Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


La Juve affonda col Milan. Pari in trasferta del Toro con il Verona

 

La premiata ditta Ansaldi-Vojvoda stava per concedere il bis e regalare al Toro il successo della salvezza, ma i granata si distraggono sul più bello facendosi agguantare dal Verona e devono rimandare il momento in cui tirare definitivamente il fiato. La Juve cola a picco contro il Milan, compromette forse in maniera definitiva una stagione già di per sé fallimentare e vede profilarsi all'orizzonte scenari da brividi che pongono interrogativi inquietanti sul suo futuro. Altro turno di campionato di sofferenza per le due rappresentanti calcistiche all'ombra della Mole.

Pomeriggio tutto sommato tranquillo per la squadra di Nicola al Bentegodi. Il tecnico torinista imposta la solita classica gara di contenimento con l'obiettivo minimo di uscire indenne dal campo, non disdegnando di provare ad aggiudicarsi di rimessa l'intera posta. Saldo il pacchetto arretrato, con Sirigu decisivo tra i pali e Buongiorno che rilevava Izzo affiancandosi a N'Koulou e Bremer, mentre sulle corsie esterne Vojvoda e Ansaldi si alternavano nelle due fasi. Lucida ancora una volta la regìa di Mandragora a centrocampo, supportato da Rincon e Verdi; meno brillanti del solito i terminali offensivi Belotti e Sanabria.

La prima frazione scorreva all'insegna dell'equilibrio anche nel computo delle occasioni, con il portiere granata provvidenziale su Salcedo e Ilic che alzava oltre la traversa la conclusione di Ansaldi. Dopo l'intervallo il Toro continuava ad amministrare il prezioso punto contenendo la pressione scaligera senza troppi affanni. Nel finale gli innesti di Lukic e Baselli alzavano il tasso qualitativo del settore nevralgico e quelli di Bonazzoli e Zaza davano nuova linfa e profondità all'attacco.

La formazione di Nicola avanzava così il proprio baricentro e dopo essere andata vicina al vantaggio con le verticalizzazioni in contropiede di Belotti e Bonazzoli, lo coglieva con cinismo a cinque minuti dallo scadere grazie alla replica dell'azione già vincente contro il Parma, che consegnava di nuovo all'esterno kosovaro la palma di marcatore di giornata.

L'esultanza dei granata aveva il sapore della festa per un traguardo finalmente tagliato, ma l'eccessiva euforia giocava loro brutti scherzi facendoli deconcentrare e la beffa arrivava puntualmente nel giro di centottanta secondi sotto forma dell'imparabile sinistro dal limite di Dimarco, che finalizzava un'azione in cui i torinisti si facevano trovare colpevolmente impreparati.

Dati i risultati delle concorrenti, il pareggio conquistato contro i gialloblu è un nuovo passo verso la salvezza, ma altri, forse decisivi, andranno compiuti a partire dalle prossime partite contro Milan e Spezia

Notte fonda in casa Juventus. Contro il fiammeggiante diavolo rossonero la Vecchia Signora ha toccato il punto più basso di una stagione sinora fallimentare, che ha messo impietosamente in evidenza un volto profondamente solcato da rughe solo in parte nascoste in precedenza dalle individualità.

Dopo una partenza positiva solo sul piano del ritmo, Madama si è progressivamente squagliata come neve al sole di fronte alla crescita milanista. Incerto Szczesny (riscattatosi in parte col rigore parato a Kessie), il disastroso Chiellini e l'ancora acerbo De Ligt tamponavano alla meno peggio sull'evanescente Ibrahimovic e Chalanoglu, ma andavano in tilt, come i compagni del centrocampo, davanti al galleggiare tra le linee dell'indemoniato Brahim Diaz, chiave di volta tattica azzeccatissima da Pioli.

Inguardabile per l'ennesima volta il settore nevralgico, con gli svagati e imprecisi Rabiot e Bentancur sovrastati sul ritmo dagli avversari e privi del fosforo e della personalità necessari ad imbastire la manovra. Non pervenuti Chiesa e McKennie, in costante difficoltà sugli esterni Cuadrado e Alex Sandro, oggetti misteriosi Ronaldo e Morata.

