Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


La Juve regola la Roma, il Toro cade nel finale a Napoli

La disamina dell'ottava giornata del campionato di serie A

Il Torino fornisce l'ennesima prestazione positiva di quest'avvio di stagione ma, come ormai triste consuetudine, cade ancora una volta nei minuti finali dovendo rimandare per la seconda partita consecutiva l'occasione di muovere la classifica. Graduatoria che continua invece a risalire la Juventus, tornata solida e giunta alla quarta affermazione di fila.

La domenica di campionato è stata il solito misto di gioie e dolori per le due rappresentanti del calcio sotto la Mole. All'ora dell'aperitivo i granata hanno fatto visita alla capolista Napoli con l'intento di essere la prima squadra a frenare la lanciatissima banda di Spalletti. Juric preparava il solito accorto modulo tattico con Djidji, Bremer e Rodriguez a formare la linea difensiva incaricata di contenere le progressioni di Osimhen e i tagli di Insigne e Politano; Singo e Aina agivano sulle fasce contro Mario Rui e Di Lorenzo; nel settore nevralgico Mandragora (presto messo fuori gioco dall'ennesimo infortunio e sostituito dal titubante Kone) e Lukic erano incaricati di sviluppare la manovra, mentre gli inediti trequartisti Brekalo (il migliore tra i suoi) e Linetty cercavano di supportare un Sanabria lasciato troppo isolato e avulso dal gioco torinista.

Il piano del tecnico croato funzionava, con il Toro che chiudeva gli spazi proponendosi anche di rimessa, pur rischiando troppo sulle verticalizzazioni in campo aperto dei partenopei. Ancora una volta un'ingenuità difensiva nella propria area (sarebbe l'ora che i difensori granata cominciassero a limitare la loro irruenza) rischiava di rovinare tutto, ma Milinkovic-Savic neutralizzava la censurabile conclusione di Insigne dal dischetto (nella foto di www.torinofc.it) e prima dell'intervallo era Ospina a dover salvare su Brekalo.

Nella ripresa il Napoli cercava di stanare il Toro aprendo varchi per le galoppate del suo cannoniere nigeriano e del neo entrato Lozano e nel fortino granata cominciavano ad aprirsi le prime crepe. La scarsa attenzione nel piazzamento sulle palle da fermo (altro difetto congenito dei torinisti che Juric non è ancora riuscito a sanare) veniva punita dal colpo di testa di Di Lorenzo che solo il Var vanificava, quindi era il palo a tenere bloccato il risultato sulla conclusione del messicano.

Passato lo spavento il Toro si riorganizzava, gli ingressi di Buongiorno, Pobega e Belotti portavano maggiore qualità alla squadra di Juric che tornava ad imbastire ripartenze manovrate aggiranti in ampiezza e solo un grande Ospina strozzava in gola l'urlo del gol all'ispiratissimo Brekalo.

Quando l'impresa cominciava ad assumere una fisionomia concreta, si materializzava invece il "solito" finale di partita dei granata, incapaci di far fronte all'ultimo assalto degli avversari come ha dimostrato l'emblematica azione tambureggiante che ha portato al gol-partita di Osimhen. Il Torino usciva così dal campo con una nuova dose di applausi, la certezza della prestazione fornita, ma senza punti in tasca. Obiettivo dell'anticipo casalingo di venerdì sera contro il Genoa, gara che metterà in palio già punti pesanti per la classifica, sarà quello di poter finalmente esultare al triplice fischio dell'arbitro.

Se su una sponda del Po il "solito" Toro ha reso indigesta la cena ai suoi tifosi, sull'altra il digestivo ha fatto gustare agli appassionati bianconeri una Juventus in cui la cura Allegri sta cominciando a funzionare. Contro una Roma solida, brillante nella produzione del gioco ma asfittica in fase conclusiva, la Vecchia Signora ha fatto di nuovo leva su una difesa bloccata ed uno schieramento tattico accorto, lasciando per lunghi tratti dell'incontro l'iniziativa ai giallorossi e pungendo con straordinaria concretezza di rimessa (in termini più semplici si potrebbe parlare senza timore di essere smentiti del sempre efficace catenaccio e contropiede manovrato) sfruttando i cambi di fronte.

