Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


Il Toro si esalta con la Samp, fatal Verona per la Juve

 

Avvilente Juve, esaltante Toro. È tranciante la sentenza emessa dagli anticipi del sabato dell'undicesima giornata di serie A, al termine della quale i bianconeri hanno forse toccato il punto più basso dell'ultimo decennio, mentre i granata si illuminano finalmente di luce fulgida che si spera rimanga a lungo tale senza trasformarsi nell'ennesimo miraggio.

 

La settimana da incubo della Vecchia Signora culmina al Bentegodi di Verona (sempre più fatale) in una sorta di Halloween anticipata in cui è il "solito" Cholito Simeone a giocare due scherzetti pesanti in meno di un quarto d'ora che mettono definitivamente a nudo tutte le magagne di Madama.

Pressing asfissiante, ritmi sostenuti, ferocia agonistica in ogni contrasto e su ogni pallone, addirittura marcature preventive a uomo e cinica concretezza in fase conclusiva da parte dei gialloblù mandano presto al tappeto una squadra di Allegri apparsa ancora una volta presuntuosa, svagata, priva di mordente, senza gioco e incapace di proporre la benché minima trama offensiva, fatta eccezione per gli spunti da predicatore nel deserto di Dybala e per qulache sponda di Morata, isolato e costretto suo malgrado a fare il boia, l'impiccato e la corda in attacco.

 

Il nulla juventino di una compagine senza capo né coda prosegue fino a dieci minuti dal termine, quando la sassata di McKennie, puledro grezzo quanto efficace negli inserimenti, riapre teoricamente la partita, ma questa volta gli episodi (leggi traversa al tramonto del primo tempo e gran parata di Montipò nel finale su un Dybala che manca pur sempre di "cattiveria" in fase conclusiva) negano un pareggio che sarebbe comunque servito solo a rendere meno amara la classifica.

 

Una prestazione e una situazione di cui "vergognarsi", per citare le parole di Allegri nel dopo gara, e un fallimento conclamato che hanno radici lontane e paternità plurime. In primo luogo la presunzione della dirigenza che, abbagliata dall'aver raggiunto due finali di Champions League, ha pensato che sarebbe bastato innestare uno dei due migliori calciatori al mondo su un telaio ritenuto erroneamente molto competitivo, per primeggiare ovunque. Aver congedato sbrigativamente chi si opponeva al progetto (Marotta) proponendo invece di investire le stesse cifre per un rinnovamento e chi (Allegri) con lungimiranza reclamava dalla panchina lo stesso rinnovamento, costituiscono un'aggravante.

La ciliegina Ronaldo, sul cui rendimento in campo non c'è nulla da eccepire, invece di esaltare la qualità della torta ha finito solo per mascherare le lacune dell'organico, rendendolo dipendente dai suoi gol. Nel corso degli anni per mantenere la stella si è finito per impoverire progressivamente il tasso tecnico della squadra, complici i marchiani errori di valutazione commessi dai nuovi dirigenti saliti sulla tolda di comando, che hanno inanellato, spesso con la politica dei "parametri zero", una serie di acquisti sopravvalutati, remunerati con contratti lunghi e pesanti e dal rendimento mai all'altezza.

La girandola di allenatori di queste tre stagioni, passata in maniera disinvolta attraverso filosofie di gioco diametralmente opposte salvo tornare all'originale risultatismo speculativo di "corto muso", è un altro segnale lampante della bussola persa da parte della società.

Allegri, che dal canto suo sta cominciando a mostrare la corda nella lettura delle partite, suo marchio di fabbrica del passato, si è così trovato a dovere fare le nozze con i fichi secchi di una rosa mal assortita (specie a centrocampo, dove nessun elemento si è rivelato all'altezza), di qualità in generale mediocre ed in cui la vecchia guardia, ormai logora, sazia e svuotata, non riesce più a trasmettere mentalità vincente e stimoli ai nuovi arrivati, troppo spesso adagiati sulla convinzione che basti vestire la maglia della Juventus per ottenere risultati invece di impegnarsi con umiltà per dare il massimo contro qualsiasi avversario.

 

Il ritiro "punitivo" di una settimana (misura spesso adottata dalle squadre in lotta per non retrocedere) ha le sembianze di una mossa della disperazione. Le prossime partite con Zenit e Fiorentina sveleranno se il malato bianconero sarà ancora in coma profondo o avrà cominciato a dare qualche segnale di risveglio.

