Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


Weekend nero per Juve e Toro: doppio ko con le toscane

Toscane indigeste per le due torinesi del pallone, che escono con le ossa rotte dal confronto con la sorprendente matricola Empoli e la già convincente Fiorentina, arrivando alla prima pausa del campionato clamorosamente ancorate al fondo della classifica dopo la deflagrazione di tutte le loro carenze strutturali e mentali.

La Juventus, "sedotta e abbandonata" da Cristiano Ronaldo, che con il suo cannibalizzare ogni cosa nelle tre stagioni in bianconero ha coperto anche le magagne di una rosa progressivamente impoverita nel tempo e gli errori strategici di una dirigenza non sempre apparsa all'altezza di quelle che l'avevano preceduta, ha fornito contro la frizzante banda di Andreazzoli una delle peggiori prestazioni delle ultime annate, consentendo agli azzurri empolesi di scrivere il loro nome nell'albo delle quindici formazioni che sinora hanno violato il terreno dello Stadium nei dieci anni dalla sua inaugurazione.

L'irriconoscibile squadra di Allegri è risultata sufficiente solo nei primi venti minuti (ricalcando quanto già visto a Udine), sfiorando la rete in due circostanze comunque frutto di altrettante iniziative individuali dell'encomiabile Chiesa, uno tra i pochi a salvarsi dal naufragio juventino.

Dopodiché la luce si spegneva. Alla prima occasione l'Empoli passava in vantaggio con una facilità irrisoria affondando per merito del carneade Mancuso il dito nella piaga dell'ormai cronicamente perforabile fase difensiva bianconera e la Juve andava in confusione diventando vittima della frenesia, palesando una carenza di personalità e una fragilità mentale che da troppo tempo stanno attanagliando anche la "vecchia guardia".

Cortocircuito che aveva colpito in partenza anche le idee tattiche del "disperato" tecnico di Madama, alla vana ricerca di una assetto che potesse sopperire alla povertà e all'inadeguatezza dell'organico, specie nel settore nevralgico. Il responso del campo l'ha impietosamente bocciato: nulli in fase di contenimento e poco efficaci in quella propulsiva Cuadrado e Alex Sandro, svagato Bonucci, fallito l'esperimento di affidare le chiavi del gioco a Danilo, mal supportato dall'evanescente Rabiot e dal macchinoso Bentancur.

In avanti, poco comprensibile la scelta di schierare McKennie nel ruolo di trequartista incursore (non ne ha né le qualità tecniche, né le caratteristiche tattiche) alle spalle di un Dybala lezioso, ancora una volta in versione "tanto fumo e poco arrosto", sempre lontano dal compiere il salto di personalità per diventare leader nonostante la partenza dell'ingombrante Cristiano Ronaldo. Discorso a parte per Chiesa, inascoltato predicatore nel deserto.

Nella ripresa Allegri tornava sui suoi passi gettando nella mischia Morata, con la speranza di trovare un centravanti che occupasse l'area di rigore. Troppi errori tecnici nell'impostazione della manovra, ritmi bassi, reparti slegati e "lunghi" e idee confuse, portavano inevitabilmente a inefficaci iniziative individuali (sottolineate impietosamente anche dal labiale di Chiellini in panchina), che agevolavano il compito dell'Empoli. I toscani dal canto loro giocavano da squadra e replicavano con un calcio semplice e lineare, fatto di dinamismo e rapide verticalizzazioni che tenevano in costante apprensione la difesa juventina. I giocatori inseriti in corso d'opera da Allegri annegavano nel marasma generale con la sola eccezione di Locatelli e l'assenza di conclusioni bianconere nello specchio dell porta durante la seconda frazione era il suggello alla meritata vittoria della squadra di Andreazzoli.

Archiviata una delle peggiori partenze della storia juventina (simile solo a quelle delle stagioni 2010/2011 e 2015/2016), alla ripresa del campionato dopo la sosta per le nazionali il compito per Allegri sarà improbo. L'arrivo di Kean e l'eventuale innesto di un centrocampista non saranno certo sufficienti a colmare carenze strutturali in ogni reparto frutto di errori di valutazione in fase di mercato compiuti nel corso degli anni da una dirigenza che per mantenere la "ciliegina" Ronaldo ha progressivamente impoverito la base della torta. Il tecnico livornese sarà chiamato a fare fuoco con la legna a disposizione, chiudendo gli esperimenti e puntando su un undici titolare in cui accendere la scintilla dell'orgoglio, per centrare, dato il livello della concorrenza visto in queste prime giornate, almeno l'accesso alle prossime coppe europee.

