Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


Il Toro colleziona pareggi, la Juve cade a Napoli

Torino sempre più abbonato ai pareggi che non riesce a trovare lo spunto per risolvere a proprio favore le partite e spiccare il salto che lo faccia uscire dalla zona calda. Juventus di nuovo sconcertante che domina senza incisività e viene punita da un episodio perdendo una grossa occasione per avvicinarsi alla vetta e dovendo al contempo guardarsi le spalle dal ritorno delle rivali nella corsa ai posti Champions. Masticano amaro le due paladine del calcio sotto la Mole al termine di una giornata di campionato caratterizzata da ben poche note positive.

 

Ad aprire le danze erano i granata in una gara casalinga contro il Genoa caratterizzata su ambo i fronti più dalla paura di perdere che dalla voglia di vincere. Moduli speculari, difese accorte che prevalevano sugli attaccanti grazie soprattutto alla fisicità e poche emozioni erano i tratti salienti di una prima frazione piuttosto soporifera, in cui ad un Grifone più manovriero si opponeva un Toro alle prese con le consuete difficoltà di proporre gioco e geometrie (dovute soprattutto alla scarsa qualità degli interpreti del proprio settore nevralgico), con il lancio in verticale alla ricerca delle punte Belotti e Zaza unica soluzione offensiva, praticata peraltro con poco successo, mentre era quasi nullo l'apporto che proveniva dalle corsie esterne. Così era Sirigu a dover tenere in piedi la baracca respingendo di piede la conclusione al volo di Czyborra nell'unico tiro in porta dei primi quarantacinque minuti.

 

Cambiato campo non mutava il canovaccio tattico dell'incontro, anche se le due squadre risultavano più propositive approfittando degli spazi che si aprivano con l'allungarsi degli schieramenti. Il gioco di rimessa continuava ad essere l'arma preferita dalla squadra di Nicola, che investiva il suo capitano del ruolo di sponda per inserimenti dalle retrovie frequenti quanto le oasi in un deserto.

 

Graziato dal palo sulla spingarda dell'ex Zappacosta, il tecnico granata, ricalcando quanto già fatto vedere nelle precedenti uscite, aumentava il tasso tecnico nella parte finale dell'incontro con gli ingressi di Baselli e Verdi, seguiti a ruota dagli inserimenti di Linetty e Murru. I granata crescevano ma profondità e precisione nell'ultimo passaggio restavano un miraggio, mentre i contropiedi rossoblu facevano correre più di qualche brivido lungo la schiena dei difensori di casa.

 

Il triplice fischio suggellava un risultato ad occhiali che rispecchiava fedelmente la pochezza espressa in campo dalle contendenti e veniva accolto di buon grado dalla compagine di Ballardini. Per quella di Nicola un sorriso a denti stretti: se da un lato non c'è stato più bisogno di ricorrere alla rimonta, dall'altro le soluzioni per far pendere il piatto della bilancia dalla propria parte sono ancora lontane dall'essere trovate e la vittoria, non solo quella casalinga, manca da troppo tempo. Venerdì sera a Cagliari si vivrà un altro snodo cruciale nella corsa alla salvezza.

 

A Napoli la Juventus salva probabilmente la panchina di Gattuso e getta al vento in maniera abbastanza incomprensibile l'occasione per avvicinarsi al Milan capolista, mostrando quanto il cammino per trovare identità e costanza di rendimento sia ancora lungo.

 

Archiviato l'utilitaristico catenaccio con cui in settimana avevano strappato la qualificazione alla finale di Coppa Italia, i bianconeri cercavano di cambiare registro provando a fare la partita di fronte ad un avversario rimaneggiato ed inizialmente timoroso. I ritmi erano però compassati, con i fraseggi per vie centrali che si infrangevano contro la compatta retroguardia partenopea, mentre sulle corsie esterne mancava il guizzo per creare superiorità numerica e lo scarso movimento delle punte era un altro ostacolo agli sbocchi offensivi.

 

Una partita in controllo girava (come spesso avviene nel calcio) per un episodio e l'ingenuità in area di Chiellini (non nuovo ad episodi del genere, che un calciatore della sua esperienza non dovrebbe più commettere), giustamente rilevata dal VAR, consegnava ad Insigne la possibilità del riscatto dal dischetto.

