Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


La Juve regola la Roma, il Toro cade nel finale a Napoli

La disamina dell'ottava giornata del campionato di serie A

Il Torino fornisce l'ennesima prestazione positiva di quest'avvio di stagione ma, come ormai triste consuetudine, cade ancora una volta nei minuti finali dovendo rimandare per la seconda partita consecutiva l'occasione di muovere la classifica. Graduatoria che continua invece a risalire la Juventus, tornata solida e giunta alla quarta affermazione di fila.

La domenica di campionato è stata il solito misto di gioie e dolori per le due rappresentanti del calcio sotto la Mole. All'ora dell'aperitivo i granata hanno fatto visita alla capolista Napoli con l'intento di essere la prima squadra a frenare la lanciatissima banda di Spalletti. Juric preparava il solito accorto modulo tattico con Djidji, Bremer e Rodriguez a formare la linea difensiva incaricata di contenere le progressioni di Osimhen e i tagli di Insigne e Politano; Singo e Aina agivano sulle fasce contro Mario Rui e Di Lorenzo; nel settore nevralgico Mandragora (presto messo fuori gioco dall'ennesimo infortunio e sostituito dal titubante Kone) e Lukic erano incaricati di sviluppare la manovra, mentre gli inediti trequartisti Brekalo (il migliore tra i suoi) e Linetty cercavano di supportare un Sanabria lasciato troppo isolato e avulso dal gioco torinista.

Il piano del tecnico croato funzionava, con il Toro che chiudeva gli spazi proponendosi anche di rimessa, pur rischiando troppo sulle verticalizzazioni in campo aperto dei partenopei. Ancora una volta un'ingenuità difensiva nella propria area (sarebbe l'ora che i difensori granata cominciassero a limitare la loro irruenza) rischiava di rovinare tutto, ma Milinkovic-Savic neutralizzava la censurabile conclusione di Insigne dal dischetto (nella foto di www.torinofc.it) e prima dell'intervallo era Ospina a dover salvare su Brekalo.

Nella ripresa il Napoli cercava di stanare il Toro aprendo varchi per le galoppate del suo cannoniere nigeriano e del neo entrato Lozano e nel fortino granata cominciavano ad aprirsi le prime crepe. La scarsa attenzione nel piazzamento sulle palle da fermo (altro difetto congenito dei torinisti che Juric non è ancora riuscito a sanare) veniva punita dal colpo di testa di Di Lorenzo che solo il Var vanificava, quindi era il palo a tenere bloccato il risultato sulla conclusione del messicano.

Passato lo spavento il Toro si riorganizzava, gli ingressi di Buongiorno, Pobega e Belotti portavano maggiore qualità alla squadra di Juric che tornava ad imbastire ripartenze manovrate aggiranti in ampiezza e solo un grande Ospina strozzava in gola l'urlo del gol all'ispiratissimo Brekalo.

Quando l'impresa cominciava ad assumere una fisionomia concreta, si materializzava invece il "solito" finale di partita dei granata, incapaci di far fronte all'ultimo assalto degli avversari come ha dimostrato l'emblematica azione tambureggiante che ha portato al gol-partita di Osimhen. Il Torino usciva così dal campo con una nuova dose di applausi, la certezza della prestazione fornita, ma senza punti in tasca. Obiettivo dell'anticipo casalingo di venerdì sera contro il Genoa, gara che metterà in palio già punti pesanti per la classifica, sarà quello di poter finalmente esultare al triplice fischio dell'arbitro.

Se su una sponda del Po il "solito" Toro ha reso indigesta la cena ai suoi tifosi, sull'altra il digestivo ha fatto gustare agli appassionati bianconeri una Juventus in cui la cura Allegri sta cominciando a funzionare. Contro una Roma solida, brillante nella produzione del gioco ma asfittica in fase conclusiva, la Vecchia Signora ha fatto di nuovo leva su una difesa bloccata ed uno schieramento tattico accorto, lasciando per lunghi tratti dell'incontro l'iniziativa ai giallorossi e pungendo con straordinaria concretezza di rimessa (in termini più semplici si potrebbe parlare senza timore di essere smentiti del sempre efficace catenaccio e contropiede manovrato) sfruttando i cambi di fronte.

