Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI CALCIO FEMMINILE    

Edizione provinciale di Torino


Turno di campionato da dimenticare per Juve e Toro in attesa del derby

 

 

Se l'incredibile rimonta granata in puro stile tremendista nel recupero infrasettimanale contro il Sassuolo aveva fatto apparire un raggio di sole, il primo giorno di primavera ha fatto ripiombare in pieno inverno il calcio sotto la Mole. Nella trasferta ai piedi della Lanterna (versante Sampdoria) il Toro ha fatto il passo del gambero e, complici i risultati delle concorrenti, continua a rimanere impelagato nelle acque torbide della lotta per la salvezza. Clamoroso invece il tonfo interno della Juve di fronte alla matricola Benevento, al termine di una prestazione indecorosa, specchio di una stagione che sta riportando la società bianconera indietro di una decina di anni, ai tempi bui dei due settimi posti consecutivi in campionato.

Rinfrancata nella classifica e soprattutto nel morale dall'impresa compiuta a spese dei neroverdi emiliani, la squadra di Nicola cercava a Genova continuità e serenità, ma suo malgrado ha dovuto cedere il passo alla più concreta compagine di Ranieri. Gara spigolosa, accesa e molto fisica, in cui il tecnico torinista si affidava all'ormai collaudato 3-5-2, con Izzo, Lyanco e Bremer davanti a Sirigu; Vojvoda e Ansaldi sugli esterni; Mandragora in regìa a centrocampo affiancato da Rincon e Gojak, mentre il peso dell'attacco gravava sulle spalle di Belotti e Sanabria.

Nella prima frazione erano i blucerchiati a farsi preferire, sino a sbloccare il risultato con Candreva, centrando in seguito il palo con Quagliarella (in entrambe le circostanze rivedibile l'assetto difensivo torinista), mentre il Toro faticava ad affacciarsi con pericolosità dalle parti di Audero.

Dopo l'intervallo il tema tattico dell'incontro era fin troppo scontato, con il Toro generosamente in avanti alla ricerca di un pareggio che avrebbe tutto sommato anche meritato e i liguri a difendere il prezioso vantaggio facendo leva sulle giocate di rimessa per alleggerire la pressione avversaria.

La sola determinazione non bastava però agli uomini di Nicola, apparsi meno lucidi rispetto alle recenti uscite e costretti a pagare dazio alla fatica dopo gli sforzi del mercoledì precedente. Eccessiva la difficoltà ad arrivare al tiro (l'occasione più nitida era un colpo di testa di Belotti terminato di poco a lato), con la fluidità dell'approccio all'area avversaria e l'inventiva che non miglioravano anche dopo gli innesti di Bonazzoli, Murru, Singo, Zaza e Verdi. Il muro doriano reggeva così senza particolari patemi e Keita sfiorava il raddoppio in contropiede legittimando il successo dei padroni di casa. Per il Torino prove d'appello e cammino verso la salvezza da completare dopo la sosta per le Nazionali. In contemporanea, all'Allianz Stadium andava in scena lo storico capitombolo della Vecchia Signora, che vedeva la Strega per tutta la partita, veniva costretta dalla sfrontata truppa di Pippo Inzaghi a passare sotto le forche caudine e al triplice fischio del signor Abisso, sprofondava nel baratro.

Giornata storta dall'inizio alla fine, a partire dalla divisa blu da trasferta indossata tra le mura amiche in ossequio al marketing, passando per gli incredibili errori di mira e di esecuzione, sino al rigore inspiegabilmente non concesso dopo lo scivolone di Foulon che faceva ruzzolare a terra Chiesa.

 

Inguardabile prova di squadra della Juve. In una giornata in cui avrebbero dovuto azzannare la partita con ritmo e ferocia agonistica per cercare di far sentire il fiato sul collo all'Inter capolista bloccata da Covid e dalle decisioni delle Asl (che ormai determinano il calendario del campionato), i bianconeri sono inspiegabilmenti apparsi per l'ennesima volta in stagione apatici, presuntuosi, senza ritmo né idee, lenti e privi di quella "fame" di successo che dovrebbe contraddistinguere una squadra di rango e i suoi interpreti. Il Benevento, schierato con un 3-5-2 coperto, attento, aggressivo il giusto e sempre pronto a ripartire sfilacciando gli avversari inutilmente imbottigliati nel vano tentativo di trovare qualche varco, aveva gioco facile a congelare il nulla di fatto, favorito anche dalle polveri bagnate e dalla mira sbilenca degli avversari.