Fare nozze con i fichi secchi è l'ingrato compito, conosciuto quanto mal digerito, come testimoniano le dichiarazioni della scorsa settimana, che spetta a mister Juric sull'altra sponda calcistica cittadina. Se la sfortunata gara con l'Atalanta aveva lasciato intravedere spiragli di luce, a Firenze il Toro ha fatto un deciso passo indietro mostrando anche in questo caso limiti d'organico e di mentalità simili a quelli dei "cugini" e di ardua soluzione.

A differenza del collega bianconero, il tecnico granata ha perlomeno le idee chiare sull'impianto di gioco e sull'idea di calcio da chiedere ai propri uomini. Il ritmo e l'aggressività voluti sono però venuti meno di fronte alla Viola, che ha dominato proprio nei confronti diretti a centrocampo e sulle corsie esterne. A sprazzi la qualità in impostazione fornita da Lukic e Mandragora, mentre non ha convinto lo schieramento di Linetty in posizione di rifinitore alle spalle del duo d'attacco sulla carta di peso e dinamismo formato da Belotti e Sanabria.

Durante il monologo fiorentino della prima frazione, che ha avuto una breve eccezione nei minuti centrali, erano le parate di Milinkovic-Savic a tenere a galla una retroguardia granata che non trovava giovamento dal rientro di Izzo e il vantaggio siglato in chiusura da Nico Gonzalez era il logico epilogo di quarantacinque minuti a senso unico.

Dopo l'intervallo, tolto qualche spunto sulla fascia destra di Singo, i granata continuavano a restare in balìa della squadra di Italiano, che raddoppiava con merito a metà frazione sfruttando un'altra pecca congenita dei torinisti: ovvero transizione lenta e leziosa nel settore nevralgico con palla persa da Verdi sotto pressione e rapido ribaltamento di fronte che trovava la difesa impreparata e lasciava spazio al colpo di testa vincente di Vlahovic.

Tardiva la reazione della compagine di Juric, che accorciava le distanze con l'unica combinazione degna di nota della serata (filtrante di Lukic per la conclusione in rete di Verdi) quando però il tempo rimasto non era più sufficiente a completare la rimonta.

L'impegno casalingo con la Salernitana alla ripresa del campionato avrà già il sapore dello scontro-salvezza. Obiettivo per Juric e i suoi lavorare per trovare gli interpreti che meglio si adattino per caratteristiche e determinazione al suo 3-4-3 anomalo, in modo da riuscire a lasciare quota zero in classifica.

 

Photo credit: Virgilio Sport.

 

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 31/08/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



La Juve regola la Roma, il Toro cade nel finale a Napoli

Il Torino fornisce l'ennesima prestazione positiva di quest'avvio di stagione ma, come ormai triste consuetudine, cade ancora una volta nei minuti finali dovendo rimandare per la seconda partita consecutiva l'occasione di muovere la classifica. Graduatoria che continua invece a risalire la Juventus, tornata solida e giunta alla quarta affermazione di fila. La domenica di campio...leggi
19/10/2021

La Juve ancora una volta vince il derby della Mole nel finale

Locatelli fa le cose per bene, come recitava lo slogan di un Carosello di una cinquantina di anni fa, e con un tocco vellutato a cinque minuti dal termine regala alla Juve la vittoria in un derby che le permette di continuare la risalita in classifica, mentre il Toro esce ancora una volta con le mani vuote dal campo e il rammarico di non avere portato a termine l'impresa di strappare a...leggi
05/10/2021

La Juve supera la Samp, il Toro frena a Venezia in attesa del derby

Una Juventus ormai avvezza a frequentare le montagne russe riesce a domare la Sampdoria al termine dell'ennesima partita fra alti e bassi, conquista la sua prima vittoria casalinga, ma perde per infortunio, almeno fino alla ripresa dopo la sosta per le nazionali, la coppia d'attacco titolare Dybala-Morata.   Il Torino fa il passo del gambero e si impantana nella la...leggi
28/09/2021

La Juve torna alla vittoria, continua a stupire il Toro di Juric

La Juventus rischia di affondare definitivamente nel golfo di La Spezia, poi si aggrappa alla scialuppa di salvataggio che ha in Chiesa il suo simbolo, ritorna a galla e conquista la prima vittoria in campionato al termine di una serata in cui l'unica cosa buona è rappresentata dal risultato. Il Torino supera di slancio un altro esame di maturità, confeziona una partita q...leggi
24/09/2021

Calcio torinese sempre a due facce: vola il Toro, stenta la Juve

Il sorprendente Torino continua a far strabuzzare gli occhi ai propri tifosi e con una prestazione che, senza voler scomodare paragoni irriverenti, ha riportato alla mente dei vecchi cuori granata quelle della squadra scudettata di Radice, domina al Mapei Stadium, piega nel finale con pieno merito il Sassuolo e centra il secondo successo consecutivo. Delude ancora la Juventus, che semb...leggi
20/09/2021

