Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


Pareggi per Juve e Toro nel 23° turno di serie A

I granata dominano ma vengono raggiunti dal Sassuolo, pari dei bianconeri in casa del Milan

 

Il Torino, forse mai così scintillante in stagione, domina a lungo e strappa applausi ma non chiude la partita (complice la sfortuna) e finisce per compiacersi troppo, venendo beffato dal Sassuolo che strappa un pareggio insperato lasciando ai granata un punto in mano e tanto rammarico in corpo per una vittoria meritatissima gettata al vento.

La Juventus, pragmatica e accorta quanto sterile in fase offensiva (non un solo tiro nello specchio della porta avversaria), bada innanzi tutto ad uscire indenne da San Siro, riesce ad ingabbiare il Milan e allunga la sua striscia di risultati utili al termine di una gara combattuta, bloccata tatticamente e povera di contenuti tecnici, in cui ha prevalso su entrambi i fronti la paura di perdere rispetto alla voglia di vincere.

Agrodolce per le due paladine del calcio sotto la Mole l'ultima giornata di campionato prima della sosta per lo stage della Nazionale. Contro il Sassuolo la squadra di Juric metteva in scena un altro avvio "tremendista", con pressing costante e trame offensive che alternavano sfruttamento delle fasce laterali, cambi di fronte e combinazioni per l'inserimento al tiro dei centrocampisti.

Al quarto d'ora la rete del vantaggio con la consueta "specialità della casa", ovvero cross dalla sinistra di Brekalo, sponda sul fronte opposto di Singo per Sanabria, che non si faceva pregare a timbrare il cartellino.

Sbloccato il risultato, il Toro continuava a spingere sull'acceleratore quasi inserendo il pilota automatico di fronte ad un irriconoscibile Sassuolo in versione spettatore non pagante nonostante qualche sparuto e velleitario tentativo di ripartenza in verticale. Zima (sostituto dell'infortunato Djdji), Bremer e Rodriguez non correvano pericoli in difesa proponendosi anche in avanti, Singo e Vojvoda imperversavano sulle corsie esterne, Lukic e Mandragora offrivano quantità e qualità nel settore nevralgico, con Brekalo e Praet liberi di svariare alle spalle di Sanabria. Monologo granata fino all'intervallo, con Consigli costretto a superarsi in un paio di circostanze, Sanabria che si vedeva annullato il raddoppio e la fucilata di Mandragora che faceva tremare il palo.

Stesso copione dopo il riposo, con l'incontenibile Singo che trascinava i compagni in un crescendo quasi rossiniano e solo la traversa a fermare il colpo di testa del centravanti paraguaiano destinato in fondo al sacco. Dopo l'ora di gioco l'ingresso di Defrel dava più vivacità agli emiliani che avanzavano il baricentro, mentre la squadra di Juric rifiatava sfruttando le giocate di rimessa per poi tornare a chiudere gli avversari nella loro metà campo.

La traversa colpita dall'inzuccata di Bremer (terzo legno di un'incredibile giornata) certificava il dominio granata, ma allo stesso tempo rappresentava un presagio sinistro per i torinisti, incapaci di mettere in ghiaccio la partita. Il Toro amministrava infatti con troppa sufficienza l'esiguo e poco rassicurante vantaggio, mentre la compagine di Dionisi restava viva ed insidiosa e a due minuti dallo scadere confezionava col più classico dei contropiedi finalizzato da Raspadori (soluzione neroverde evidentemente di moda in riva al Po, dato che ne aveva già fatto le spese la Juventus) l'amarissima beffa che mandava su tutte le furie Juric, espulso dopo il triplice fischio. La sosta servirà al Toro per meditare sulla lezione ricevuta dal campo e preparare il prossimo impegno di Udine, in cui al dinamismo tremendista, si spera supportato da una maggiore concretezza offensiva, non dovranno più essere associati cali di concentrazione.

Nobili timorose sul malinconico e spelacchiato palcoscenico della Scala del calcio, in cui i soli cinquemila spettatori imposti dalle norme anti Covid stridevano col richiamo dell'evento in cartellone. Ancora scottato dalla rocambolesca sconfitta al veleno incassata dallo Spezia, il Diavolo non poteva permettersi altri passi falsi ed era comunque chiamato, per l'onere di giocare in casa, a fare la partita. Sull'altro fronte la Vecchia Signora scendeva in campo col chiaro intento di uscire indenne dal confronto con la rivale storica che la precede in classifica, badando alla sostanza ed accantonando ancora una volta la forma.

