Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


Belotti risponde a De Ligt: il derby della Mole finisce in parità

Archiviato il capitombolo interno con Venezia, il Toro ritrova in fretta la sua anima, interpreta il derby con lo spirito "tremendista" dei tempi migliori e impone il pareggio ai bianconeri (il terzo da quando è stato inaugurato l'Allianz Stadium) al termine di una gara in cui avrebbe anche meritato l'intera posta in palio per quanto espresso in campo. La Juve l'anima sembra averla invece persa e, parafrasando una canzone di Cocciante, non è più neppure bella. Gli uomini di Allegri, salvatisi per il rotto della cuffia contro l'Atalanta, si sono fatti sfuggire dalle mani la stracittadina a causa della cronica incapacità di gestire il vantaggio e di produrre gioco, sommati ad un atteggiamento tattico e mentale troppo remissivo e ad una determinazione agonistica a lunghi tratti latitante, che hanno finito per consegnarli al maggior furore degli avversari.

 

In sede di presentazione avevamo scritto che il pareggio non sarebbe servito a nessuno. Se dal punto di vista della classifica l'assunto può essere confermato, sotto il profilo del morale rappresenta invece una bella iniezione di fiducia per i granata, che possono riprendere il cammino alla ricerca di posizioni di classifica più consone con rinnovata consapevolezza dei loro mezzi. Per la Vecchia Signora, al netto delle assenze e degli infortuni in corso d'opera, si è invece trattato di un inatteso passo del gambero reso ancora più amaro dalla sconfitta dell'Atalanta a Firenze. Occasione persa per staccare gli orobici in una corsa verso l'ultimo posto utile per la Champions League che si annuncia sempre più dura e nubi minacciose anche all'orizzonte europeo, dove il Villareal l'attende a piè fermo con l'intento, per la terza stagione consecutiva, di giocarle lo sgambetto dell'outsider al primo turno ad eliminazione diretta.

 

Nella memoria dei tifosi meno giovani l'anomalo derby del venerdì sera (potenza delle televisioni e del calendario internazionale) ha richiamato alla memoria i ruggenti confronti degli anni Settanta. Partenza a razzo dei granata, con Brekalo che cominciava ad imperversare sulla corsia offensiva di sinistra e Szczesny provvidenziale in un paio di circostanze. Dopodiché Juve cinica con due tra le poche armi che le sono rimaste, ovvero le verticalizzazioni di rimessa (leggi la galoppata di Rabiot con sinistro a fil di palo) e lo sfruttamento delle palle inattive (l'imperioso stacco di De Ligt su angolo di Cuadrado per il vantaggio).

 

Sbloccato il risultato, Madama per indolenza, impotenza, o incapacità dell'allenatore di trasmettere le motivazioni necessarie, invece di cercare di mantenere il controllo delle operazioni e chiudere la gara si abbassava affidandosi alle ripartenze e ai lanci lunghi per saltare il centrocampo, facendo il gioco della squadra di Juric. Questa, al pari di quelle di Giagnoni e Radice, puntava tutto su ritmo e inensità, vinceva i confronti diretti e constringeva i rivali nella loro metà campo alternando manovre avvolgenti ad infilate in profondità.

 

Il quadro tattico era delineato e rimaneva invariato per il resto dell'incontro. Vlahovic veniva annullato dal sontuoso Bremer (al serbo però il torto di stazionare troppo in posizione centrale senza tentare di svariare per portare il brasiliano fuori posizione) ben spalleggiato da Djidji e Rodriguez, mai troppo in difficoltà di fronte alle iniziative dei generosi quanto evanescenti Morata e Dybala. Nel settore nevralgico eccellevano Lukic e Mandragora nei confronti di Locatelli e Zakaria. Sulle corsie esterne da un lato Rabiot e Luca Pellegrini (poi rilevato da De Sciglio) pareggiavano il confronto col dinamico Singo e un Pobega non a suo agio in posizione di trequartista, mentre sull'altro le combinazioni fra Vojvoda e Brekalo mettevano spesso in ambasce Cuadrado e i precipitosi rientri di Zakaria. La retroguardia juventina veniva sorretta dalle coraggiose uscite alte di Szczesny e dalle tempestive chiusure di De Ligt, mentre per il centrale d'emergenza Alex Sandro diventava sempre più impegnativo contenere il ritrovato capitan Belotti.

 

L'avvio di ripresa era di nuovo nel segno del Toro, con Singo e Mandragora che sfioravano il pareggio. Nel momento in cui la Juve sembrava essersi riassestata, i granata piazzavano il colpo sull'asse Brekalo-Belotti con la complicità di Alex Sandro che perdeva la marcatura del Gallo e del goffo tentativo di parata del portiere polacco.