Duttile il modulo impiegato dal tecnico livornese, un 4-4-2 di partenza che si trasformava spesso in fase di ripiegamento in un quasi impenetrabile 3-5-2. Implacabili Chiellini e Bonucci al centro della difesa, hanno sorpreso in positivo De Sciglio e Bernardeschi sulla corsia di sinistra, mentre sull'altro fronte Cuadrado e Danilo hanno peccato di precisione accusando probabilmente la fatica dei viaggi intercontinentali per giocare con le rispettive nazionali. In crescita Bentancur e Locatelli in cabina di regìa, sul fronte offensivo Kean, al di là della rete fortunosa, ha continuato ad andare a sprazzi, mentre Chiesa ha vissuto per una volta una serata opaca. Menzione di merito a Szczesny, decisivo nel salvare il risultato sul rigore dello specialista Veretout e tornato ai livelli che gli competono.

Lasciata sfuriare all'inizio la squadra di Mourinho, la Juve colpiva al primo affondo con una delle sue giocate-simbolo: cambio di fronte da Cuadrado a De Sciglio, cross e carambola aerea vincente fra Bentancur e Kean. Dopodiché il solito copione, con difesa ordinata dei bianconeri che chiudevano ogni spazio di fronte allo sterile monologo romanista fino all'azione del rigore delle polemiche fischiato forse con troppa tempestività da Orsato e fallito dal centrocampista francese, che con il suo errore ha però avuto il merito di dare spazio a giorni di parole e discussioni sui media e non solo.

Dopo il clamoroso errore di Kean in apertura di seconda frazione aumentavano i toni agonistici della contesa, mentre il copione rimaneva invariato. Il lungo forcing giallorosso si infrangeva sul muro di Madama (provvidenziale Chiellini su Viña), che resisteva con abnegazione e rifiatava tramite alleggerimenti non sempre accompagnati però dalla necessaria lucidità, cercando in Morata, Arthur, Kulusevski e Alex Sandro forze fresche ed esperienza per gestire il convulso finale.

Il triplice fischio di Orsato sanciva la quarta affermazione consecutiva di "corto muso" della banda di Allegri, sempre più "brutta, sporca e cattiva", che mantiene la porta inviolata in campionato per la seconda volta di fila, risale la classifica, intravede la zona Champions e si prepara con morale alto all'impegno di coppa di mercoledì a San Pietroburgo e soprattutto al big-match di domenica prossima in casa dell'Inter.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 19/10/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



Serie A: turno di campionato da dimenticare per Juventus e Torino

Una Vecchia Signora grottesca si trasforma in Dama di Carità, sciupa oltre l'immaginabile e dona tutto in beneficenza rimettendo in gioco un Grifone ormai retrocesso ed attirandosi gli strali di tutte le altre altre squadre impegnate nella lotta per la salvezza. Il Toro come di consueto tiene orgogliosamente testa all'avversario di turno di maggiore caratura, riesce a stare a ga...leggi
09/05/2022

Serie A: sorridono ancora in coppia Juventus e Torino

Bonucci soffia due volte sulle candeline del compleanno e toglie le castagne dal fuoco contro il fanalino di coda Venezia ad una Juventus sempre balbettante, che tuttavia, grazie al pareggio interno della Roma contro il Bologna, centra con tre giornate d'anticipo l'obiettivo minimo della qualificazione alla prossima Champions League e potrà ora dedicarsi alla finale di Coppa Ita...leggi
02/05/2022

Serie A: vittorie in coppia per Juventus e Torino

    Lo stesso risultato, scaturito al termine di due prestazioni diametralmente opposte, consente a Torino e Juventus di mettersi in tasca tre punti di platino per la classifica e di guardare con maggiore serenità al finale di stagione. Il turno di campionato ha regalato una vera e propria Festa de...leggi
26/04/2022

Pareggi in serie per Juve e Toro nel turno pasquale di serie A

  Uovo di Pasqua con sorpresa (amara) per Juventus e Torino, che gettano al vento in coppia l'ennesima occasione per rendere meno anonima la loro stagione, al termine di due partite dall'andamento analogo ma con esito opposto, che lasciano in tasca un solo punto e tanti rammarichi. ...leggi
19/04/2022

La Juve sbanca Cagliari, il Toro ferma la capolista Milan

La Juventus digerisce la pesante sconfitta incassata con l'Inter, rialza la testa e, pur soffrendo, si impone in rimonta a Cagliari blindando almeno il quarto posto. Il Torino fornisce un'altra prova a tutto cuore e inchioda sul risultato ad occhiali il Diavolo rossonero, facendo corre...leggi
12/04/2022