Duttile il modulo impiegato dal tecnico livornese, un 4-4-2 di partenza che si trasformava spesso in fase di ripiegamento in un quasi impenetrabile 3-5-2. Implacabili Chiellini e Bonucci al centro della difesa, hanno sorpreso in positivo De Sciglio e Bernardeschi sulla corsia di sinistra, mentre sull'altro fronte Cuadrado e Danilo hanno peccato di precisione accusando probabilmente la fatica dei viaggi intercontinentali per giocare con le rispettive nazionali. In crescita Bentancur e Locatelli in cabina di regìa, sul fronte offensivo Kean, al di là della rete fortunosa, ha continuato ad andare a sprazzi, mentre Chiesa ha vissuto per una volta una serata opaca. Menzione di merito a Szczesny, decisivo nel salvare il risultato sul rigore dello specialista Veretout e tornato ai livelli che gli competono.

Lasciata sfuriare all'inizio la squadra di Mourinho, la Juve colpiva al primo affondo con una delle sue giocate-simbolo: cambio di fronte da Cuadrado a De Sciglio, cross e carambola aerea vincente fra Bentancur e Kean. Dopodiché il solito copione, con difesa ordinata dei bianconeri che chiudevano ogni spazio di fronte allo sterile monologo romanista fino all'azione del rigore delle polemiche fischiato forse con troppa tempestività da Orsato e fallito dal centrocampista francese, che con il suo errore ha però avuto il merito di dare spazio a giorni di parole e discussioni sui media e non solo.

Dopo il clamoroso errore di Kean in apertura di seconda frazione aumentavano i toni agonistici della contesa, mentre il copione rimaneva invariato. Il lungo forcing giallorosso si infrangeva sul muro di Madama (provvidenziale Chiellini su Viña), che resisteva con abnegazione e rifiatava tramite alleggerimenti non sempre accompagnati però dalla necessaria lucidità, cercando in Morata, Arthur, Kulusevski e Alex Sandro forze fresche ed esperienza per gestire il convulso finale.

Il triplice fischio di Orsato sanciva la quarta affermazione consecutiva di "corto muso" della banda di Allegri, sempre più "brutta, sporca e cattiva", che mantiene la porta inviolata in campionato per la seconda volta di fila, risale la classifica, intravede la zona Champions e si prepara con morale alto all'impegno di coppa di mercoledì a San Pietroburgo e soprattutto al big-match di domenica prossima in casa dell'Inter.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 19/10/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



Juve e Toro gioiscono a braccetto nell'ultimo turno di serie A

  Campane a festa per le due rappresentanti del calcio sotto la Mole, che si mettono in tasca tre punti pesanti nella tredicesima giornata di campionato e tornano a guardare con ottimismo al futuro. La Juventus sbanca con autorevolezza e cinismo l'Olimpico laziale, mentre il Torino doma l'Udinese al termine di una partita a lungo dominata con buona personalità e condotta in ...leggi
23/11/2021

La Juve stende la Fiorentina all'ultimo assalto, Toro ko a La Spezia

Un Toro meno pimpante rispetto alle ultime uscite fa il passo del gambero nel golfo di La Spezia e cade a sorpresa su un campo rivelatosi di nuovo stregato per i granata. La Juve, pur continuando a destare perplessità, soffre ma cerca fino alla fine la vittoria e piega "di corto muso" una Fiorentina ridotta in dieci, grazie ad un ...leggi
08/11/2021

Il Toro si esalta con la Samp, fatal Verona per la Juve

  Avvilente Juve, esaltante Toro. È tranciante la sentenza emessa dagli anticipi del sabato dell'undicesima giornata di serie A, al termine della quale i bianconeri hanno forse toccato il punto più basso dell'ultimo decennio, mentre i granata si illuminano finalmente di luce fulgida che si spera rimanga a lungo tale senza trasformarsi nell'ennesimo miraggio. &...leggi
01/11/2021

Doppio ko per le squadre torinesi nel turno infrasettimanale di A

Il turno infrasettimanale di campionato non si addice alle due torinesi, che ne escono con le ossa rotte, tanto rammarico e una sensazione di impotenza che fa addensare nubi nere all'orizzonte. Un Torino spavaldo riesce per ironia della sorte addirittura a fare la partita in casa della capolista Milan, ma paga ancora una volta la scarsa applicazione difensiva sulle palle inatti...leggi
28/10/2021

Finisce in parità il derby d'Italia, il Toro supera il Genoa

  Ritrovano il sorriso in coppia le due paladine del calcio sotto la Mole al termine di una nona giornata di campionato di cui hanno rappresentato l'apertura e la chiusura. Un Toro concreto, determinato e finalmente concentrato sino al triplice fischio ha piegato un volitivo Genoa intascando tre punti cruciali per il suo cammino, mentre una Juve pi&...leggi
25/10/2021