Rialzata la cresta del Gallo, il Toro continuava a caricare con il diagonale mancino di Mandragora che faceva correre più di un brivido lungo la schiena dei bianconeri e dei loro tifosi. L'ultima mezz'ora viveva sul filo dell'equilibrio. Gli uomini di Juric continuavano a tenere in mano le redini del gioco pur non riuscendo più a creare grossi pericoli, mentre quelli di Allegri, i cui cambi non sortivano di nuovo gli effetti sperati, tentavano di riaffacciarsi in avanti commettendo però troppi errori di misura nell'impostazione e risultando anche imprecisi nell'ultimo passaggio, vanificando così alcuni contropiedi potenzialmente letali.

 

I granata arretravano il baricentro solo nel finale, quando le energie scemavano, ma l'assalto della Juve faceva leva solo sui nervi ed era privo di lucidità, come testimonia il confuso mischionesul pallone spedito in area da Szczesny allo scadere del recupero. Il sipario calava con i torinisti a festeggiare sotto lo spicchio dei propri tifosi un punto prestigioso e meritato che sa quasi di vittoria e di riequilibrio delle sorti calcistiche cittadine, mentre dagli sguardi smarriti degli juventini trasparivano tutta la delusione per l'occasione mancata e l'inquitudine per un futuro stagionale sempre più incerto.

 

Ora la Vecchia Signora dovrà carcare di cancellare in fretta le scorie del derby, radunare uomini e forze e gettarsi con convinzione nella trasferta spagnola di martedì a Villareal, prima di andare sabato a Empoli con l'obiettivo di riallacciare il discorso con la vittoria in campionato. La mini-impresa della stracittadina sarà invece il punto di ripartenza del Toro che, rinfrancato dall'aver anche ritrovato il suo capitano goleador, sarà chiamato a rendere gustoso il prossimo confronto casalingo domenicale dell'ora di pranzo contro il Cagliari.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 20/02/2022
 

Altri articoli dalla provincia...



Juve e Toro chiudono il campionato con due meste sconfitte

Il campionato delle due rappresentanti del calcio sotto la Mole va in archivio con un paio di pesanti (per quanto ininfluenti) sconfitte, ultimo indice, se ancora ci fosse stato bisogno di conferme, di una stagione mediocre caratterizzata da troppe ombre e qualche sporadico bagliore, soprattutto da parte granata. Anche nella recita conclusiva davanti al proprio pubblico, la squ...leggi
23/05/2022

Il Toro sbanca Verona, la Juve celebra gli addii di Chiellini e Dybala

Mister Juric conduce il Toro a fare il colpaccio dell'ex nell'amata Verona. La Juve, ormai svuotata e svagata, dapprima perde in maniera rocambolesca la finale di Coppa Italia al termine di una partita che ha rappresentato la sintesi di tutte le carenze e gli errori stagionali, quindi rovina la festa d'addio di Chiellini e Dybala facendosi rimo...leggi
17/05/2022

Serie A: turno di campionato da dimenticare per Juventus e Torino

Una Vecchia Signora grottesca si trasforma in Dama di Carità, sciupa oltre l'immaginabile e dona tutto in beneficenza rimettendo in gioco un Grifone ormai retrocesso ed attirandosi gli strali di tutte le altre altre squadre impegnate nella lotta per la salvezza. Il Toro come di consueto tiene orgogliosamente testa all'avversario di turno di maggiore caratura, riesce a stare a ga...leggi
09/05/2022

Serie A: sorridono ancora in coppia Juventus e Torino

Bonucci soffia due volte sulle candeline del compleanno e toglie le castagne dal fuoco contro il fanalino di coda Venezia ad una Juventus sempre balbettante, che tuttavia, grazie al pareggio interno della Roma contro il Bologna, centra con tre giornate d'anticipo l'obiettivo minimo della qualificazione alla prossima Champions League e potrà ora dedicarsi alla finale di Coppa Ita...leggi
02/05/2022

Serie A: vittorie in coppia per Juventus e Torino

    Lo stesso risultato, scaturito al termine di due prestazioni diametralmente opposte, consente a Torino e Juventus di mettersi in tasca tre punti di platino per la classifica e di guardare con maggiore serenità al finale di stagione. Il turno di campionato ha regalato una vera e propria Festa de...leggi
26/04/2022