La rete incassata nel recupero della prima frazione (avventato in uscita Szczesny, "tenero" Cuadrado in chiusura) metteva quasi la parola fine al confronto con quarantacinque minuti di anticipo. Dopo l'intervallo, una Juve da encefalogramma piatto riusciva a produrre una sola verticalizzazione con lo scambio Morata-Bentancur sventato da Donnarumma, poi, svuotata di ogni motivazione, confusa, su una lunghezza d'onda diametralmente opposta a quella del proprio allenatore, si consegnava agli uomini di Pioli non avendo un sussulto neanche dopo il rigore parato dal proprio portiere che l'avrebbe potuta tenere in partita.

Andava così in scena il monologo del Milan, squadra questa sì con identità, voglia e idee chiare, mentre la Juve andava incontro ad una disfatta dalle dimensioni e dalle conseguenze clamorose. L'imbucata subita in occasione del raddoppio di Rebic e la difesa modello "belle statuine" sull'inzuccata di Tomori (l'esultanza nella foto di Eurosport), il quale trasformava in gol con una facilità disarmante un calcio piazzato proveniente dalla trequarti che, come insegnano i manuali, dovrebbe essere sempre preda dei difensori, sono la testimonianza più lampante di un gruppo ormai smarrito, senza capo né coda, le cui redini non sono più (o non lo sono mai state) nelle mani dell'allenatore, il quale ha pagato la propria totale inesperienza.

La partita che avrebbe dovuto rilanciare i bianconeri in zona Champions si è invece trasformata in quella che forse li ha definitivamente esclusi, sancendo il fallimento dell'azzardo di una dirigenza che nel corso degli anni ha collezionato errori su errori perdendo la bussola, illusa dal filotto di successi inanellato nel corso di stagioni irripetibili.

Difficile pensare che nelle tre partite rimanenti la Juve possa risalire la china e sopravanzare avversari che stanno girando a mille. L'uscita dall'Europa che conta, non escludendo possibili, clamorose sanzioni da parte di UEFA e FIGC per la vicenda Superlega, produrrebbe conseguenze simili a quelle di un terremoto, con una rivoluzione e un ridimensionamento di società e gruppo squadra, che potrebbero richiedere anni prima dell'inizio della risalita verso i vertici del calcio italiano ed europeo.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 10/05/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



Torinesi in altalena in serie A: poker Toro, crisi della Juve

Psicodramma di una Juve masochista, che serve su un piatto d'argento due succulenti cioccolatini ad un Napoli comunque superiore, vanifica quel poco di buono fatto vedere nella prima frazione di gioco ed esce sconfitta dal "Maradona" rimanendo ancorata alla zona retrocessione, con la peggiore partenza in campionato dal 2015-2016 (anche in quel caso un p...leggi
13/09/2021

Weekend nero per Juve e Toro: doppio ko con le toscane

Toscane indigeste per le due torinesi del pallone, che escono con le ossa rotte dal confronto con la sorprendente matricola Empoli e la già convincente Fiorentina, arrivando alla prima pausa del campionato clamorosamente ancorate al fondo della classifica dopo la deflagrazione di tutte le loro carenze strutturali e mentali....leggi
31/08/2021

Il Toro tiene testa all'Atalanta, la Juve frenata dall'Udinese

Un Toro generoso e finalmente grintoso viene beffato da una Dea narcisista ma estremamente concreta, che con cinismo raccoglie molto di più di quanto seminato e meritato. La Juve, presuntuosa e distratta, oltreché bersagliata dalla sfortuna, compie un mezzo suicidio sportivo a Udine e getta al vento i primi due punti della stagione vedendosi sfilare dai caparbi friulani u...leggi
23/08/2021

Juve e Toro raggiungono gli obiettivi dopo una stagione travagliata

  Tutto è bene quel che finisce bene, come recita il detto popolare. Juventus e Torino chiudono una stagione travagliata, fatta di troppe ombre e poche luci, portando a casa il "minimo sindacale" dei rispettivi obiettivi col desiderio di voltare in fretta pagina e proiettarsi sulla prossima annata, in cui sarà necessario cambiare registro su ambo i fronti per tornare ...leggi
24/05/2021

La Juve torna a sperare nella Champions, Toro ko a La Spezia

  Il Toro affonda nel golfo di La Spezia, ma il salvagente Simy lo tiene a galla e gli consente di essere arbitro del proprio destino nei suoi ultimi due impegni stagionali. La Juve riesce a piegare l'Inter scudettata al termine di un derby d'Italia come al solito ricco di veleni, ma dopo il colpo del Napoli a Firenze la qualificazione alla Champion...leggi
17/05/2021

