Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI CALCIO FEMMINILE    

Edizione provinciale di Torino


Turno da incubo per la Juve, il Toro sfiora l'impresa a Napoli

Martedì da incubo per la Juventus, che perde sei punti in un colpo solo, abdica forse definitivamente dopo nove anni di dominio incontrastato in Italia e al termine del turno prenatalizio si ritrova anche fuori dalla zona Champions, toccando il punto più basso del suo recente passato. Ancora amarezza per il Torino, che sfiora l'impresa a Napoli disputando probabilmente la sua migliore partita stagionale, ma nel finale viene attanagliato dalla solita paura di vincere, si fa raggiungere (23 i punti finora persi dai granata da situazione di vantaggio) e resta malinconicamente solitario sul fondo della classifica. Solo carbone sotto l'albero delle due rappresentanti calcistiche della Mole, per uno dei peggiori Natali sportivi che si ricordi.

 

I bianconeri scendevano in campo contro la Fiorentina già storditi dallo sconcertante pronunciamento del Collegio di Garanzia del Coni, che ribaltava le sentenze dei due gradi della giustizia sportiva calcistica mandando a rigiocare il confronto col Napoli. Molto pericoloso il precedente creato, che prevarica i regolamenti della Federcalcio (inspiegabilmente assente nella fase dibattimentale dell'ultimo grado di giudizio), di fatto svuota di ogni efficacia i protocolli ratificati fra la stessa FIGC e il Ministero della Salute, suona come insopportabile beffa per le società che ad ogni livello professionistico e dilettantistico sono scese e continuano a scendere in campo nel rispetto di protocolli e regolamenti nonostante le assenze causate dal Covid (si potrebbe quasi parlare di campionato falsato) e mette una volta di più in evidenza la confusione che sta regnando nel nostro Paese nella gestione della pandemia (se l'Asl di Napoli col suo provvedimento era nel giusto, le Asl che hanno permesso alle altre società di andare a giocare hanno violato la legge?).

 

Fatta questa premessa, i giocatori di Pirlo tornavano ad approcciare l'impegno con un'inqualificabile superficialità mentale, mostrando che l'atteggiamento visto a Parma era stato solo un'illusione. Primo quarto d'ora shock, con repentino vantaggio viola sfruttando il primo orrore della disastrosa serata di Bonucci e Cuadrado giustamente mandato anzitempo sotto la doccia (fotografia: Eurosport).

 

Sotto di un gol ed un uomo la Juve si affidava agli spunti individuali di Ronaldo (quando è in serata risolutore, più che trascinatore), mentre non convincevano le scelte di Pirlo, che fin dall'inizio invertiva le posizioni dei centrocampisti, quindi sostituiva in maniera affrettata Ramsey con Danilo e dopo l'intervallo lasciava negli spogliatoi Morata (la sola prima punta a sua disposizione) per inserire Bernardeschi.

 

Con l'ostinazione del portoghese a partire defilato, si otteneva il risultato di non riuscire quasi mai ad occupare l'area avversaria, vanificando, complici gli errori di misura nell'impostazione, anche la generosa pressione attuata nella fase iniziale della seconda frazione.

 

Altro segnale di un vento ormai cambiato i bianconeri lo avvertivano subendo le decisioni di un signor La Penna in serata no (per usare un eufemismo) assieme ai suoi collaboratori: Borja Valero graziato dal secondo cartellino giallo e due rigori solari non concessi a Ronaldo e Bernardeschi, con la squadra VAR che evidentemente era già andata in vacanza alla fine del primo tempo.

La tragicomica dinamica che portava all'autogol di Alex Sandro, la stilettata finale dell'ex Caceres e l'infortunio muscolare occorso a De Ligt (uno dei pochi a salvarsi) completavano una serata umiliante per la Juve, che tornava a concedere i tre punti sul proprio terreno alla Viola dopo dodici anni ed a perdere tra le mura amiche con tre reti di scarto dopo nove stagioni. Numeri che assieme al -10 dalla vetta danno l'idea di una crisi profonda e conclamata, che costringerà l'ambiente bianconero ad utilizzare la breve sosta di fine anno per leccarsi le ferite nel tentativo di ripartire più in fretta possibile e non compromettere del tutto la stagione.