La Juve ancora una volta vince il derby della Mole nel finale

Locatelli fa le cose per bene, come recitava lo slogan di un Carosello di una cinquantina di anni fa, e con un tocco vellutato a cinque minuti dal termine regala alla Juve la vittoria in un derby che le permette di continuare la risalita in classifica, mentre il Toro esce ancora una volta con le mani vuote dal campo e il rammarico di non avere portato a termine l'impresa di strappare a...leggi
05/10/2021

La Juve supera la Samp, il Toro frena a Venezia in attesa del derby

Una Juventus ormai avvezza a frequentare le montagne russe riesce a domare la Sampdoria al termine dell'ennesima partita fra alti e bassi, conquista la sua prima vittoria casalinga, ma perde per infortunio, almeno fino alla ripresa dopo la sosta per le nazionali, la coppia d'attacco titolare Dybala-Morata.   Il Torino fa il passo del gambero e si impantana nella la...leggi
28/09/2021

La Juve torna alla vittoria, continua a stupire il Toro di Juric

La Juventus rischia di affondare definitivamente nel golfo di La Spezia, poi si aggrappa alla scialuppa di salvataggio che ha in Chiesa il suo simbolo, ritorna a galla e conquista la prima vittoria in campionato al termine di una serata in cui l'unica cosa buona è rappresentata dal risultato. Il Torino supera di slancio un altro esame di maturità, confeziona una partita q...leggi
24/09/2021

Calcio torinese sempre a due facce: vola il Toro, stenta la Juve

Il sorprendente Torino continua a far strabuzzare gli occhi ai propri tifosi e con una prestazione che, senza voler scomodare paragoni irriverenti, ha riportato alla mente dei vecchi cuori granata quelle della squadra scudettata di Radice, domina al Mapei Stadium, piega nel finale con pieno merito il Sassuolo e centra il secondo successo consecutivo. Delude ancora la Juventus, che semb...leggi
20/09/2021

Torinesi in altalena in serie A: poker Toro, crisi della Juve

Psicodramma di una Juve masochista, che serve su un piatto d'argento due succulenti cioccolatini ad un Napoli comunque superiore, vanifica quel poco di buono fatto vedere nella prima frazione di gioco ed esce sconfitta dal "Maradona" rimanendo ancorata alla zona retrocessione, con la peggiore partenza in campionato dal 2015-2016 (anche in quel caso un p...leggi
13/09/2021

Weekend nero per Juve e Toro: doppio ko con le toscane

Toscane indigeste per le due torinesi del pallone, che escono con le ossa rotte dal confronto con la sorprendente matricola Empoli e la già convincente Fiorentina, arrivando alla prima pausa del campionato clamorosamente ancorate al fondo della classifica dopo la deflagrazione di tutte le loro carenze strutturali e mentali....leggi
31/08/2021

Il Toro tiene testa all'Atalanta, la Juve frenata dall'Udinese

Un Toro generoso e finalmente grintoso viene beffato da una Dea narcisista ma estremamente concreta, che con cinismo raccoglie molto di più di quanto seminato e meritato. La Juve, presuntuosa e distratta, oltreché bersagliata dalla sfortuna, compie un mezzo suicidio sportivo a Udine e getta al vento i primi due punti della stagione vedendosi sfilare dai caparbi friulani u...leggi
23/08/2021

Juve e Toro raggiungono gli obiettivi dopo una stagione travagliata

  Tutto è bene quel che finisce bene, come recita il detto popolare. Juventus e Torino chiudono una stagione travagliata, fatta di troppe ombre e poche luci, portando a casa il "minimo sindacale" dei rispettivi obiettivi col desiderio di voltare in fretta pagina e proiettarsi sulla prossima annata, in cui sarà necessario cambiare registro su ambo i fronti per tornare ...leggi
24/05/2021

La Juve torna a sperare nella Champions, Toro ko a La Spezia

  Il Toro affonda nel golfo di La Spezia, ma il salvagente Simy lo tiene a galla e gli consente di essere arbitro del proprio destino nei suoi ultimi due impegni stagionali. La Juve riesce a piegare l'Inter scudettata al termine di un derby d'Italia come al solito ricco di veleni, ma dopo il colpo del Napoli a Firenze la qualificazione alla Champion...leggi
17/05/2021

La Juve rialza la testa col Sassuolo. Disfatta del Toro col Milan

La Juventus rialza la testa, ritrova i suoi campioni e, seppur fra qualche sbavatura di troppo, espugna il campo del Sassuolo tenendo in vita una flebile speranza di entrare in zona Champions. Un Torino irriconoscibile e stranamente privo di stimoli si consegna invece allo scatenato Milan, subendo un'umiliante scoppola casalinga (la seco...leggi
13/05/2021


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,04583 secondi