La Juve rialza la testa col Sassuolo. Disfatta del Toro col Milan

La Juventus rialza la testa, ritrova i suoi campioni e, seppur fra qualche sbavatura di troppo, espugna il campo del Sassuolo tenendo in vita una flebile speranza di entrare in zona Champions. Un Torino irriconoscibile e stranamente privo di stimoli si consegna invece allo scatenato Milan, subendo un'umiliante scoppola casalinga (la seco...leggi
13/05/2021

Scatto salvezza del Toro. La Juve ribalta l'Udinese

Una Juve da encefalogramma piatto per ottanta minuti si aggrappa a due sussulti di Ronaldo, ribalta un'Udinese incredula quanto ingenua e resta in corsa per un posto nella volata Champions. Il Toro sente il peso della posta in palio, arranca, ma dopo un'ora riesce a fare breccia nel muro del Parma e incamera tre boccate d'ossigeno puro rilanciandosi verso il traguardo salvezza. Turno d...leggi
04/05/2021

La Juve non va oltre il pari a Firenze, stop del Toro col Napoli

    Bianconeri indolenti, granata imbambolati ed entrambi irretiti dagli avversari. Partite fotocopia per Juventus e Torino nell'ultimo turno di campionato, al termine del quale le due rappresentanti del calcio sotto la Mole vedono complicarsi parecchio la corsa verso i rispettivi obiettivi stagionali. ...leggi
27/04/2021

Vittorie preziose per Juve e Toro nel 30° turno di serie A

Lo spettacolare e combattuto derby prepasquale sembra aver dato il giusto impulso alle due torinesi, che ritrovano continuità (seppur tra qualche evitabile sofferenza) e incassano tre punti a testa pesantissimi che li avvicinano ai rispettivi obiettivi stagionali.   Di platino quelli co...leggi
12/04/2021

Gol ed emozioni nel derby della Mole: pari nella sfida tra Toro e Juve

Il Toro torna a fare il Toro, affronta il derby con lo spirito da Vecchio Cuore Granata e sfiora l'impresa mettendo alle corde una Juve senz'anima, irriconoscibile e sempre più prigioniera delle proprie contraddizioni, che evita in extremis l'ennesima figuraccia stagionale ma scherza pericolosamente col fuoco per quanto riguarda la qualificazione...leggi
05/04/2021

Turno di campionato da dimenticare per Juve e Toro in attesa del derby

    Se l'incredibile rimonta granata in puro stile tremendista nel recupero infrasettimanale contro il Sassuolo aveva fatto apparire un raggio di sole, il primo giorno di primavera ha fatto ripiombare in pieno inverno il calcio sotto la Mole. Nella trasferta ai piedi della Lanterna (versante Sampdoria) il Toro ha fatto il passo del gambero e, complici i risultati delle...leggi
22/03/2021

Il Toro cede di misura alla capolista Inter, la Juve espugna Cagliari

Un Torino generoso quanto ancora rimaneggiato va ad un passo dal fermare la capolista Inter, poi cade vittima delle proprie ingenuità e del cinismo dei nerazzurri e rimane profondamente impelagato nelle acque basse della classifica. La Juventus comincia lentamente a smaltire la ...leggi
15/03/2021

La Juve ribalta la Lazio, il Toro in emergenza cade a Crotone

La Juventus sperimentale di Pirlo inizia la gara spaesata, poi prende le misure ad una Lazio bella quanto incompiuta, getta il cuore oltre l'ostacolo con una reazione d'orgoglio da grande squadra e conquista una vittoria importante per la classifica e soprattutto per il morale in vista del ritorno di Champions con il Porto. Il Torino in piena emergenza ...leggi
08/03/2021

La Juve regola lo Spezia, il Toro non parte per Roma

    Una Juventus convalescente e oltremodo rimaneggiata soffre per un'ora contro lo Spezia, poi riesce a dare la svolta alla partita grazie agli ingressi dalla panchina e sorbisce un brodino ricostituente che rinfranca quanto meno il morale in vista dei prossimi decisivi impegni contro Lazio e Porto in Champions League. ...leggi
03/03/2021

Juve non va oltre al pari a Verona, Toro bloccato dal Covid

I sogni della Juventus di rientrare nella corsa scudetto sfumano definitivamente a Verona, dove i bianconeri perdono per strada altri due punti palesando impietosamente i difetti strutturali e caratteriali di una stagione che sta assumendo i connotati del fallimento, mentre il Torino v...leggi
01/03/2021


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,10935 secondi