoriale pur accompagnata da pressing alto, con qualche timido tentativo di sfruttare maggiormente le corsie esterne e inutile fluttuare tra le linee del fantasista argentino alla ricerca della posizione ideale, che non producono occasioni di rilievo agevolando il compito dell'ordinato fortino rossoblù.

 

Manovra sterile anche dopo l'intervallo fino alla verticalizzazione estemporanea De Ligt-McKennie che permetteva a Dybala di sbloccarsi mettendo in scena la sempre valida recita dell'inserimento in profondità seguito dal colpo di classe individuale, che sovente porta frutti in barba alla sbandierata ricerca del possesso palla e della manovra a tutti i costi.

 

Fino a quel momento spettatore non pagante, il reparto difensivo juventino incappava nel calo di tensione tipico di queste ultime due stagioni, abbassava troppo la propria linea, era poco reattivo nell'opposizione agli avversari e si faceva sorprendere dalla combinazione fra Luca Pellegrini e Sturaro, subendo gol al primo tiro in porta del Grifone.

 

Quando la "pareggite" esterna pareva aver di nuovo contagiato la Vecchia Signora (complici le ormai inevitabili reti annullate per fuorigioco e la prodezza di Perin su Ronaldo, e nonostante l'ingresso di Morata a dare profondità all'attacco), a salvarla erano la stanchezza che cominciava a farsi sentire nelle file avversarie e la determinazione a cercare fino alla fine i tre punti. La mancanza di lucidità portava infatti i difensori liguri a commettere gli errori che causavano i due rigori trasformati con freddezza dal portoghese, per un epilogo col sorriso che dovrà essere confermato nei prossimi e più probanti impegni contro Atalanta, Parma e Fiorentina.

 

Fotografia: www.torinofc.it

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 14/12/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



Importante vittoria del Toro a Cagliari, Juve sul velluto col Crotone

Il Torino guarisce finalmente dalla pareggite, centra la prima agognata vittoria della gestione Nicola e strappa con maturità nello scontro salvezza di Cagliari tre punti pesanti come un macigno che lo fanno allungare sulla zona calda. La Juventus stenta a carburare, poi si mette al collo le perle del solito Cristiano Ronaldo e a gioco lungo salt...leggi
23/02/2021

Il Toro colleziona pareggi, la Juve cade a Napoli

Torino sempre più abbonato ai pareggi che non riesce a trovare lo spunto per risolvere a proprio favore le partite e spiccare il salto che lo faccia uscire dalla zona calda. Juventus di nuovo sconcertante che domina senza incisività e viene punita da un episodio perdendo una grossa occasione per avvicinarsi alla vetta e dov...leggi
14/02/2021

La Juve vince la sfida con la Roma, rimonta di altri tempi per il Toro

  Il Vecchio Cuore Granata prima mette a repentaglio le coronarie dei suoi tifosi, poi torna a pulsare forte e dà vita a una rimonta d'altri tempi che rimarrà in qualche modo storica. La Juve camaleontica ingabbia la Roma e prosegue nel migliore dei modi il suo ciclo di ferro, completando un sabato di campionato dal seg...leggi
08/02/2021

Ancora un pari per il Toro, la Juve sbanca Marassi

  Un Toro ingabbiato nei propri limiti spreca un'altra occasione e rimane ancorato in zona retrocessione, mentre una Juve dai due volti regola la Sampdoria e si prepara al meglio per il ciclo di fuoco che molto probabilmente farà chiarezza su ambizioni e obiettivi stagionali bianconeri. Anche dopo la prima di ritorno, in un tu...leggi
02/02/2021

La Juventus regola all'inglese il Bologna, orgoglio Toro a Benevento

Il Toro ritrova almeno l'anima e dopo tempo immemore un allenatore "sanguigno" che sa trasmettere ai giocatori la carica e l'attaccamento alla maglia, conquista in rimonta con orgoglio e carattere un punto che ha un peso specifico enorme per il morale, seppur non modifichi una posizione di classifica sempre deficitaria, e compie il primo...leggi
25/01/2021