 

Se Madama piange lacrime amare, il Vecchio Cuore Granata neanche stavolta riesce a sorridere. La squadra di Giampaolo affrontava la delicata trasferta del "Maradona" con la mentalità giusta, disposta in campo con ordine facendo leva su un 3-5-1-1 che riusciva ad imbrigliare un Napoli spento e farraginoso nella manovra.

 

Con l'andare dei minuti i granata crescevano in personalità e, pur operando di rimessa, si affacciavano con sempre maggiore convinzione nell'area avversaria. Lukic e Verdi ispiravano un capitan Belotti uomo ovunque, la mediana era efficace nell'interdizione, Singo e Rodriguez positivi sulle corsie esterne, mentre la difesa, in cui spiccava la prova gladiatoria di Izzo, non correva pericoli.

 

In apertura di ripresa il Toro raccoglieva i frutti della sua prestazione accorta e concreta sbloccando, neppure troppo a sorpresa, il risultato con lo stesso Izzo, estemporaneo goleador di serata. Dopodiché amministrava il vantaggio senza affanni e l'impresa che poteva dare una svolta alla stagione sembrava ad un passo. I soliti difetti erano però in agguato e l'epilogo della partita riservava l'ennesima beffa.

 

Il triplice cambio a due minuti dal 90', con Vojvoda, Meité e Zaza per Rodriguez, Lukic e Belotti, non immetteva forze fresche ma contribuiva solo a far abbassare la squadra, che nei sei minuti di recupero diventava sempre più timorosa facendosi schiacciare dai disperati partenopei. Al di là della prodezza con cui Insigne agguantava il pareggio, l'azione del gol napoletano era emblematica di un atteggiamento granata troppo passivo, che consentiva fatalmente agli azzurri di triangolare e concretizzare senza ostacoli nell'area avversaria.

 

Un punto per cui alla vigilia si sarebbe firmato ad occhi chiusi, finiva invece per rappresentare l'ennesima delusione che inchiodava ancora di più il Toro sul fondo della classifica. Dopo la pausa tutte le energie dovranno essere convogliate nell'ardua ma non impossibile impresa di risalire la china ed evitare la retrocessione.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 24/12/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



Importante vittoria del Toro a Cagliari, Juve sul velluto col Crotone

Il Torino guarisce finalmente dalla pareggite, centra la prima agognata vittoria della gestione Nicola e strappa con maturità nello scontro salvezza di Cagliari tre punti pesanti come un macigno che lo fanno allungare sulla zona calda. La Juventus stenta a carburare, poi si mette al collo le perle del solito Cristiano Ronaldo e a gioco lungo salt...leggi
23/02/2021

Il Toro colleziona pareggi, la Juve cade a Napoli

Torino sempre più abbonato ai pareggi che non riesce a trovare lo spunto per risolvere a proprio favore le partite e spiccare il salto che lo faccia uscire dalla zona calda. Juventus di nuovo sconcertante che domina senza incisività e viene punita da un episodio perdendo una grossa occasione per avvicinarsi alla vetta e dov...leggi
14/02/2021

La Juve vince la sfida con la Roma, rimonta di altri tempi per il Toro

  Il Vecchio Cuore Granata prima mette a repentaglio le coronarie dei suoi tifosi, poi torna a pulsare forte e dà vita a una rimonta d'altri tempi che rimarrà in qualche modo storica. La Juve camaleontica ingabbia la Roma e prosegue nel migliore dei modi il suo ciclo di ferro, completando un sabato di campionato dal seg...leggi
08/02/2021

Ancora un pari per il Toro, la Juve sbanca Marassi

  Un Toro ingabbiato nei propri limiti spreca un'altra occasione e rimane ancorato in zona retrocessione, mentre una Juve dai due volti regola la Sampdoria e si prepara al meglio per il ciclo di fuoco che molto probabilmente farà chiarezza su ambizioni e obiettivi stagionali bianconeri. Anche dopo la prima di ritorno, in un tu...leggi
02/02/2021

La Juventus regola all'inglese il Bologna, orgoglio Toro a Benevento

Il Toro ritrova almeno l'anima e dopo tempo immemore un allenatore "sanguigno" che sa trasmettere ai giocatori la carica e l'attaccamento alla maglia, conquista in rimonta con orgoglio e carattere un punto che ha un peso specifico enorme per il morale, seppur non modifichi una posizione di classifica sempre deficitaria, e compie il primo...leggi
25/01/2021