Torinesi in altalena in serie A: poker Toro, crisi della Juve

Psicodramma di una Juve masochista, che serve su un piatto d'argento due succulenti cioccolatini ad un Napoli comunque superiore, vanifica quel poco di buono fatto vedere nella prima frazione di gioco ed esce sconfitta dal "Maradona" rimanendo ancorata alla zona retrocessione, con la peggiore partenza in campionato dal 2015-2016 (anche in quel caso un p...leggi
13/09/2021

Il Toro tiene testa all'Atalanta, la Juve frenata dall'Udinese

Un Toro generoso e finalmente grintoso viene beffato da una Dea narcisista ma estremamente concreta, che con cinismo raccoglie molto di più di quanto seminato e meritato. La Juve, presuntuosa e distratta, oltreché bersagliata dalla sfortuna, compie un mezzo suicidio sportivo a Udine e getta al vento i primi due punti della stagione vedendosi sfilare dai caparbi friulani u...leggi
23/08/2021

Juve e Toro raggiungono gli obiettivi dopo una stagione travagliata

  Tutto è bene quel che finisce bene, come recita il detto popolare. Juventus e Torino chiudono una stagione travagliata, fatta di troppe ombre e poche luci, portando a casa il "minimo sindacale" dei rispettivi obiettivi col desiderio di voltare in fretta pagina e proiettarsi sulla prossima annata, in cui sarà necessario cambiare registro su ambo i fronti per tornare ...leggi
24/05/2021

La Juve torna a sperare nella Champions, Toro ko a La Spezia

  Il Toro affonda nel golfo di La Spezia, ma il salvagente Simy lo tiene a galla e gli consente di essere arbitro del proprio destino nei suoi ultimi due impegni stagionali. La Juve riesce a piegare l'Inter scudettata al termine di un derby d'Italia come al solito ricco di veleni, ma dopo il colpo del Napoli a Firenze la qualificazione alla Champion...leggi
17/05/2021

La Juve rialza la testa col Sassuolo. Disfatta del Toro col Milan

La Juventus rialza la testa, ritrova i suoi campioni e, seppur fra qualche sbavatura di troppo, espugna il campo del Sassuolo tenendo in vita una flebile speranza di entrare in zona Champions. Un Torino irriconoscibile e stranamente privo di stimoli si consegna invece allo scatenato Milan, subendo un'umiliante scoppola casalinga (la seco...leggi
13/05/2021

La Juve affonda col Milan. Pari in trasferta del Toro con il Verona

  La premiata ditta Ansaldi-Vojvoda stava per concedere il bis e regalare al Toro il successo della salvezza, ma i granata si distraggono sul più bello facendosi agguantare dal Verona e devono rimandare il momento in cui tirare definitivamente il fiato. La Juve cola a picco contro il Milan, compromette forse in maniera definitiva una stagione già di per sé fall...leggi
10/05/2021

Scatto salvezza del Toro. La Juve ribalta l'Udinese

Una Juve da encefalogramma piatto per ottanta minuti si aggrappa a due sussulti di Ronaldo, ribalta un'Udinese incredula quanto ingenua e resta in corsa per un posto nella volata Champions. Il Toro sente il peso della posta in palio, arranca, ma dopo un'ora riesce a fare breccia nel muro del Parma e incamera tre boccate d'ossigeno puro rilanciandosi verso il traguardo salvezza. Turno d...leggi
04/05/2021

La Juve non va oltre il pari a Firenze, stop del Toro col Napoli

    Bianconeri indolenti, granata imbambolati ed entrambi irretiti dagli avversari. Partite fotocopia per Juventus e Torino nell'ultimo turno di campionato, al termine del quale le due rappresentanti del calcio sotto la Mole vedono complicarsi parecchio la corsa verso i rispettivi obiettivi stagionali. ...leggi
27/04/2021

Vittorie preziose per Juve e Toro nel 30° turno di serie A

Lo spettacolare e combattuto derby prepasquale sembra aver dato il giusto impulso alle due torinesi, che ritrovano continuità (seppur tra qualche evitabile sofferenza) e incassano tre punti a testa pesantissimi che li avvicinano ai rispettivi obiettivi stagionali.   Di platino quelli co...leggi
12/04/2021

Gol ed emozioni nel derby della Mole: pari nella sfida tra Toro e Juve

Il Toro torna a fare il Toro, affronta il derby con lo spirito da Vecchio Cuore Granata e sfiora l'impresa mettendo alle corde una Juve senz'anima, irriconoscibile e sempre più prigioniera delle proprie contraddizioni, che evita in extremis l'ennesima figuraccia stagionale ma scherza pericolosamente col fuoco per quanto riguarda la qualificazione...leggi
05/04/2021


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,06368 secondi