Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


La Juve regola il Sassuolo, il Toro si inchina alla capolista Milan

Torino che fa il passo del gambero e si scioglie davanti al ritrovato fuoco del Diavolo capolista, Juventus che porta a casa il risultato e poco altro di positivo dalla spinosa gara col Sassuolo. Molte ombre intervallate da rare luci per le due paladine del calcio subalpino, in un turno di campionato in cui hanno riproposto in maniera preoccupante i loro difetti più che le loro virtù.

 

A San Siro mister Giampaolo puntava di nuovo sul 3-5-2, bloccando la difesa con Izzo, Lyanco e Bremer, affidandosi a Singo e Rodriguez sugli esterni e cercando di alzare il tasso qualitativo a centrocampo proponendo Lukic e Gojak ai lati di Rincon, mentre Verdi doveva fluttuare tra le linee in appoggio a un Belotti rivelatosi nel corso della gara sempre generoso ma meno lucido del solito.

I granata commettevano l'errore di voler sfidare gli avversari alla pari, ma non riuscivano a reggere i ritmi dei giovani e pimpanti rossoneri, venendo spesso presi d'infilata come testimonia l'azione del vantaggio milanista siglato da Leao. Non pervenuta la reazione dei torinisti, troppo passivi e privi del nerbo necessario per rientrare in una gara virtualmente chiusa già dopo il raddoppio dal dischetto di Kessie (corretto nella circostanza l'intervento del VAR a richiamare l'arbitro dopo il contatto in area granata fra Belotti e Brahim Diaz). Unico sussulto ospite, la perla balistica su punizione di Rodriguez che s'infrangeva sulla traversa.

 

Dopo l'intervallo il tecnico granata cercava di dare più spessore al settore nevralgico inserendo Linetty per Gojak e dopo una ventina di minuti tornava all'amato 3-4-1-2 gettando nella mischia Murru e Zaza in luogo di Rodriguez e Izzo, con Verdi che diventava trequartista puro. Proprio Verdi era stato protagonista in precedenza dell'altro episodio chiave dell'incontro, ovvero lo scontro in area rossonera con Tonali dapprima sanzionato da Maresca con il tiro dal dischetto, quindi trasformato ancora su richiamo del VAR (giusta anche in questo caso la decisione) in fallo a favore del Milan.

 

Complice anche il rifiatare della squadra di Pioli, che comunque gestiva senza affanni il rassicurante vantaggio, il Torino riusciva a prendere in mano il controllo delle operazioni, ma non era quasi mai in grado di innescare gli attaccanti e creare pericoli alla porta di Donnarumma. Il triplice fischio sanciva così una sconfitta granata subita e quasi accettata in maniera fatalistica, con l'ulteriore rimpianto di avere regalato un tempo agli avversari.

 

La vittoria del Genoa ha rispedito il Toro in zona retrocessione e dopo la parentesi di Coppa Italia di martedì ancora contro i rossoneri al "Meazza", la banda di Giampaolo dovrà immediatamente tornare a fare punti sin da sabato nel cruciale confronto interno con lo Spezia.

 

Passi indietro anche per la Juventus (fotografia: Fantacalcio.it). Il Sassuolo, come risaputo, era avversario da affrontare con le molle, squadra che cerca sempre di produrre un calcio propositivo qualunque sia il contesto della gara. I bianconeri (domenica sera in tenuta blu in omaggio al marketing), schierati con l'ormai consueto 4-4-2 duttile, hanno incontrato difficoltà eccessive a fare breccia nell'accorto schieramento difensivo avversario, soprattutto a causa della lentezza della manovra (troppo compassati Arthur e l'indisciplinato Bentancur).

 

Quando riuscivano ad "allargare" i rivali con cambi di gioco e sfruttamento delle corsie esterne, vanificavano gli inserimenti offensivi centrali con clamorosi errori di mira, mentre la squadra di De Zerbi aveva buon gioco a farsi attaccare ed uscire dalla pressione con palleggio di qualità e ficcanti incursioni tra i reparti juventini, troppo spesso allungati.