Turno da dimenticare per la Juve e per il Toro che esonera Giampaolo

  Quello appena andato in archivio è stato uno dei weekend più neri della storia recente del calcio sotto la Mole, che ha per una volta unito due squadre con problemi dai tratti comuni. Dapprima un Toro sconcertante, privo di nerbo e di identità, fornisce una delle prestazioni più impalpabili della stagione e non riesce a piegare uno Spezia ridotto in di...leggi
18/01/2021

La Juve regola il Sassuolo, il Toro si inchina alla capolista Milan

Torino che fa il passo del gambero e si scioglie davanti al ritrovato fuoco del Diavolo capolista, Juventus che porta a casa il risultato e poco altro di positivo dalla spinosa gara col Sassuolo. Molte ombre intervallate da rare luci per le due paladine del calcio subalpino, in un turno di campionato in cui hanno riproposto in maniera pr...leggi
12/01/2021

La Juve sbanca San Siro, per il Toro un risultato positivo col Verona

  La befana calcistica ha regalato dolci e sorrisi in quantità alle due rappresentanti del pallone sotto la Mole, con il Torino che blocca con merito il temuto Verona portandosi fuori dalla zona retrocessione e la Juventus che sfodera una prestazione all'altezza della propria caratura, interrompe l'imbattibilità della capolista Milan e torna in lizza con forza nella c...leggi
07/01/2021

Il 2021 per Juve e Toro inizia con delle vittorie convincenti

Toro finalmente accorto, concreto e privo di fronzoli che conquista un successo di capitale importanza, specie in prospettiva futura. Juve dai due volti che svolge, pur tra luci e ombre, al meglio il proprio "compitino", si rimette in carreggiata e si proietta verso i confronti diretti che diranno una parola forse definitiva sugli obiett...leggi
04/01/2021

Turno da incubo per la Juve, il Toro sfiora l'impresa a Napoli

Martedì da incubo per la Juventus, che perde sei punti in un colpo solo, abdica forse definitivamente dopo nove anni di dominio incontrastato in Italia e al termine del turno prenatalizio si ritrova anche fuori dalla zona Champions, toccando il punto più basso del suo recente passato. Ancora amarezza per il Torino, che sfio...leggi
24/12/2020

Turno di serie A con sorrisi bianconeri ed ombre granata

La Juventus si riscatta e ritrova la rotta con una prestazione finalmente degna della sua caratura, mentre il Torino muove la classifica ma subisce l'ennesima rimonta e getta al vento la possibilità di cominciare a dare una sterzata alla sua stagione. Sorrisi in bianconero e ombre granata nel penultimo turno di serie A prima della sosta di fine a...leggi
20/12/2020

Turno infrasettimanale da dimenticare per Juventus e Torino

La Juve per una volta viene tradita dagli attaccanti e getta al vento un'altra occasione per avvicinarsi alla capolista Milan, mentre il Toro incappa in una sconfitta quasi annunciata e sprofonda sempre di più vestendo la maglia nera della classifica assieme al Crotone. Da dimenticare più in fretta possibile il turno infras...leggi
18/12/2020

Derby della Mole: il Toro accarezza l'impresa ma a spuntarla è la Juve

Il Torino sfiora la partita perfetta, accarezza a lungo il sogno, poi si risveglia bruscamente come quasi sempre gli è accaduto da un quarto di secolo a questa parte. La Juventus è inguardabile per almeno 70 minuti ma riesce a scuotersi, replica un copione andato spesso in scena negli ultimi anni e tenendo fede al motto dei propri tifosi r...leggi
06/12/2020

Poche note liete per Juve e Toro in attesa del derby della Mole

  Juventus prigioniera delle proprie carenze di personalità e concentrazione che stanno ormai diventando una cronica, pericolosa costante, Torino che evita un altro k.o. in rimonta, muove la classifica, ma resta sempre in zona retrocessione. Poche le note liete per le due pa...leggi
01/12/2020

La Juve convince, il Toro si smarrisce a San Siro dopo un'ora di gioco

  Segnali convincenti da parte di una Juventus che comincia ad ingranare, mentre la grande illusione del Torino svanisce dopo un'ora di gioco quasi perfetta, facendolo ripiombare nella triste realtà di questo travagliato avvio di stagione. Ancora un turno di campionato dai due volti per le rappresentanti del calcio sotto la Mole. Ad aprire l...leggi
23/11/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,05137 secondi