Gioisce invece la sponda granata del Po calcistico. Dopo anni di delusioni e di gioie da ricercare col lanternino, i tifosi possono stropicciarsi gli occhi quasi increduli potendo finalmente ammirare una squadra con un'identità ben precisa, dotata di un gioco a tratti anche spettacolare, avviata alla maturità e con crescente consapevolezza nei propri mezzi, come ha testimoniato la trionfale gara contro la Sampdoria, senza dubbio la miglior partita della squadra di Juric in quest'inizio di stagione.

Nella circostanza il Toro, sempre più determinato e concentrato, ha disposto a piacimento degli avversari dopo avere presto sbloccato il risultato con un'azione da manuale tutta rapidità e triangolazioni finalizzata da Praet. Sicuri Djidji, Bremer e Buongiorno in difesa, inarrestabili Singo e Aina sulle fasce, lucidi e dinamici Pobega e Lukic nel settore nevralgico, incisivi Linetty e Praet (il suo gol che ha sbloccato il match nell'immagine di www.torinofc.it) a ridosso di Sanabria, i granata hanno alternato con personalità pressione "tremendista" a devastanti contropiedi come nell'occasione del raddoppio di Singo.

Unico momento di relativa difficoltà l'avvio di ripresa, quando i blucerchiati hanno tentato, benché timidamente, di affacciarsi dalle parti di Milinkovic-Savic. La superiorità numerica data dall'ingenua espulsione per proteste di Adrien Silva ha agevolato ulteriormente il compito della banda di Juric, in cui è tornato grande protagonista capitan Belotti con palo in mischia, assist per il gol di Verdi annullato per fuorigioco e finale in gloria in pieno recupero grazie alla centesima rete in serie A.

La serata da incorniciare si è chiusa con i granata di nuovo ad esultare sotto la Maratona in un ideale abbraccio con i tifosi, miglior viatico possibile in vista della trasferta di sabato pomeriggio a La Spezia, ghiotta occasione per salire un altro gradino nella scala della crescita e "vendicare" la figuraccia della scorsa stagione.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 01/11/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



Serie A: turno di campionato da dimenticare per Juventus e Torino

Una Vecchia Signora grottesca si trasforma in Dama di Carità, sciupa oltre l'immaginabile e dona tutto in beneficenza rimettendo in gioco un Grifone ormai retrocesso ed attirandosi gli strali di tutte le altre altre squadre impegnate nella lotta per la salvezza. Il Toro come di consueto tiene orgogliosamente testa all'avversario di turno di maggiore caratura, riesce a stare a ga...leggi
09/05/2022

Serie A: sorridono ancora in coppia Juventus e Torino

Bonucci soffia due volte sulle candeline del compleanno e toglie le castagne dal fuoco contro il fanalino di coda Venezia ad una Juventus sempre balbettante, che tuttavia, grazie al pareggio interno della Roma contro il Bologna, centra con tre giornate d'anticipo l'obiettivo minimo della qualificazione alla prossima Champions League e potrà ora dedicarsi alla finale di Coppa Ita...leggi
02/05/2022

Serie A: vittorie in coppia per Juventus e Torino

    Lo stesso risultato, scaturito al termine di due prestazioni diametralmente opposte, consente a Torino e Juventus di mettersi in tasca tre punti di platino per la classifica e di guardare con maggiore serenità al finale di stagione. Il turno di campionato ha regalato una vera e propria Festa de...leggi
26/04/2022

Pareggi in serie per Juve e Toro nel turno pasquale di serie A

  Uovo di Pasqua con sorpresa (amara) per Juventus e Torino, che gettano al vento in coppia l'ennesima occasione per rendere meno anonima la loro stagione, al termine di due partite dall'andamento analogo ma con esito opposto, che lasciano in tasca un solo punto e tanti rammarichi. ...leggi
19/04/2022

La Juve sbanca Cagliari, il Toro ferma la capolista Milan

La Juventus digerisce la pesante sconfitta incassata con l'Inter, rialza la testa e, pur soffrendo, si impone in rimonta a Cagliari blindando almeno il quarto posto. Il Torino fornisce un'altra prova a tutto cuore e inchioda sul risultato ad occhiali il Diavolo rossonero, facendo corre...leggi
12/04/2022

Il Toro ritrova il successo a Salerno, la Juve ko nel derby d'Italia

Il VAR sui rigori fa sorridere il Toro, che ritrova la gioia del successo dopo una lunga quaresima durata quasi tre mesi, mentre provoca un travaso di bile alla Juve, costretta a cedere il derby d'Italia agli acerrimi rivali nerazzurri, tornati ad espugnare il fortino dello Stadium dopo quasi dieci anni. I fischietti orientati dalle revisioni televisive hanno caratterizzato una giornat...leggi
05/04/2022