 

Se da un lato gli infortuni in corso d'opera di McKennie, Dybala e Chiesa (rimasto stoicamente in campo dopo l'intervento killer di Obiang, che ha ricevuto il cartellino rosso solo dopo il richiamo del VAR al direttore di gara) erano una nuova tegola che cadeva su una rosa già falcidiata dalle assenze, dall'altro consentivano di mettere in luce la posizione tattica ideale di Kulusevski e Ramsey. Il giovane svedese si trovava a suo agio nel ruolo di seconda punta, dove con accelerazioni e verticalizzazioni per i compagni lasciava il segno sulla partita, specie nella seconda frazione. Il secondo si sdoppiava con profitto nel compito di mezzala che rifinisce e si inserisce, fino a togliere le castagne dal fuoco ai bianconeri a dieci minuti dal termine.

 

Una partita altrimenti bloccata veniva indirizzata sui binari juventini ancora da una prodezza individuale, che nella circostanza assumeva le fattezze del tracciante scagliato in rete da Danilo in apertura di ripresa. Qui la squadra di Pirlo tornava vittima dei propri difetti, staccava la spina abbassandosi pericolosamente e veniva punita dallo sfrontato cinismo di un Sassuolo che seppur in dieci non rinunciava a giocare, beffando con Defrel la poco coordinata e per nulla reattiva fase difensiva dei padroni di casa.

 

Raggiunto il pareggio i neroverdi osavano ancora di più cercando anche di vincere, ma a gioco lungo pagavano l'inferiorità numerica. La Juventus si ricompattava, tornava a premere e seppur fra scarsa lucidità e inspiegabili errori di mira, alla fine riusciva a sorprendere gli emiliani con l'incursione del gallese imbeccato da un Frabotta in crescendo e la galoppata di Ronaldo (unica luce in una nuova prestazione opaca del portoghese) lanciato da Danilo.

 

La sofferta quanto preziosa vittoria consente alla Juve di non staccarsi dal lotto delle inseguitrici del Milan e di presentarsi col morale alto alla prova della vertità di domenica sera in casa dell'Inter. Prima però, ci sarà da superare il turno di Coppa Italia mercoledì contro il Genoa.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 12/01/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



La Juve sbanca San Siro, per il Toro un risultato positivo col Verona

  La befana calcistica ha regalato dolci e sorrisi in quantità alle due rappresentanti del pallone sotto la Mole, con il Torino che blocca con merito il temuto Verona portandosi fuori dalla zona retrocessione e la Juventus che sfodera una prestazione all'altezza della propria caratura, interrompe l'imbattibilità della capolista Milan e torna in lizza con forza nella c...leggi
07/01/2021

Il 2021 per Juve e Toro inizia con delle vittorie convincenti

Toro finalmente accorto, concreto e privo di fronzoli che conquista un successo di capitale importanza, specie in prospettiva futura. Juve dai due volti che svolge, pur tra luci e ombre, al meglio il proprio "compitino", si rimette in carreggiata e si proietta verso i confronti diretti che diranno una parola forse definitiva sugli obiett...leggi
04/01/2021

Turno da incubo per la Juve, il Toro sfiora l'impresa a Napoli

Martedì da incubo per la Juventus, che perde sei punti in un colpo solo, abdica forse definitivamente dopo nove anni di dominio incontrastato in Italia e al termine del turno prenatalizio si ritrova anche fuori dalla zona Champions, toccando il punto più basso del suo recente passato. Ancora amarezza per il Torino, che sfio...leggi
24/12/2020

Turno di serie A con sorrisi bianconeri ed ombre granata

La Juventus si riscatta e ritrova la rotta con una prestazione finalmente degna della sua caratura, mentre il Torino muove la classifica ma subisce l'ennesima rimonta e getta al vento la possibilità di cominciare a dare una sterzata alla sua stagione. Sorrisi in bianconero e ombre granata nel penultimo turno di serie A prima della sosta di fine a...leggi
20/12/2020

Turno infrasettimanale da dimenticare per Juventus e Torino

La Juve per una volta viene tradita dagli attaccanti e getta al vento un'altra occasione per avvicinarsi alla capolista Milan, mentre il Toro incappa in una sconfitta quasi annunciata e sprofonda sempre di più vestendo la maglia nera della classifica assieme al Crotone. Da dimenticare più in fretta possibile il turno infras...leggi
18/12/2020