Il Toro ritrova il successo a Salerno, la Juve ko nel derby d'Italia

Il VAR sui rigori fa sorridere il Toro, che ritrova la gioia del successo dopo una lunga quaresima durata quasi tre mesi, mentre provoca un travaso di bile alla Juve, costretta a cedere il derby d'Italia agli acerrimi rivali nerazzurri, tornati ad espugnare il fortino dello Stadium dopo quasi dieci anni. I fischietti orientati dalle revisioni televisive hanno caratterizzato una giornat...leggi
05/04/2022

La Juve vince con la Salernitana, il Toro fa il passo del gambero

Un Torino sazio e colpevolmente presuntuoso dopo l'ottima e sfortunata prova contro l'Inter fa il passo del gambero e affonda a Genova. La Juventus dapprima incappa nella terza, clamorosa, eliminazione consecutiva negli ottavi di finale di Champions League, poi sorbisce un brodino ricostituente in campionato contro la quasi spacciata Sal...leggi
21/03/2022

La Juve vince a Genova, per il Toro pari con beffa contro l'Inter

Una Juventus concreta e in confortante progresso passa anche in casa della Sampdoria, inanella il quindicesimo risultato utile consecutivo e prosegue la sua risalita verso le posizioni che contano, preparandosi al meglio per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League contro il Villareal. Il Torino schiuma di rabbia per i torti arbitrali subiti e la propria mancanza di cinism...leggi
15/03/2022

Il Toro pareggia a Bologna, la Juve archivia la pratica Spezia

  Il Torino cerca i tre punti con maggiore convinzione rispetto agli avversari, ma manca di concretezza offensiva e a Bologna deve accontentarsi di un pareggio che porta un contributo minimo ad una classifica sempre più anonima. La solita Juventus sparagnina centra, come avvenuto quattro giorni prima in Coppa Italia, il massimo risultato con ...leggi
07/03/2022

La Juve trova tre punti pesanti ad Empoli, il Toro ko con il Cagliari

Una Juventus ormai votata al gioco di rimessa si accende a sprazzi, soffre, si complica la vita da sola, ma aggrappandosi alla vena realizzativa di Vlahovic (nella foto di Eurosport) ritrova la vittoria nella non semplice trasferta di Empoli e, complici i mezzi passi falsi delle milanesi, accorcia il divario dal trio di vertice continuando la sua corsa in zona Cha...leggi
28/02/2022

Belotti risponde a De Ligt: il derby della Mole finisce in parità

Archiviato il capitombolo interno con Venezia, il Toro ritrova in fretta la sua anima, interpreta il derby con lo spirito "tremendista" dei tempi migliori e impone il pareggio ai bianconeri (il terzo da quando è stato inaugurato l'Allianz Stadium) al termine di una gara in cui avrebbe anche meritato l'intera posta in palio per quanto espresso in campo. La Juve l'anima sembra ave...leggi
20/02/2022

Più dolori che gioie per Toro e Juve nel 25° turno di serie A

  Toro e Juve partono forte, accusano un fatale calo di tensione quando sembravano avere la partita in pugno, vanno sotto e in un finale rocambolesco su entrambi i campi solo i bianconeri riescono a rientrare in carreggiata. Zoppicano le due rappresentati del pallone sotto la Mole, che con ogni probabilità devono definitivamente ridimensionare i propri obiettivi in campionat...leggi
14/02/2022

Crollo del Toro nel recupero, la Juve si rilancia in zona Champions

  Il Toro combina la frittata in pieno recupero e manda in fumo un punto che aveva saldamente in mano. La Juve inserisce due succulente varianti di mercato in un menù altrimenti ancora piuttosto insipido e aggancia la zona Champions League. La ripresa del campionato dopo la sosta per lo stage della Nazionale ha ancora una volta riservato gioie e dolori alle due rappresentant...leggi
08/02/2022

Pareggi per Juve e Toro nel 23° turno di serie A

  Il Torino, forse mai così scintillante in stagione, domina a lungo e strappa applausi ma non chiude la partita (complice la sfortuna) e finisce per compiacersi troppo, venendo beffato dal Sassuolo che strappa un pareggio insperato lasciando ai granata un punto in mano e tanto rammarico in corpo per una vittoria meritatissima gettata al vento. La Juventus, pragmatic...leggi
25/01/2022

Sorrisi in coppia per le rappresentanti di serie A sotto la Mole

  Un Torino sempre più autorevole vince e convince sull'insidioso campo della Sampdoria proseguendo nel suo percorso di crescita e di risalita in classifica. La Juventus smaltisce la delusione per la rocambolesca sconfitta in Supercoppa e, pur non brillando, regola all'inglese l'Udinese allungando la sua striscia di risultati utili consecutivi e restando salda in zona Europa...leggi
17/01/2022


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,04024 secondi