Turno da dimenticare per la Juve e per il Toro che esonera Giampaolo

  Quello appena andato in archivio è stato uno dei weekend più neri della storia recente del calcio sotto la Mole, che ha per una volta unito due squadre con problemi dai tratti comuni. Dapprima un Toro sconcertante, privo di nerbo e di identità, fornisce una delle prestazioni più impalpabili della stagione e non riesce a piegare uno Spezia ridotto in di...leggi
18/01/2021

La Juve regola il Sassuolo, il Toro si inchina alla capolista Milan

Torino che fa il passo del gambero e si scioglie davanti al ritrovato fuoco del Diavolo capolista, Juventus che porta a casa il risultato e poco altro di positivo dalla spinosa gara col Sassuolo. Molte ombre intervallate da rare luci per le due paladine del calcio subalpino, in un turno di campionato in cui hanno riproposto in maniera pr...leggi
12/01/2021

La Juve sbanca San Siro, per il Toro un risultato positivo col Verona

  La befana calcistica ha regalato dolci e sorrisi in quantità alle due rappresentanti del pallone sotto la Mole, con il Torino che blocca con merito il temuto Verona portandosi fuori dalla zona retrocessione e la Juventus che sfodera una prestazione all'altezza della propria caratura, interrompe l'imbattibilità della capolista Milan e torna in lizza con forza nella c...leggi
07/01/2021

Il 2021 per Juve e Toro inizia con delle vittorie convincenti

Toro finalmente accorto, concreto e privo di fronzoli che conquista un successo di capitale importanza, specie in prospettiva futura. Juve dai due volti che svolge, pur tra luci e ombre, al meglio il proprio "compitino", si rimette in carreggiata e si proietta verso i confronti diretti che diranno una parola forse definitiva sugli obiett...leggi
04/01/2021

Turno di serie A con sorrisi bianconeri ed ombre granata

La Juventus si riscatta e ritrova la rotta con una prestazione finalmente degna della sua caratura, mentre il Torino muove la classifica ma subisce l'ennesima rimonta e getta al vento la possibilità di cominciare a dare una sterzata alla sua stagione. Sorrisi in bianconero e ombre granata nel penultimo turno di serie A prima della sosta di fine a...leggi
20/12/2020

Turno infrasettimanale da dimenticare per Juventus e Torino

La Juve per una volta viene tradita dagli attaccanti e getta al vento un'altra occasione per avvicinarsi alla capolista Milan, mentre il Toro incappa in una sconfitta quasi annunciata e sprofonda sempre di più vestendo la maglia nera della classifica assieme al Crotone. Da dimenticare più in fretta possibile il turno infras...leggi
18/12/2020

Il Toro frana anche con l'Udinese, la Juve passa in casa del Genoa

  Torino ormai allo psicodramma, ancora sconfitto al termine di una partita dall'andamento schizofrenico e sempre più risucchiato dalle sabbie mobili della zona retrocessione. Juventus scintillante e matura in coppa che mostra segnali di continuità anche in campionato, pur senza convincere appieno. È proseguita anche nell'ultimo turno di Serie A, seguendo un co...leggi
14/12/2020

Derby della Mole: il Toro accarezza l'impresa ma a spuntarla è la Juve

Il Torino sfiora la partita perfetta, accarezza a lungo il sogno, poi si risveglia bruscamente come quasi sempre gli è accaduto da un quarto di secolo a questa parte. La Juventus è inguardabile per almeno 70 minuti ma riesce a scuotersi, replica un copione andato spesso in scena negli ultimi anni e tenendo fede al motto dei propri tifosi r...leggi
06/12/2020

Poche note liete per Juve e Toro in attesa del derby della Mole

  Juventus prigioniera delle proprie carenze di personalità e concentrazione che stanno ormai diventando una cronica, pericolosa costante, Torino che evita un altro k.o. in rimonta, muove la classifica, ma resta sempre in zona retrocessione. Poche le note liete per le due pa...leggi
01/12/2020

La Juve convince, il Toro si smarrisce a San Siro dopo un'ora di gioco

  Segnali convincenti da parte di una Juventus che comincia ad ingranare, mentre la grande illusione del Torino svanisce dopo un'ora di gioco quasi perfetta, facendolo ripiombare nella triste realtà di questo travagliato avvio di stagione. Ancora un turno di campionato dai due volti per le rappresentanti del calcio sotto la Mole. Ad aprire l...leggi
23/11/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,05245 secondi