 

La ripresa era una gara a senso unico, quasi un assalto all'arma bianca contro un Napoli in grossa difficoltà, ma umile, concentrato e concreto, quasi stoico nel finale, che riusciva con merito a portare a casa il massimo risultato con il minimo sforzo. La Vecchia Signora veniva tradita dalle polveri bagnate dei suoi attaccanti, che smarrivano la "cattiveria" agonistica necessaria in queste occasioni (da matita blu l'errore di Ronaldo) scontrandosi anche con la serata di grazia di Meret, mentre la mancanza di lucidità nell'approccio alla porta avversaria faceva il resto.

 

Il volto rabbuiato di Pirlo al termine dell'incontro era l'immagine più emblematica di una prestazione ancora una volta sconcertante, in cui Madama non è riuscita a concretizzare l'enorme mole di gioco e di occasioni create. Colpa grave per una formazione dal potenziale come quello della Juventus, di cui oltretutto si continua ad identificare a fatica l'idea tattica e di sviluppo del gioco che la supporta.

 

L'atteggiamento camaleontico, provocato fors'anche delle incertezze del proprio tecnico, non ha finora portato i frutti sperati e la concentrazione a corrente alternata ha contribuito ulteriormente a frenare il cammino della Juventus. Contro il Porto in Champions e con la cenerentola Crotone non sarà più consentito sbagliare, per non rischiare di rendere ancora più arduo un percorso che fino ad oggi ha avuto nel passo del gambero il suo tratto distintivo.

 

Fotografia: sito ufficiale Torino F.C.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 14/02/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



Torinesi in altalena in serie A: poker Toro, crisi della Juve

Psicodramma di una Juve masochista, che serve su un piatto d'argento due succulenti cioccolatini ad un Napoli comunque superiore, vanifica quel poco di buono fatto vedere nella prima frazione di gioco ed esce sconfitta dal "Maradona" rimanendo ancorata alla zona retrocessione, con la peggiore partenza in campionato dal 2015-2016 (anche in quel caso un p...leggi
13/09/2021

Weekend nero per Juve e Toro: doppio ko con le toscane

Toscane indigeste per le due torinesi del pallone, che escono con le ossa rotte dal confronto con la sorprendente matricola Empoli e la già convincente Fiorentina, arrivando alla prima pausa del campionato clamorosamente ancorate al fondo della classifica dopo la deflagrazione di tutte le loro carenze strutturali e mentali....leggi
31/08/2021

Il Toro tiene testa all'Atalanta, la Juve frenata dall'Udinese

Un Toro generoso e finalmente grintoso viene beffato da una Dea narcisista ma estremamente concreta, che con cinismo raccoglie molto di più di quanto seminato e meritato. La Juve, presuntuosa e distratta, oltreché bersagliata dalla sfortuna, compie un mezzo suicidio sportivo a Udine e getta al vento i primi due punti della stagione vedendosi sfilare dai caparbi friulani u...leggi
23/08/2021

Juve e Toro raggiungono gli obiettivi dopo una stagione travagliata

  Tutto è bene quel che finisce bene, come recita il detto popolare. Juventus e Torino chiudono una stagione travagliata, fatta di troppe ombre e poche luci, portando a casa il "minimo sindacale" dei rispettivi obiettivi col desiderio di voltare in fretta pagina e proiettarsi sulla prossima annata, in cui sarà necessario cambiare registro su ambo i fronti per tornare ...leggi
24/05/2021

La Juve torna a sperare nella Champions, Toro ko a La Spezia

  Il Toro affonda nel golfo di La Spezia, ma il salvagente Simy lo tiene a galla e gli consente di essere arbitro del proprio destino nei suoi ultimi due impegni stagionali. La Juve riesce a piegare l'Inter scudettata al termine di un derby d'Italia come al solito ricco di veleni, ma dopo il colpo del Napoli a Firenze la qualificazione alla Champion...leggi
17/05/2021