Pareggi in serie per Juve e Toro nel turno pasquale di serie A

  Uovo di Pasqua con sorpresa (amara) per Juventus e Torino, che gettano al vento in coppia l'ennesima occasione per rendere meno anonima la loro stagione, al termine di due partite dall'andamento analogo ma con esito opposto, che lasciano in tasca un solo punto e tanti rammarichi. ...leggi
19/04/2022

La Juve sbanca Cagliari, il Toro ferma la capolista Milan

La Juventus digerisce la pesante sconfitta incassata con l'Inter, rialza la testa e, pur soffrendo, si impone in rimonta a Cagliari blindando almeno il quarto posto. Il Torino fornisce un'altra prova a tutto cuore e inchioda sul risultato ad occhiali il Diavolo rossonero, facendo corre...leggi
12/04/2022

Il Toro ritrova il successo a Salerno, la Juve ko nel derby d'Italia

Il VAR sui rigori fa sorridere il Toro, che ritrova la gioia del successo dopo una lunga quaresima durata quasi tre mesi, mentre provoca un travaso di bile alla Juve, costretta a cedere il derby d'Italia agli acerrimi rivali nerazzurri, tornati ad espugnare il fortino dello Stadium dopo quasi dieci anni. I fischietti orientati dalle revisioni televisive hanno caratterizzato una giornat...leggi
05/04/2022

La Juve vince con la Salernitana, il Toro fa il passo del gambero

Un Torino sazio e colpevolmente presuntuoso dopo l'ottima e sfortunata prova contro l'Inter fa il passo del gambero e affonda a Genova. La Juventus dapprima incappa nella terza, clamorosa, eliminazione consecutiva negli ottavi di finale di Champions League, poi sorbisce un brodino ricostituente in campionato contro la quasi spacciata Sal...leggi
21/03/2022

La Juve vince a Genova, per il Toro pari con beffa contro l'Inter

Una Juventus concreta e in confortante progresso passa anche in casa della Sampdoria, inanella il quindicesimo risultato utile consecutivo e prosegue la sua risalita verso le posizioni che contano, preparandosi al meglio per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League contro il Villareal. Il Torino schiuma di rabbia per i torti arbitrali subiti e la propria mancanza di cinism...leggi
15/03/2022

Il Toro pareggia a Bologna, la Juve archivia la pratica Spezia

  Il Torino cerca i tre punti con maggiore convinzione rispetto agli avversari, ma manca di concretezza offensiva e a Bologna deve accontentarsi di un pareggio che porta un contributo minimo ad una classifica sempre più anonima. La solita Juventus sparagnina centra, come avvenuto quattro giorni prima in Coppa Italia, il massimo risultato con ...leggi
07/03/2022

La Juve trova tre punti pesanti ad Empoli, il Toro ko con il Cagliari

Una Juventus ormai votata al gioco di rimessa si accende a sprazzi, soffre, si complica la vita da sola, ma aggrappandosi alla vena realizzativa di Vlahovic (nella foto di Eurosport) ritrova la vittoria nella non semplice trasferta di Empoli e, complici i mezzi passi falsi delle milanesi, accorcia il divario dal trio di vertice continuando la sua corsa in zona Cha...leggi
28/02/2022

Più dolori che gioie per Toro e Juve nel 25° turno di serie A

  Toro e Juve partono forte, accusano un fatale calo di tensione quando sembravano avere la partita in pugno, vanno sotto e in un finale rocambolesco su entrambi i campi solo i bianconeri riescono a rientrare in carreggiata. Zoppicano le due rappresentati del pallone sotto la Mole, che con ogni probabilità devono definitivamente ridimensionare i propri obiettivi in campionat...leggi
14/02/2022

Crollo del Toro nel recupero, la Juve si rilancia in zona Champions

  Il Toro combina la frittata in pieno recupero e manda in fumo un punto che aveva saldamente in mano. La Juve inserisce due succulente varianti di mercato in un menù altrimenti ancora piuttosto insipido e aggancia la zona Champions League. La ripresa del campionato dopo la sosta per lo stage della Nazionale ha ancora una volta riservato gioie e dolori alle due rappresentant...leggi
08/02/2022

Pareggi per Juve e Toro nel 23° turno di serie A

  Il Torino, forse mai così scintillante in stagione, domina a lungo e strappa applausi ma non chiude la partita (complice la sfortuna) e finisce per compiacersi troppo, venendo beffato dal Sassuolo che strappa un pareggio insperato lasciando ai granata un punto in mano e tanto rammarico in corpo per una vittoria meritatissima gettata al vento. La Juventus, pragmatic...leggi
25/01/2022


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,03016 secondi