In avvio di seconda frazione la Juve alzava leggermente i ritmi, ma i guizzi in grado di creare superiorità numerica restavano una chimera e le parate di un Montipò in giornata di grazia facevano il resto. Dopo un'ora di gioco arrivava in maniera grottesca la ciliegina sulla torta del disastro juventino, con l'assurdo passaggio in orizzontale in area verso il nulla di Arthur (vietato, come insegnavano i vecchi maestri di calcio, fin dai Pulcini) che regalava un quarto d'ora di celebrità all'argentino-teutonico Gaich (la sua esultanza e lo sconforto juventino nella foto di Virgilio Sport), agevolato anche dalla distrazione e dall'immobilismo dei difensori bianconeri.

Disperata, nervosa e senza lucidità la successiva reazione di Madama, le cui bocche da fuoco, comprese quelle giunte in soccorso dalle retrovie, avevano le polveri bagnate riuscendo a sprecare anche le poche occasioni create. Al fischio finale l'incredibile diventava realtà e i sanniti conquistavano un successo che resterà negli annali. La Juve era invece costretta ad un bagno di umiltà. Il cantiere aperto è molto lontanto dall'essere concluso, troppi giocatori sono inadeguati (per per scarsa personalità ed evidenti lacune tecniche) a vestire la maglia che indossano, la vecchia guardia ha fatto il suo tempo, i giovani sono ancora acerbi, la "rabbia" e la concentrazione agonistica sempre più rare a trovarsi, mentre la presunzione che i risultati possano arrivare solo perché si stia giocando con la maglia bianconera è purtroppo sempre presente.

Su questo quadro poco confortante si innestano anche l'inesperienza dell'allenatore (sia per quanto riguarda le scelte tattiche, sia per la collocazione nei ruoli dei giocatori), la sua capacità di motivare e far rendere al meglio la squadra che sinora ha lasciato molto a desiderare e una linea societaria che fatica a trovare la rotta. Andando avanti di questo passo il rischio di uscire dalla zona Champions potrebbe farsi concreto e lo spettro degli anni dei settimi posti comincia ad aleggiare in maniera inquietante.

Juve e Toro, grazie alla sosta per le Nazionali, avranno ora due settimane per leccarsi le ferite. Alla ripresa del campionato, il sabato di Pasqua andrà in scena un drammatico derby da ultima spiaggia, che sancirà chi potrà risorgere e chi invece troverà nell'uovo l'ennesima, amara sorpresa stagionale.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 22/03/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



La Juve rialza la testa col Sassuolo. Disfatta del Toro col Milan

La Juventus rialza la testa, ritrova i suoi campioni e, seppur fra qualche sbavatura di troppo, espugna il campo del Sassuolo tenendo in vita una flebile speranza di entrare in zona Champions. Un Torino irriconoscibile e stranamente privo di stimoli si consegna invece allo scatenato Milan, subendo un'umiliante scoppola casalinga (la seco...leggi
13/05/2021

La Juve affonda col Milan. Pari in trasferta del Toro con il Verona

  La premiata ditta Ansaldi-Vojvoda stava per concedere il bis e regalare al Toro il successo della salvezza, ma i granata si distraggono sul più bello facendosi agguantare dal Verona e devono rimandare il momento in cui tirare definitivamente il fiato. La Juve cola a picco contro il Milan, compromette forse in maniera definitiva una stagione già di per sé fall...leggi
10/05/2021

Scatto salvezza del Toro. La Juve ribalta l'Udinese

Una Juve da encefalogramma piatto per ottanta minuti si aggrappa a due sussulti di Ronaldo, ribalta un'Udinese incredula quanto ingenua e resta in corsa per un posto nella volata Champions. Il Toro sente il peso della posta in palio, arranca, ma dopo un'ora riesce a fare breccia nel muro del Parma e incamera tre boccate d'ossigeno puro rilanciandosi verso il traguardo salvezza. Turno d...leggi
04/05/2021

La Juve non va oltre il pari a Firenze, stop del Toro col Napoli

    Bianconeri indolenti, granata imbambolati ed entrambi irretiti dagli avversari. Partite fotocopia per Juventus e Torino nell'ultimo turno di campionato, al termine del quale le due rappresentanti del calcio sotto la Mole vedono complicarsi parecchio la corsa verso i rispettivi obiettivi stagionali. ...leggi
27/04/2021