Ritmi sostenuti e duelli affidati alla clava più che al fioretto fin dalle prime battute, con la Juve che aveva un approccio più frizzante (conclusione a lato di Cuadrado), venendo poi progressivamente sormontata dal crescendo e dal dinamismo milanista. Il piano tattico di Allegri si rivelava però azzeccato. Sicuro Szczesny quando chiamato in causa da Leao e Theo Hernandez, Chiellini e Rugani giganteggiavano sull'evanescente Ibrahimovic prima e sul poco incisivo Giroud poi, risultando tempestivi anche nelle chiusure. Sulle "catene" esterne, seppur con qualche difficoltà, De Sciglio e Cuadrado riuscivano ad arginare le sgroppate di Leao e Theo Hernandez, imitati sull'altra fascia da Alex Sandro (più attento del solito) e dal pimpante McKennie contro Messias e Calabria.

Gagliarda, anche se povera di lucidità in fase di impostazione, la prestazione di Bentancur e Locatelli nel settore nevralgico, mentre Dybala era di nuovo chiamato ad interpretare il ruolo del regista offensivo con giocate di classe che però non lasciavano il segno negli ultimi sedici metri. Negativa invece la prova di Morata e del subentrato Kean, prede troppo facili della retroguardia milanista. Il risultato ad occhiali, esito quasi scontato della prima frazione visto quanto prodotto dai ventidue in campo, persisteva anche dopo l'intervallo quando i bianconeri riuscivano ad alleggerire la pressione avversaria, prendevano campo, ma non trovavano sbocchi offensivi per la loro manovra a causa di una squadra troppo allungata in fase di ripartenza e della mancanza di precisione nelle uniche due circostanze in cui andavano alla conclusione (leggi i colpi di testa a lato da posizione favorevole di Morata e McKennie).

Nel finale l'intensità calava su ambo i fronti e le squadre preferivano non rischiare accontentandosi del pareggio e rimandando ai successivi confronti con le altre grandi la verifica delle rispettive ambizioni. Per la Juve il bicchiere mezzo pieno di un punto esterno ottenuto mantenendo la porta inviolata contro un avversario di livello e quello mezzo vuoto dell'ormai cronica difficoltà a produrre ed a concretizzare gioco, di soluzioni ed alternative offensive ridotte al lumicino e di non essere ancora riuscita a battere una delle squadre che la precedono in classifica.

Dopo la sosta l'impegno casalingo contro un Verona da prendere sempre con le molle nonostante l'assenza dello squalificato "castiga Juve" Simeone, per continuare la scalata verso i quartieri alti.

Nella fotografia di Eurosport: la stretta di mano tra il bianconero Chiellini ed il milanista Giroud.

 

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 25/01/2022
 

Altri articoli dalla provincia...



Juve e Toro chiudono il campionato con due meste sconfitte

Il campionato delle due rappresentanti del calcio sotto la Mole va in archivio con un paio di pesanti (per quanto ininfluenti) sconfitte, ultimo indice, se ancora ci fosse stato bisogno di conferme, di una stagione mediocre caratterizzata da troppe ombre e qualche sporadico bagliore, soprattutto da parte granata. Anche nella recita conclusiva davanti al proprio pubblico, la squ...leggi
23/05/2022

Il Toro sbanca Verona, la Juve celebra gli addii di Chiellini e Dybala

Mister Juric conduce il Toro a fare il colpaccio dell'ex nell'amata Verona. La Juve, ormai svuotata e svagata, dapprima perde in maniera rocambolesca la finale di Coppa Italia al termine di una partita che ha rappresentato la sintesi di tutte le carenze e gli errori stagionali, quindi rovina la festa d'addio di Chiellini e Dybala facendosi rimo...leggi
17/05/2022

Serie A: turno di campionato da dimenticare per Juventus e Torino

Una Vecchia Signora grottesca si trasforma in Dama di Carità, sciupa oltre l'immaginabile e dona tutto in beneficenza rimettendo in gioco un Grifone ormai retrocesso ed attirandosi gli strali di tutte le altre altre squadre impegnate nella lotta per la salvezza. Il Toro come di consueto tiene orgogliosamente testa all'avversario di turno di maggiore caratura, riesce a stare a ga...leggi
09/05/2022

Serie A: sorridono ancora in coppia Juventus e Torino

Bonucci soffia due volte sulle candeline del compleanno e toglie le castagne dal fuoco contro il fanalino di coda Venezia ad una Juventus sempre balbettante, che tuttavia, grazie al pareggio interno della Roma contro il Bologna, centra con tre giornate d'anticipo l'obiettivo minimo della qualificazione alla prossima Champions League e potrà ora dedicarsi alla finale di Coppa Ita...leggi
02/05/2022

Serie A: vittorie in coppia per Juventus e Torino

    Lo stesso risultato, scaturito al termine di due prestazioni diametralmente opposte, consente a Torino e Juventus di mettersi in tasca tre punti di platino per la classifica e di guardare con maggiore serenità al finale di stagione. Il turno di campionato ha regalato una vera e propria Festa de...leggi
26/04/2022