La Juve rialza la testa col Sassuolo. Disfatta del Toro col Milan

La Juventus rialza la testa, ritrova i suoi campioni e, seppur fra qualche sbavatura di troppo, espugna il campo del Sassuolo tenendo in vita una flebile speranza di entrare in zona Champions. Un Torino irriconoscibile e stranamente privo di stimoli si consegna invece allo scatenato Milan, subendo un'umiliante scoppola casalinga (la seco...leggi
13/05/2021

La Juve affonda col Milan. Pari in trasferta del Toro con il Verona

  La premiata ditta Ansaldi-Vojvoda stava per concedere il bis e regalare al Toro il successo della salvezza, ma i granata si distraggono sul più bello facendosi agguantare dal Verona e devono rimandare il momento in cui tirare definitivamente il fiato. La Juve cola a picco contro il Milan, compromette forse in maniera definitiva una stagione già di per sé fall...leggi
10/05/2021

Scatto salvezza del Toro. La Juve ribalta l'Udinese

Una Juve da encefalogramma piatto per ottanta minuti si aggrappa a due sussulti di Ronaldo, ribalta un'Udinese incredula quanto ingenua e resta in corsa per un posto nella volata Champions. Il Toro sente il peso della posta in palio, arranca, ma dopo un'ora riesce a fare breccia nel muro del Parma e incamera tre boccate d'ossigeno puro rilanciandosi verso il traguardo salvezza. Turno d...leggi
04/05/2021

La Juve non va oltre il pari a Firenze, stop del Toro col Napoli

    Bianconeri indolenti, granata imbambolati ed entrambi irretiti dagli avversari. Partite fotocopia per Juventus e Torino nell'ultimo turno di campionato, al termine del quale le due rappresentanti del calcio sotto la Mole vedono complicarsi parecchio la corsa verso i rispettivi obiettivi stagionali. ...leggi
27/04/2021

Vittorie preziose per Juve e Toro nel 30° turno di serie A

Lo spettacolare e combattuto derby prepasquale sembra aver dato il giusto impulso alle due torinesi, che ritrovano continuità (seppur tra qualche evitabile sofferenza) e incassano tre punti a testa pesantissimi che li avvicinano ai rispettivi obiettivi stagionali.   Di platino quelli co...leggi
12/04/2021

Gol ed emozioni nel derby della Mole: pari nella sfida tra Toro e Juve

Il Toro torna a fare il Toro, affronta il derby con lo spirito da Vecchio Cuore Granata e sfiora l'impresa mettendo alle corde una Juve senz'anima, irriconoscibile e sempre più prigioniera delle proprie contraddizioni, che evita in extremis l'ennesima figuraccia stagionale ma scherza pericolosamente col fuoco per quanto riguarda la qualificazione...leggi
05/04/2021

Turno di campionato da dimenticare per Juve e Toro in attesa del derby

    Se l'incredibile rimonta granata in puro stile tremendista nel recupero infrasettimanale contro il Sassuolo aveva fatto apparire un raggio di sole, il primo giorno di primavera ha fatto ripiombare in pieno inverno il calcio sotto la Mole. Nella trasferta ai piedi della Lanterna (versante Sampdoria) il Toro ha fatto il passo del gambero e, complici i risultati delle...leggi
22/03/2021


La Juve ribalta la Lazio, il Toro in emergenza cade a Crotone

La Juventus sperimentale di Pirlo inizia la gara spaesata, poi prende le misure ad una Lazio bella quanto incompiuta, getta il cuore oltre l'ostacolo con una reazione d'orgoglio da grande squadra e conquista una vittoria importante per la classifica e soprattutto per il morale in vista del ritorno di Champions con il Porto. Il Torino in piena emergenza ...leggi
08/03/2021

La Juve regola lo Spezia, il Toro non parte per Roma

    Una Juventus convalescente e oltremodo rimaneggiata soffre per un'ora contro lo Spezia, poi riesce a dare la svolta alla partita grazie agli ingressi dalla panchina e sorbisce un brodino ricostituente che rinfranca quanto meno il morale in vista dei prossimi decisivi impegni contro Lazio e Porto in Champions League. ...leggi
03/03/2021


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,05129 secondi