Vittorie preziose per Juve e Toro nel 30° turno di serie A

Lo spettacolare e combattuto derby prepasquale sembra aver dato il giusto impulso alle due torinesi, che ritrovano continuità (seppur tra qualche evitabile sofferenza) e incassano tre punti a testa pesantissimi che li avvicinano ai rispettivi obiettivi stagionali.   Di platino quelli co...leggi
12/04/2021

Gol ed emozioni nel derby della Mole: pari nella sfida tra Toro e Juve

Il Toro torna a fare il Toro, affronta il derby con lo spirito da Vecchio Cuore Granata e sfiora l'impresa mettendo alle corde una Juve senz'anima, irriconoscibile e sempre più prigioniera delle proprie contraddizioni, che evita in extremis l'ennesima figuraccia stagionale ma scherza pericolosamente col fuoco per quanto riguarda la qualificazione...leggi
05/04/2021


La Juve ribalta la Lazio, il Toro in emergenza cade a Crotone

La Juventus sperimentale di Pirlo inizia la gara spaesata, poi prende le misure ad una Lazio bella quanto incompiuta, getta il cuore oltre l'ostacolo con una reazione d'orgoglio da grande squadra e conquista una vittoria importante per la classifica e soprattutto per il morale in vista del ritorno di Champions con il Porto. Il Torino in piena emergenza ...leggi
08/03/2021

La Juve regola lo Spezia, il Toro non parte per Roma

    Una Juventus convalescente e oltremodo rimaneggiata soffre per un'ora contro lo Spezia, poi riesce a dare la svolta alla partita grazie agli ingressi dalla panchina e sorbisce un brodino ricostituente che rinfranca quanto meno il morale in vista dei prossimi decisivi impegni contro Lazio e Porto in Champions League. ...leggi
03/03/2021

Juve non va oltre al pari a Verona, Toro bloccato dal Covid

I sogni della Juventus di rientrare nella corsa scudetto sfumano definitivamente a Verona, dove i bianconeri perdono per strada altri due punti palesando impietosamente i difetti strutturali e caratteriali di una stagione che sta assumendo i connotati del fallimento, mentre il Torino v...leggi
01/03/2021

Importante vittoria del Toro a Cagliari, Juve sul velluto col Crotone

Il Torino guarisce finalmente dalla pareggite, centra la prima agognata vittoria della gestione Nicola e strappa con maturità nello scontro salvezza di Cagliari tre punti pesanti come un macigno che lo fanno allungare sulla zona calda. La Juventus stenta a carburare, poi si mette al collo le perle del solito Cristiano Ronaldo e a gioco lungo salt...leggi
23/02/2021

Il Toro colleziona pareggi, la Juve cade a Napoli

Torino sempre più abbonato ai pareggi che non riesce a trovare lo spunto per risolvere a proprio favore le partite e spiccare il salto che lo faccia uscire dalla zona calda. Juventus di nuovo sconcertante che domina senza incisività e viene punita da un episodio perdendo una grossa occasione per avvicinarsi alla vetta e dov...leggi
14/02/2021

La Juve vince la sfida con la Roma, rimonta di altri tempi per il Toro

  Il Vecchio Cuore Granata prima mette a repentaglio le coronarie dei suoi tifosi, poi torna a pulsare forte e dà vita a una rimonta d'altri tempi che rimarrà in qualche modo storica. La Juve camaleontica ingabbia la Roma e prosegue nel migliore dei modi il suo ciclo di ferro, completando un sabato di campionato dal seg...leggi
08/02/2021

Ancora un pari per il Toro, la Juve sbanca Marassi

  Un Toro ingabbiato nei propri limiti spreca un'altra occasione e rimane ancorato in zona retrocessione, mentre una Juve dai due volti regola la Sampdoria e si prepara al meglio per il ciclo di fuoco che molto probabilmente farà chiarezza su ambizioni e obiettivi stagionali bianconeri. Anche dopo la prima di ritorno, in un tu...leggi
02/02/2021

La Juventus regola all'inglese il Bologna, orgoglio Toro a Benevento

Il Toro ritrova almeno l'anima e dopo tempo immemore un allenatore "sanguigno" che sa trasmettere ai giocatori la carica e l'attaccamento alla maglia, conquista in rimonta con orgoglio e carattere un punto che ha un peso specifico enorme per il morale, seppur non modifichi una posizione di classifica sempre deficitaria, e compie il primo...leggi
25/01/2021


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,08013 secondi