Pareggi in serie per Juve e Toro nel turno pasquale di serie A

  Uovo di Pasqua con sorpresa (amara) per Juventus e Torino, che gettano al vento in coppia l'ennesima occasione per rendere meno anonima la loro stagione, al termine di due partite dall'andamento analogo ma con esito opposto, che lasciano in tasca un solo punto e tanti rammarichi. ...leggi
19/04/2022

La Juve sbanca Cagliari, il Toro ferma la capolista Milan

La Juventus digerisce la pesante sconfitta incassata con l'Inter, rialza la testa e, pur soffrendo, si impone in rimonta a Cagliari blindando almeno il quarto posto. Il Torino fornisce un'altra prova a tutto cuore e inchioda sul risultato ad occhiali il Diavolo rossonero, facendo corre...leggi
12/04/2022

Il Toro ritrova il successo a Salerno, la Juve ko nel derby d'Italia

Il VAR sui rigori fa sorridere il Toro, che ritrova la gioia del successo dopo una lunga quaresima durata quasi tre mesi, mentre provoca un travaso di bile alla Juve, costretta a cedere il derby d'Italia agli acerrimi rivali nerazzurri, tornati ad espugnare il fortino dello Stadium dopo quasi dieci anni. I fischietti orientati dalle revisioni televisive hanno caratterizzato una giornat...leggi
05/04/2022

La Juve vince con la Salernitana, il Toro fa il passo del gambero

Un Torino sazio e colpevolmente presuntuoso dopo l'ottima e sfortunata prova contro l'Inter fa il passo del gambero e affonda a Genova. La Juventus dapprima incappa nella terza, clamorosa, eliminazione consecutiva negli ottavi di finale di Champions League, poi sorbisce un brodino ricostituente in campionato contro la quasi spacciata Sal...leggi
21/03/2022

La Juve vince a Genova, per il Toro pari con beffa contro l'Inter

Una Juventus concreta e in confortante progresso passa anche in casa della Sampdoria, inanella il quindicesimo risultato utile consecutivo e prosegue la sua risalita verso le posizioni che contano, preparandosi al meglio per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League contro il Villareal. Il Torino schiuma di rabbia per i torti arbitrali subiti e la propria mancanza di cinism...leggi
15/03/2022

Il Toro pareggia a Bologna, la Juve archivia la pratica Spezia

  Il Torino cerca i tre punti con maggiore convinzione rispetto agli avversari, ma manca di concretezza offensiva e a Bologna deve accontentarsi di un pareggio che porta un contributo minimo ad una classifica sempre più anonima. La solita Juventus sparagnina centra, come avvenuto quattro giorni prima in Coppa Italia, il massimo risultato con ...leggi
07/03/2022

La Juve trova tre punti pesanti ad Empoli, il Toro ko con il Cagliari

Una Juventus ormai votata al gioco di rimessa si accende a sprazzi, soffre, si complica la vita da sola, ma aggrappandosi alla vena realizzativa di Vlahovic (nella foto di Eurosport) ritrova la vittoria nella non semplice trasferta di Empoli e, complici i mezzi passi falsi delle milanesi, accorcia il divario dal trio di vertice continuando la sua corsa in zona Cha...leggi
28/02/2022

Belotti risponde a De Ligt: il derby della Mole finisce in parità

Archiviato il capitombolo interno con Venezia, il Toro ritrova in fretta la sua anima, interpreta il derby con lo spirito "tremendista" dei tempi migliori e impone il pareggio ai bianconeri (il terzo da quando è stato inaugurato l'Allianz Stadium) al termine di una gara in cui avrebbe anche meritato l'intera posta in palio per quanto espresso in campo. La Juve l'anima sembra ave...leggi
20/02/2022

Più dolori che gioie per Toro e Juve nel 25° turno di serie A

  Toro e Juve partono forte, accusano un fatale calo di tensione quando sembravano avere la partita in pugno, vanno sotto e in un finale rocambolesco su entrambi i campi solo i bianconeri riescono a rientrare in carreggiata. Zoppicano le due rappresentati del pallone sotto la Mole, che con ogni probabilità devono definitivamente ridimensionare i propri obiettivi in campionat...leggi
14/02/2022

Crollo del Toro nel recupero, la Juve si rilancia in zona Champions

  Il Toro combina la frittata in pieno recupero e manda in fumo un punto che aveva saldamente in mano. La Juve inserisce due succulente varianti di mercato in un menù altrimenti ancora piuttosto insipido e aggancia la zona Champions League. La ripresa del campionato dopo la sosta per lo stage della Nazionale ha ancora una volta riservato gioie e dolori alle due rappresentant...leggi
08/02/2022


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,03252 secondi