La Juve vince con la Salernitana, il Toro fa il passo del gambero

Un Torino sazio e colpevolmente presuntuoso dopo l'ottima e sfortunata prova contro l'Inter fa il passo del gambero e affonda a Genova. La Juventus dapprima incappa nella terza, clamorosa, eliminazione consecutiva negli ottavi di finale di Champions League, poi sorbisce un brodino ricostituente in campionato contro la quasi spacciata Sal...leggi
21/03/2022

La Juve vince a Genova, per il Toro pari con beffa contro l'Inter

Una Juventus concreta e in confortante progresso passa anche in casa della Sampdoria, inanella il quindicesimo risultato utile consecutivo e prosegue la sua risalita verso le posizioni che contano, preparandosi al meglio per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League contro il Villareal. Il Torino schiuma di rabbia per i torti arbitrali subiti e la propria mancanza di cinism...leggi
15/03/2022

Il Toro pareggia a Bologna, la Juve archivia la pratica Spezia

  Il Torino cerca i tre punti con maggiore convinzione rispetto agli avversari, ma manca di concretezza offensiva e a Bologna deve accontentarsi di un pareggio che porta un contributo minimo ad una classifica sempre più anonima. La solita Juventus sparagnina centra, come avvenuto quattro giorni prima in Coppa Italia, il massimo risultato con ...leggi
07/03/2022

La Juve trova tre punti pesanti ad Empoli, il Toro ko con il Cagliari

Una Juventus ormai votata al gioco di rimessa si accende a sprazzi, soffre, si complica la vita da sola, ma aggrappandosi alla vena realizzativa di Vlahovic (nella foto di Eurosport) ritrova la vittoria nella non semplice trasferta di Empoli e, complici i mezzi passi falsi delle milanesi, accorcia il divario dal trio di vertice continuando la sua corsa in zona Cha...leggi
28/02/2022

Belotti risponde a De Ligt: il derby della Mole finisce in parità

Archiviato il capitombolo interno con Venezia, il Toro ritrova in fretta la sua anima, interpreta il derby con lo spirito "tremendista" dei tempi migliori e impone il pareggio ai bianconeri (il terzo da quando è stato inaugurato l'Allianz Stadium) al termine di una gara in cui avrebbe anche meritato l'intera posta in palio per quanto espresso in campo. La Juve l'anima sembra ave...leggi
20/02/2022

Più dolori che gioie per Toro e Juve nel 25° turno di serie A

  Toro e Juve partono forte, accusano un fatale calo di tensione quando sembravano avere la partita in pugno, vanno sotto e in un finale rocambolesco su entrambi i campi solo i bianconeri riescono a rientrare in carreggiata. Zoppicano le due rappresentati del pallone sotto la Mole, che con ogni probabilità devono definitivamente ridimensionare i propri obiettivi in campionat...leggi
14/02/2022

Crollo del Toro nel recupero, la Juve si rilancia in zona Champions

  Il Toro combina la frittata in pieno recupero e manda in fumo un punto che aveva saldamente in mano. La Juve inserisce due succulente varianti di mercato in un menù altrimenti ancora piuttosto insipido e aggancia la zona Champions League. La ripresa del campionato dopo la sosta per lo stage della Nazionale ha ancora una volta riservato gioie e dolori alle due rappresentant...leggi
08/02/2022

Pareggi per Juve e Toro nel 23° turno di serie A

  Il Torino, forse mai così scintillante in stagione, domina a lungo e strappa applausi ma non chiude la partita (complice la sfortuna) e finisce per compiacersi troppo, venendo beffato dal Sassuolo che strappa un pareggio insperato lasciando ai granata un punto in mano e tanto rammarico in corpo per una vittoria meritatissima gettata al vento. La Juventus, pragmatic...leggi
25/01/2022

Sorrisi in coppia per le rappresentanti di serie A sotto la Mole

  Un Torino sempre più autorevole vince e convince sull'insidioso campo della Sampdoria proseguendo nel suo percorso di crescita e di risalita in classifica. La Juventus smaltisce la delusione per la rocambolesca sconfitta in Supercoppa e, pur non brillando, regola all'inglese l'Udinese allungando la sua striscia di risultati utili consecutivi e restando salda in zona Europa...leggi
17/01/2022


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,02971 secondi