Il Toro frana anche con l'Udinese, la Juve passa in casa del Genoa

  Torino ormai allo psicodramma, ancora sconfitto al termine di una partita dall'andamento schizofrenico e sempre più risucchiato dalle sabbie mobili della zona retrocessione. Juventus scintillante e matura in coppa che mostra segnali di continuità anche in campionato, pur senza convincere appieno. È proseguita anche nell'ultimo turno di Serie A, seguendo un co...leggi
14/12/2020

Derby della Mole: il Toro accarezza l'impresa ma a spuntarla è la Juve

Il Torino sfiora la partita perfetta, accarezza a lungo il sogno, poi si risveglia bruscamente come quasi sempre gli è accaduto da un quarto di secolo a questa parte. La Juventus è inguardabile per almeno 70 minuti ma riesce a scuotersi, replica un copione andato spesso in scena negli ultimi anni e tenendo fede al motto dei propri tifosi r...leggi
06/12/2020

Poche note liete per Juve e Toro in attesa del derby della Mole

  Juventus prigioniera delle proprie carenze di personalità e concentrazione che stanno ormai diventando una cronica, pericolosa costante, Torino che evita un altro k.o. in rimonta, muove la classifica, ma resta sempre in zona retrocessione. Poche le note liete per le due pa...leggi
01/12/2020

La Juve convince, il Toro si smarrisce a San Siro dopo un'ora di gioco

  Segnali convincenti da parte di una Juventus che comincia ad ingranare, mentre la grande illusione del Torino svanisce dopo un'ora di gioco quasi perfetta, facendolo ripiombare nella triste realtà di questo travagliato avvio di stagione. Ancora un turno di campionato dai due volti per le rappresentanti del calcio sotto la Mole. Ad aprire l...leggi
23/11/2020

Juve e Toro non vanno oltre il pari nell'ultimo turno di A

    Juventus fra comode illusioni di coppa e bruciante ritorno alla realtà del campionato, Torino convalescente che sorbisce un brodino ma ha davanti a sé una cura ricostituente ancora molto lunga. Per le due rappresentanti del calcio subalpino l'enigmatico avvio di stagione non si risolve nemmeno in vista della seconda sosta per lasciare spazio alle Nazi...leggi
09/11/2020


Segnali di ripresa del Toro. La Juve bloccata in casa dal Verona

  Torino che si ferma con molto amaro in bocca ad un passo dalla resurrezione e Juventus che sente suonare più di un campanello d'allarme con la crisi ormai alle porte. Continua il campionato con il freno a mano tirato delle due paladine del calcio sotto la Mole....leggi
26/10/2020

Un weekend da dimenticare per le squadre torinesi di serie A

La giovane Signora non è ancora pronta per ballare in società e prendersi la ribalta che da blasone le compete, mentre il Toro, ingabbiato in uno sconcertante "vorrei ma non posso", è sempre più vittima dei suoi limiti e dei suoi errori continuando a vestire la maglia nera in una situazione che comincia a farsi preoccupante. La ripresa del campionato...leggi
18/10/2020

Serie A: Juventus e Torino bloccate dal Covid-19

  Il Covid-19 sgambetta le due torinesi costringendole loro malgrado a fare da spettatrici alla terza giornata di campionato, mentre all'orizzonte si profila una grossa incognita sulle modalità di ripresa e sul prosieguo della serie A al ritorno dalla sosta per le nazionali.   Il calcio italiano scivola verso il cao...leggi
05/10/2020

Turno negativo per le squadre torinesi di serie A

Torino con encefalogramma quasi piatto dopo il sussulto iniziale e Juventus da passo del gambero salvata dal solito esperto di make up Cristiano Ronaldo che ne maschera le rughe senza risolverne i problemi, in una seconda giornata di campionato che ha fruttato la miseria di un punto al calcio sotto la Mole.   Spumeggiante l'avvio dei granata contro l'Atalanta, in c...leggi
28/09/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07587 secondi